Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Igor Chudov sul suo substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’intervista nella mia traduzione.

 

 

Un paio di settimane fa, ho riferito di uno studio australiano che mostrava un marcato declino delle risposte immunitarie innate nei bambini di 5-11 anni dopo la vaccinazione COVID.  

L’articolo ha suscitato una reazione sui social media. Sono state pubblicate due verifiche dei fatti. Ne ho discusso una.

 

Gli scienziati parlano chiaro

Tre autori dello studio originale di Frontiers hanno rilasciato questa dichiarazione pubblicata:

 

In sostanza dicono che i risultati del loro studio (diminuzione risposta immunitaria nei bambini dopo vaccinazione COVID-19) non devono essere interpretati per per affermare che i vaccini COVID-19 sono pericolosi.

 

La loro dichiarazione merita di essere letta attentamente e per intero. Chiedono di non interpretare negativamente i loro risultati perché “non hanno studiato le conseguenze cliniche di questi cambiamenti”. Dicono anche: “Non sappiamo quanto durino”. Stanno forse dicendo che se queste riduzioni delle risposte immunitarie agli agenti patogeni comuni non durano per sempre, vanno bene? Non ne sono sicuro.

La parte veramente interessante del loro scritto viene dopo. Dicono (sottolineato in blu): “Abbiamo riscontrato cambiamenti simili nella risposta immunitaria dopo la vaccinazione con BCG nei neonati”.

Questo è interessante per un motivo molto importante! Lo studio originale che ha dato impulso al mio post “Il vaccino Covid causa la VAIDS nei bambini” (VAIDS sta per Sindrome da immunodeficienza acquisita da vaccino, ndr) mancava di un gruppo di controllo. Le reazioni immunitarie dei bambini che hanno partecipato a quello studio sono state confrontate con il loro stato immunitario prima delle vaccinazioni. Non c’era un altro gruppo di controllo separato, non vaccinato. Brian Mowrey lo ha notato, e ha ragione: lo studio avrebbe potuto beneficiare di un gruppo di controllo.

Gli stessi autori hanno respinto l’idea di un gruppo di controllo in quanto non etico:

Le limitazioni includono l’impossibilità di includere un gruppo di controllo non vaccinato a causa della raccomandazione dell’ATAGI di sottoporre al vaccino BNT162b2 tutti i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Non era etico randomizzare i bambini in un gruppo non vaccinato, con placebo o con vaccinazione ritardata, dato che l’ATAGI raccomandava il vaccino BNT162b2 per la fascia di età di interesse e che Melbourne stava vivendo un’impennata di casi di COVID-19 nella comunità durante il periodo dello studio.

Eppure, gli autori dello studio Frontiers, nella loro dichiarazione di follow-up, hanno menzionato il vaccino BCG (vaccino contro la tubercolosi, ndr) e ci hanno dato la possibilità di avere una sorta di gruppo di controllo dello studio Covid.

Possiamo confrontare i bambini vaccinati con Covid con quelli vaccinati con BCG!

 

Effetto BCG contro effetto del vaccino Pfizer

Gli autori dello studio Frontiers affermano nella loro dichiarazione di follow-up che i bambini vaccinati con il BCG hanno sperimentato “cambiamenti simili” a quelli dei bambini vaccinati con il Covid.

È vero?

I cambiamenti nella funzione immunitaria causati da questi due vaccini sono simili, come sostengono gli autori?

Vediamo. Il Dr. Curtis forse si riferisce a questo studio sul BCG del 2018 che ha condotto con i coautori:

 

 

Il grafico dello studio sul BCG di cui sopra ha un aspetto ingannevolmente simile a quello dello studio sul vaccino Pfizer.

 

 

Ricordiamo che lo studio sul vaccino Pfizer ha un grafico che a prima vista sembra simile:

 

 

Tuttavia, l’unica cosa simile tra i loro grafici è che ognuno di essi ha una serie di sottografici. A chi non presta attenzione, potrebbero sembrare “simili”.

In primo luogo, questi grafici sono organizzati in modo diverso: il grafico del BCG ha sottografici per ogni agente patogeno, con i dettagli delle varie risposte immunitarie a ciascuno di essi. Il grafico del vaccino COVID ha dei sottografici per ogni risposta immunitaria, che elencano i cambiamenti nella risposta immunitaria a ogni agente patogeno. In altre parole:

Il grafico del BCG va dagli agenti patogeni alle risposte immunitarie.

  • Il grafico COVID va dalle risposte immunitarie agli agenti patogeni.
  • Il grafico del vaccino Pfizer ha una scala logaritmica molto più ampia per adattarsi ai maggiori cali della funzione immunitaria misurati.
  • È possibile confrontare i due grafici secondari di ciascuno di essi, ingranditi:

 

 

Si può notare che nello studio sul BCG le risposte immunitarie sono ben raggruppate per agente patogeno (Staphylococcus Aureus nel mio esempio precedente). Lo studio sull’effetto del vaccino COVID ha raggruppato gli agenti patogeni in base alle risposte immunitarie. Quindi sono organizzati in modo diverso. Ciò è evidenziato dalle frecce rosse.

Purtroppo, questo rende difficile il confronto tra questi studi, ma cercherò di aiutarvi.

Concentriamoci sullo Staphylococcus aureus, un agente patogeno comune che il nostro corpo incontra spesso.

L’intero lato sinistro dell’immagine (il lato BCG) è dedicato allo S. Aureus. Il lato destro (dallo studio COVID) mostra le risposte IL-6, ma una di queste è per lo S. Aureus, in modo da poter confrontare Covid con il vaccino BCG.

In blu, mostro come la risposta immunitaria IL-6 allo Staphylococcus aureus sia cambiata solo del -27% per il vaccino BCG, ma sia diminuita di dieci volte per il vaccino COVID!

Il grafico del BCG mostra diminuzioni molto piccole nelle risposte immunitarie allo S. Aureus, in tutti i casi statisticamente indistinguibili dall’assenza di cambiamenti. La maggior parte dei cambiamenti sono minimi, intorno al meno 5-15% o giù di lì. Guardate di nuovo la parte del BCG per lo S. Aureus:

 

 

Osservate ora i cambiamenti nella risposta immunitaria allo stesso patogeno S. Aureus, distribuiti nel grafico del vaccino COVID. Il grafico COVID è scalato logaritmicamente, quindi la posizione -1 significa un declino di 10 volte. In effetti, molte funzioni mostrano un declino di circa 4-10 volte. Le ho contrassegnate con una faccina triste:

 

 

Rispetto ai lievi cali della risposta immunitaria ai parametri dello S. Aureus del vaccino BCG, si registrano cali massicci e di molte volte negli stessi parametri per il vaccino COVID.

Non va bene! Ciò suggerisce un deterioramento molto significativo della risposta immunitaria.

Disclaimer: i bambini degli studi BCG e COVID non sono direttamente confrontabili. Hanno età diverse e non sono stati abbinati in modo ideale. A coloro che amano respingere i segnali allarmanti perché provengono da un confronto imperfetto, ricordiamo che la “scienza COVID” ha combattuto con le unghie e con i denti contro qualsiasi tentativo di studiare la sicurezza dei vaccini Covid e le loro conseguenze immunitarie nei bambini. Quindi, questi confronti sono tutto ciò che abbiamo, purtroppo.

 

Lo studio Moderna sui bambini mostra che i bambini vaccinati sono molto più malati

Il nostro astuto lettore FS, che gestisce la sottostampa FastScience, ha evidenziato i segni di problemi nei bambini vaccinati nello studio sul vaccino Moderna. Cliccare qui per visualizzare la pagina 165 del documento della FDA.

In rosso ho evidenziato i problemi di salute dei bambini che hanno ricevuto il vaccino Moderna. Con il verde ho evidenziato (un solo) bambino del gruppo placebo che si è ammalato gravemente.

Si può notare quanto siano più malati i bambini vaccinati! Vengono ricoverati in ospedale con raffreddori, febbri, convulsioni febbrili e molti altri problemi. In questo caso, la vaccinazione o il placebo sono stati assegnati per caso, eliminando qualsiasi fattore di confondimento.

 

 

Ho messo una croce rossa sulle voci chiaramente non correlate (oggetto estraneo nelle vie aeree, allergia all’uovo, ecc.).

Purtroppo, il resto delle voci ritrae bambini vaccinati COVID molto malati e ricoverati in ospedale per raffreddori ordinari, convulsioni febbrili, otiti, polmoniti e molto altro.

Solo un bambino malato non era vaccinato. (segnato in verde)

Rileggete e lasciate che questo sia chiaro.

Gli sperimentatori di Moderna hanno dichiarato che tutti questi eventi non erano correlati tra loro. Erano davvero non correlati? Come mai solo un bambino placebo era malato? I bambini vaccinati non sono stati in grado di dare una risposta immunitaria efficace ai comuni agenti patogeni che ci circondano e sono finiti in ospedale, ricoverati nuovamente, ecc.

Eventi avversi gravi

Nella Parte 2, dalla dose 1 fino alla chiusura dei dati, sono stati segnalati SAE in 15 riceventi di mRNA-1273 (0,9%) e in 1 ricevente di placebo (0,2%). Dodici SAE sono stati valutati dallo sperimentatore dello studio come non correlati al prodotto in sperimentazione, mentre 4 SAE in 2 riceventi di mRNA-1273 sono stati valutati dallo sperimentatore dello studio come correlati. “

Quanto sopra non è una prova di VAIDS (Vaccine Acquired Immune Deficiency Syndrome)?

VAIDS è un termine colloquiale usato per descrivere la diminuzione dell’immunità in seguito alla vaccinazione COVID. Al momento non ha una definizione scientifica accettata. Tuttavia, con questi nuovi studi, ci stiamo avvicinando a disporre di dati che ci consentano di misurare i cambiamenti descritti da questo termine.

 

Le prove sono state distrutte?

Spero che un giorno scienziati e investigatori onesti vadano a fondo di questa situazione. Quando la esamineranno, troveranno tutte le dosi originali di “vaccino Covid” distrutte, i registri cancellati, ecc.

Il vaccino Covid, fortunatamente, non è più raccomandato per i bambini in Australia, dove è stato condotto lo studio originale. Lo studio di Curtis et al. è impossibile da replicare con il vaccino COVID originale!

Quindi, purtroppo, abbiamo milioni di bambini che hanno bisogno di utilizzare le risorse ospedaliere invece di godersi la loro infanzia precedentemente sana – e non c’è modo di scoprire l’esatto meccanismo di ciò che è accaduto loro!

I cambiamenti immunitari misurati dagli scienziati australiani sono reali e riguardano milioni di bambini vaccinati con il COVID.

Le loro madri volevano il meglio per loro e si sono fidate di Pfizer e Moderna. Tutti i genitori di questi bambini avevano le migliori intenzioni, ma si sono fidati delle persone sbagliate e hanno fatto iniettare ai loro figli sostanze non sperimentate che hanno causato un drastico calo delle loro difese immunitarie. La risposta immunitaria dei bambini non è stata testata prima della campagna di vaccinazione, ma è stata scoperta, quasi per caso, due anni dopo che i bambini avevano ricevuto le loro iniezioni misteriose.

Queste persone meritano l’amnistia per la pandemia?

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments