Un cardinale spagnolo si è messo nei guai per aver aperto una chiesa e portato un’immagine della Vergine Maria alla porta dell’edificio per benedire la città di Valencia. Alcuni lo hanno accusato di aver infranto le norme sociali COVID-19 sul coronavirus del paese, ma l’arcidiocesi ha detto che non c’è stato alcun illecito.

Ne parla Inés San Martín nel suo articolo pubblicato su Crux. Eccolo nella mia traduzione.

 

Cardinal Antonio Cañizares

Cardinal Antonio Cañizares di Valencia, Spagna

 

Un cardinale spagnolo si è messo nei guai per aver aperto una chiesa e portato un’immagine della Vergine Maria alla porta dell’edificio per benedire la città di Valencia. Alcuni lo hanno accusato di aver infranto le norme sociali COVID-19 sul coronavirus del paese, ma l’arcidiocesi ha detto che non c’è stato alcun illecito.

La festa della Madonna degli abbandonati viene celebrata ogni seconda domenica di maggio a Valencia, e di solito prevede una processione dell’immagine dalla Basilica de la Virgen de los Desamparados alla Cattedrale di Santa Caterina – una distanza di circa 200 metri.

Quest’anno, tuttavia, è stata annullata a causa della pandemia.

“La festa di Nostra Signora dei Desamparados è stata celebrata con una sola Messa alle 10:30 nella Basilica Reale, a porte chiuse, senza la presenza dei fedeli”, ha detto una dichiarazione rilasciata dall’Arcidiocesi di Valencia domenica.

Le autorità civili stanno indagando se il cardinale Antonio Cañizares abbia infranto le misure di sicurezza della pandemia aprendo le porte di una chiesa di Valencia per far vedere l’immagine della Vergine.

Nonostante alcune notizie, l’arcidiocesi sostiene che l’immagine non è mai uscita dalla chiesa, ma è stata collocata di fronte alla Plaza de la Virgen, una piazza pubblica dedicata a Maria. I video mostrano diverse centinaia di persone che, indossando maschere facciali e rispettando le regole sociali sulla distanza, si erano riunite per venerare l’immagine.

L’immagine è stata visibile solo per pochi minuti, mentre veniva suonato l’inno regionale di Valencia.

 

 

Nella piazza erano presenti anche tre membri delle forze di polizia e della Croce Rossa, che continuavano a ricordare alla gente la necessità di mantenere la giusta distanza l’uno dall’altro.

Un video disponibile su Twitter conferma che l’immagine non ha mai lasciato la chiesa, nonostante sia visibile dall’esterno. Con un megafono, un membro delle forze di polizia di Valencia chiede chiaramente ai presenti di mantenere la giusta distanza l’uno dall’altro, ma in nessun momento viene emesso un avviso di violazione della legge.

Ci sono state anche notizie secondo cui la basilica era piena per la messa della domenica mattina, cosa che è stata categoricamente negata dall’arcidiocesi: Un video dell’evento mostrava diversi sacerdoti concelebranti con Cañizares, ma nessun fedele.

Secondo la dichiarazione rilasciata domenica dall’arcidiocesi, l’arcidiocesi ha “rigorosamente rispettato” le misure autorizzate dalle autorità sanitarie, e lo fa da quando il 14 marzo è stato dichiarato lo stato di emergenza.

A Valencia non ci sono state messe pubbliche, ma diverse chiese hanno tenuto aperte le porte per la preghiera privata. Il numero di persone che possono essere presenti in ogni chiesa è rigorosamente limitato e tutti sono tenuti ad indossare una maschera facciale e ad usare un disinfettante per le mani quando entrano.

Aarón Cano, consigliere comunale per la protezione dei cittadini del Comune di Valencia, ha definito irresponsabile l’apertura della basilica e ha detto di considerarla un atto compiuto “con premeditazione e tradimento”, facendo notare che in quel momento c’era una stazione televisiva. Inoltre, ha accusato l’arcivescovo di “imbrogliare” avendo dato una pubblica benedizione quando non aveva ottenuto il permesso per la celebrazione.

Da allora la polizia locale ha chiuso la basilica.

Durante l’omelia, Cañizares ha detto che “siamo in una situazione molto difficile di pandemia con morti e malati; abbiamo una grande crisi economica, con aziende e posti di lavoro distrutti… abbiamo molteplici povertà”.

“Gesù ci chiede di rimanere nell’amore, di non allontanarci dall’amore, di amarci con lo stesso amore con cui lui e la Vergine amano tutti gli indifesi, le moltitudini che soffrono”, ha detto.

Cañizares ha anche detto che nei prossimi giorni l’arcidiocesi annuncerà misure speciali per assistere le persone più colpite dalla pandemia, per le quali sarà creato un Consiglio o una Commissione diocesana.

Tra le opere di misericordia che Gesù insegna c’è quella di “fare per i disoccupati tutto quello che possiamo. Lavoriamo insieme. Il popolo valenciano è animato dalla Vergine dell’amore, della misericordia e del perdono. La fede in lei del popolo di Valencia non muore. La speranza è la risposta all’impotenza, rimane attenta al dolore dei malati, degli anziani, di coloro che sono soli, di coloro che sono minacciati nella loro vita”.

Al termine della Messa, Cañizares ha impartito la benedizione apostolica di Papa Francesco e ha suggerito che l’immagine pellegrina di Nostra Signora degli abbandonati fosse portata alla porta della basilica e da lì benedicesse la città.

Le accuse contro Cañizares per aver infranto le precauzioni sanitarie obbligatorie arrivano una settimana dopo che il prelato aveva messo in guardia contro “campagne orchestrate” che chiedevano la riapertura delle chiese.

“Non stiamo forse difendendo e promuovendo la vita? Non è forse il primo comandamento di amare Dio sopra ogni cosa e il nostro prossimo come noi stessi? Non è forse il comandamento della carità: ‘Amatevi l’un l’altro come io vi ho amato, quindi dovete amarvi l’un l’altro’, cosa c’è al di sopra della carità?”

In una lettera pastorale pubblicata il 29 aprile, il cardinale dice che i cattolici sono chiamati a contribuire al bene comune, lavorando a fianco del governo e pregando per le autorità civili, “ignorando le campagne orchestrate sui social network, che inviano messaggi che sono in qualche modo accusatori nei confronti della gerarchia della Chiesa”.

“La prudenza è molto necessaria in questo momento”, scriveva Cañizares.

Ha anche detto di condividere il desiderio di coloro che vogliono ricevere l’Eucaristia, ma che questo non può essere fatto “a tutti i costi”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1