Rilanciamo nella nostra traduzione l’editoriale di Tucker Carlson pubblicato su Twitter. 

 

 

Salve, sono Tucker Carlson.
Questa mattina (ieri, ndr) sembra che qualcuno abbia fatto esplodere la diga di Kokovka, nel sud dell’Ucraina. L’impetuoso muro d’acqua ha spazzato via interi villaggi, ha distrutto una centrale idroelettrica di importanza critica e, da stasera, mette a rischio di fusione il più grande reattore nucleare d’Europa.

Quindi, se questo è stato intenzionale, non è stata una tattica militare. È stato un atto di terrorismo. La domanda è: chi è stato? Vediamo.

La diga di Kokovka era effettivamente russa. È stata costruita dal governo russo. Attualmente si trova in territorio controllato dalla Russia. Il serbatoio della diga fornisce acqua alla Crimea, che negli ultimi 240 anni è stata la sede della flotta russa del Mar Nero. Far saltare la diga può essere un male per l’Ucraina, ma fa più male alla Russia. Proprio per questo motivo, il governo ucraino ha pensato di distruggerla.

A dicembre, il Washington Post ha citato un generale ucraino che ha dichiarato che i suoi uomini hanno sparato missili di fabbricazione americana contro la paratoia della diga come attacco di prova. Quindi, una volta che i fatti cominciano ad arrivare, diventa molto meno misterioso cosa possa essere successo alla diga.

Qualsiasi persona onesta concluderebbe che gli ucraini probabilmente l’hanno fatta esplodere, proprio come si suppone che abbiano fatto esplodere il Nordstream, il gasdotto russo, lo scorso autunno. E in effetti gli ucraini lo hanno fatto, come ora sappiamo. Non è che Vladimir Putin sia ansioso di fare la guerra a sé stesso. Oh, ma è qui che vi sbagliate. Signore e signora consumatori di notizie via cavo.

Vladimir Putin è esattamente quel tipo di uomo. Il tipo di uomo che si sparerebbe a morte per infastidirvi. Lo sanno i media americani, che stamattina non hanno perso tempo ad accusare i russi di sabotare le loro stesse infrastrutture.

Bill Kristol, l’uomo che una volta ci ha detto che Saddam Hussein era responsabile dell’11 settembre, ha immediatamente denunciato Putin come criminale di guerra e lo ha paragonato ancora più selvaggiamente a Donald Trump.

Il resto della classe degli opinionisti ha emesso commenti simili, chiaramente coordinati. È stato Putin. Putin è stato. E il loro ragionamento era semplice. Putin è malvagio. E le persone malvagie fanno cose malvagie solo per l’oscuro piacere di essere malvagie.

In questo caso specifico, Putin ha attaccato se stesso, che è la cosa più malvagia che si possa fare, e quindi perfettamente in linea con un uomo così malvagio. Questa è stata la loro spiegazione.

Nessuno di coloro che sono pagati per occuparsi di queste cose sembra prendere in considerazione anche solo la possibilità che siano stati gli ucraini a farlo. Non c’era alcuna possibilità.

L’Ucraina, come avrete sentito, è guidata da un uomo chiamato Zelensky. E possiamo dire con assoluta certezza che non è coinvolto. Non avrebbe potuto esserlo.

Zelensky è troppo rispettabile per il terrorismo. Se lo vedete in televisione, è vero. Potreste farvi un’idea diversa. Sudato e rattuso, un comico diventato oligarca, un persecutore di cristiani, un amico di BlackRock. Ma non credete ai vostri occhi. In realtà, il signor Zelensky è un uomo molto buono. Il migliore, in realtà, come ha notato una volta George W. Bush, è il Winston Churchill della nostra generazione.

Di tutte le persone al mondo, il nostro sfuggente amico ucraino con gli occhi spenti e la tuta da ginnastica è l’unico incapace di far saltare una diga.

È letteralmente un santo vivente, un uomo in cui non c’è peccato. Ecco perché Lindsey Graham è così attratto da lui. Sono solo due brave persone che si frequentano e si comportano bene. E come tutte le brave persone, quando si incontrano di persona, passano molto tempo a parlare di uccidere persone e a ridere come fanno gli amici.

Ecco la coppia della scorsa settimana. Liberi o morti. Liberi o morti. Ora sei libero. Sì, e lo saremo. E i russi stanno morendo.
I migliori soldi che abbiamo mai speso. Grazie mille. I russi stanno morendo. È il denaro migliore che abbiamo mai speso, dice Graham. Un sorriso si allarga sulle sue labbra sottili e tremanti mentre pronuncia le parole. Sembra un uomo affamato che contempla una colazione a buffet.

L’aroma della morte ha risvegliato Lindsey Graham. Grazie mille, risponde Zelensky. Anche lui la pensa così. Vedete, non c’è niente di oscuro qui. Solo due uomini di mezza età che festeggiano l’uccisione di una popolazione.

Non sembrano il tipo di persone che si divertono ad allagare villaggi o a scatenare una carestia. E in ogni caso, chi se ne frega se lo sono? Non sono affari vostri. Il vostro compito è quello di sostenere l’Ucraina. Guardate Nikki Haley, candidata repubblicana alla presidenza. Spiega questo principio alla CNN.

Una vittoria per l’Ucraina è una vittoria per tutti noi. E per loro sedersi lì e dire che si tratta di una disputa territoriale, non è proprio così. Dire che dovremmo rimanere neutrali è nell’interesse dell’America. È nell’interesse della nostra sicurezza nazionale.

Affinché l’Ucraina vinca, dobbiamo andare fino in fondo. Dobbiamo portarla a termine. Vedete, è molto facile da capire. È di vitale importanza che voi sosteniate l’Ucraina, perché è necessario che l’Ucraina sia sostenuta da voi. Il vostro sostegno è obbligatorio finché non sarà finito, qualunque cosa sia e qualunque cosa significhi. Quindi state zitti e sostenete l’Ucraina, altrimenti siete nei guai.

Quando ancora si insegnava la logica, affermazioni come questa erano note come tautologie. Una cosa è vera perché lo è. Più la si ripete, più diventa vera. È una realtà che si rafforza da sola. Un tempo le tautologie erano considerate argomenti illegittimi, oltre che esilaranti e stupidi. Oggi solo gli stupidi parlano così. Tutti quelli che hanno potere parlano così. La diversità è la nostra forza. Le donne trans sono donne. Zelensky è Churchill. È tutto evidentemente vero, non ha bisogno di spiegazioni e non fate domande. Vi suona familiare? Certo che sì. Questo è il PAP. Ce lo stanno servendo giorno dopo giorno in porzioni fumanti e grumose. A questo punto, è possibile che i cittadini americani siano le persone meno informate del mondo. Il pastore medio di yak in Tagikistan sa chi ha fatto saltare il gasdotto Nordstream. È ovvio. Pensa che un tizio magro in abito da donna sia una donna. Ma dai, non gli verrebbe mai in mente. Questa idea non gli verrebbe mai in mente. Per giungere a conclusioni del genere bisogna ricevere bugie a tutto spiano per un periodo di anni. E ovviamente è così. I media mentono. Lo fanno, ma per lo più ignorano le storie che contano. Che fine hanno fatto le centinaia di miliardi di dollari che abbiamo inviato all’Ucraina?
Nessun indizio.

Chi ha organizzato quelle rivolte BLM (Black Live Matters, ndr) tre anni fa? Nessuno è andato a fondo della questione. Cosa è successo esattamente l’11 settembre [2001]? Beh, è ancora riservato. Come ha fatto Jeffrey Epstein a fare tutti quei soldi? Come è morto? E JFK? E così via all’infinito. I media non solo non sono interessati a tutto questo, ma sono attivamente ostili a chiunque faccia giornalismo. La curiosità è il crimine più grave.

Ieri, per esempio, un ex ufficiale dell’aeronautica che ha lavorato per anni nell’intelligence militare si è fatto avanti come informatore per rivelare che il governo degli Stati Uniti ha prove fisiche di aerei non umani precipitati e dei corpi dei piloti che li hanno pilotati. Il Pentagono ha trascorso decenni a studiare questi resti extraterrestri al fine di
costruire sistemi d’arma tecnologicamente più avanzati. Ok, questo è ciò che ha rivelato l’ex ufficiale dei servizi segreti, ed era chiaro che stava dicendo la verità. In altre parole, gli UFO esistono davvero e, a quanto pare, anche la vita extraterrestre. Ora, sappiamo che in un Paese normale questa notizia sarebbe una bomba, la storia del millennio, ma nel nostro Paese non è così.

Il racconto dell’informatore è stato pubblicato su un sito web di tecnologia chiamato Debrief, che probabilmente non avete mai sentito nominare. Il Washington Post aveva questa notizia, ma ha deciso di non pubblicarla. Il New York Times, nel frattempo, ha fatto finta che non sia mai successo. Sulla prima pagina del sito web del New York Times, questa mattina, c’erano cinque notizie sull’Ucraina e quattro storie ciascuna su Donald Trump, sulle persone trans e sul cambiamento climatico. La solita scaletta. Non c’era nulla su come una specie aliena stia pilotando aerei ipersonici sulle nostre città. Non una parola. Se vi state chiedendo perché il nostro Paese sembra così dissestato, questa è una parte importante del motivo per cui nessuno sa cosa stia succedendo.

Un piccolo gruppo di persone controlla l’accesso a tutte le informazioni rilevanti, e il resto di noi non sa che siamo autorizzati a parlare di razzismo quanto vogliamo, ma se parliamo di qualcosa di veramente importante vediamo cosa succede. Se continuate così, vi faranno tacere. Fidatevi di noi. È così che mantengono il controllo.

Quando i turisti occidentali iniziarono a recarsi in massa in Unione Sovietica all’inizio degli anni ’70, scoprirono che molti russi avevano una concezione completamente distorta degli Stati Uniti. Credevano che gli americani vivessero in una povertà estrema, in uno stato di perenne guerra razziale e che volessero disperatamente fuggire verso la libertà e la prosperità del blocco orientale. Lo pensavano perché era quello che gli era stato detto. Non avevano modo di sapere il contrario. I pochi russi che capivano cosa stesse realmente accadendo nel resto del mondo lo avevano appreso ascoltando le trasmissioni radiofoniche a onde corte, a volte sotto le coperte per non farsi sentire dai vicini. A 50 anni di distanza, è sconcertante considerare l’ironia della sorte.

Ora siamo noi a vivere nell’ignoranza. Il governo statunitense è riuscito a catalogare come segreti più di un miliardo di cosiddetti documenti pubblici. Quindi, a questo punto, non possiamo sapere cosa stanno facendo i nostri leader. Non ci è permesso di saperlo. Per definizione, questa non è ancora una democrazia. Ai media va bene così. La segretezza è un potente strumento di controllo. Smettete di chiedervi come siamo diventati così ricchi. Ecco un’altra storia sul razzismo che si mangia a vicenda.

Questo è il programma. È così che la maggior parte di noi vive oggi qui negli Stati Uniti, manipolata dalle bugie, messa a tacere dai tabù. È malsano e disumanizzante. E ne siamo stanchi. Da oggi siamo arrivati a Twitter, che speriamo sia la radio a onde corte sotto le coperte. Ci dicono che qui non ci sono guardiani. Se questo si rivelerà falso, ce ne andremo. Ma nel frattempo, siamo grati di essere qui. Torneremo presto con molto altro. Perché si dice che le notizie sono mondiali?

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla






 

 

Facebook Comments