Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

vaccini-covid-19

 

Secondo un nuovo studio a lungo termine, alcuni bambini che hanno sperimentato un’infiammazione cardiaca dopo la vaccinazione con il vaccino COVID-19 presentano cicatrici sul cuore a distanza di mesi.

I ricercatori hanno seguito un gruppo di 40 pazienti di età compresa tra i 12 e i 18 anni per un massimo di un anno dopo che ai bambini era stata diagnosticata una miocardite, o infiammazione cardiaca, in seguito alla vaccinazione con uno dei vaccini a RNA messaggero di Pfizer o Moderna. Hanno eseguito una serie di test, tra cui ecocardiogrammi.

La risonanza magnetica cardiaca è stata eseguita su 39 dei 40 pazienti. Sono stati ottenuti risultati anomali per 26 dei pazienti sottoposti a risonanza magnetica, tra cui 19 che presentavano un aumento tardivo del gadolinio o segni di cicatrizzazione.

I pazienti con risultati anomali sono tornati a sottoporsi a risonanze magnetiche cardiache di follow-up almeno cinque mesi dopo gli esami iniziali e 15, ovvero il 58%, presentavano un aumento di gadolinio tardivo (LGE) residuo. Anche l’unico paziente senza una scansione iniziale presentava un lieve aumento tardivo del gadolinio quando è stato sottoposto a una visita di controllo.

“È stata osservata la persistenza di LGE in un sottogruppo significativo di pazienti con un follow-up fino a 1 anno”, hanno scritto il dottor Yiu-fai Cheung, dell’Hong Kong Children’s Hospital, e gli altri ricercatori.

Secondo loro, le implicazioni di questa persistenza rimangono poco chiare, ma dato che è un indicatore di disfunzione cardiaca subclinica e di cicatrizzazione, “esiste un potenziale effetto a lungo termine sulla capacità di esercizio e sulla riserva funzionale cardiaca durante lo sforzo”.

Lo studio è stato pubblicato da Circulation. Gli autori non hanno dichiarato di aver ricevuto finanziamenti o di essere stati coinvolti.

Il dottor Peter McCullough, cardiologo americano e presidente della McCullough Foundation, ha dichiarato che i nuovi dati sono coerenti con quanto i cardiologi vedono nella pratica clinica.

“I casi gravi di miocardite indotta dal vaccino COVID-19 non si risolvono con la risonanza magnetica cardiaca a un anno di follow-up nella maggior parte dei casi. A un certo punto, dobbiamo presumere che l’aumento tardivo del gadolinio rappresenti una cicatrice o un danno permanente”, ha dichiarato via e-mail a The Epoch Times il dottor McCullough, che non era coinvolto nella ricerca.

“I vaccini COVID-19 dovrebbero essere ritirati dal mercato immediatamente fino a nuovo avviso. Dovrebbero essere immediatamente avviati programmi di ricerca su larga scala sulla miocardite subclinica e clinica indotta dal vaccino COVID-19, con l’obiettivo iniziale di stratificare il rischio e mitigare l’arresto cardiaco”.

Il dottor Anish Koka, un altro cardiologo americano non coinvolto nello studio, ha affermato che la LGE persistente indica una cicatrice che ha sostituito il muscolo cardiaco inizialmente infiammato.

“La buona notizia è che la quantità di cicatrice è piccola. La cattiva notizia è che la cicatrice c’è”, ha scritto il Dr. Koka sul [social] X, precedentemente noto come Twitter.

Ha detto che il livello di cicatrici indica che probabilmente non ci sarà un impatto a lungo termine, ma che anche piccoli livelli di cicatrici potrebbero essere alla base di future aritmie, con l’esercizio fisico come fattore scatenante.

“Tutti questi bambini (anche quelli senza cicatrici) dovrebbero sottoporsi a test da sforzo a 6 mesi per tentare di stabilire la prognosi”, ha detto il dottor Koka.

Pfizer e Moderna non hanno risposto alle richieste di commento sullo studio sulla miocardite, un noto effetto collaterale dei vaccini COVID-19 di entrambe le aziende.

 

Altre prove

La miocardite dopo la vaccinazione COVID-19 è stata rilevata per la prima volta all’inizio del 2021 e un numero crescente di studi ha smentito le affermazioni dei funzionari statunitensi secondo cui l’infiammazione cardiaca è lieve e si risolve senza trattamento.

Uno studio dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), pubblicato nel 2022, ha riportato che tra i pazienti sottoposti a risonanza magnetica cardiaca di follow-up, il 54% presentava almeno un’anomalia, ad esempio una cicatrice.

Lo studio si è basato sulle indagini condotte dagli operatori sanitari che hanno visitato i pazienti.

Questi ultimi hanno poi riferito al CDC che da cinque a 13 mesi dopo la diagnosi iniziale, il 14% dei pazienti non era ancora autorizzato a svolgere tutte le attività fisiche e che molti pazienti presentavano ancora risultati anomali alla risonanza magnetica cardiaca. Inoltre, in una serie separata di indagini, molti pazienti hanno riferito di avere uno o più sintomi oltre l’anno.

Sempre nel 2022, i medici del Rhode Island hanno riferito che 8 pazienti su 9, sottoposti a scansione a una media di 94 giorni dalla diagnosi iniziale, presentavano LGE persistente, mentre i ricercatori statunitensi hanno riferito nel 2023 che 3 pazienti su 7, sottoposti a scansione a una media di 107 giorni dalla diagnosi, presentavano LGE persistente.

La miocardite può causare decessi, anche improvvisi, e i decessi per miocardite dopo la vaccinazione sono stati confermati in diversi Paesi, tra cui Corea del Sud, Stati Uniti e Germania.

Ricercatori sudcoreani hanno riferito a giugno che la miocardite indotta da vaccino ha causato otto morti improvvise, tutte in persone di età pari o inferiore a 45 anni, e una nuova meta-analisi ha rilevato che la vaccinazione COVID-19 è legata a un aumento del rischio di morte per cause cardiache.

La miocardite indotta dal vaccino colpisce soprattutto i giovani, in particolare i maschi.

Alcuni critici sostengono che tutte le persone, o alcune persone, non hanno bisogno di un vaccino, facendo notare i rischi e le alte percentuali di persone che sono state vaccinate, infettate o entrambe.

Il CDC raccomanda ancora che le persone di tutte le età ricevano il vaccino COVID-19, nonostante il rischio di infiammazione cardiaca e altri effetti collaterali e anche se l’efficacia dei vaccini è peggiorata. Nella sua più recente valutazione dei benefici e dei rischi, il CDC ha stimato che un milione di dosi nei bambini di età compresa tra i 12 e i 17 anni preverrebbe fino a 136 ospedalizzazioni e un decesso. Secondo le stime precedenti del CDC, un milione di seconde dosi porterebbe a 48 casi di miocardite nei bambini di età compresa tra i 12 e i 15 anni e a 84 casi nei bambini di 16 o 17 anni.

Zachary Stieber

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments