Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Austin Ruse, pubblicato su Crisis magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

 

Nostra figlia Lucy sta per diplomarsi e, in autunno, inizierà i corsi all’Università di Dallas. Lasciate che vi racconti la sua storia, almeno la parte iniziale.

Io e mia moglie abbiamo avuto una vocazione tardiva al matrimonio. Avevo 47 anni. Cathy ne aveva 39. Il nostro primo appuntamento è stato in occasione della festa di Gioacchino e Anna, ed è stato il miglior primo appuntamento da quando Gioacchino ha conosciuto Anna. Credo di essere su un terreno teologico solido. Partendo dall’Immacolata Concezione, si può supporre che ogni passo del percorso sia stato perfetto, compreso il loro primo incontro.

Ho chiesto a Cathy di sposarmi due settimane dopo. È successo nella Peacock Room della Freer Gallery sul National Mall. Era la stanza creata dal grande pittore James Abbott McNeill Whistler. Il posto era pieno di bambini rumorosi in gita. Persi la testa e dissi: “Vuoi sposarmi?”. Lei, molto lucida, disse: “È questo il piano?”. Era chiaro fin dal primo appuntamento che questa domanda sarebbe arrivata prima o poi, più prima che poi. Le dissi: “No, non è questo il piano”. Lei ha risposto: “Attieniti al piano”.

Il piano era di chiederle di sposarmi in un luogo che non sarebbe mai stato demolito. Il ristorante francese di McPherson Square a Washington, D.C., luogo del nostro primo appuntamento, ha chiuso da tempo. Così pensai di chiederle di sposarmi su un ponte di Central Park, vicino a dove vivevo in quei giorni del 2002.

Era una fredda e piovigginosa giornata di dicembre quando la attirai in un Central Park deserto. Lei venne coraggiosamente. Arrivammo al Bow Bridge, sul lato ovest, in vista del Dakota, dove avevano sparato a John Lennon.

Mi misi in ginocchio. Lei mi portò alla sua altezza. Mi vuoi sposare? Pianse e disse di sì. Le mostrai l’anello. Pianse ancora un po’.

Tenete presente che questo era un Central Park completamente deserto. Per arrivarci dal Metropolitan Museum of Art, dovevamo attraversare la zona, a volte poco raccomandabile, chiamata The Ramble. È stato quindi con una certa preoccupazione che abbiamo visto una banda di adolescenti uscire dal bosco e salire sul ponte verso di noi. Senza dubbio avevano visto quello che era successo, compreso lo sventolio di un anello di fidanzamento non economico.

Ci passarono accanto. Cathy non mi permise di girarmi per guardarli. A circa 30 metri di distanza si fermarono, formarono un semicerchio e iniziarono a cantare. Era una canzone d’amore del Medioevo. Erano una schola che si trovava per caso a Central Park in quel preciso momento. Finirono, non dissero nulla e se ne andarono per la loro strada.

Ancora oggi pensiamo che fossero angeli.

Ci sposammo il settembre successivo.

Nel primo anno di matrimonio, Cathy ebbe tre aborti spontanei. Sono stati molto duri, come potete immaginare. Non erano solo la morte di un bambino, ma anche la morte della speranza di avere un figlio da crescere.

Io sono di St. Louis. Il cardinale Burke era allora il vescovo di St. Louis. Conosceva il mio lavoro nell’ambito internazionale pro-vita e ha sentito dai tamburi della giungla pro-vita che due pro-vita stavano avendo problemi. Ci raggiunse e ci disse: “Venite a trovarmi quando tornate a casa per Natale”. Abbiamo accettato volentieri.

Quel giorno arrivammo alla residenza del vescovo, dall’altra parte della strada rispetto alla magnifica Basilica Cattedrale di Lindell Boulevard, a St. Louis. Fummo invitati ad aspettare in una piccola stanza ben arredata vicino alla porta d’ingresso.

Il cardinale Burke entrò. Ci alzammo. Ci ha detto: “Inginocchiatevi”. E poi ci ha benedetto con un pezzo dell’abito da sposa di Gianna [Beretta] Molla. Per chi non lo sapesse, Gianna Molla è stata l’ultima santa elevata agli altari da Papa San Giovanni Paolo Magno. Gianna Molla scelse una possibile morte piuttosto che ricevere un trattamento medico che avrebbe potuto danneggiare il suo bambino non ancora nato. Suo figlio nacque e Gianna Molla morì. È una grande santa pro-vita.

Il cardinale Burke ha detto: “L’ho fatto otto volte, e per otto volte ha funzionato”. L’ha detto con un sorriso quasi da cherubino sul suo volto gentile. Si è affrettato a cercare un altro pezzo del suo abito da sposa che avremmo potuto conservare in casa nostra per tutto il tempo necessario. Non riuscì a trovarne uno, dato che li aveva distribuiti tutti.

Quello che la gente non sa è che il cardinale Burke ha una profonda devozione per Gianna Molla. In silenzio, egli venera la sua immagine nelle strutture mediche di tutto il mondo.

Quindi, ecco come stanno le cose. Non lo sapevamo, ma nel momento in cui ci ha benedetto con l’abito da sposa di Gianna Molla, Cathy era in attesa di nostra figlia Lucy, che non ha abortito. È rimasta con noi. Siamo tornati un anno dopo con Lucy appena nata, e abbiamo questa meravigliosa immagine del grosso e corpulento Burke che tiene a disagio questa piccola nocciolina!

E poi cosa accadde? Tre anni dopo, all’età di 44 anni, Cathy diede alla luce la nostra seconda figlia. Dovevamo un nome a Gianna, così l’abbiamo chiamata Gianna-Marie. Noi la chiamiamo Gigi. Quest’anno è una matricola del liceo.

In autunno Lucy frequenterà l’Università di Dallas con una borsa di studio completa. È una scrittrice, avendo scritto un romanzo di 100.000 parole a 15 anni. Suona l’arpa e il pianoforte. È un’artista di talento, che ha realizzato uno schizzo dopo l’altro. Non ha abortito. È rimasta con noi. Deo Gratias.

Austin Ruse

 

Austin Ruse è redattore della rivista Crisis. È presidente del Center for Family and Human Rights di New York e Washington DC. È autore di diversi libri, tra cui Under Siege: No Finer Time to be a Faithful Catholic (Crisis Publications). È raggiungibile all’indirizzo austinruse@c-fam.org.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments