Il nipote di un vescovo cinese clandestino, James Su Zhimin, scomparso da 23 anni ha chiesto informazioni sulla sua sorte.

Un articolo dello staff di UCANEWS nella mia traduzione.

Il vescovo James Su Zhimin di Baoding

Il vescovo James Su Zhimin di Baoding

 

Il nipote di un vescovo cinese clandestino scomparso da 23 anni ha chiesto informazioni sulla sua sorte.

Su Tianyou ha detto che non sa nemmeno se il vescovo James Su Zhimin di Baoding nella provincia di Hebei sia ancora vivo.

“I suoi spostamenti sono sconosciuti e non so nemmeno se sia vivo o meno. Sono turbato fino alle lacrime ogni volta che penso a quest’uomo di 87 anni. Pregate per lui”, ha detto.

Il vescovo Su è stato arrestato nel 1996 e considerato “controrivoluzionario” dal governo comunista per essersi rifiutato di aderire all’Associazione patriottica cattolica cinese approvata dal governo (la Chiesa Cattolica cinese controllata dal Partito cinese, ndr). Fuggito dalla detenzione nel 1997 prima di essere nuovamente arrestato. La sua famiglia lo ritrovò per caso in un ospedale di Baoding nel 2003. Da allora non è stato più visto in pubblico.

Su Tianyou ha detto a ucanews.com che nel 2015 aveva incontrato Guo Wei, un funzionario per gli affari religiosi che all’epoca era coinvolto nei negoziati Cina-Vaticano. Guo gli disse di aspettare un miglioramento delle relazioni Cina-Vaticano prima che il vescovo Su potesse essere rilasciato, ha detto.

Anche se i rapporti sono sembrati migliorare quando Pechino e il Vaticano hanno firmato un accordo provvisorio sulle nomine dei vescovi lo scorso settembre, non ci sono ancora informazioni sul clero scomparso e altre ancora sono state nascoste dalle autorità.

Su Tianyou ha affermato che il Vaticano ha parlato a Pechino del caso di Su, ma non sa come siano andate le trattative.

“La scomparsa del vescovo Su può avere un grave impatto perché è un grande problema a livello internazionale”, ha detto.

A Hong Kong, la Commissione Giustizia e Pace controlla il clero continentale scomparso e ha chiesto al governo cinese di rilasciare il vescovo Su in molte occasioni.

La segretaria esecutiva Lina Chan ha detto che i negoziati Cina-Vaticano non possono ignorare il clero scomparso, come il vescovo Su e il vescovo Cosmas Shi Enxiang di Yixian in Hebei.

“Una delle ragioni per negoziare è lasciare che i fedeli cinesi normalizzino la loro vita religiosa. I vescovi scomparsi, tuttavia, mostrano quanto sia anormale”, ha detto Chan a ucanews.com.

Il vescovo Su è stato arrestato almeno cinque volte e si trova in carcere da più di 40 anni in totale.

La comunità della chiesa aperta (quella controllata dal governo cinese, ndr) della diocesi di Baoding è guidata dal vescovo Francis An Shuxin, 69 anni. Era un vescovo coadiutore della comunità clandestina, ma si è unito alla chiesa aperta nel 2010.

Su Tianyou ha detto che la diocesi è divisa da molti anni di lotte tra i vari partiti.

“Per il futuro, sembra che non ci siano molta speranza.Tutti ascoltano il governo. I sacerdoti non sono uniti.  Aspettiamo e speriamo in un miracolo”, ha detto.

 

Fonte: UCANEWS

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email