A proposito dell’accordo sino-vaticano, vi segnalo questo articolo di Steven W. Mosher, presidente del Population Research Institute e autore del volume Bulli dell’Asia: Perché il sogno della Cina è la nuova minaccia per l’ordine mondiale.

Eccolo nella mia traduzione.

Foto: soldati cinesi

Foto: soldati cinesi

Dopo aver espresso oramai da molto tempo la mia preoccupazione per l’accordo proposto dal Vaticano con la Cina (vedi qui e qui), ho deciso di andare a Roma per parlare direttamente con alti funzionari vaticani.

Come persona che ha lavorato con i cattolici cinesi per decenni, volevo scoprire cosa questi funzionari pensavano del vantaggio che la Chiesa avrebbe tratto dalla conclusione di un accordo con il Partito comunista cinese. Volevo anche far loro sapere che, a mio parere, i credenti cinesi considererebbero tale accordo come un vero e proprio tradimento.

Così la settimana scorsa a Roma ho incontrato diversi funzionari che, da oltre un decennio, sono direttamente coinvolti nei lunghi negoziati tra il Vaticano e la Cina. Li ho trovati intelligenti, attenti, riflessivi e schietti. Sono stato invitato a partecipare a ulteriori discussioni, quindi preferirei non rivelare i loro nomi. Ma per darvi un senso di ciò che questi prelati stanno pensando quando si tratta di Cina, vi racconto una conversazione del genere qui sotto.

*  * *

Ho iniziato il mio incontro con l’Arcivescovo X descrivendo come la Cina sotto Xi Jinping stia scendendo verso una nuova Rivoluzione Culturale. È importante per lui sapere che la tolleranza di dieci o quindici anni fa è stata sostituita da una vera e propria ostilità alla Chiesa.

“Xi è il nuovo Imperatore Rosso, e più potere accumula, più diventa tirannico”, gli ho detto. “Sta purgando i suoi nemici con il pretesto di una campagna anti-corruzione”.

Oltre 1,5 milioni di funzionari del Partito comunista sono stati accusati di corruzione negli ultimi cinque anni, ho continuato, ma non è stato accusato nemmeno uno dei sostenitori di Xi. E ora che Xi è Presidente per la Vita, la purga si sta espandendo. Tutti coloro che criticano Xi sono nel mirino.

“Recentemente un visitatore cinese mi ha detto che Xi non ha altra scelta se non quella di rimanere”, ha risposto l’arcivescovo.  “Mi ha detto che la corruzione era così radicata in Cina che ci sarebbero voluti altri 20 anni per sradicarla. Così, naturalmente, non ha avuto altra scelta se non quella di rimanere in carica come Presidente per finire il lavoro”.

Entrambi abbiamo riso dell’assurdità di questa spiegazione, che lo stesso presule ha respinto come “fantastica”.

“Xi ha già più potenza di Mao Zedong”, ho continuato.  “Non è solo il capo del Partito Comunista, come lo era Mao, ma è anche il capo del governo e dei militari, cosa che Mao non era. Il suo culto della personalità sta crescendo. Come Mao, vuole che il popolo cinese adori, lui non il Dio della Bibbia. Per questo Xi Jinping ha inasprito i controlli su tutte le attività religiose”.

Negli ultimi anni di governo di Xi, i credenti cinesi hanno affrontato una realtà sempre più dura. Le croci sono state abbattute e le chiese demolite. Sacerdoti e vescovi sono stati imprigionati (qui) e torturati.

La nuova normativa, emanata il 1° febbraio, è ancora peggiore. Rendono illegale portare i propri figli a messa, impongono a tutti i cattolici di registrarsi presso il governo e vietano le assemblee religiose illegali, comprese le classi di catechismo e di scuola domenicale. “Queste nuove regole sono destinate a sradicare il cattolicesimo”, gli ho detto.

Abbiamo parlato a lungo dei negoziati che lui e altri hanno portato avanti con le autorità cinesi.    L’Arcivescovo mi ha fatto capire che era stata ultimata (qui) una bozza di accordo sulla nomina congiunta dei vescovi: “Stiamo aspettando che i cinesi procedano”.

“Prevedo che i comunisti cinesi non andranno mai avanti con l’accordo”, ho risposto.  “Le persone con cui lei ha avuto a che fare nell’Ufficio per gli affari religiosi non sono più al potere. Lo stesso Ufficio di presidenza è stato sciolto. Xi ha dato la responsabilità per le questioni religiose al Dipartimento del Fronte Unito del Partito Comunista Cinese. Questo significa che Xi non vuole semplicemente regolare le attività della Chiesa Cattolica in Cina. Vuole eliminare del tutto la Chiesa”.

Un accordo sarebbe stato possibile 15 anni fa, sotto la debole guida dell’allora presidente Hu Jintao. In quel periodo la maggior parte dei vescovi della Cina, anche quelli patriottici, erano stati riconosciuti come vescovi leciti dal Santo Padre. Ma negli ultimi anni il Partito Comunista ha “ordinato” sempre più vescovi illeciti.  “Penso che queste ordinazioni da parte della Chiesa patriottica continueranno”, gli ho detto.

“Sì, ora ci sono sette vescovi patriottici ordinati illecitamente”, ha detto tristemente l’arcivescovo. Ha poi continuato a dire, quasi chiaramente:  “Stiamo cercando di prevenire uno scisma”.

Ecco il nocciolo della questione: Lui e altri alti funzionari in Vaticano credono che, firmando un accordo con il Partito Comunista Cinese, in qualche modo eviteranno una separazione formale della Chiesa in Cina da Roma.

Il problema di questa convinzione è che la Chiesa patriottica è già in scisma. In realtà, fu proprio per creare uno tale scisma che il Partito comunista fondò la chiesa patriottica nel 1958.

Anche durante la capricciosa tolleranza di 10 o 15 anni fa, quando a volte era possibile costruire nuove chiese e ordinare vescovi tranquillamentei, c’erano vescovi patriottici ai più alti livelli della chiesa patriottica controllata dallo Stato che avevano voltato le spalle al magistero. In nessun momento lo scisma era stato effettivamente sanato.

Tornando all’accordo proposto, ho detto all’arcivescovo: “Penso davvero che sia una lettera morta. Il nuovo Imperatore Rosso, che di giorno in giorno diventa più potente, non tollererà il tipo di ‘interferenza straniera nelle questioni interne cinesi’ che un tale accordo implicherebbe”.

“Ma se dovesse accadere che la Cina voglia andare avanti”, ha detto modestamente l’arcivescovo, “allora firmeremo un accordo con Xi Jinping stesso. Così non lo rispetterà?

Ho rapidamente recitato una litania di accordi che il governo cinese aveva firmato solo per violarli. Tra questi, il trattato di non proliferazione nucleare, l’accordo sino-britannico su Hong Kong e i patti dell’Organizzazione mondiale del commercio. “Per rispondere alla sua domanda, sua eccellenza”, ho concluso, “non credo che lui o i suoi colleghi onoreranno un simile accordo. Non sono uomini d’onore”.

“I cattolici cinesi vedranno la firma di un tale accordo come un tradimento”, gli ho detto.  “Vi esorto a non firmare un accordo con un regime brutalmente ateo che sta attivamente cercando di eliminare ogni credo e pratica religiosa all’interno della Cina, a cominciare dal cattolicesimo”.

* * *

Nel complesso, i miei numerosi incontri sulla Cina con vari funzionari vaticani sono durati più di cinque ore. Ho preso questo come un segno positivo della loro profonda preoccupazione per la Chiesa sofferente in Cina.

Li ho convinti che il proposto accordo Vaticano-Cina sarebbe – come credo – una resa dei fedeli cinesi al Partito comunista?

Non ne sono sicuro.

Ma sono certo di una cosa: ora capiscono la realtà politica sempre più dura dei nostri fratelli nella fede in Cina.

 

Fonte: OnePeterFive

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
16