Analisi spietata e lucida, e anche convincente.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo pubblicato su Moon of Alabama. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

Biden e Zelensky febbraio 2023
Biden e Zelensky febbraio 2023

 

Uno dei principali interrogativi dell’Ucraina, da quando è diventata uno Stato indipendente, era chi o cosa potesse potenzialmente garantire la sua sicurezza.

Nei primi anni dopo il 1991, il governo ucraino pensava di poter garantire la propria sicurezza. Aveva ereditato alcune armi nucleari sovietiche e aveva cercato di utilizzarle. Ma non riuscì a eludere i blocchi di sicurezza che gli ingegneri russi avevano integrato nelle testate nucleari.

C’erano anche pressioni da parte degli Stati Uniti per sbarazzarsi di quei dispositivi, dato che all’epoca l’Ucraina era prolifica nel vendere le armi di epoca sovietica a vari loschi attori in tutto il mondo.

L’Ucraina, insieme a Bielorussia e Kazakistan, fu spinta ad aderire al Trattato di non proliferazione nucleare. In cambio ottenne il Memorandum di Budapest, una debole promessa di non interferenza:

Il memorandum, firmato nella Sala Patria del Centro Congressi di Budapest con la presenza dell’ambasciatore statunitense Donald M. Blinken, proibiva alla Federazione Russa, al Regno Unito e agli Stati Uniti di minacciare o usare la forza militare o la coercizione economica contro l’Ucraina, la Bielorussia e il Kazakistan, “se non per autodifesa o in altro modo in conformità con la Carta delle Nazioni Unite”. A seguito di altri accordi e del memorandum, tra il 1993 e il 1996, Bielorussia, Kazakistan e Ucraina hanno rinunciato alle loro armi nucleari.


Due note a margine sono interessanti:

1) L’ambasciatore Donald M. Blinken è il padre dell’attuale Segretario di Stato Anthony Blinken.

2) Formalmente la Russia non ha violato il Memorandum di Budapest. Ha riconosciuto le Repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk come Stati indipendenti. Ha firmato con loro accordi di sicurezza e poi è entrata nella guerra in Ucraina, in corso dal 2014, in base all’articolo 51 – autodifesa comune – della Carta delle Nazioni Unite. I giuristi discuteranno per anni su questo argomento, ma non è dissimile dall’argomento usato dalla NATO per giustificare la violenta disgregazione della Jugoslavia.

Dopo la firma del Memorandum di Budapest, le armi nucleari sovietiche che l’Ucraina e altri paesi ancora possedevano furono rispedite in Russia.

A metà del primo decennio del terzo millennio la Russia si era ampiamente ripresa dagli shock che avevano seguito la disgregazione dell’Unione Sovietica. Nel frattempo l’Ucraina si era ulteriormente disgregata. La popolazione era diminuita drasticamente, le sue industrie erano fallite e la corruzione diffusa stava divorando ciò che restava delle sue ricchezze. Il suo esercito, sebbene sulla carta ancora ben armato, non era più in grado di difendere il Paese. A quel tempo andava bene così, perché nessuno era realmente interessato a minacciarlo.

Ma la NATO, violando le promesse fatte alla Russia, si è espansa e si è avvicinata al confine ucraino. Nel 2008, sempre a Budapest, gli Stati Uniti hanno utilizzato un vertice della NATO per fare pressione sugli altri Paesi della NATO affinché offrissero all’Ucraina un Piano d’azione per l’adesione (MAP). A tale promessa, tuttavia, non era associata alcuna data futura.

Nel 2013 l’Unione Europea ha fatto pressione sull’Ucraina affinché firmasse un accordo di libero scambio. La Russia, che era il principale partner commerciale dell’Ucraina, ha fatto una controfferta finanziariamente migliore e con meno restrizioni politiche. Il Presidente ucraino Victor Yanukovych ha quindi dovuto rifiutare l’accordo UE. Gli Stati Uniti, insieme al servizio segreto tedesco BND, avevano legami di lunga data con i gruppi di destra dell’Ucraina occidentale che in precedenza avevano collaborato con la Germania nazista ed erano stati legati alla Germania nazista-Wehrmacht. La CIA ha riattivato questi gruppi e ha istigato una violenta rivoluzione colorata a Kiev.

Questa rivoluzione portò a una guerra civile, poiché gran parte dell’etnia russa nell’Ucraina orientale rifiutò il nuovo regime che era stato installato da una minoranza ucraina occidentale.

Se da un lato l’etnia russa in Ucraina ha perso il controllo della maggior parte delle sue aree originarie, dall’altro ha presto sconfitto ciò che restava dell’esercito ucraino. Lo hanno fatto due volte.

Dal 2015 il conflitto è rimasto in stallo. Gli accordi di Minsk, in base ai quali l’Ucraina avrebbe dovuto federarsi, sono stati firmati, ma l’Ucraina ne ha bloccato l’attuazione. Nel frattempo, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno sfruttato il tempo per reintegrare e riarmare l’esercito ucraino.

Nel 2021 l’Ucraina era pronta ad attaccare le Repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk. La Russia ha attivato il suo esercito e ha avvertito che avrebbe dovuto interferire con tali piani. L’imminente lancio di un attacco ucraino fu annullato. All’inizio del 2022 gli Stati Uniti hanno dato il via libera agli ucraini per lanciare il loro attacco programmato da tempo. La Russia è intervenuta e la guerra attuale è iniziata.

I piani statunitensi dietro la guerra prevedevano che le sanzioni occidentali precoordinate che seguirono immediatamente avrebbero rovinato la Russia, che la Russia sarebbe stata evitata dal resto del mondo e che una sconfitta militare dell’esercito russo avrebbe portato a un cambio di regime a Mosca.

L’Ucraina si aspettava che, dopo aver vinto una guerra contro i suoi separatisti, sarebbe diventata immediatamente membro della NATO.

Nessuna delle due aspettative (totalmente irrealistiche) è stata soddisfatta.

Ora l’Ucraina sta ovviamente perdendo la guerra. Presto dovrà firmare un accordo di capitolazione con la Russia, simile a un cessate il fuoco.

Ma chi o cosa può garantire che un tale accordo sarà mantenuto?

L’adesione alla NATO non è più un’opzione.

L’11 luglio, a Vilnius, un vertice del Consiglio Nord Atlantico ha dichiarato che l’Ucraina non dovrà seguire il piano d’azione formale per l’adesione. Ma ha poi sostituito le condizioni formali del MAP per l’adesione con una formulazione molto più vaga:

Saremo in grado di estendere all’Ucraina l’invito ad aderire all’Alleanza quando gli alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno soddisfatte”.

Il Segretario generale della NATO è stato ancora più esplicito:

… a meno che l’Ucraina non vinca questa guerra, non ci sarà alcuna questione di adesione da discutere.
Non ci sarà alcuna adesione alla NATO o garanzia di sicurezza della NATO per l’Ucraina, né ora né mai.

Anche una garanzia di sicurezza completa diretta da Washington a Kiev è impossibile. Creerebbe un’alta probabilità di una guerra diretta tra Stati Uniti e Russia che diventerebbe presto nucleare. Gli Stati Uniti non vogliono correre questo rischio.

Così, quando durante i preparativi del vertice di Vilnius è apparso chiaro che gli alleati non avrebbero accettato l’adesione dell’Ucraina, il Presidente americano Biden ha presentato un’alternativa:

Gli Stati Uniti sono disposti a offrire a Kiev una sorta di accordo di sicurezza attualmente offerto a Israele invece dell’adesione alla NATO, ha dichiarato il presidente Joe Biden alla CNN in un’intervista anticipata venerdì.

“Non credo che sia pronta per l’adesione alla NATO”, ha detto Biden dell’Ucraina. “Non credo che ci sia unanimità nella NATO sull’opportunità o meno di portare l’Ucraina nella famiglia NATO ora, in questo momento, nel bel mezzo di una guerra”.

“E una delle cose che ho indicato è che gli Stati Uniti sarebbero pronti a fornire, mentre il processo è in corso, e ci vorrà un po’ di tempo, una sicurezza simile a quella che forniamo a Israele: fornire gli armamenti di cui hanno bisogno, la capacità di difendersi”, ha detto Biden, aggiungendo: “Se ci sarà un accordo, se ci sarà un cessate il fuoco, se ci sarà un accordo di pace”.

Questo però è ancora più irrealistico di un’adesione alla NATO. Come sostiene in modo convincente Geoffrey Aronson:

La pertinenza del modello di Israele abbracciato da Biden per la sicurezza dell’Ucraina è profondamente errata dal punto di vista concettuale e pratico.

In termini operativi, il modello di Israele è a malapena rilevante per la situazione in cui si trova l’Ucraina e non è certo un buon modello su cui costruire l’auspicata relazione di sicurezza tra Stati Uniti, NATO e Ucraina. In termini concettuali, c’è poco al di là di un confronto superficiale tra Gerusalemme e Kiev per raccomandare il concetto.

I legami di sicurezza tra Stati Uniti e Israele sono nati da tre elementi principali: (1) la competizione della Guerra Fredda in Medio Oriente; (2) la schiacciante vittoria di Israele nel giugno 1967; (3) lo sviluppo surrettizio di Israele di una capacità di armamento nucleare a partire dagli anni Cinquanta.

È praticamente impossibile che l’Ucraina possa uscire dalla guerra con la Russia con il tipo di vittoria territoriale totale che ha fornito la base per i legami tra Stati Uniti e Israele dopo il giugno 1967.

In questo contesto, è possibile che in Ucraina (ma si spera non a Washington) ci sia chi vede il modello di Israele – creare un’opzione integrata di armi nucleari mantenendo l’ambiguità nucleare fintanto che la pipeline di armi convenzionali da Washington è aperta – come istruttivo.

Ma anche qui la realtà si intromette. L’accordo degli Stati Uniti con Israele mira esplicitamente a garantire la superiorità di Israele nelle armi convenzionali contro qualsiasi combinazione di nemici arabi/iraniani. A tal fine, fino all’anno fiscale 2020, gli Stati Uniti hanno fornito a Israele 146 miliardi di dollari in finanziamenti militari, economici e per la difesa missilistica – 236 miliardi di dollari nel 2018.

Nel solo primo anno di guerra, l’Ucraina ha ricevuto da Washington 77 miliardi di dollari, circa la metà dell’assistenza militare, economica e umanitaria totale.

Nella migliore delle ipotesi, il sostegno militare degli Stati Uniti agli attuali livelli storici è valso a Kiev uno stallo militare. L’Ucraina, certamente fuori dalla NATO e probabilmente anche come membro, non godrà mai di un Quality Military Edge (QME) in stile israeliano rispetto a Mosca, né potrà comandare l’agenda strategica o di sicurezza della regione come ha fatto Israele in Medio Oriente.

La potenza della Russia rende troppo costoso per gli Stati Uniti, e quindi semplicemente impossibile, anche il tentativo di garantire all’Ucraina una sicurezza simile a quella di Israele.

C’è solo un Paese al mondo che può garantire la pace in Ucraina e la sicurezza dei suoi confini. Quel Paese è la Russia!

Ma qualsiasi garanzia di questo tipo sarà ovviamente accompagnata da condizioni. O l’Ucraina le accetta o non sarà mai al sicuro da interferenze esterne.

Questo è semplicemente un dato di fatto con cui l’Ucraina ha dovuto e dovrà convivere.

Moon of Alabama

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments