“L’immunità acquisita dalla vaccinazione è certamente molto più sicura e preferibile. Data l’evidenza dell’immunità da precedente infezione da SARS-CoV-2, tuttavia, i politici dovrebbero considerare la guarigione da precedente infezione da SARS-CoV-2 uguale all’immunità da vaccinazione per scopi relativi all’ingresso in eventi pubblici, aziende e luoghi di lavoro, o requisiti di viaggio.”

Lo scrivono Noah Kojima e Jeffrey D Klausner nel loro studio pubblicata sulla prestigiosa The Lancet. Eccolo nella mia traduzione. 

 

influenza raffreddore giovane donna

 

La pandemia di SARS-CoV-2 è ora meglio controllata in contesti con accesso a test veloci e affidabili e a vaccinazioni altamente efficaci. Diversi studi hanno scoperto che le persone che sono guarite dalla COVID-19 e sono risultate sieropositive per gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 hanno bassi tassi di reinfezione da SARS-CoV-2. Ci sono ancora domande incombenti che riguardano la forza e la durata di tale protezione rispetto a quella della vaccinazione.

Abbiamo esaminato gli studi pubblicati su PubMed dall’inizio al 28 settembre 2021, e abbiamo trovato studi biologici ben condotti che mostrano un’immunità protettiva dopo l’infezione (pannello). Inoltre, molteplici studi epidemiologici e clinici, compresi gli studi durante il recente periodo di trasmissione della variante prevalentemente delta (B.1.617.2), hanno trovato che il rischio di ripetere l’infezione da SARS-CoV-2 è diminuito dell’80,5%-100% tra coloro che avevano avuto la COVID-19 in precedenza (pannello). Gli studi riportati erano grandi e condotti in tutto il mondo. Un altro studio di laboratorio che ha analizzato i risultati dei test di 9.119 persone con precedente COVID-19 dal 1° dicembre 2019 al 13 novembre 2020, ha rilevato che solo lo 0,7% si è reinfettato. In uno studio condotto presso la Cleveland Clinic di Cleveland, OH, USA, coloro che non erano stati precedentemente infettati avevano un tasso di incidenza di COVID-19 di 4,3 su 100 persone, mentre coloro che erano stati precedentemente infettati avevano un tasso di incidenza di COVID-19 di 0 su 100 persone. Inoltre, uno studio condotto in Austria ha rilevato che la frequenza di ospedalizzazione a causa di un’infezione ripetuta era di cinque persone su 14.840 (0,03%) e la frequenza di morte a causa di un’infezione ripetuta era di una persona su 14.840 (0,01%). A causa della forte associazione e della base biologica per la protezione, i medici dovrebbero considerare di consigliare i pazienti guariti sul loro rischio di reinfezione e documentare lo stato di infezione precedente nelle cartelle cliniche.

Anche se questi studi mostrano che la protezione dalla reinfezione è forte e persiste per più di 10 mesi di follow-up, non si sa quanto a lungo durerà veramente l’immunità protettiva. Molte infezioni virali sistemiche, come il morbillo, conferiscono un’immunità a lungo termine, se non per tutta la vita, mentre altre, come l’influenza, non lo fanno (a causa di cambiamenti nella genetica virale). Siamo limitati dalla lunghezza dei dati di follow-up attualmente riportati per conoscere con certezza la durata prevista che l’infezione precedente proteggerà dalla COVID-19. È incoraggiante il fatto che gli autori di uno studio condotto tra individui recuperati che avevano sperimentato una lieve infezione da SARS-CoV-2 abbiano riferito che l’infezione lieve ha indotto una robusta memoria immunitaria umorale antigene-specifica e di lunga durata nell’uomo.

È importante notare che gli anticorpi sono predittori incompleti di protezione. Dopo la vaccinazione o l’infezione, esistono molti meccanismi di immunità in un individuo non solo a livello anticorpale, ma anche a livello di immunità cellulare. È noto che l’infezione da SARS-CoV-2 induce un’immunità specifica e duratura delle cellule T, che ha molteplici obiettivi (o epitopi) per la proteina spike della SARS-CoV-2, oltre ad altri obiettivi per la proteina SARS-CoV-2. L’ampia diversità del riconoscimento virale delle cellule T serve a migliorare la protezione contro le varianti di SARS-CoV-2, con il riconoscimento di almeno le varianti alfa (B.1.1.7), beta (B.1.351) e gamma (P.1) di SARS-CoV-2. I ricercatori hanno anche scoperto che le persone che sono guarite dall’infezione da SARS-CoV nel 2002-03 continuano ad avere cellule T di memoria che sono reattive alle proteine SARS-CoV 17 anni dopo quell’epidemia. Inoltre, una risposta delle cellule B della memoria alla SARS-CoV-2 si sviluppa tra 1,3 e 6,2 mesi dopo l’infezione, il che è coerente con una protezione a lungo termine.

Alcune persone che sono guarite dal COVID-19 potrebbero non beneficiare dalla vaccinazione COVID-19. Infatti, uno studio ha trovato che la precedente COVID-19 era associata ad un aumento degli eventi avversi dopo la vaccinazione con il vaccino Comirnaty BNT162b2 mRNA (Pfizer-BioNTech). Inoltre, ci sono rare segnalazioni di eventi avversi gravi in seguito alla vaccinazione COVID-19. In Svizzera, i residenti che possono dimostrare di essere guariti da un’infezione da SARS-CoV-2 attraverso una PCR positiva o un altro test negli ultimi 12 mesi sono considerati altrettanto protetti di coloro che sono stati completamente vaccinati.

Sebbene siano necessari studi di follow-up più lunghi, i medici dovrebbero rimanere ottimisti riguardo all’effetto protettivo del recupero da una precedente infezione. L’immunità comunitaria per controllare l’epidemia di SARS-CoV-2 può essere raggiunta con l’immunità acquisita dovuta a una precedente infezione o alla vaccinazione. L’immunità acquisita dalla vaccinazione è certamente molto più sicura e preferibile. Data l’evidenza dell’immunità da precedente infezione da SARS-CoV-2, tuttavia, i politici dovrebbero considerare la guarigione da precedente infezione da SARS-CoV-2 uguale all’immunità da vaccinazione per scopi relativi all’ingresso in eventi pubblici, aziende e luoghi di lavoro, o requisiti di viaggio.

 

 

 

 

Facebook Comments