Il New York Times riporta che molti giovani pazienti trans “non si riprendono completamente” dagli effetti sulla salute dei bloccanti della pubertà.

Di seguito vi propongo un articolo scritto da Joan Frawley Desmond, pubblicato su National Catholic Register. Eccolo nella mia traduzione. 

 

 

Un articolo di prima pagina del New York Times di ieri ha riconosciuto una serie di fatti scioccanti sull’impatto a lungo termine dei bloccanti della pubertà e degli ormoni cross-sessuali sui bambini e gli adolescenti che ricevono i farmaci come trattamento “salvavita” per la disforia di genere.

La storia conferma che le contraddizioni dei protocolli di medicina trans per i bambini e gli adolescenti che si sentono “intrappolati nel corpo sbagliato” stanno finalmente ricevendo una rivalutazione onesta e scientifica, attesa da tempo.

Secondo il Times, nel 2021 le compagnie di assicurazione hanno riferito che a 42.000 minori è stata diagnosticata la disforia di genere e “4.780 pazienti con questa diagnosi sono stati sottoposti a trattamenti di blocco della pubertà coperti dall’assicurazione”.

Ora, “tra alcuni professionisti del settore medico cresce la preoccupazione per le conseguenze dei farmaci” utilizzati da molte cliniche e medici per trattare bambini di soli 6 anni.

Ecco alcuni punti chiave:

1. Due studi che hanno seguito “la forza ossea dei pazienti trans durante l’uso di bloccanti e durante i primi anni di trattamento con ormoni sessuali hanno rilevato che molti di essi non recuperano completamente. … Questo potrebbe portare a un rischio maggiore di fratture debilitanti prima di quanto ci si aspetterebbe dal normale invecchiamento – a 50 anni invece che a 60 – e a danni più immediati per i pazienti che iniziano il trattamento con ossa già deboli…”.

“Ci sarà un prezzo”, ha detto il dottor Sundeep Khosla, che dirige un laboratorio di ricerca sulle ossa alla Mayo Clinic. “E il prezzo sarà probabilmente un certo deficit di massa scheletrica”.

2. Nuovi studi dimostrano che “i farmaci sono associati a deficit nello sviluppo osseo”.

“Durante l’adolescenza, la densità ossea aumenta in genere dell’8-12% all’anno”.

Il Times ha commissionato un’analisi di “sette studi condotti nei Paesi Bassi, in Canada e in Inghilterra che hanno coinvolto circa 500 adolescenti transgender dal 1998 al 2021” e ha appreso che, mentre gli adolescenti assumevano i bloccanti, “non hanno guadagnato densità ossea, in media, e hanno perso molto terreno rispetto ai loro coetanei”.

3. Mentre migliaia di giovani pazienti statunitensi ricevono bloccanti della pubertà, non esiste un database che tenga traccia dei loro progressi o degli impatti sulla salute dei farmaci.

Il National Institutes of Health ha assegnato 7 milioni di dollari a quattro cliniche americane di genere di alto livello “per esaminare gli effetti dei bloccanti e del trattamento ormonale sui giovani transgender”. Nella spiegazione del loro studio, i ricercatori hanno sottolineato che gli Stati Uniti non hanno prodotto alcun dato sull’impatto o sulla sicurezza dei bloccanti, in particolare tra i pazienti transgender di età inferiore ai 12 anni, lasciando un “vuoto di prove per questa pratica””.

I medici affermano che pubblicheranno i loro risultati l’anno prossimo e attribuiscono il ritardo alle interruzioni dovute alla pandemia.

4. Nessuno sa quanti bambini ricevano questi farmaci, poiché “non esiste un monitoraggio centralizzato delle prescrizioni di bloccanti negli Stati Uniti”.

“Komodo Health, una società di tecnologia sanitaria, ha compilato per Reuters i dati delle assicurazioni pubbliche e private, mostrando un forte aumento del numero di bambini di età compresa tra i 6 e i 17 anni a cui viene diagnosticata la disforia di genere, da circa 15.000 nel 2017 a circa 42.000 nel 2021. In questo periodo, 4.780 pazienti con questa diagnosi sono stati sottoposti a trattamenti di blocco della pubertà coperti dall’assicurazione, come mostrano i dati, e le nuove prescrizioni aumentano ogni anno. Ma i dati non tengono conto dei molti casi in cui l’assicurazione non copre i farmaci per questo uso, lasciando che le famiglie paghino di tasca propria”.

5. La FDA non ha approvato l’uso dei bloccanti della pubertà per la disforia di genere, per cui vengono prescritti “off-label”.

Secondo quanto riferito, i principali medici americani “hanno chiesto alla AbbVie e alla Endo Pharmaceuticals, produttrice di un altro bloccante, di chiedere l’approvazione della FDA per l’uso dei farmaci tra gli adolescenti trans”. Le case farmaceutiche avrebbero dovuto finanziare la ricerca per una popolazione di pazienti che costituisce solo una piccola parte del loro mercato. Ma i medici sostenevano che l’approvazione normativa avrebbe potuto contribuire a stabilire la sicurezza del trattamento e ad ampliare la copertura assicurativa dei farmaci, che possono costare decine di migliaia di dollari all’anno. Alla fine, AbbVie ed Endo hanno detto no. Le aziende hanno rifiutato di commentare la decisione”.

6. Ci sono preoccupazioni per l’impatto sullo sviluppo del cervello.

“Alcuni medici e ricercatori temono che i bloccanti della pubertà possano in qualche modo interrompere un periodo formativo di crescita mentale. Con l’adolescenza arrivano il pensiero critico, un’auto-riflessione più sofisticata e altri significativi balzi nello sviluppo del cervello. È stato dimostrato che gli ormoni sessuali influiscono sulle capacità sociali e di risoluzione dei problemi. Si ritiene che la crescita cerebrale sia collegata all’identità di genere, ma la ricerca in queste aree è ancora molto recente”.

Quindi, anche se i bloccanti della pubertà sono stati venduti come un modo per i giovani pazienti di premere il pulsante di pausa mentre sono alle prese con la disforia di genere, non è ancora chiaro se ciò possa causare gravi danni.

“Se il cervello si aspetta di ricevere quegli ormoni in un determinato momento e non lo fa, cosa succede?”, ha detto la dottoressa Sheri Berenbaum, responsabile di un laboratorio di ricerca sul genere alla Penn State e una delle autrici dell’articolo. “Non lo sappiamo”.

Speriamo che l’American Academy of Pediatrics e l’amministrazione Biden, che ha cercato di obbligare i medici a fornire questi farmaci su richiesta, abbiano letto la storia del Times. Merita l’attenzione di tutti.

A giugno, il Presidente Biden ha incaricato il Dipartimento dell’Istruzione e il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani di ampliare l’accesso alle cure per l’affermazione del genere e di cercare modi per ostacolare le iniziative statali volte a limitare tali trattamenti per i minori che lottano contro la disforia di genere. Nel frattempo, gli ospedali e i medici cattolici hanno presentato ricorso contro gli ordini esecutivi di Biden che impongono loro di fornire ai minori trans cure affermative o di incorrere in sanzioni finanziarie.

L’Accademia Americana di Pediatria ha approvato protocolli di affermazione di genere che indirizzano i medici e le famiglie ad accettare senza dubbi l’identificazione di un bambino con il sesso opposto. L’associazione professionale è stata accusata di reprimere il dibattito tra i suoi membri su questo tema.

L’AAP sta “lavorando molto duramente per dare l’impressione che tutto sia stato deciso e che non ci sia dibattito”. Il numero crescente di detrattori suggerisce che [i pediatri] non sanno davvero cosa stiamo facendo in questo caso”, ha dichiarato al Wall Street Journal nel 2021 la dottoressa Julia Mason, pediatra, borsista dell’AAP e membro del gruppo di clinici e ricercatori che contestano il modello di assistenza affermativa.

Quest’anno, cinque membri dell’AAP hanno espresso preoccupazione per una risposta “basata sui farmaci” alla disforia di genere e hanno chiesto una valutazione completa del background del paziente e dei suoi problemi di salute mentale come prima priorità.

Paul Hruz, endocrinologo e ricercatore pediatrico, ha dichiarato al Register che l’articolo del Times “che riconosce la debolezza delle prove scientifiche utilizzate per sostenere il modello affermativo per la cura dei bambini con disforia di genere può essere un punto di svolta nella discussione culturale, spesso accesa, su questo argomento delicato”.

“L’articolo del NYT espone molti dei rischi noti e potenziali dell’arresto della pubertà in tempi normali. Sebbene le prove più evidenti riguardino gli effetti negativi sulla densità ossea, ci sono molti altri seri interrogativi su questa pratica. Tra questi, la possibilità che questo intervento consolidi l’identità di genere discordante per coloro che altrimenti risolverebbero i loro problemi di identità di genere durante la pubertà”.

Hruz ha sottolineato “l’urgente necessità di condurre indagini scientifiche di alta qualità sui rischi e i benefici dell’interruzione della pubertà in tempi normali per i giovani disforici di genere. Questo dovrebbe includere studi adeguatamente controllati per testare le ipotesi alternative, compresi i benefici degli interventi psicologici primari”.

Joan Frawley Desmond

 

 Joan Frawley Desmond è la redattrice senior del Register. È una giornalista pluripremiata, ampiamente pubblicata nei media cattolici, ecumenici e laici. Diplomata al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli Studi su Matrimonio e Famiglia, vive con la sua famiglia in California.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments