La massima priorità dell’amministrazione in questo momento dovrebbe essere quella di incentivare il governo ucraino a concludere un accordo di pace di compromesso con la Russia per fornire a Putin una “rampa di uscita” salva-faccia per consentire alla Russia di porre fine alla guerra.

L’articolo che segue è scritto da David T.Pyne, pubblicato su The National Interest, e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

Quasi due settimane dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, gli Stati Uniti, la NATO e la Federazione Russa rimangono intrappolati in una spirale di escalation di crescenti sanzioni economiche, azioni militari, scambi cibernetici e minacce nucleari che potrebbero intensificarsi con conseguenze potenzialmente catastrofiche per il mondo. Le conseguenze a cascata dell’invasione della Russia ricordano in modo inquietante la storia recente, quando le alleanze delle grandi potenze hanno trasformato i conflitti dell’Europa orientale in due inutili guerre mondiali che hanno causato una distruzione senza precedenti e la perdita di decine di milioni di vite. Più gli Stati Uniti continuano a intensificare la loro guerra economica e per procura contro la Russia in Ucraina, più alta è la probabilità di vedere la storia ripetersi. Ottant’anni fa, l’attacco a sorpresa del Giappone imperiale a Pearl Harbor in risposta a simili sanzioni economiche degli Stati Uniti progettate per strangolare la sua economia fornisce un ricordo agghiacciante di come i tentativi degli Stati Uniti di ” far crollare” l’economia della Russia potrebbero essere visti come una minaccia esistenziale da Mosca – potenzialmente provocandoli a reagire con un attacco a sorpresa alle infrastrutture critiche degli Stati Uniti con armi cibernetiche, Electromagnetic Pulse (EMP), o anche nucleari.

La guerra in Ucraina ha il potenziale di trascinarsi per altri due o tre mesi, uccidendo decine di migliaia di ucraini e distruggendo molti, se non la maggior parte, dei suoi principali centri metropolitani. La Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani ha confermato che circa 550 civili ucraini sono stati uccisi e quasi un migliaio sono stati feriti durante l’invasione della Russia, mentre oltre due milioni di ucraini sono fuggiti dal paese. Mentre le forze ucraine hanno goduto di limitati successi tattici nel ritardare l’avanzata della Russia, la vittoria finale di quest’ultima non è mai stata in dubbio, data la sua schiacciante superiorità militare. Contrariamente alla narrazione popolare dei media, la Russia ha mostrato una sorprendente moderazione nell’astenersi dall’usare le sue armi più potenti, comprese le armi cibernetiche, EMP, chimiche, biologiche e nucleari tattiche in un evidente tentativo di minimizzare i danni collaterali. La Russia potrebbe scegliere di utilizzare queste armi per terminare la guerra alle proprie condizioni molto più rapidamente e ad un costo ridotto in termini di uomini e materiali russi. Tuttavia, potrebbe impiegarle solo a costo di causare un’interruzione delle comunicazioni con il governo ucraino, che ostacolerebbe notevolmente i negoziati bilaterali per porre fine al conflitto. Inoltre, l’uso di tali armi causerebbe anche molte più vittime civili ucraine, infiammando ulteriormente l’opinione pubblica ucraina (e internazionale) contro Mosca e rendendo molto più difficile per un futuro governo ucraino favorevole alla Russia ottenere il sostegno popolare.

Come ho scritto per The National Interest, gli Stati Uniti dovrebbero fare tutto il possibile per ridurre il conflitto in espansione dell’America con la Russia per evitare lo scoppio della terza guerra mondiale. Il presidente John F. Kennedy rifletteva che la lezione più importante della crisi dei missili di Cuba era che i leader delle superpotenze nucleari dovevano disinnescare le crisi aiutandosi l’un l’altro a trovare compromessi reciproci e salva-faccia. Il tempo potrebbe esaurirsi rapidamente per negoziare una risoluzione pacifica del conflitto. La storia suggerisce che più a lungo si trascina una guerra, più indurita diventa ogni parte e meno disposta al compromesso – almeno fino a quando una parte prevale e impone i propri termini di pace con la forza delle armi.

