Nel nuovo libro, la fondatrice di Live Action delinea i suoi sforzi per le piccole vite.

Articolo di Patti Maguire Armstrong pubblicato da National Catholic Register, nella traduzione di Wanda Massa.

 

Lila Rore
Lila Rore, pro vita

 

Nel suo nuovo libro, Fighting for Life: Becoming a Force for Change in a Wounded World (Thomas Nelson, maggio 2021) Lila Rose condivide storie drammatiche su come è diventata una potente forza pro-vita in questo paese e offre una guida agli altri per fare lo stesso. Lei è la fondatrice e presidente di Live Action, un’organizzazione no-profit per i diritti umani con il più ampio seguito nel movimento globale pro-vita: 5 milioni. I suoi reportage investigativi sull’industria dell’aborto sono stati presentati nella maggior parte delle principali testate giornalistiche.

Rose parla a livello internazionale di questioni familiari e culturali e si è rivolta ai membri del Parlamento europeo e alla Commissione delle Nazioni Unite sullo stato delle donne. Originaria della Baia di San Francisco, vive in California con il marito e il figlio piccolo. In un’intervista con il Register, Rose ha condiviso spunti dalla sua vita e dal suo libro.

 

Il titolo del suo libro è Diventare una forza di cambiamento in un mondo ferito. Questo riflette più o meno la tua vita, giusto?

Questo è stato il mio obiettivo da quando mi è stata data questa ispirazione da giovane adolescente. Sono un lavoro in corso, e gran parte del libro riguarda l’essere un lavoro in corso e come il cambiamento che vogliamo fare nel mondo intorno a noi come attivisti ed educatori, qualunque sia la nostra vocazione, come gran parte del cambiamento ha a che fare con quanto siamo disposti a cambiare dentro e la guarigione che scopriamo attraverso, in ultima analisi, Cristo e crescendo nella virtù e nelle relazioni che ci vengono date. Quindi il libro riguarda sia il cambiamento che facciamo esternamente al mondo che ci circonda, sia il cambiamento che si acquisisce dall’interno.

 

Come è stata ispirata a diventare una sostenitrice dei non nati?

È stato proprio il crepacuore in giovane età la mia prima ispirazione a scoprire la causa pro-vita. Avevo 9 anni e venivo da una famiglia numerosa, quindi c’erano molti bambini in casa – io sono la terza più grande; molti bambini – ed è stata una benedizione crescere. Ma non sapevo nulla dell’aborto. I miei genitori non erano necessariamente attivisti, ma certamente erano molto pro-vita. E quando avevo 9 anni, ho trovato questo libro a casa dei miei genitori, perché amavo leggere, e si chiamava Un manuale sull’aborto, del dottor e della signora Willke, un vecchio classico del movimento pro-vita. Ho finito per aprire quel libro e mi sono trovata di fronte all’inserto – c’era un inserto con immagini di vittime dell’aborto. E ho visto per la prima volta cosa fa l’aborto a un bambino, ed è innegabile. Nel primo trimestre, nell’umanità di quel bambino, ho visto questo bellissimo bambino, con braccia e gambe. Si vedevano i volti. Ho visto cosa fa un aborto nel primo trimestre per distruggere quel bambino in via di sviluppo. Il mio cuore era davvero toccato da questo – e addolorato. Ho sentito che volevo saperne di più; volevo capire perché questo stava accadendo e, in definitiva, volevo fare qualcosa al riguardo. E questo mi ha ispirato, crescendo, a fare ricerche, a cercare di saperne di più, a studiare la questione dell’aborto. Inoltre, sono stata coinvolta e mi sono interessata ad altre cause, ma nel libro condivido come ho degli eroi e come gli eroi sono così importanti per scoprire la nostra vocazione e la nostra causa. E, per me, mi sono imbattuta negli scritti di Madre Teresa in un ritiro da adolescente. E lei ha davvero cristallizzato il primato della lotta per la vita perché ha detto che “il più grande distruttore di pace nel mondo è l’aborto“. E disse: “In una nazione in cui una madre può uccidere il proprio figlio, cosa rimane se non che voi ed io ci uccidiamo l’un l’altro?

Quando ho letto quelle parole per la prima volta, mi sono ricordata di quel bambino che avevo visto; mi sono ricordata del numero di morti in quel momento – 3.000 aborti al giorno in America – di cui ero venuta a conoscenza, e ho pensato: “Questo è quanto. Questa è la causa del giorno, la più grande causa dei diritti umani, e non posso far finta che non stia succedendo. Devo essere coinvolta“. Così questo mi ha ispirata, attraverso il mio dolore, attraverso il mio studio, e poi attraverso l’avere eroi che mi hanno ispirata, che mi hanno convinta a iniziare Live Action.

 

Hai detto che “il dolore profondo è spesso il punto di partenza per scrivere un’ingiustizia“. E penso che molti di noi abbiano troppa paura di farsi coinvolgere troppo emotivamente. Ma tu dici alle persone di lasciare che i loro cuori soffrano e brucino perché questo sarà il carburante e la passione di cui abbiamo bisogno per combattere le ingiustizie, giusto? 

Esattamente. Voglio dire, fa male soffrire, e penso che ci sia già molto male nel mondo. Ma permettendoci di avere il cuore spezzato dall’ingiustizia, di avere il cuore spezzato dalla sofferenza degli altri, non finiamo con lo spezzare il cuore. E il libro inizia con lo strazio, ma non finisce con lo strazio. Finisce con la guarigione. Ma dobbiamo permettere a quel dolore iniziale di sedersi con noi, di permetterci di soffrire, perché ci insegnerà una compassione più profonda e penso che alla fine una motivazione per le cause che hanno bisogno di noi. …

 

Come hai iniziato Live Action all’età di 15 anni?

Iniziando Live Action, ho semplicemente fatto la prima cosa che dovevo fare. … Sono stata coinvolta nel centro di gravidanza locale. Sono stata coinvolta nelle loro squadre di incoraggiamento all’astinenza tra coetanei, ma, alla fine, ho capito che avevamo bisogno di educare gli adolescenti – i miei coetanei – sull’aborto, e non c’era niente del genere nella mia zona. Così, dopo essermi istruita e aver imparato il più possibile, alla fine ho trovato qualcuno, fuori San Jose, ma nella California centrale, che era disposto a guidare … a sedersi con me e alcuni amici e a cominciare a formarci su come fare presentazioni pro-vita che avremmo potuto fare nelle chiese e nelle scuole, e questo è stato l’inizio di Live Action.

… C’è molto nel libro sul superare gli ostacoli, perché penso che chiunque stia cercando la propria vocazione, che si stia impegnando in una causa: Si affrontano ostacoli. Devi affrontare le incognite. Devi affrontare barriere che devi superare. Così, per me, ero una ragazza di 15 anni che imparava a fare una presentazione a favore della vita. … Era una chiesa alla volta, un pastore alla volta, un leader studentesco alla volta, per convincerli ad ascoltare questo messaggio. Come abbiamo costruito la nostra reputazione e credibilità, abbiamo cominciato a ricevere inviti … e facciamo ancora tonnellate di presentazioni a Live Action, ma ci siamo evoluti da un’organizzazione giovanile che fa presentazioni a un’organizzazione investigativa e di educazione globale, dopo che mi sono laureata. Siamo un piccolo team a tempo pieno – circa 25 a tempo pieno. Lavoriamo con dozzine di appaltatori, ma la nostra base volontaria di attivisti è forte più di 500.000 … e più di 5 milioni di seguaci online, persone che sono impegnate con i nostri contenuti che poi li condividono con altre persone ed educano altre persone nelle loro comunità.

 

Avete sperimentato la censura sui social media, come avere abortisti che servono come fact checkers sui vostri contenuti ed essere completamente banditi su Pinterest. Come navigate nella cultura della censura?

… Abbiamo combattuto ogni battaglia. … Per fortuna, nonostante la resistenza che abbiamo affrontato negli ultimi 10 anni, abbiamo costruito un esercito. Abbiamo il più grande seguito del movimento globale pro-vita: oltre 5 milioni di persone. … Ciò che è più potente degli ostacoli è la passione e la determinazione di molti americani pro-vita che vogliono lottare per ciò che è giusto, che vedono la crisi.

Ecco perché ho scritto il libro. Voglio incoraggiare, ispirare e sostenere gli straordinari attivisti. Questo movimento è composto da milioni di americani a favore della vita, di tutte le età – molti di loro sono giovani, di tutte le provenienze diverse – che vedono la distruzione della vita umana e non possono rimanere in silenzio perché si stanno alzando. Questa è la bellezza e la forza del nostro movimento, indipendentemente dagli ostacoli che affrontiamo.

 

Come avete ottenuto l’accesso così spesso ai grandi media secolari?

… Anni e anni di ripetuto lavoro investigativo in cui abbiamo continuato a trovare nuove angolazioni per esporre l’industria dell’aborto per raccontare storie degne di nota su ciò che stava accadendo all’interno di queste strutture di Planned Parenthood, la più grande catena di aborti della nazione. E abbiamo continuato a martellare questi messaggi e a riportare scoperte davvero incredibili, sia dai rapporti sotto copertura che dall’analisi dei dati e dalla raccolta di storie di sopravvissuti – [come] sopravvissuti ad abusi sessuali che erano stati portati a Planned Parenthood sotto costrizione e a cui erano stati dati aborti segreti invece che il loro abuso fosse denunciato da Planned Parenthood. Così, alla fine, abbiamo continuato a suonare il tam tam e abbiamo costruito una piattaforma abbastanza forte attraverso i nostri social media, attraverso i nostri media indipendenti, e questo alla fine ha fatto pendere l’ago della bilancia e siamo stati in grado di assicurarci la copertura da punti vendita altrimenti ostili. Ora, ci sarebbe dovuta essere molta più copertura? Sì. Dovrebbe esserci più copertura fino ad oggi? Sì. … Ma stiamo ancora facendo progressi, e questo è ciò che conta per mantenere lo slancio.

 

Suppongo che stiate pregando per i vostri avversari, che stiate aprendo i cuori e le menti.

Assolutamente sì. E penso che questo sia anche parte del messaggio del libro: abbracciare il dolore delle persone che stiamo cercando di raggiungere, perché molte di loro stanno soffrendo, specialmente le persone che sono state coinvolte nell’aborto in passato o che lavorano nell’industria dell’aborto – e amare i nostri nemici. Gesù Cristo ci ha detto più volte di “amare i nostri nemici, di pregare per coloro che ci perseguitano“. …

Con l’aborto, è importante capire che non siamo noi la vittima. Ci prendiamo delle critiche e affrontiamo degli ostacoli, ma non siamo in pericolo di morire come lo è un bambino prima della nascita. …

 

Come affronta la contraccezione nel libro?

Tutta la contraccezione ormonale, se si leggono le scritte in piccolo, si scopre che è progettata non solo per impedire la fecondazione, ma per indebolire il rivestimento dell’utero della madre per renderlo ostile a un embrione appena concepito, in modo che l’embrione non possa impiantarsi e muoia di fame. …

Nel libro parlo del quadro più ampio della battaglia pro-vita, in termini di sesso e amore.

Questo è il paesaggio della nostra cultura, dove abbiamo separato il sesso dal matrimonio e separato i bambini dal matrimonio; così ora, non solo il sesso non riguarda più il matrimonio, ma nemmeno i bambini. Così ora abbiamo separato i due elementi fondamentali della bellissima cosa del sesso che Dio ha creato… che ora quando si rimane incinta, è un incidente invece di: Oh, ehi, il sesso è effettivamente progettato per portare la vita nel mondo. E il sesso non è più visto come una sola carne, che lega due persone insieme per la vita, ma invece come una sorta di passatempo casuale che riguarda solo il consenso e il piacere.

… La cultura tradizionale … vede il sesso prima del matrimonio come una virtù o qualcosa di molto normalizzato, ma rimanere incinta dopo aver fatto sesso è vista come una cosa terribile. Questo è così ingiusto e fuorviante per i giovani – invece di dire, no, il sesso è bello e buono in una relazione sacra per tutta la vita – un matrimonio – ed è buono per portare la vita nel mondo. …

 

Cosa consiglia come primo passo per intraprendere una causa?

Se vogliamo lottare per una causa, se vogliamo scoprire la nostra vocazione, è essenziale sapere chi siamo davanti a Dio e permettere a Dio di ispirarci. … Per tutte le cause del mondo e per tutte le chiamate che potremmo sentire di dover fare, se non siamo alla fine concentrati sull’eternità con Dio e cercando di servire lui e i suoi figli prima di tutto, sarà tutto inutile, e che la causa ultima è amarlo ed essere amati da lui.

 

Qual è la sua più grande sfida in mezzo alla cultura quotidiana?

… La nostra cultura chiama il male bene e spesso il bene male. È completamente capovolto. … Questa confusione in cui nuotiamo ci costa molto cara; è la ragione per cui abbiamo una mortalità di quasi un milione di aborti all’anno. … Se non conosci la verità, se credi alle bugie, farai le scelte sbagliate, le decisioni sbagliate, e queste portano grave danno a te stesso e agli altri. Quindi [il nostro lavoro è]: Esporre il male, dire la verità, riumanizzare il bambino, ricordare alle persone la loro dignità, ricordare alle persone la moralità e Dio e chi è Dio – penso che queste siano cose essenziali.

 

Quali sono stati i suoi più grandi successi?

Alcune delle più grandi celebrazioni sono le vite salvate. Condivido alcune di queste storie. … Quando senti parlare di una vita che è stata salvata in parte grazie al tuo lavoro, non c’è davvero gioia più grande.

Un’altra vittoria davvero significativa per Live Action è stato il primo voto bipartisan nella Camera dei Rappresentanti per eliminare i finanziamenti pubblici a Planned Parenthood. … L’industria dell’aborto è sostenuta dal governo, e sono così potenti politicamente e sono così radicati nelle nostre comunità. Vedere un voto di maggioranza bipartisan … e mi era stato detto che era impossibile … è stata una cosa enorme da festeggiare. …

Oggi continuiamo a fare reportage investigativi, ma ci concentriamo ancora di più sull’educare esattamente su ciò che è l’aborto e la dignità della persona, e usiamo i media, la narrazione e le immagini per farlo… per persuadere le persone a diventare pro-life.

 … Si tratta di costruire qualcosa di bello.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email