Centinaia di migliaia di americani hanno richiesto cure mediche dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19, secondo i dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) pubblicati il 3 ottobre.

Articolo scritto da Zachary Stieber per The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

V-Safe dashboard Covide Vaccine by ICAN
V-Safe dashboard Covide Vaccine by ICAN

 

Centinaia di migliaia di americani hanno richiesto cure mediche dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19, secondo i dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) pubblicati il 3 ottobre.

Circa 782.900 persone hanno riferito di aver richiesto assistenza medica, cure al pronto soccorso e/o ricovero in ospedale in seguito alla vaccinazione COVID-19. Altri 2,5 milioni di persone hanno riferito di aver dovuto perdere la scuola, il lavoro o altre normali attività a causa di un evento sanitario dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19.

Le segnalazioni sono state fatte al programma V-safe del CDC, un nuovo sistema di monitoraggio della sicurezza dei vaccini a cui gli utenti possono segnalare i problemi attraverso gli smartphone.

Il CDC ha rilasciato i dati all’Informed Consent Action Network (ICAN) dopo essere stato citato in giudizio per non aver fornito i dati quando gli erano stati richiesti dall’organizzazione no-profit. ICAN ha pubblicato un cruscotto che riassume i dati.

“Ci sono volute numerose richieste legali, appelli, due cause e più di un anno, ma alla fine il CDC ha capitolato e ha accettato un ordine del tribunale che gli impone di fare ciò che avrebbe dovuto fare fin dal primo giorno, rilasciare i dati V-safe al pubblico”, ha dichiarato in un’e-mail a The Epoch Times Aaron Siri, un avvocato che rappresenta ICAN nella causa.

Circa 10 milioni di persone hanno utilizzato V-safe nel periodo di tempo coperto dai dati: Dal 14 dicembre 2020 al 31 luglio 2022. Circa 231 milioni di americani hanno ricevuto almeno una dose di vaccino in quel periodo.

Gli utenti di V-safe hanno riferito circa 71 milioni di sintomi.

I sintomi più comunemente riportati sono stati brividi (3,5 milioni), gonfiore (3,6 milioni), dolori articolari (4 milioni), dolori muscolari o corporei (7,8 milioni), mal di testa (9,7 milioni), affaticamento (12,7 milioni) e dolore generale (19,5 milioni).

Circa 4,2 milioni di sintomi erano di grave entità.

Gli utenti di V-safe hanno compilato i dati di circa 13.000 bambini di età inferiore ai 2 anni, riportando più di 33.000 sintomi, tra cui dolore, perdita di appetito e irritabilità.

Secondo ICAN, i dati prodotti finora dal CDC non includono le risposte a testo libero. I dati riguardavano campi in cui gli utenti selezionavano delle caselle.

ICAN, fondata dal produttore cinematografico Del Bigtree, ha dichiarato che i dati appena rilasciati “rivelano informazioni scioccanti che avrebbero dovuto indurre il CDC a chiudere immediatamente il programma del vaccino COVID-19”, citando la percentuale di persone che hanno riferito di aver avuto bisogno di cure o di aver perso la scuola, il lavoro o altre attività normali, nonché gli eventi avversi segnalati.

I funzionari del CDC non hanno risposto a una richiesta di commento entro l’ora della stampa.

I ricercatori del CDC avevano presentato una sintesi dei dati di V-safe durante gli incontri con il comitato consultivo sui vaccini dell’agenzia, ma non avevano rilasciato i dati per l’analisi da parte di ricercatori esterni. I ricercatori del CDC hanno dichiarato che il V-safe non ha sollevato nuovi problemi di sicurezza.

ICAN continuerà a fare pressione per ottenere ulteriori dati sul V-safe.

Il giudice distrettuale Robert Pitman, nominato da Obama per supervisionare il contenzioso, ha ordinato alle parti di incontrarsi e conferire in merito agli altri dati che il gruppo chiederà dopo la presentazione dei dati da parte del CDC.

Pitman ha detto che le parti presenteranno un rapporto congiunto sullo stato di avanzamento “che proponga eventuali scadenze aggiuntive che le parti ritengano necessarie per la risoluzione della questione”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments