Sono mesi che lo andiamo riportando su questo blog che l’immunità di gregge è un obiettivo semplicemente irraggiungibile. Ora lo ammette anche il CDC americano. Cosa diranno ora i nostri governanti che stanno spingendo le vaccinazioni e stanno giustificando il green pass proprio sulla narrazione del raggiungimento della immunita di gregge?

Dell’immunità di gregge e dell’ennesima inversione di marcia del CDC ce ne parla Melissa Healy nel suo articolo pubblicato sul Los Angeles Times.

 

vaccino-covid

 

Fin dai primi giorni della pandemia, c’è stato un obiettivo collettivo per porvi fine: raggiungere l’immunità di gregge. Ciò avviene quando così tante persone sono immuni a un virus che questo esaurisce i potenziali ospiti da infettare, provocando lo spegnimento di un’epidemia.

Molti americani hanno abbracciato la nuova frase da cortile, e con essa la proiezione che una volta che il 70-80% o 85% della popolazione fosse stata vaccinata contro il COVID-19, il virus sarebbe andato via e la pandemia sarebbe finita.

Ora il gregge è irrequieto. E gli esperti dei Centers for Disease Control and Prevention hanno messo da parte l’immunità di gregge come obiettivo nazionale.

Le prospettive di raggiungere un chiaro obiettivo di immunità di gregge sono “molto complicate”, ha detto il dottor Jefferson Jones, un ufficiale medico della task force di epidemiologia COVID-19 del CDC.

“Pensare che saremo in grado di raggiungere una sorta di soglia in cui non ci sarà più trasmissione di infezioni potrebbe non essere possibile”, ha riconosciuto Jones la scorsa settimana ai membri di un gruppo che consiglia il CDC sui vaccini.

I vaccini sono stati abbastanza efficaci nel prevenire i casi di COVID-19 che portano a gravi malattie e morte, ma nessuno si è dimostrato affidabile nel bloccare la trasmissione del virus, ha notato Jones. Prove recenti hanno anche chiarito che l’immunità fornita dai vaccini può svanire nel giro di pochi mesi.

Il risultato è che anche se la vaccinazione fosse universale, il coronavirus continuerebbe probabilmente a diffondersi.

“Scoraggeremmo” di pensare in termini di “un obiettivo rigoroso”, ha detto.

Per il dottor Oliver Brooks, un membro del Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione, è stato un nuovo messaggio sobrio, con effetti potenzialmente preoccupanti.

Con appena il 58,5% di tutti gli americani completamente vaccinati, “abbiamo bisogno di aumentare” la diffusione dei vaccini COVID-19, ha detto Brooks, direttore medico di Watts Healthcare a Los Angeles. Purtroppo, ha detto, l’ammissione inaspettata di Jones “ti rende quasi meno motivato a far vaccinare più persone”.

Brooks ha detto che si preoccupa che quando il CDC si allontana da un obiettivo specifico per l’immunità di gregge, toglierà l’aria agli sforzi per aumentare i livelli di vaccinazione.

E se i funzionari della sanità pubblica smettono di parlare del “gregge”, la gente potrebbe perdere di vista il fatto che la vaccinazione non è solo un atto di protezione personale ma un modo per proteggere la comunità.

Una deviazione pubblica dalla promessa dell’immunità di gregge può anche minare ulteriormente la credibilità del CDC quando si tratta di combattere il coronavirus.

Su questioni che vanno dall’uso delle maschere a come il virus si diffonde, l’agenzia ha fatto alcuni drammatici dietro-front nel corso della pandemia. Queste inversioni sono state spinte da nuove scoperte scientifiche su come si comporta il nuovo virus, ma hanno anche fornito ampio carburante per gli scettici del COVID-19, specialmente quelli dei media conservatori.

“È un problema di scienza e comunicazione”, ha detto il dottor John Brooks, responsabile medico della risposta del CDC al COVID-19.

“Abbiamo detto, sulla base della nostra esperienza con altre malattie, che quando si arriva al 70-80%, spesso si ottiene l’immunità di gregge”, ha detto.

Ma il virus SARS-CoV-2 non ha ricevuto il promemoria.

“Ha un sacco di assi nella manica, e ci ha ripetutamente sfidato”, ha detto. “È impossibile prevedere quale sarà l’immunità di gregge in un nuovo patogeno finché non si raggiunge l’immunità di gregge”.

Il nuovo approccio del CDC rifletterà questa incertezza. Invece di specificare un obiettivo di vaccinazione che promette la fine della pandemia, i funzionari della sanità pubblica sperano di ridefinire il successo in termini di nuove infezioni e morti – e supporranno che l’immunità di gregge è stata raggiunta quando entrambi rimangono bassi per un periodo prolungato.

“Vogliamo risposte pulite e facili, e a volte esistono”, ha detto John Brooks. “Ma su questo, stiamo ancora imparando”.

L’immunità di gregge non è mai stata così semplice come molti americani l’hanno fatta sembrare, ha detto Kathleen Hall Jamieson, direttore dell’Annenberg Public Policy Center dell’Università della Pennsylvania e un esperto delle sfide della comunicazione della scienza a cittadini sempre più scettici – e spesso cospiratori.

È un’idea emersa circa un secolo fa nel campo della medicina del bestiame. Gli epidemiologi ora la calcolano con un’equazione standard. Ma come molti strumenti che modellano un processo complesso con la matematica, fa alcune ipotesi semplificative.

Per esempio, presuppone un’uniformità irrealistica nel comportamento degli individui e dei gruppi, e nella capacità del virus di diffondersi da persona a persona.

Quindi non riflette la diversità della densità della popolazione, le disposizioni di vita, i modelli di trasporto e le interazioni sociali che rendono la contea di Los Angeles, per esempio, così diversa dalla contea di Boise, Idaho. Né tiene conto del fatto che la contea di Boise, dove meno del 35% degli adulti sono completamente vaccinati, non ottiene alcuna protezione dal tasso di vaccinazione del 73% della contea di Los Angeles tra gli adulti.

“Gli esseri umani non sono una mandria”, ha detto Jamieson.

I leader della salute pubblica sarebbero stati meglio serviti inquadrando le loro campagne di vaccinazione intorno alla necessità di “immunità comunitaria”, ha detto. Questo avrebbe portato la gente a pensare in termini più locali – quelli che contano davvero quando si tratta del rischio di infezione di una persona, ha aggiunto.

I cambiamenti nel coronavirus stesso hanno anche reso l’immunità di gregge un bersaglio mobile.

Il calcolo che ha prodotto una stima di immunità di gregge del 70-85% si basa molto sulla trasmissibilità innata della SARS-CoV-2. Ma con l’emergere di nuovi ceppi virali come le varianti Alpha e Delta, la capacità del virus di saltare da persona a persona è aumentata drammaticamente nell’ultimo anno.

Inoltre, i calcoli sull’immunità di gregge presuppongono che quando le persone ottengono l’immunità, rimangono immuni per un periodo di tempo noto. Ma è diventato chiaro che né la vaccinazione né l’infezione naturale conferiscono una protezione duratura. I richiami o un caso di ” rottura” potrebbero, ma per quanto tempo è ancora sconosciuto.

Questo è solo il modo in cui funziona la scienza, ha detto Raj Bhopal, un professore di salute pubblica in pensione all’Università di Edimburgo che ha scritto sulla complessità impazzita dell’immunità di gregge.

Per qualsiasi agenzia impegnata nella comunicazione pubblica, “è molto difficile trasmettere l’incertezza e rimanere autorevoli”, ha detto Bhopal. “È un peccato che non possiamo portare il pubblico con noi sulla strada dell’incertezza”.

 

Facebook Comments