Di seguito vi propongo un articolo scritto da Amy Gamm e pubblicato su NTD.com. Eccolo nella mia traduzione. 

 

no vaccinazione vaccini

 

Secondo un recente sondaggio, circa la metà della popolazione adulta statunitense afferma di non aver bisogno dell’ultimo richiamo COVID-19, mentre poco meno di un quarto ha già effettuato il vaccino. Questi risultati arrivano nonostante la spinta dell’amministrazione Biden a vaccinare durante le festività natalizie.

Secondo il sondaggio COVID-19 Monitor della Kaiser Family Foundation (KFF), solo il 22% degli adulti si è sottoposto al nuovo richiamo bivalente da quando è stato reso disponibile a settembre. Un altro 16% dichiara di avere intenzione di farlo “il prima possibile”.

Queste cifre variano leggermente rispetto a quelle pubblicate dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) l’8 dicembre, secondo cui solo il 16,3% degli adulti idonei ha ricevuto il richiamo aggiornato.

Il CDC classifica come “completamente vaccinati” gli individui che hanno completato la serie monovalente COVID-19 del ceppo originale di SARS-CoV-2; la classificazione non richiede un richiamo.

“Tuttavia, essere completamente vaccinati non significa avere la migliore protezione”, avverte l’agenzia. “Le persone sono meglio protette se si tengono aggiornate con le vaccinazioni contro il COVID-19, il che include un richiamo quando è ammissibile”.

Il richiamo bivalente aggiornato, creato da Pfizer e Moderna, si rivolge specificamente alle sottovarianti BA.4 e BA.5 Omicron, ma secondo un rapporto di AABC News, ha dimostrato di “proteggere bene anche contro le nuove ramificazioni in circolazione, come BQ.1 e BQ.1.1, che costituiscono quasi il 70% dei nuovi casi”.

Tra le persone completamente vaccinate, la KFF ha rilevato che il 44% ritiene di non aver bisogno del richiamo aggiornato. Di questi, il 37% non ritiene che i benefici del richiamo valgano la pena, mentre il 36% ha dichiarato di essere “troppo impegnato” per farlo. Il 23% ha citato i cattivi effetti collaterali delle precedenti iniezioni di COVID-19 per la sua esitazione.

Il nove per cento ha dichiarato che non si sottoporrà affatto a un richiamo.

Un’altra ragione dello scarso entusiasmo delle persone a correre a fare il richiamo è che solo il 36% dei partecipanti al sondaggio teme di ammalarsi gravemente contraendo il virus, ha riferito la KFF. La popolazione di 65 anni e più, più vulnerabile agli esiti negativi dell’infezione da COVID-19, ha mostrato un’apprensione leggermente maggiore, con il 43% che ha espresso ansia per la possibilità di ammalarsi.

 

Il divario tra repubblicani e democratici

I dati emersi dal sondaggio KFF hanno mostrato una differenza significativa nel modo in cui i partecipanti repubblicani o di orientamento repubblicano considerano la necessità del booster rispetto alle loro controparti democratiche.

I democratici sembravano desiderosi di ottenere il booster, mentre i repubblicani apparivano scettici. In effetti, la KFF ha riscontrato che i democratici avevano il triplo delle probabilità di essersi già rimboccati le maniche per l’iniezione rispetto ai repubblicani.

I dati mostrano che quasi quattro su dieci (38%) dei partecipanti al sondaggio che si sono identificati come democratici hanno già ricevuto il richiamo, mentre un altro 28% ha intenzione di farlo al più presto. Questo dato contrasta in modo significativo con il 12% dei repubblicani e il 18% degli indipendenti di orientamento repubblicano che si sono presi il tempo di fare l’iniezione.

La ragione principale che i repubblicani e gli indipendenti di orientamento repubblicano hanno addotto per decidere di non fare l’iniezione è stata che non ne avevano bisogno (64%) o che ritenevano che non valesse la pena di trarne beneficio (61%). Tra i democratici (o gli indipendenti di orientamento democratico) il motivo più comune addotto per non averlo ancora fatto è stato il fatto di essere troppo occupati (51%).

Tra i partecipanti che non erano affatto vaccinati o che lo erano solo in parte e, quindi, non erano idonei a ricevere il richiamo, il 9% si è identificato come democratico, mentre il 69% era repubblicano o indipendente di orientamento repubblicano.

 

Cambia l’atteggiamento nei confronti delle vaccinazioni in generale per i bambini

Una tendenza degna di nota emersa dal sondaggio della KFF è la maggiore opposizione all’obbligo di vaccinazione in generale per i bambini in età scolare, e non solo per le vaccinazioni COVID-19.

