Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Frank Wright e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

Mentre il Presidente Donald Trump avverte che stiamo per essere trascinati nella Terza Guerra Mondiale, il Colonnello Douglas Macgregor, ex consigliere senior del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, torna con un verdetto esplosivo sull’Ucraina. La guerra può essere conclusa solo dai russi e l’Ucraina come nazione è finita.

MacGregor ha fatto le sue osservazioni in un’intervista che inizia con una risposta al Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, che ha affermato: “L’Ucraina diventerà un membro della nostra alleanza, ma allo stesso tempo questo è un obiettivo a lungo termine”.

Stoltenberg si è spinto oltre, facendo la rituale osservanza della necessità di pagare per l’Ucraina a tempo indeterminato.

Ciò che è importante ora è garantire che l’Ucraina prevalga come nazione sovrana e indipendente e quindi dobbiamo sostenere l’Ucraina.

Come può l’Ucraina prevalere come nazione sovrana indipendente se ora non lo è più? Macgregor sostiene che l’Ucraina è morta. Ha perso il 40% delle infrastrutture e delle industrie, oltre a quelle occupate dai russi.

La sua popolazione si sta riducendo: Macgregor sostiene che otto o nove milioni di ucraini hanno lasciato il Paese per l’Europa, mentre altri due milioni si trovano in Russia. Hanno giurato di non tornare mai più, lasciando l’Ucraina con una crisi demografica in accelerazione.

La situazione economica è disastrosa, come è evidente. L’Ucraina è su un supporto finanziario vitale. Per quanto tempo l’Occidente potrà mantenere le massicce iniezioni di denaro necessarie a sostenere la guerra e lo stato fallito dell’Ucraina in cui si svolge?

Macgregor sottolinea che il vero scopo di tutto ciò è impedire lo svolgimento di qualsiasi negoziato. Snobbare i cinesi, condurre attacchi con i droni in Russia e in Bielorussia e fare annunci sull’adesione alla NATO sono tutti mezzi per sabotare qualsiasi accordo negoziale. Il governo russo, tuttavia, sostiene di essere aperto ai negoziati.

Ho già detto che l’Occidente non ha una base industriale all’altezza dei suoi potenziali nemici. I russi da soli sono riusciti a sparare 20.000 proiettili di artiglieria al giorno, mentre gli ucraini, sostenuti dalla potenza della NATO, possono gestirne solo una frazione.

Ci è stato detto che i russi sono a corto di truppe, carburante, munizioni e morale, e che lo stesso Presidente russo soffre di qualche disturbo psicologico. Per scoprire la verità, basta sostituire “Ucraina” con “Russia” quando si leggono le notizie. Oppure confrontare le dichiarazioni dei due leader. Volodymyr Zelensky ha affermato che la guerra finirà con i carri armati ucraini a Mosca.

Macgregor osserva che questo è “semplicemente assurdo”. D’altra parte, Vladimir Putin ha osservato che i leader dell’Occidente sembrano essere impazziti, nella loro promozione di vizi morali e sessuali la cui portata viene celebrata come “matrimonio” in chiesa.

I russi, dice Macgregor, faranno tutto il necessario per vincere – “noi non lo faremo”. Egli osserva che l’Occidente ha fatto di questo problema una questione di sopravvivenza nazionale per la Russia, segnalando chiaramente agli altri Stati cosa li aspetta se la Russia dovesse effettivamente cadere.

Il rifiuto della recente promessa di pace cinese per l’Ucraina è un chiaro segnale ai cinesi che gli Stati Uniti sono interessati solo a far crollare la Russia a qualsiasi costo. MacGregor sottolinea giustamente che questo rende chiaro ai cinesi che saranno loro i prossimi. Perché allora non dovrebbero sostenere la Russia?

Secondo Macgregor, farlo significherebbe mettere a disposizione della Russia una base industriale due volte più grande di quella degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale.

Da dove viene questa potenza industriale? Il perspicace colonnello in pensione ha l’abitudine fuori moda di avere memoria storica, osservando che gli Stati Uniti hanno venduto la loro industria alla Cina negli anni ’90 “per fare soldi”.