La domanda a cui i leader occidentali hanno faticato a rispondere è quali siano davvero gli obiettivi di guerra del presidente russo Vladimir Putin in Ucraina. A questa domanda ha risposto ora il governo russo, che ha chiesto che l’Ucraina accetti di emendare la sua costituzione per sancire la sua neutralità e di impegnarsi a non unirsi mai a nessun blocco militare – forse accompagnato da garanzie internazionali simili al trattato dello Stato austriaco del 1955 – e di “smilitarizzarsi” (che una fonte russa ha suggerito significa che deve cedere o distruggere tutti i suoi sistemi di “attacco”) come parte di un accordo di cessate il fuoco. La Russia ha anche detto che l’Ucraina dovrebbe riconoscere l’annessione russa della Crimea e l’indipendenza delle repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk “entro i loro confini costituzionali”, il che equivarrebbe alla perdita di poco più del 6% del territorio e oltre il 6,5% delle persone sotto il controllo dell’Ucraina prima dell’invasione della Russia. Questa sarebbe una perdita deplorevole ma non catastrofica per l’Ucraina, che rimarrebbe il secondo paese più grande d’Europa, esclusa la Turchia, con ben oltre il doppio del territorio del Regno Unito, una nazione con quasi il doppio della popolazione dell’Ucraina. Il ministero degli Esteri russo ha negato che la Russia abbia bisogno di catturare Kiev prima che venga attuato un cessate il fuoco, che intenda imporre un regime russo fantoccio, che la Russia abbia intenzione di annettere qualsiasi territorio aggiuntivo, o che abbia intenzione di occupare l’Ucraina con le sue forze militari. Questi termini di pace russi, molto meno estesi, sembrerebbero smentire le affermazioni di coloro che hanno affermato che Putin stia cercando di ricostituire l’impero sovietico. L’effetto di un tale accordo sarebbe molto simile al trattato di pace di Mosca del 1940, che pose fine alla guerra d’inverno tra Finlandia e URSS e assicurò l’indipendenza a lungo termine della Finlandia. Trasformerebbe essenzialmente l’Ucraina in uno “stato cuscinetto” neutrale tra gli Stati Uniti e la NATO.

Gli ultimi termini di pace riferiti dalla Russia per l’Ucraina sono considerevolmente più indulgenti di quanto la maggior parte degli analisti militari temesse e forniscono un quadro utile su cui negoziare la fine della guerra e ridurre le prospettive di futuri conflitti tra le due nazioni. Il più grande ostacolo nel porre fine alla guerra tra la Russia e l’Ucraina è che gli Stati Uniti e la NATO continuano a dare false speranze ai leader ucraini, nonostante il fatto che Kiev è sul punto di essere circondata e le loro prospettive di sconfiggere militarmente la Russia sono praticamente inesistenti. L’amministrazione Biden dovrebbe riconoscere che i continui trasferimenti di armi degli Stati Uniti e della NATO all’Ucraina non sono affatto utili se il suo obiettivo è quello di porre rapidamente fine alla guerra e far ritirare alla Russia le sue forze militari dall’Ucraina. Piuttosto, stanno, in effetti, contribuendo a prolungare inutilmente la guerra e ad aumentare la scala di morte e distruzione che inevitabilmente ne deriverà. Inoltre, bisogna rendersi conto che le sanzioni economiche occidentali sulla Russia sono interamente punitive e non hanno avuto assolutamente alcun effetto deterrente sul comportamento aggressivo della Russia.

La massima priorità dell’amministrazione in questo momento dovrebbe essere quella di incentivare il governo ucraino a concludere un accordo di pace di compromesso con la Russia per fornire a Putin una “rampa d’uscita” per permettere alla Russia di porre fine alla guerra. Di conseguenza, il presidente Joe Biden dovrebbe impegnarsi in una discussione molto diretta con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy e fargli sapere che, data la decisione degli Stati Uniti e della NATO di non inviare truppe per combattere la Russia in Ucraina, una vittoria militare russa è probabilmente solo una questione di tempo. Biden dovrebbe incoraggiare Zelenskyy ad accettare i termini di pace non del tutto irragionevoli della Russia ora, poiché più a lungo la guerra si trascina, più costosa sarà per entrambe le parti e peggiori saranno i termini che la Russia sarà disposta ad accettare, fino ad includere una completa annessione dell’Ucraina. In cambio del fatto che l’Ucraina scenda a patti con la Russia, i leader occidentali dovrebbero offrire un massiccio pacchetto di aiuti economici per la ricostruzione a Kiev una volta firmato un accordo di pace.

I “sistemi di attacco” militari ucraini da distruggere includerebbero probabilmente i suoi aerei d’attacco Su-24 e Su-25; elicotteri d’attacco Mi-24; missili da crociera antinave Neptune; missili balistici a corto raggio Tochka, Sapsan e Hrim-2; sistemi di artiglieria pesante, compresi i suoi obici semoventi B-4 e 2S7 da 203 mm; lanciarazzi multipli BM-21 Grad, BM-27 Uragan, BM-30 Smerch e Vilkha; droni da combattimento e missili terra-aria a lungo raggio S-300. Inoltre, all’Ucraina sarebbe proibito sviluppare o mettere in campo qualsiasi di questi tipi di armi in futuro, insieme al divieto di sviluppare armi di distruzione di massa, comprese le armi nucleari, biologiche o chimiche. Presumibilmente, la Russia chiederebbe anche una significativa riduzione delle dimensioni delle forze di terra ucraine, forse non più di 150.000 soldati. In base a tale accordo, l’Ucraina dovrebbe essere autorizzata a mantenere il resto dei suoi armamenti, compresi i carri armati principali, i caccia intercettori, e tutti i missili anticarro portatili a spalla e i missili antiaerei Stinger che ha già ricevuto dagli Stati Uniti e dalla NATO. Nessun’altra restrizione dovrebbe essere posta sulle sue forze armate che potrebbe impedirgli di mantenere un robusto deterrente militare convenzionale. I russi probabilmente insisteranno anche sul fatto che tutta l’assistenza militare degli Stati Uniti e della NATO all’Ucraina sia sospesa a tempo indeterminato, e che l’Ucraina ponga fine alla sua adesione al programma di partenariato per la pace della NATO. In cambio di queste concessioni ucraine, la Russia si impegnerebbe a ritirare tutte le sue truppe dal territorio ucraino.

La Russia ha anche insistito sulla “de-nazificazione” ucraina, che sembra essere un riferimento alla sostituzione dell’attuale governo ucraino con uno che non sia “anti-russo” (cioè, orientato all’Occidente) in prospettiva. Mosca ha specificamente richiesto un divieto sui partiti politici nazionalisti di destra ucraini (presumibilmente il Partito del Servo del Popolo di Zelenskyy) e le milizie, in particolare il Battaglione Azov, che ha la reputazione di essere un’organizzazione paramilitare neonazista bianca. Mentre i membri del partito politico di Zelenskyy potrebbero unirsi o formare altri partiti politici per correre per la rielezione, la Russia probabilmente richiederebbe a Zelenskyy stesso di dimettersi ed essere proibito di correre per la rielezione secondo i termini del nuovo accordo di pace. L’ex presidente ucraino Petro Poroshenko, che ha denunciato Putin come “un criminale di guerra”, sarebbe anche probabilmente escluso dalla corsa alla presidenza secondo l’accordo. Dopo le dimissioni di Zelenskyy, Ruslan Stefanchuk, che attualmente serve come speaker della Rada, potrebbe servire come presidente ad interim per sciogliere il parlamento e supervisionare rapide elezioni per eleggere un nuovo governo ucraino che si impegni a perseguire una politica di neutralità e ad attuare i termini del nuovo trattato di pace con la Russia. L’ex primo ministro Yulia Tymoshenko sarebbe un’ottima scelta per il prossimo presidente dell’Ucraina, dato che ha servito come leader della rivoluzione arancione ed è stata tenuta come prigioniera politica dal presidente filorusso Viktor Yanukovych dal 2011-2014.

Queste potenziali restrizioni elettorali ucraine sarebbero di gran lunga preferibili al piano iniziale della Russia, riportato dall’intelligence britannica diverse settimane fa, di installare un governo fantoccio a Kiev dopo aver rovesciato con la forza il governo ucraino e aver occupato la capitale. Inoltre, ci sono stati segni promettenti di recente che la Russia potrebbe essere disposta a cedere sulla sua insistenza sulla creazione di un nuovo governo ucraino più favorevole alla Russia, nell’interesse di accelerare i negoziati per un accordo di pace. In passato, la Russia ha detto che all’Ucraina non sarebbe stato permesso di entrare nell’Unione Europea (cosa che sta attualmente cercando di fare) come parte di un accordo di pace, ma la Russia potrebbe essere disposta a rinunciare anche a questa richiesta in cambio dell’accordo ucraino alle sue altre condizioni di pace. Se Mosca lasciasse cadere entrambe le precedenti richieste, ciò rappresenterebbe un’enorme concessione da parte sua, facendo probabilmente apparire un accordo di pace molto più appetibile per Kiev, in quanto aiuterebbe a garantire la continua indipendenza politica ed economica dell’Ucraina.

I colloqui di pace tra la Russia e l’Ucraina sul confine tra Ucraina e Bielorussia sono in corso da una settimana. L’amministrazione Biden dovrebbe offrire di sospendere l’attuazione di tutte le nuove sanzioni economiche contro la Russia, i rinforzi delle truppe statunitensi in Europa orientale e l’assistenza militare all’Ucraina in cambio di un immediato e sostenuto cessate il fuoco russo, un arresto dell’avanzata dell’esercito russo e la continuazione di seri negoziati di pace per evitare che il conflitto si intensifichi e si diffonda oltre l’Ucraina. Gli Stati Uniti e altri paesi della NATO potrebbero continuare a offrire assistenza umanitaria, finanziaria e logistica all’Ucraina dopo un cessate il fuoco. Nella notizia più promettente fino ad oggi, la Russia ha riferito di aver fornito all’Ucraina un’ultima offerta di pace per porre fine alla crisi all’inizio di questa settimana e ha emesso un’offerta di cessate il fuoco mentre Zelenskyy emette la sua risposta. Mentre la proposta della Russia sarebbe difficile da accettare per l’Ucraina, la differenza tra ciò che entrambe le parti sono disposte ad accettare non è così grande. Zelenskyy ha suggerito che l’Ucraina potrebbe essere disposta ad accettare la piena neutralità militare e negoziare un compromesso con la Russia per quanto riguarda lo status della regione contesa del Donbass in Ucraina orientale come parte di un accordo di pace. Tuttavia, se Zelenskyy rifiutasse la proposta della Russia, Putin probabilmente intensificherebbe la sua campagna militare utilizzando armi più potenti, in particolare armi cibernetiche, per sconfiggere rapidamente le forze militari ucraine, nel qual caso l’Ucraina potrebbe cessare di esistere come paese indipendente.

La realizzazione di un accordo di pace dovrebbe essere seguita dalla piena normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Russia, un rinnovo del trattato sulle forze nucleari a medio raggio (INF) per aiutare a soddisfare le preoccupazioni russe sulla sicurezza dei “missili offensivi” degli Stati Uniti in Europa orientale – comprese le ispezioni russe delle basi Aegis Ashore in Polonia e Romania – il ripristino del Consiglio Russia-NATO, e un importante trattato USA-Russia sul cambiamento climatico. Inoltre, gli Stati Uniti e la Russia dovrebbero negoziare un trattato sulle forze armate convenzionali in Europa orientale (CFEE), il cui obiettivo principale sarebbe il ripristino dello status quo Russia-NATO del 2021 in Europa orientale (esclusa l’Ucraina, ovviamente). Questo includerebbe una riduzione delle truppe degli Stati Uniti e della NATO in Europa orientale a non più di 9.000, come era il caso nel dicembre 2021. con un tetto di 9.000 truppe russe in Bielorussia. Nel caso in cui la Russia riduca o addirittura elimini la sua presenza militare in Bielorussia e onori il suo accordo di pace con l’Ucraina, allora gli Stati Uniti e la NATO ridurrebbero o addirittura eliminerebbero anche la loro presenza combinata di truppe negli Stati baltici, in Polonia, Romania, Ungheria e Slovacchia per eguagliare i livelli di truppe russe in Bielorussia. Queste riduzioni graduali delle forze militari bilaterali sarebbero simili alle riduzioni delle forze reciproche concordate dal presidente Kennedy, che accettò di ritirare i missili nucleari statunitensi dalla Turchia in cambio del ritiro dei missili nucleari sovietici da Cuba per disinnescare la crisi dei missili di Cuba nel 1962.

L’eliminazione delle forze militari russe e dei membri della NATO in Bielorussia e nell’Europa orientale non riporterebbe la NATO al suo status quo pre-1997, come alcuni hanno erroneamente affermato, ma piuttosto la riporterebbe al suo status quo pre-2016 prima del vertice di Varsavia, prima del quale nessuna truppa occidentale era di stanza in Europa orientale. In questo modo, la Russia potrebbe raggiungere entrambe le sue principali preoccupazioni di sicurezza, mentre gli Stati Uniti potrebbero continuare a garantire la sicurezza continua dei membri dell’Europa orientale della NATO, riducendo massicciamente il rischio di un’invasione russa – in quanto rimuoverebbe le forze militari russe dai loro confini, ad eccezione degli Stati baltici e della Polonia, che condividono i confini con la Federazione Russa. Un tale accordo di sicurezza sarebbe un “win-win” per entrambe le parti. L’amministrazione Biden potrebbe offrire di ridurre le sue sanzioni economiche prebelliche contro la Russia in cambio non solo di un completo ritiro militare russo dall’Ucraina, ma anche di un parziale o completo ritiro militare russo dalla Bielorussia. Nel caso in cui la Russia aumenti il numero delle sue truppe in Bielorussia o rimandi truppe in Ucraina, gli Stati Uniti e la NATO potrebbero di nuovo aumentare i loro livelli di truppe in Europa orientale a un livello proporzionato all’aumento del dispiegamento militare russo, pur reimponendo severe sanzioni.

 

David T. Pyne, Esq. è un ex ufficiale delle armi da combattimento e del quartier generale dell’esercito degli Stati Uniti, con un master in studi sulla sicurezza nazionale della Georgetown University. Attualmente serve come vice direttore delle operazioni nazionali per la task force EMP sulla sicurezza nazionale e nazionale ed è un collaboratore del nuovo libro del dottor Peter Pry, Blackout Warfare. Può essere raggiunto all’indirizzo emptaskforce.ut@gmail.com.

 

 

Facebook Comments