Rilancio un articolo di Melanie Arter, pubblicato su CNS News, nella mia traduzione.

 

Prof. Marty Makary
Prof. Marty Makary

 

Le persone non vaccinate e non immuni al COVID-19 sono state demonizzate, “ed è [una posizione] infondata”, secondo il dottor Marty Makary, professore alla Johns Hopkins School of Medicine e alla Bloomberg School of Public Health, perché “coloro che non sono vaccinati non comportano alcun rischio per i vaccinati oltre a quello di un comune raffreddore”.

Makary ha detto di essere preoccupato che ci possa essere un altro anno di apprendimento virtuale nelle scuole, “perché si prevede che [la variante] Delta raggiungerà il picco tra la fine di agosto e l’inizio di settembre”.

“Man mano che le scuole iniziano ad aprirsi, vedrai l’inclinazione [della curva] che verrà interpretata come l’inizio di un’ondata più ampia, ma questa non è una [curva del] prezzo delle azioni. Questo è il numero di casi. Cattura solo i casi segnalati, non i casi domestici, e non riconosce che si tratta di una popolazione più giovane e i ricoveri sono sproporzionatamente molto più bassi”, ha detto giovedì a “America’s Newsroom” di Fox News.

“Vorrei che cambiassimo il lessico e smettessimo di parlare di vaccinati e non vaccinati e parlassimo solo di immuni e non immuni. C’è stata questa demonizzazione di chi non è immune, non vaccinato, ed è infondata. Coloro che non sono vaccinati non rappresentano alcun rischio per i vaccinati oltre a quello di un comune raffreddore”, ha detto Makary.

Ha detto che la variante Delta si è diffusa più rapidamente, “ma non ci sono prove che sia più virulenta e pericolosa nei bambini”.

“Se vai su COVID net sul sito Web del CDC, vedrai che il tasso di ricoveri per COVID su quel sito è di 0,3 per milione nella popolazione. Abbiamo imposto un’enorme quantità di restrizioni a 50 milioni di bambini. Non posso credere che dopo due anni chiederemo loro di coprirsi la faccia e rinunciare a ciò che per loro è essenziale sulla base di dati davvero inconsistenti”, ha detto Makary.

“Non sappiamo nemmeno quanti decessi sono stati verificati o quanti sono avvenuti in bambini sani rispetto a bambini con una condizione di comorbilità. La stessa direttrice del CDC ha detto che non lo sapeva”, ha aggiunto. 

Makary ha affermato che c’è stato “un enorme tributo sulla salute mentale o sullo sviluppo dei bambini, sulla nutrizione e su queste altre cose considerate scontate quando ci concentriamo solo sui casi e sulla trasmissione”.

Quando gli è stato chiesto se le persone vaccinate sono preoccupate per i continui lockdown del governo, gli obblighi delle mascherine e la chiusura delle scuole se non vengono vaccinate abbastanza persone, Makary ha detto: “Beh, guarda, ci sono state oltre 1.000 varianti. 

Le seguiamo molto da vicino su un sito web internazionale chiamato nextstrain.org, e puoi andare lì e vedere quella di – tutte le varianti che ci sono, oltre 1.000. L’immunità che abbiamo è completamente onnicomprensiva”, ha detto Makary.

“Quindi l’idea che ci sarà una nuova variante che emergerà – a proposito, la barra diventa più alta quanto più contagiosa è la variante attuale – che cambierà in qualche modo il gioco, penso che sia parziale. Ieri vi ha accennato il dottor Fauci. Penso che sia stata davvero una proiezione parziale su ciò che accadrà. [La variante] Delta sarà con noi per molto tempo, perché ha superato le altre varianti presenti”, ha detto.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email