Quasi tre adulti su 10, secondo il sondaggio, sostengono che i genitori dovrebbero essere in grado di decidere se vaccinare o meno i propri figli per il morbillo, la parotite e la rosolia (MMR), una vaccinazione che è ampiamente disponibile dal 1971 e che, in 49 Stati e a Washington, D.C., è un requisito scolastico pubblico per l’accesso alla scuola materna. L’unica eccezione è rappresentata dall’Iowa, che impone la vaccinazione solo contro il morbillo e la rosolia, ma non contro la parotite.

Questo numero è aumentato del 12% rispetto al 2019, quando Pew Research ha condotto un sondaggio in ottobre, solo pochi mesi prima della pandemia. Nel 2019, il Pew aveva stabilito che il 16% degli americani si opponeva alla vaccinazione obbligatoria per i bambini; nel 2022, la KFF ha visto questo numero salire al 28%. E anche se la fiducia nell’efficacia del vaccino MMR rimane alta, pari all’80%, per i genitori con figli in età scolare sotto i 18 anni, l’opposizione alla vaccinazione obbligatoria è aumentata rispettivamente dal 23% al 35%.

Anche in questo caso, il divario repubblicano-democratico tra gli americani nel loro complesso è stato netto. Solo l’11% dei partecipanti democratici o di orientamento democratico ritiene che i genitori debbano decidere il destino vaccinale dei propri figli in relazione ai requisiti scolastici, rispetto al 44% di coloro che si identificano come repubblicani o di orientamento repubblicano. Dal 2019, l’opinione dei democratici è rimasta stabile, ma per i repubblicani le opinioni negative sulla vaccinazione obbligatoria sono più che raddoppiate, passando dal 20% del 2019 al 44% del 2022.

Il KFF ha rilevato che attualmente circa un genitore su quattro di adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni afferma che il proprio figlio ha già ricevuto il richiamo COVID-19 aggiornato (16%) o lo riceverà sicuramente a breve (8%). La percentuale di bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto il richiamo è leggermente inferiore, pari all’11%.

Secondo il CDC, a parte particolari leggi statali o locali, “non esiste alcun requisito federale o legale che imponga a un genitore, tutore o assistente di dare il consenso per il COVID-19 o per qualsiasi altra vaccinazione”, quindi, a seconda del luogo, poco può impedire ai minori con opinioni diverse da quelle dei genitori di sottoporsi autonomamente alla vaccinazione.

Nel giugno 2020, la Food and Drug Administration ha annunciato l’uso di emergenza del vaccino COVID-19 del ceppo originale per i bambini di 6 mesi. L’8 dicembre di quest’anno ha modificato l’autorizzazione per includere il nuovo richiamo bivalente.

 

La risposta ai richiami rimane tiepida nonostante gli sforzi dell’amministrazione Biden

I dati della KFF dimostrano la scarsa affluenza ai richiami nonostante gli sforzi dell’amministrazione Biden per aggiornare la popolazione sullo stato di vaccinazione contro la COVID-19 in vista delle vacanze e dei mesi invernali.

A fine novembre, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HSS) ha lanciato la campagna di sei settimane “Possiamo farcela”. L’HSS ha descritto questa campagna come “un’iniziativa nazionale per aumentare la fiducia del pubblico e l’adozione del vaccino COVID-19, rafforzando al contempo le misure di prevenzione di base come l’uso della maschera e l’allontanamento sociale”.

Il sito fornisce suggerimenti per stampare, personalizzare e condividere i contenuti della campagna “We Can Do This”, come la formulazione attuale formulata dall’HHS per messaggi di testo, e-mail e post sui social media per condividere facilmente le informazioni sul richiamo e su dove ottenerlo.

Ma nonostante questi sforzi, la risposta rimane mediocre.

Il messaggio è scarso; molte persone non sanno nemmeno che i richiami aggiornati sono disponibili, come riporta il Wall Street Journal (WSJ).

“Se lo sono, molti non sembrano capire l’importanza di fare il richiamo – con il bivalente o con la versione originale – e c’è una decisa mancanza di urgenza nelle comunicazioni a riguardo”, ha dichiarato al WSJ Angela Rasmussen, virologa della Georgetown University.

Secondo il WSJ, i leader della sanità pubblica attribuiscono la responsabilità del basso numero di vaccinazioni alla stanchezza generale per la pandemia, alla diminuzione del numero attuale di casi di COVID-19 e di ricoveri ospedalieri e allo scetticismo sull’efficacia del richiamo.

***

Fin qui l’articolo di Amy Gamm. 

In verità, la campagna vaccinale COVID non decolla in tutto il mondo. Si direbbe che i vaccini non li voglia più nessuno. Forse si ritiene che il rischio di assumere un prodotto sperimentale, chiamato vaccino, non valga i benefici, che per i giovani e sani sono pressoché nulli.

Ecco il grafico che lo dimostra. Un autentico crollo. Guardate come la curva va verso lo zero, cioè zero vaccinazioni.

 

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email