Papa Francesco ed il vicario di Roma Card. Angelo De Donatis

Papa Francesco ed il vicario di Roma Card. Angelo De Donatis

 

di Sabino Paciolla

 

Nell’articolo di oggi avevo scritto che mi sembrava una decisione senza precedenti nella storia della Chiesa, perché attuata nel cuore della cristianità, quella di chiudere le chiese della diocesi di Roma, il cui vescovo è proprio il Papa, a causa della pandemia del coronavirus.

Gli eventi sono stati rapidi e convulsi. Prima il comunicato della CEI che attribuiva al senso di responsabilità verso il bene comune la chiusura delle chiese. Poche ore dopo arriva il decreto del vicario della diocesi di Roma, cardinale Angelo De Donatis, che stabilisce che “Sino a venerdì 3 aprile 2020 l’accesso alle chiese parrocchiali e non parrocchiali della Diocesi di Roma, aperte al pubblico (cf. cann. 1214 ss C.I.C.), e più in generale agli edifici di culto di qualunque genere aperti al pubblico, viene interdetto a tutti i fedeli.” (enfasi mia).

Seguono smarrimento e sconforto nei pastori e nei fedeli.

Stamattina il Papa nella sua omelia della messa mattutina da Casa Santa Marta smentisce clamorosamente il decreto di qualche ora prima del suo vicario De Donatis. Il papa infatti dice: “E vorrei anche pregare oggi per i pastori che devono accompagnare il popolo di Dio in questa crisi: che il Signore gli dia la forza e anche la capacità di scegliere i migliori mezzi per aiutare. Le misure drastiche non sempre sono buone, per questo preghiamo: perché lo Spirito Santo dia ai pastori la capacità e il discernimento pastorale affinché provvedano misure che non lascino da solo il santo popolo fedele di Dio.”

L’Elemosiniere del Papa, Card. Konrad Krajewski, presente alla messa del Papa, immediatamento dopo, esce e va ad aprire ai fedeli la chiesa romana di Santa Maria Immacolata all’Esquilino, di cui è titolare, dicendo: “Nel pieno rispetto delle norme di sicurezza è mio diritto assicurare ai poveri una chiesa aperta. Stamattina alle 8, sono venuto qui e ho spalancato il portone. Così i poveri potranno adorare il Santissimo Sacramento che è la consolazione per tutti in questo momento di grave difficoltà”.

Gli eventi oggettivi hanno fatto sembrare che vi fosse stata una sconfessione del vicario di Roma (e del card. Bassetti, presidente CEI) da parte del Papa. Ovvio che una decisione così grave come quella della chiusura delle chiese di Roma non potesse essere presa dal vicario della diocesi di Roma senza l’assenso di Papa Francesco, che di quella diocesi è il vescovo. Allo stesso modo, anche la decisione della CEI riguardo la chiusura delle chiese non è pensabile che sia stata presa senza un preventivo assenso del Papa. Erano deduzioni logiche che tutti hanno fatto, ma che non potevano essere esplicitate prima di una prova. 

Per quanto riguarda la diocesi di Roma, la prova è arrivata proprio dal vicario De Donatis, che in una lettera inviata ai fedeli di Roma ha spiegato il gesto con queste parole

“Con una decisione senza precedenti, consultato il nostro Vescovo Papa Francesco, abbiamo pubblicato ieri, 12 marzo, il decreto che fissa la chiusura per tre settimane delle nostre chiese.

Non ci ha spinto una paura irrazionale o, peggio, un pragmatismo privo di speranza evangelica. Ma l’obbedienza alla volontà di Dio. Questa volontà ci si è manifestata attraverso la realtà del momento storico che stiamo vivendo. È obbedienza alla vita, che è forse il modo più esigente con cui il Signore ci chiede di obbedirgli.

Il contagio da coronavirus si sta diffondendo in maniera esponenziale.(…)

Un’ulteriore confronto con Papa Francesco, questa mattina, ci ha spinto però a prendere in considerazione un’altra esigenza: che dalla chiusura delle nostre chiese altri “piccoli”, questa volta di un tipo diverso, non trovino motivo di disorientamento e di confusione. Il rischio per le persone è di sentirsi ancora di più isolate. Di qui il nuovo decreto che vi viene inviato con questa lettera e che contiene l’indicazione di lasciare aperte le sole chiese parrocchiali e quelle che sono sedi di missioni con cura d’anime ed equiparate.”

Dunque, il vicario della diocesi di Roma Card. De Donatis, di comune accordo con il Papa, sarebbe meglio dire obbedendo al suo volere, ha emesso il decreto di chiusura delle chiese di Roma. Successivamente, dopo la presa di coscienza del “disorientamento e confusione” che la decisione aveva provocato, sempre sotto indicazione del Papa, ha emesso a poche ore di distanza un nuovo decreto che faceva marcia indietro rispetto alla decisione della sera prima. Le chiese di Roma ora sono nuovamente aperte. 

 

                                                 ********************************

 

Ecco il testo dell’intera lettera del Card. Angelo De Donatis

 

Con una decisione senza precedenti, consultato il nostro Vescovo Papa Francesco, abbiamo pubblicato ieri, 12 marzo, il decreto che fissa la chiusura per tre settimane delle nostre chiese.

Non ci ha spinto una paura irrazionale o, peggio, un pragmatismo privo di speranza evangelica. Ma l’obbedienza alla volontà di Dio. Questa volontà ci si è manifestata attraverso la realtà del momento storico che stiamo vivendo. È obbedienza alla vita, che è forse il modo più esigente con cui il Signore ci chiede di obbedirgli.

Il contagio da coronavirus si sta diffondendo in maniera esponenziale. In pochissimi giorni il numero degli infetti raddoppia, e di questo passo non è difficile prevedere che in due mesi raggiunga l’ordine di decine di migliaia di persone solo in Italia. È evidente il rischio di collasso delle strutture sanitarie, già ventilato da molti, soprattutto per la sproporzione tra le risorse di terapia intensiva disponibili e il crescente numero di malati. Potrebbe perdere la vita un numero elevato di persone, soprattutto anziani e soggetti vulnerabili. Possiamo arginare questa tragica eventualità solo applicando misure per frenare il contagio e permettendo al S.S.N. di riorganizzarsi. Gli italiani crescono nella consapevolezza che dietro all’invito di non uscire di casa c’è un’esigenza improcrastinabile di curare il bene comune. È questa la realtà che stiamo vivendo.

Cosa ci chiede il Signore, qual è la sua volontà, quella a cui siamo tenuti ad obbedire? Fare del nostro meglio e dare il nostro contributo per la salute di ognuno. Stringersi gli uni agli altri non fisicamente, ma con la solidarietà reciproca, perché gli anziani e i malati, che in questo momento sono i “piccoli” che Gesù mette al centro, possano percepire che c’è una società intera, Chiesa compresa, che non si rassegna alla loro morte. Di fronte a questo l’esigenza spirituale del popolo di Dio di radunarsi per celebrare l’Eucarestia diventa per noi cristiani oggetto di una rinuncia dolorosa. C’è prima l’esigenza spirituale della carità della cura per i nostri fratelli. Purtroppo, recarsi in chiesa non è differente dall’andare in altri luoghi: è a rischio contagio.

Sappiamo bene che questo ci turba ma non ci sconvolge. Il tempio è la Chiesa Corpo del Cristo, e lo Spirito di Dio è presente dove due o tre sono riuniti nel Suo nome. Adorare il Padre in spirito e verità, offrirgli il sacrificio della nostra vita, è il nostro culto spirituale, indipendentemente dal luogo in cui preghiamo. In questi pochi giorni è stato bello vedere come i cristiani di Roma sappiano inventare mille modi per rimanere in contatto, sostenersi reciprocamente, annunciare la Parola di Dio, celebrare l’Eucarestia a distanza… La Chiesa è un corpo vivo.

Un’ulteriore confronto con Papa Francesco, questa mattina, ci ha spinto però a prendere in considerazione un’altra esigenza: che dalla chiusura delle nostre chiese altri “piccoli”, questa volta di un tipo diverso, non trovino motivo di disorientamento e di confusione. Il rischio per le persone è di sentirsi ancora di più isolate. Di qui il nuovo decreto che vi viene inviato con questa lettera e che contiene l’indicazione di lasciare aperte le sole chiese parrocchiali e quelle che sono sedi di missioni con cura d’anime ed equiparate.

Cari sacerdoti, ci affidiamo al vostro saggio discernimento. Siate vicinissimi al popolo di Dio, fate sentire ciascuno amato e accompagnato, aiutate tutti a percepire che la Chiesa non chiude le porte a nessuno, ma che si preoccupa che nessun “piccolo” rischi la vita o venga dimenticato. Portate pure, con tutte le precauzioni necessarie, il conforto dei sacramenti agli ammalati, assicurate l’aiuto per le necessità ai poveri e a chi non ha nessuno su cui contare, evitate tutte quelle situazioni di contatto tra le persone che possano creare pericolo per la salute.

La preghiera in famiglia, tradizione dei nostri genitori e dei nostri nonni, venga recuperata e incrementata, attraverso anche i sussidi dell’ufficio liturgico e le iniziative sui social (#iopregoacasa#).

Affidiamoci ancora una volta all’intercessione della Madonna del Divino Amore. Preghiamo per il nostro Vescovo, Papa Francesco, nell’anniversario della sua elezione. Chiediamo per lui, come sette anni fa quando si affacciò dal balcone, la benedizione di Dio.

Con affetto e gratitudine

Angelo Cardinale De Donatis

 

Facebook Comments
image_print
1