Sebbene l’intervista rilasciata a gennaio dal Santo Padre all’Associated Press abbia prodotto parole incoraggianti, alcune sue azioni rendono difficile l’interpretazione delle sue intenzioni. 

Di seguito un articolo di Larry Chapp, pubblicato su National Catholic Register. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco intervistato dall'Associated Press
Papa Francesco intervistato dall’Associated Press 25.01.2023

 

Papa Francesco ha fatto ancora una volta notizia, grazie all’intervista rilasciata a fine gennaio all’Associated Press. Un ulteriore impulso all’intervista del Papa è stato dato da un saggio pubblicato il 24 gennaio sulla rivista America dal cardinale Robert McElroy di San Diego.

In quell’intervista, il Papa ha espresso la sua disapprovazione per le leggi che criminalizzano le azioni omosessuali, pur ribadendo che gli atti sessuali omosessuali sono peccaminosi. E così facendo, è riuscito a far arrabbiare sia i suoi ammiratori che i suoi detrattori. Ha anche avuto parole piuttosto dure per la via sinodale dei vescovi tedeschi, che hanno suscitato qualche perplessità per la franchezza con cui ha espresso il suo disappunto per l’intera vicenda.

Negli Stati Uniti, la doppia questione dell’omosessualità e della sinodalità ha fatto notizia, grazie soprattutto al saggio del cardinale McElroy in America e ad alcuni tweet dell’instancabile padre James Martin. È stato un momento intenso, ma il risultato di tutto questo è che è una sorta di istantanea in una sola settimana della natura profondamente confusa di questo papato.

Il Papa dice molte cose veramente meravigliose nella sua intervista con l’AP. Tuttavia, come molti osservatori hanno notato, c’è spesso un apparente scollamento tra le parole del Papa e le sue azioni, che rende spesso difficile interpretare le intenzioni del Papa.

Le sue dichiarazioni sull’omosessualità ne sono un esempio. Ha detto più volte che gli atti omosessuali sono peccaminosi e che il matrimonio è tra un uomo e una donna – un’opinione che ha ripetuto anche la scorsa settimana. Inoltre, non ha cambiato il linguaggio del Catechismo della Chiesa cattolica su questo argomento, nonostante i ripetuti inviti a farlo. Eppure, nelle sue azioni, questo è un Papa che ha agito per promuovere persone all’interno della Chiesa che lavorano attivamente contro questo stesso insegnamento che egli sostiene di sostenere, il che è a dir poco confuso.

Per esempio, ha promosso padre Martin a un incarico in Vaticano e gli ha offerto opportunità di foto con sorrisi e strette di mano. Ha lodato il ministero di padre Martin e ha fatto di tutto per rispondere immediatamente quando padre Martin ha chiesto “chiarimenti” sulla questione del “peccato omosessuale”, poiché padre Martin voleva essere sicuro che il Papa non stesse definendo peccaminoso l’orientamento in quanto tale. L’immediatezza della sua risposta a padre Martin è in contrasto con quella di altri che hanno chiesto al Papa chiarimenti su questa o quella questione, per poi ricevere un silenzio sconcertante.

E l’immediatezza della sua risposta a padre Martin è doppiamente confusa, dato che non è un segreto profondo che padre Martin vorrebbe che fossero apportate modifiche all’insegnamento della Chiesa sull’attività omosessuale. Padre Martin non lo ha detto esplicitamente, ma si può leggere tra le righe dei suoi numerosi tweet e altri commenti pubblici sulla questione.

Per esempio, di recente la Lega cattolica ha inviato una dichiarazione in cui affermava che il matrimonio di Pete Buttigieg con il suo “marito” non era un vero matrimonio ma una mera finzione legale. Padre Martin ha immediatamente twittato in risposta che Buttigieg è veramente sposato agli occhi dello Stato e della sua Chiesa episcopale, e quindi è sposato come chiunque altro nella nostra società. Ma qual era il senso del tweet di padre Martin? Perché obiettare alla dichiarazione della Catholic League visto che, da una posizione cattolica ortodossa, è una dichiarazione perfettamente vera?

Secondo l’insegnamento cattolico, il matrimonio è innanzitutto un’istituzione naturale, fondata sulla legge naturale, e non principalmente una realtà giuridica. Tradizionalmente, il ruolo dello Stato era solo quello di dare peso e sostegno giuridico a questa istituzione naturale già esistente. Pertanto, la brusca risposta di padre Martin può essere interpretata solo come il suo modo di dissentire da questa visione senza dirlo esplicitamente. Ma è proprio questo tipo di gioco di prestigio linguistico che tiene padre Martin “al sicuro” e, in questo papato, gli ha procurato una promozione. Ed è per questo che lascia molti osservatori a chiedersi in che direzione Papa Francesco voglia davvero portare la Chiesa su questo tema.

Su questa stessa linea, perché il Papa ha nominato il cardinale Hollerich del Lussemburgo relatore generale per il prossimo sinodo, quando il cardinale Hollerich ha pubblicamente chiesto che la Chiesa cambi il suo insegnamento sull’omosessualità dalle fondamenta? E perché Papa Francesco ha inviato due lettere private a suor Jeannine Gramick del New Ways Ministry in cui incoraggiava il suo ministero e le diceva di sapere quanto avesse “sofferto” a causa del suo ministero?

È chiaro che il Papa si riferisce alla sofferenza causata dalle azioni magisteriali della Chiesa sotto Papa Benedetto, quando sia la Congregazione per la Dottrina della Fede che i vescovi americani hanno dichiarato il suo ministero manifestamente non cattolico. Ancora una volta, queste azioni confondono molti osservatori perché sembrano contraddire le dichiarazioni pubbliche del Papa sulla peccaminosità dell’attività omosessuale.

E perché Papa Francesco ha dato una berretta rossa al cardinale McElroy, che ora ha anche dissentito apertamente dall’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità e ha chiesto la legittimazione morale delle relazioni omosessuali? In effetti, come chiarisce il recente articolo del cardinale McElroy sulla rivista America, egli ritiene che sia necessaria una radicale revisione della teologia morale cattolica nell’ambito della sessualità umana, in cui le relazioni sessuali al di fuori del contesto del matrimonio, sia eterosessuali che omosessuali, non siano più considerate automaticamente peccati mortali e che quindi la ricezione della Comunione debba essere aperta a tutti, indipendentemente dalle loro azioni e dal loro stile di vita sessuale.

I commenti pubblici del Papa su questi temi non sono in linea con quelli del cardinale McElroy. Eppure a lui è stato dato una berretta rossa rispetto a molti altri prelati di grandi dimensioni e sembra godere del favore del Papa. Forse i suoi recenti commenti in America cambieranno la situazione. Il tempo ce lo dirà.

Il Papa ha anche detto cose dure sul Cammino sinodale tedesco, definendolo “elitario” e “ideologico” e che i suoi processi non sono “seri” o utili. Tuttavia, detto questo, è certamente in suo potere chiuderlo semplicemente, come ha fatto con la Traditionis Custodes, dove ha fortemente limitato la celebrazione della Messa latina tradizionale (TLM). Ma nell’intervista all’AP, rifiuta l’opzione di agire con più forza contro i tedeschi e dice che la Chiesa deve “accompagnarli” e aiutarli a sistemare le cose.

Dal mio punto di vista, i sinodali tedeschi, ben finanziati, ben organizzati, promossi dall’episcopato, elitari, ideologici e secolarizzanti, sono una minaccia molto più grande per la pace e l’unità ecclesiale di quanto non lo siano le sparute comunità TLM. Forse mi sbaglio in questa valutazione. E certamente in questo caso le sue parole e le sue azioni possono essere riconciliate sul piano della prudenza, dal momento che persone ragionevoli di orientamento ortodosso possono essere in disaccordo sul percorso più prudente da seguire per trattare con i tedeschi.

Tuttavia, è ancora una volta confuso e difficile interpretare le intenzioni del Papa, poiché allo stesso tempo critica aspramente i tedeschi e permette che il loro processo continui senza alcuna azione disciplinare da parte di Roma – azione disciplinare che non ha avuto paura di esercitare contro altri gruppi nella Chiesa di orientamento più tradizionalista. Non ho molta pazienza con i tradizionalisti e con la loro propensione a criticare con durezza tutto ciò che riguarda il Vaticano II. Ma l’incongruenza tra le due risposte papali mi confonde.

E tornando al cardinale McElroy, non può sfuggire ciò che ha detto sul processo sinodale, descrivendolo come una sorta di referendum parlamentare in cui le dottrine saranno cambiate poiché lo Spirito Santo sta muovendo la Chiesa in quella direzione attraverso il processo sinodale di “ascolto”. Ma questo è in diretto contrasto con ciò che Papa Francesco ha detto essere il sinodo: non è una sorta di società di discussione in cui tutte le opinioni saranno sul tavolo e le varie dottrine in palio.

Papa Francesco ha dichiarato esplicitamente che il sinodo non si occupa di cambiare le dottrine. Eppure c’è il cardinale McElroy che, con un microfono aperto su un’importante rivista gesuita statunitense, si esprime su ciò che la Chiesa avrebbe sbagliato così gravemente per millenni e su come il sinodo cambierà tutto questo.

Certo, è anche vero che altri papi hanno nominato uomini cardinali che non hanno avuto un buon esito, come Theodore McCarrick. Ma quando si combina la promozione del cardinale McElroy con nomine simili da parte di questo Papa di prelati con opinioni che rispecchiano quelle di McElroy, allora comincia a emergere uno schema che è profondamente confuso, poiché le opinioni di questi prelati non sembrano allinearsi con le opinioni dichiarate del Papa.

E così si apre la più sconcertante delle domande: Che cosa ha in mente Papa Francesco? Qual è il suo scopo in tutto questo? Perché le sue parole spesso non corrispondono alle sue azioni; e quindi, a 10 anni dall’inizio del pontificato, abbiamo un papato che è costitutivamente confuso e quasi impossibile da decifrare.

Larry Chapp

 

Larry Chapp ha conseguito il dottorato in teologia presso la Fordham University nel 1994, con una specializzazione nella teologia di Hans Urs von Balthasar. Ha insegnato teologia per 20 anni alla DeSales University vicino ad Allentown, in Pennsylvania, prima di andare in pensione anticipata per fondare la Dorothy Day Catholic Worker Farm vicino a Wilkes Barre, in Pennsylvania, con la moglie Carmina e l’amico ed ex studente padre John Gribowich. Autore di numerosi articoli e libri, è anche fondatore e autore principale del blog Gaudiumetspes22.com.

 

Facebook Comments