Questa delocalizzazione della produzione pesante per generare profitti è un altro grande errore strategico. Gli Stati Uniti hanno contribuito a fare della Cina un gigante. Ora vogliono farne un nemico.

Cosa può spingere una tale serie di azioni suicide? È estremamente improbabile che i dirigenti che ci dirigono questi disastri muoiano in queste guerre o che soffrano molto per il conseguente sistema di sorveglianza globale con cui intendono sostituire le nostre nazioni.

D’altra parte, è molto probabile che le loro carriere ne risentano nel caso in cui debbano rispondere di un’altra debacle su scala persino superiore a quella dell’Afghanistan.

Lo stesso giorno in cui Lockheed Martin ha annunciato un aumento della produzione di missili da fornire all’Ucraina, è stato apertamente ammesso che gli Stati Uniti non hanno modo di sapere dove siano finite le armi. Molte sono sparite nel mondo della malavita, probabilmente per riemergere in un ulteriore caos destabilizzante.

Alcune sono finite nelle mani dei russi, come molti consiglieri avevano ripetutamente avvertito. L’artiglieria francese Caesar è stata venduta ai russi e ora l’Ispettore Generale Speciale per la Ricostruzione dell’Afghanistan John Sopko avverte che non si è imparato nulla dalla consegna di attrezzature militari per miliardi di dollari ai Talebani, e che si stanno commettendo gli stessi errori per quanto riguarda gli aiuti e le armi in Ucraina.

La risposta, ovviamente, è l’invio di altre armi. Come sottolinea Macgregor, ciò significa che la maggior parte degli aiuti statunitensi all’Ucraina rimane all’interno degli Stati Uniti e rappresenta di fatto una donazione al complesso militare industriale. Seguendo The Science sappiamo che scopriremo sempre i soldi alla fine della storia ufficiale.

Notizie più felici per coloro che si identificano come sani di mente arrivano dall’osservazione dello stato dell’esercito americano. Macgregor sostiene che forse solo 50.000 truppe da combattimento, “le persone che si avvicinano al nemico e lo distruggono”, potrebbero essere radunate in caso di conflitto. Lo stato dell’esercito della seconda nazione più bellicosa, quella del Regno Unito, è molto peggiore. Come ho scritto lo scorso maggio, le truppe da combattimento sono solo 22.000 in totale, e l’intera stima di combattimento dell’esercito britannico è approssimativamente equivalente a quella di un quinto di una divisione di carri armati russi.

Queste cifre sono state valutate prima dell’esaurimento delle scorte di munizioni e blindati del Regno Unito grazie alla loro donazione all’Ucraina, che ora sono state distrutte, esaurite o catturate dai russi.

Recentemente è stato riportato che il Regno Unito esaurirebbe le munizioni il primo giorno di guerra. La preparazione al combattimento richiederà fino a dieci anni e subirebbe un’interruzione se qualcosa dovesse minacciare le catene di approvvigionamento cinesi. Le fabbriche britanniche impiegherebbero un anno per fornire un giorno di munizioni.

È in questo contesto, a sua volta frutto di una politica pasticciona e progressista, di tagli alla difesa e di corruzione, che gli Stati Uniti stanno spingendo un paradigma in cui non ci può essere una fine negoziata della guerra. Macgregor conclude che questo lascia ai russi, il cui presidente ha affermato questa settimana che gli Stati Uniti stanno cercando di “liquidare” la sua nazione, nessuna alternativa se non quella di forzare una resa incondizionata da parte dell’Ucraina.

Questo è l’atteggiamento di Washington e Londra, afferma Macgregor, sottolineando che non si tratta più di una posizione condivisa all’unanimità in Europa. Per quanto riguarda un’entrata in guerra degli Stati Uniti, sostiene che questa “finirebbe Biden”.

“Non vedo alcuna prova che il popolo americano sia d’accordo”. conclude Macgregor. Ciononostante, la scellerata campagna per catturare i loro cuori e le loro menti per convincerli a farlo continua.

Il presidente Zelensky, che non è ancora in grado di permettersi un rasoio da barba e una camicia, ha cercato di identificare la sicurezza dei figli dei cittadini statunitensi con la necessità di prolungare – e inasprire – la guerra in Ucraina.

Se succede che l’Ucraina, a causa di varie opinioni e dell’indebolimento – esaurimento – dell’assistenza, perde, la Russia entrerà negli Stati baltici, Stati membri della NATO, e allora gli Stati Uniti dovranno mandare i loro figli e le loro figlie, esattamente come stiamo mandando noi, i loro figli e le loro figlie in guerra. E dovranno combattere, perché è della NATO che stiamo parlando. E moriranno, Dio non voglia, perché è una cosa orribile. Auguro agli Stati Uniti pace e sostegno all’Ucraina.

Se seguiamo questa logica, l’escalation verso un probabile scambio nucleare è l’unico modo per salvare i vostri figli. Il pericolo deriva dal non dargli soldi e armi. C’è un nome per questo tipo di minacce. Si tratta di racket, proveniente da un uomo che ha impegnato i suoi uomini a morire in battaglie che non possono sperare di vincere.

“A dicembre e gennaio, gli ucraini perdevano mille uomini al giorno”, dice Macgregor, prima di sottolineare che è tornata la norma di un battaglione – 500-700 – di perdite giornaliere. Egli sostiene un rapporto di perdite di sette o otto ucraini per ogni russo ucciso o ferito.

L’unico modo in cui lui [Zelensky] può vincere è con l’aiuto della NATO, in particolare degli Stati Uniti.

In una valutazione schiacciante della stabilità del regime di Zelensky, egli afferma: “Il governo ucraino è molto debole:

Il governo ucraino è molto debole ed è tenuto al potere da radicali neonazisti che minacciano di uccidere chiunque li minacci.

Quanto può durare questa follia? Dipende dai russi, dice Macgregor, sostenendo che devono inevitabilmente spazzare il nord da sud e scendere dalla Bielorussia per accerchiare Kiev.

Per quanto riguarda il sostegno continuo e infinito, Macgregor ritiene che l’entusiasmo per il mantenimento di Zelensky al potere “diminuirà nei prossimi mesi”.

Tutto questo non ha nulla a che fare con noi, ed è per questo che i soldati americani non vanno a combattere lì.

Allora perché si combatte questa guerra?

L’Ucraina ha a che fare con due cose indissolubilmente legate: la distruzione della Russia e l’attuazione di un sistema di controllo globale totale abilitato dalla tecnologia. Al World Economic Forum, Samantha Power dell’USAID ha elogiato l’Ucraina per la creazione di un Ministero per la trasformazione digitale e per lo “sviluppo di un’applicazione chiamata DIIA che ora fornisce 120 servizi governativi“.

Naturalmente, l’ambasciatrice desidera aiutare gli Stati Uniti a esportare questa applicazione di governance in altri Paesi. È chiaro che l’Ucraina è piena di corruzione, che nessuno che abbia rapporti commerciali con quel Paese vorrebbe venisse rivelata. I cinesi hanno richiesto l’ispezione dei laboratori biologici statunitensi in Ucraina, la cui esistenza è stata confermata da Victoria Nuland ma che rimane una teoria cospirativa nei media.

A questo si aggiunge il fatto che l’Ucraina è un terreno di prova per un modello di governo di Grande Reset, che porterà all’abolizione permanente della libertà. In seguito, non ci saranno problemi con l’opinione pubblica per ostacolare le azioni dei padroni del futuro.

Macgregor conta sull’avversione del popolo americano al coinvolgimento in questa guerra come salvaguardia contro una campagna terrestre della NATO. La strategia in Ucraina continuerà quindi, con l’obiettivo di distruggere la Russia per logoramento. Non si tratta di una semplice campagna per liquidare la nazione di Putin, ma di una campagna il cui scopo finale è quello di inaugurare un ineluttabile futuro post-umano.

Potete contribuire oggi stesso contattando i vostri rappresentanti. Per il momento l’opinione pubblica conta ancora. Fate sapere loro che non sostenete il finanziamento di questa guerra, né la visione infernale del futuro per cui viene prolungata.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments