Vi propongo una chiara analisi di Buchanan su un auspicato accordo di pace tra Putin e Zelensky. Patrick Buchanan è un politico statunitense. È stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan. L’articolo è stato pubblicato sul suo blog e ve lo presento nella mia traduzione.

 

Joe Biden- Vladimir Putin
Joe Biden- Vladimir Putin

 

In un’intervista con Reuters, Dmitry Peskov, il portavoce del presidente russo Vladimir Putin per decenni, ha fatto un’offerta sorprendente. Mosca potrebbe porre fine alla guerra in Ucraina immediatamente, ha detto Peskov, se quattro condizioni fossero soddisfatte.

L’Ucraina dovrebbe cessare tutte le azioni militari, riconoscere la Crimea come parte della Russia, accettare l’indipendenza delle enclavi separatiste di Luhansk e Donetsk, e promulgare un impegno costituzionale alla “neutralità”, che impedirebbe all’Ucraina di entrare mai nella NATO.

Se questo fosse fatto, ha detto Peskov, la guerra “si fermerà in un momento”.

Poiché questo ripristinerebbe la situazione in Ucraina allo “status quo ante” che esisteva prima che Putin ordinasse l’invasione, l’offerta di Peskov non sembrava essere credibile.

Eppure, secondo il New York Times, il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky “sembrava sorprendentemente aperto all’idea”.

Zelensky “ha detto di essersi ‘raffreddato’ sull’adesione alla NATO, dicendo che era chiaro che l’alleanza occidentale ‘non è pronta ad accettare l’Ucraina’”.

Per quanto riguarda Luhansk, Donetsk e Crimea, ha detto Zelensky, “Possiamo discutere e trovare un compromesso su come questi territori vivranno”.

Lunedì, l’Ucraina e la Russia hanno tenuto una quarta sessione di colloqui di pace, e si sono sentite espressioni di ottimismo da entrambe le parti.

Il negoziatore ucraino Mykhailo Podolyak ha dichiarato volontariamente che la Russia sta iniziando a parlare in modo costruttivo. “Penso che otterremo alcuni risultati letteralmente nel giro di pochi giorni”.

Eppure, gli obiettivi strategici della Russia, manifesti nella sua azione militare in corso, sembrano andare ben oltre le richieste moderate di Peskov.

A tre settimane da questa guerra, quali sembrano essere gli obiettivi della Russia?

Primo, assediare e far cadere il governo di Kiev di Zelensky e sostituirlo con un regime cliente russo.

Secondo, dividere l’Ucraina lungo le linee del fiume Dnieper, che divide il paese da nord a sud, e creare un’Ucraina orientale come stato filo-russo.

Terzo, prendere e occupare l’intera costa del Mar d’Azov, trasformarlo in un lago russo, e conquistare tutta la costa ucraina del Mar Nero dal Donbas a Mariupol, Crimea, Kherson, Odessa e Transnistria, l’ultima una fetta di terra moldava secessionista che Mosca ora controlla.

Questo lascerebbe uno stato senza sbocchi sul mare dell’Ucraina occidentale, che sarebbe un cuscinetto tra le nazioni NATO Romania, Ungheria, Slovacchia e Polonia – e l’Ucraina orientale sostenuta dalla Russia.

Il Wall Street Journal ha detto lunedì che la realizzazione di questi obiettivi da parte della Russia sarebbe equivalente alla vittoria nella guerra di Putin:

“Un’Ucraina divisa in due, con la Russia che controlla l’est e un’Ucraina occidentale tagliata fuori dalla costa, potrebbe sembrare una vittoria al signor Putin – specialmente se le sanzioni vengono rimosse in qualche accordo di cessate il fuoco”.

Con questo tipo di pace in mano, Putin potrebbe poi avvertire le nazioni della NATO che se attaccassero l’Ucraina orientale direttamente, o indirettamente armando gli insorti, dovrebbero affrontare “conseguenze che non avete mai visto”.

Come nessuna nazione della NATO ha rischiato la guerra per salvare la Georgia dalla Russia nel 2008, o per salvare l’Ucraina dalle amputazioni di Crimea e Donbas del 2014, non è probabile che la NATO rischi la guerra con la Russia, e una potenziale terza guerra mondiale, se la Russia dichiarasse una tregua una volta ottenuto il pieno controllo dell’Ucraina orientale.

E questo dove lascerebbe l’Occidente?

Gli americani e i britannici probabilmente tratterebbero Putin come un paria e non lo incontrerebbero mai più. Ma il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz taglierebbero ogni comunicazione con la Russia, quando hanno fatto telefonate quotidiane a Putin e visite regolari a Mosca, anche mentre la guerra di aggressione di Putin infuriava?

Se la Russia e l’Ucraina raggiungessero un cessate il fuoco e una tregua, le nazioni europee dell’UE e della NATO non si ritirerebbero rapidamente esse stesse, piuttosto che continuare a far combattere la resistenza ucraina?

Se Kiev cadesse in una strategia russa di accerchiamento e strangolamento, capitolazione e conquista, quanto tempo passerebbe prima che le nazioni dell’UE cerchino la fine dell’isolamento della Russia e una nuova era di distensione?

O la continua esistenza di un regime guidato da Putin significherebbe ostilità permanente?

Tre anni dopo che Nikita Khrushchev (Presidente dell’Unione Sovietica, ndr) mandò i carri armati sovietici a Budapest per schiacciare la rivoluzione ungherese del 1956, il premier sovietico stava percorrendo la Pennsylvania Avenue (una delle vie principali di Washington, D.C. , ndr) su una decappottabile aperta con Dwight Eisenhower (presidente degli USA, ndr) per passare la notte alla Blair House prima di un tour di 12 giorni come ospite del presidente degli Stati Uniti.

Per ora, il vincitore di questa guerra Russia-Ucraina sembra essere la Cina.

Data la gravità delle sanzioni statunitensi e l’ostracismo della Russia da parte dell’Occidente, la Cina è l’unica nazione partner e l’economia a cui Mosca può rivolgersi per recuperare le sue perdite.

Se questa guerra continua a svolgersi in un modo che è lento, doloroso e brutto, è probabile che la Cina e la Russia stabiliscano relazioni di gran lunga migliori l’una con l’altra di quelle che entrambe hanno con gli Stati Uniti.

Ma come può la Cina, che è impegnata in un genocidio culturale contro la sua minoranza uigura di 10 milioni, una persecuzione razziale ed etnica con campi di rieducazione, stupri, aborti forzati e sterilizzazioni, essere un regime moralmente superiore a quello di Putin?

 

 

 

Facebook Comments