Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Vance Voetberg e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

cibo-in-provetta carne in laboratorio

 

A fine marzo, l’Italia è stata uno dei primi Paesi a prendere una posizione decisa sulla carne allevata in laboratorio. La proposta di legge è chiara: l’Italia vuole vietare la produzione, la vendita e l’uso di carne allevata in laboratorio.

Se il disegno di legge verrà approvato dal Parlamento, una violazione della legge potrà comportare una multa di 65.000 dollari.

Francesco Lollobrigida, Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare, ha dichiarato che gli alimenti prodotti in laboratorio “non garantiscono la qualità, il benessere e la tutela della nostra cultura e della nostra tradizione”.

La proposta di legge esprime un’inequivocabile preoccupazione per le incertezze e i potenziali pericoli della carne prodotta in laboratorio. Al contrario, la Food and Drug Administration statunitense ha approvato l’uso di carne allevata in laboratorio nel novembre 2022.

 

Cos’è la carne allevata in laboratorio?

Analogamente alla spinta a creare varie versioni di carne a base vegetale, gli scienziati sono stati spinti a sviluppare carne coltivata in laboratorio per fornire un’alternativa alla carne allevata in modo convenzionale.

Per creare la carne, gli scienziati combinano cellule animali provenienti da animali vivi con vari nutrienti come aminoacidi e carboidrati. Poi, nelle giuste condizioni, le cellule si replicano e producono “carne coltivata”.

Sebbene questo processo sembri semplice come preparare la ricetta del vostro biscotto preferito, la produzione di carne coltivata in laboratorio richiede una tecnologia all’avanguardia e un’eccezionale precisione scientifica.

Il dottor Greg Potter, scienziato specializzato in bioprocessi e fermentazione, ha spiegato che il processo può essere paragonato alla produzione tecnicamente impegnativa di vaccini. “Nella produzione di carne in coltura, è necessario coltivare grandi quantità di cellule di animali terrestri o di specie marine in bioreattori, e la stessa cosa viene fatta nella produzione di vaccini”, ha dichiarato a The Epoch Times.

Decine di aziende alimentari e di biotecnologie hanno investito miliardi nella ricerca e nello sviluppo di carne coltivata in laboratorio. Finora, l’idea apparentemente inverosimile di far crescere la carne in laboratorio è stata “dimostrata da numerosi gruppi di tutto il mondo in laboratorio”, ha detto Potter.

Tuttavia, la fattibilità di produrre carne allevata in laboratorio su larga scala rappresenta una sfida significativa. “I terreni di coltura attualmente utilizzati hanno input costosi che devono essere sostituiti con opzioni più economiche per la produzione su scala commerciale”, ha spiegato Potter.

Secondo un rapporto, si stima che un chilogrammo di carne allevata in laboratorio costi dagli 8.500 ai 36.000 dollari. In confronto, un chilogrammo di pollo all’ingrosso costa 3,11 dollari al chilogrammo.

Sebbene questo confronto di prezzo sia molto significativo, per molte aziende alimentari e finanziatori la carne allevata in laboratorio è ancora considerata il futuro dell’alimentazione.

 

Le carenze nutrizionali e i rischi sconosciuti

I sostenitori della carne allevata in laboratorio ritengono che essa rappresenti un’alternativa alla carne allevata in modo convenzionale. Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora creato una forma di carne allevata in laboratorio che contenga i numerosi nutrienti essenziali che la carne allevata in modo convenzionale fornisce.

“La carne è così complessa che non si potrà mai creare un’equivalenza”, ha dichiarato il dottor Joseph Mercola, medico specializzato in salute funzionale ed esperto di nutrizione.

“Anche se si aggiungono vitamine sintetiche alla matrice, non è possibile creare un’equivalenza nutrizionale”.

Con il 92% degli americani che devono far fronte a qualche tipo di carenza nutrizionale, la sostituzione delle attuali versioni di carne contenenti nutrienti essenziali con versioni coltivate in laboratorio non risolverebbe il deficit nutrizionale.

Secondo Mercola, la scienza e la tecnologia non sono la strada per una nutrizione sicura.

“La maggior parte delle persone si rende conto che gli alimenti integrali e le carni ancestrali, coltivate con metodi biologici, sono i più desiderabili per una salute e una longevità ottimali”, ha affermato.

Inoltre, la ricerca sull’influenza della carne di laboratorio sulla salute è carente. Zero studi hanno esaminato come il consumo di carne allevata in laboratorio possa alterare la nostra salute.

Ma i principali strumenti di marketing delle aziende produttrici di carne di laboratorio non sembrano basarsi tanto sui valori nutrizionali quanto sulle questioni etiche e ambientali legate al consumo di carne.

 

L’argomentazione etica a favore della carne allevata in laboratorio

La Humane League, un’organizzazione per i diritti degli animali, sostiene che la carne allevata in laboratorio “potrebbe essere la chiave” per sistemare il “sistema alimentare disastrato”. L’organizzazione sostiene che “non sarebbe necessario allevare, confinare o macellare animali per creare questi veri prodotti a base di carne”.

Tuttavia, questa affermazione non corrisponde a tutta la verità per quanto riguarda la produzione di carne coltivata in laboratorio.

Per esempio, il sangue fetale bovino viene utilizzato per produrre molti tipi di carne allevata in laboratorio. Quando i produttori non utilizzano il sangue fetale bovino, gli animali sono comunque essenziali per creare carne allevata in laboratorio. Anche se in misura minore rispetto alla carne allevata in modo convenzionale, sono necessari l’allevamento e il confinamento.

 

La carne allevata in laboratorio è sostenibile?

I pionieri del movimento affermano che il passaggio alla carne allevata in laboratorio attenuerà l’impatto ambientale dell’industria della carne. Aziende come Good Meat, il cui pollo allevato in laboratorio è stato recentemente approvato dalla FDA, sostengono di fornire carne senza “abbattere una foresta o uccidere una persona”.

Per ripristinare l’ambiente, aziende come Good Meat affermano che la carne allevata in laboratorio è la risposta e che è l’opzione più sostenibile.

Queste affermazioni, tuttavia, sono stimate da dati non ancora del tutto noti. Sebbene alcuni dati indichino che la produzione di carne in laboratorio emette meno gas serra rispetto agli allevamenti convenzionali, come osserva uno studio, questi risultati sono caratterizzati da “un’elevata incertezza”.

Diana Rodgers, dietologa e direttrice esecutiva della Global Food Justice Alliance, ha dichiarato che la carne allevata in laboratorio “è un processo ad alta energia che utilizza grandi quantità di agricoltura monocolturale, che è ad alta intensità chimica”, ha detto in un’intervista a The Epoch Times.

Dato che l’agricoltura monocolturale si basa su pesticidi ed erbicidi dannosi per l’ambiente, alcuni ricercatori sostengono che sia la forza trainante del cambiamento della natura del nostro ambiente.

“Non vedo come questa [carne prodotta in laboratorio] sia migliore dal punto di vista della sostenibilità rispetto all’educazione di un maggior numero di agricoltori a migliori pratiche di pascolo”, ha dichiarato Rodgers.

Rodgers, uno dei promotori del movimento per l’agricoltura rigenerativa, ha affermato che, sebbene le pratiche agricole convenzionali debbano essere migliorate, la carne prodotta in laboratorio non è la soluzione. “Il nostro denaro deve essere investito in pratiche di pascolo più rigenerative, non in carni prodotte in laboratorio”, ha detto.

L’agricoltura rigenerativa, praticata in tutto il mondo, prevede la gestione del bestiame in modo naturale, simile a come le mandrie selvatiche si muovono sul territorio. “Gli animali selvatici devono spostarsi continuamente a causa della pressione dei predatori e della ricerca di nuova acqua e di erba fresca”.

Numerosi studi e documenti, come quello del professor Christopher Rhodes, hanno dimostrato che l’agricoltura rigenerativa migliora la biodiversità e inverte il cambiamento climatico.

Tuttavia, l’agricoltura rigenerativa non ha gli stessi incentivi finanziari di nuovi prodotti come la carne allevata in laboratorio.

 

Gli incentivi finanziari della carne prodotta in laboratorio

Essendo un prodotto della natura, le aziende non possono rivendicare la proprietà intellettuale della carne. Nessuno ha inventato la carne. Ma quando la carne viene creata in laboratorio, le aziende possono rivendicarla come prodotto o design di loro proprietà.

Come spiega Mercola, “ci sono decine di brevetti in ogni boccone”.

“Le aziende alimentari sognano di monopolizzare il cibo lavorato industrialmente e brevettato per le masse”, ha detto.

Tenendo sotto controllo le pratiche agricole convenzionali da parte di potenti agenzie ambientali, alcune aziende alimentari probabilmente ritengono che l’emergere della carne prodotta in laboratorio rappresenti un’opportunità per ottenere un maggiore controllo sull’industria alimentare.

Secondo Rodgers, questa visione della produzione alimentare è una “fallacia distopica che esiste solo per fare profitti e disconnetterci ulteriormente dai produttori di cibo” che “distruggerà ulteriormente le comunità rurali centralizzando l’approvvigionamento alimentare quando abbiamo bisogno di un sistema alimentare più decentralizzato e regionale”.

La principale associazione agricola italiana, la Coldiretti, ha fatto eco al sentimento di Rodgers, affermando che la proposta di legge proteggerà l’agricoltura italiana “dagli attacchi delle multinazionali”.

 

Qualità contro sicurezza e legalità

La proposta di legge italiana si basa su “principi di precauzione” perché “non ci sono ancora studi scientifici sugli effetti degli alimenti sintetici”, ha dichiarato il ministro della Salute italiano, Orazio Schillaci, durante una conferenza stampa.

Se da un lato il disegno di legge è stato concepito per proteggere la cultura italiana della coltivazione e della vendita di alimenti di qualità, dall’altro, negli Stati Uniti, la FDA sostiene di essere pronta a collaborare con le aziende per rendere la carne prodotta in laboratorio “sicura e legale“.

Non sorpreso dall’approvazione della FDA per la carne allevata in laboratorio, Mercola ha detto che non dovremmo definire ciò che è sano in base agli standard del governo. Ha aggiunto che le persone che “comprendono i principi di base degli alimenti sani” è improbabile che si convincano che “queste carni false presentate come sane o sostenibili” siano ciò che sembrano.

Vance Voetberg

 

Vance Voetberg è un giornalista freelance di The Epoch Times con sede nel Pacifico nordoccidentale. Ha conseguito una laurea in giornalismo e si propone di presentare notizie veritiere e stimolanti sulla salute. È il fondatore del blog sulla nutrizione “Running On Butter”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments