Il film “What is a Woman?” ha superato i 170 milioni di visualizzazioni, un numero sbalorditivo, ed Elon Musk ha inferto un duro colpo al movimento transgender promuovendo il film.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jonathon Van Maren e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

Video “Che cos’è una donna?” con sottotitoli in italiano che tutti i genitori e giovani dovrebbero assolutamente vedere e far vedere!!!

Cliccate qui o sulla foto qui sotto

 

Per diversi giorni, il tweet di Elon Musk è stato spillato al documentario di The Daily Wire What is a Woman? (“Cosa è una donna?”, ndr) con Matt Walsh, con il consiglio: “Ogni genitore dovrebbe guardarlo”. Il documentario, che denuncia il movimento transgender e l’industria del cambio di sesso, ha superato i 170 milioni di visualizzazioni ed è stato condiviso decine di migliaia di volte, un numero assolutamente sbalorditivo.

In America ci sono 331 milioni di persone. Non è esagerato dire che il documentario di Walsh potrebbe essere un momento di svolta e questo fa sì che la promozione di Elon Musk sia molto significativa in un modo che pochi altri sviluppi nelle guerre culturali hanno avuto. Questo documentario non è più semplicemente un film di conservatori per conservatori, ma viene visto da milioni di persone che stanno ancora cercando di capire cosa pensano e promosso da icone culturali miliardarie che considerano la sua critica all’ideologia di genere come buon senso.

Inizialmente sembrava che il film di Walsh dovesse essere soppresso. Dopo che The Daily Wire ha stretto un accordo con Twitter per trasmettere il documentario, i dirigenti del sito lo hanno etichettato come “pieno di odio” per il “misgendering”, hanno disabilitato i retweet e hanno nascosto il film agli utenti di Twitter. Ho provato a retweettare e non ci sono riuscito. I conduttori di DW e altri conservatori hanno iniziato a chiedere spiegazioni a Musk, che notoriamente si è impegnato a garantire che Twitter rimanga una piazza pubblica per la libertà di parola.

Musk si è confrontato con i critici su Twitter, definendo la mossa un “errore” e affermando che l’avrebbe risolta. E ci è riuscito: due dirigenti di Twitter del “team di fiducia e sicurezza” hanno lasciato l’azienda e Musk ha confermato che il loro allontanamento aveva a che fare con il lancio inizialmente disastroso di “What is a Woman?” su Twitter. Il tentativo di questi dirigenti, a quanto pare, ha creato l'”Effetto Streisand”, quando un tentativo di censurare qualcosa fa sì che molte più persone ne vengano a conoscenza.

Musk è andato anche oltre. “Questo è un problema grave”, ha twittato in risposta a un thread sui pericoli dei bloccanti della pubertà. “Farò attivamente pressione per criminalizzare l’apporto di modifiche gravi e irreversibili ai bambini al di sotto dell’età del consenso. Vergogna a coloro che sostengono questo! È assolutamente spregevole”. Sono parole molto forti e, come J.K. Rowling, Musk è troppo ricco per cancellarle. Inoltre, possiede letteralmente la piattaforma che la maggior parte delle persone usa per i propri “cancel culture mob” ed è quindi impermeabile al tipo di pressione che di solito viene applicata ai critici del movimento transgender.

Ecco perché la decisione di Elon Musk di promuovere un film che espone il pericolo e la follia del movimento transgender è così significativa. Gli attivisti trans hanno avuto un incredibile successo nel mettere a tacere i loro critici, ma una volta che alla lotta si uniscono figure troppo ricche e potenti per essere intimidite o licenziate o ostracizzate, la loro presa sulla narrazione si spezza. A Musk non interessa cosa pensa il movimento transgender. Ha un figlio adulto che si identifica come “transgender” e nemmeno questo ha compromesso le sue capacità di pensiero critico. Quindi, quando twitta un documentario che demolisce molte delle affermazioni centrali del movimento trans e annuncia che farà pressioni contro i “cambi di sesso” per i bambini, questi attivisti non possono fare altro che digrignare i denti.

Tutto questo ha anche un altro effetto. Così come la decisione di J.K. Rowling di criticare l’ideologia di genere ha dato coraggio e permesso a molti altri di esprimersi, sospetto che la promozione di Cos’è una donna da parte di Elon Musk farà lo stesso. Musk sta segnalando ad altri che questo tema è sicuro per i non conservatori. I politici ne prenderanno atto. Così come molte altre celebrità di buon senso, come Bill Maher, che sono stufe della presa del movimento trans sulla sinistra. E quando il branco si spezza, si spezza ed è quasi impossibile fermarlo.

Si può dire che il movimento transgender non si sta godendo il “Mese dell’Orgoglio” fino ad ora.

 

Facebook Comments