Ritorniamo a parlare di quello che è successo nella clinica di transizione di genere per ragazzi presso il Tavistock dopo che sono trapelati altre informazioni che hanno costituito la base per un servizio della BBC. 

Se ne parla in questo articolo scritto da Paul Smeaton e pubblicato su Lifesitenews e che propongo nella mia traduzione all’attenzione dei lettori di questo blog. 

 

Keira Bell e il Tavistck Center di Londra

Keira Bell e il Tavistck Center di Londra

 

Il personale di staff di una “clinica per la transizione di genere” per bambini finanziata dallo Stato nel Regno Unito ha espresso la preoccupazione, durante una revisione, che i bambini verrebbero avviati rapidamente verso un percorso di transizione di genere solo dopo una o due visite. Lo staff ha anche espresso preoccupazione per il fatto di essere scoraggiato dal riferire di bambini che sospettavano di aver subito abusi sessuali. 

“Preghiamo che mi sbagli, perché se non mi sbaglio, moltissimi bambini vulnerabili sono stati trattati molto male e potrebbero subire danni per tutta la vita”, ha detto un membro dello staff nelle trascrizioni dei colloqui del personale che facevano parte di un controllo del Servizio per lo sviluppo dell’identità di genere (Gender Identity Development Service – GIDS). Le trascrizioni sono trapelate al team di Newsnight della BBC che ha riferito in merito il 19 giugno.

La BBC riferisce che le interviste del personale relative ad una revisione del 2019 al GIDS, che opera al Tavistock e Portman NHS Trust, hanno rivelato una valutazione “dannosa” del servizio da parte di alcuni membri del personale della clinica.

Il rapporto della BBC afferma: “La revisione ha sentito da diversi membri dello staff che un membro della direzione della GIDS, Sarah Davidson, a volte indirizzava i bambini per il trattamento (della transizione di genere, ndr) dopo solo uno o due appuntamenti”.

“Assolutamente non dovrebbe mai accadere, perché questo è un percorso che porterà a enormi, enormi cambiamenti per questa giovane persona, potenzialmente, riguardo l’infertilità”, ha detto un medico della GIDS.

Il servizio della BBC nota che “un tale rapido indirizzamento (verso la transizione di genere, ndr), sostiene il personale, potrebbe mettere a rischio i giovani che potrebbero avere problemi di salute mentale e di sessualità”.

Il personale afferma di essere stato scoraggiato dal segnalare le preoccupazioni al personale di protezione, anche nei casi in cui “temeva che un bambino avesse subito abusi sessuali o traumi”.

“C’è stato un messaggio molto chiaro da parte del senior management sul fatto di essere molto cauti su come parliamo al team di salvaguardia di Tavi [stock], e in particolare [al responsabile della salvaguardia del Trust]”, ha detto alla BBC un membro dello staff che ha lasciato la GIDS l’anno scorso.

Direi che forse è per questo che più di 40 medici hanno deciso di lasciare il servizio nell’arco di tre anni“, hanno aggiunto. 

Secondo il rapporto della BBC, le trascrizioni dello staff della revisione dicono che “alcuni genitori sembrano preferire che i loro figli siano transessuali ed etero, piuttosto che gay”.

Un membro del personale della clinica ha riferito che un bambino ha detto: “Mia madre vuole [che io prenda] l’ormone più di quanto voglia io”. Si dice che il personale ha riferito che una bambina che inizialmente sosteneva di essere lesbica, ha improvvisamente cambiato idea e ha iniziato a identificarsi come “trans” dopo aver sperimentato il “bullismo omofobico”.

Andrea Williams, amministratore delegato di Christian Concern, ha detto a LIfeSiteNews che questi risultati “sono solo gli ultimi di una lunga lista di rivelazioni inquietanti sul funzionamento della clinica Tavistock e della GIDS”. 

“L’incontestabile fedeltà alle forme più estreme di ideologia transgender, spinta da attivisti come Mermaids, mette a tacere tutte le voci che sollevano dubbi e porta a danni irreparabili per i bambini”, ha detto Williams.

“Accademici come James Caspian non hanno potuto fare ricerche sulla questione della de-transizione di genere, che sarà sempre più comune quando i bambini, indirizzati in maniera affrettata attraverso percorsi medici transgender, scopriranno che i ‘trattamenti’ non saranno stati d’aiuto”.

Ma Williams ha detto che crede che stiamo “cominciando a vedere un ritorno della marea quando le voci più importanti cominciano a mettere pubblicamente in discussione idee radicali e trans-affermative (cioè impostazioni che spingono i bambini verso la transizione di genere quando potrebbero essere solo classificati come con disforia di genere, ndr), in particolare nel trattamento dei bambini”. 

“Speriamo di poter continuare a sostenere questi bambini vulnerabili e fermare questo danno a lungo termine, prima che sia troppo tardi”, ha detto.

All’inizio di quest’anno Sue Evans, un’ex infermiera di psichiatria del Tavistock, ha iniziato un’azione legale contro il Tavistock and Portman NHS [National Health Service, (cioè il Sistema Sanitario Naizonale, ndr)] Trust, dopo aver visto un collega indirizzare un bambino verso una “terapia ormonale” dopo soli 4 consulti.

Ad Evans si è aggiunta nella sua causa la madre di una quindicenne con problemi di confusione di genere e da Keira Bell, una giovane donna che ha rinunciato ai suoi tentativi di “diventare” un uomo.

Bell ha detto di essere diventata una ricorrente nella causa perché non credeva “che i bambini e i giovani potessero acconsentire all’uso di potenti e sperimentali farmaci ormonali” come lei aveva fatto.

“Credo che l’attuale sistema affermativo (indirizzamento verso la transizione di genere, ndr) messo in atto dal Tavistock sia inadeguato in quanto non permette di esplorare questi sentimenti disforici di genere, né cerca di trovare le cause alla base di questa condizione”, ha detto Bell.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1