La recente distruzione da parte del governo cinese di due santuari dedicati alla Madonna, avvenuta a poche settimane dalla conclusione dell’accordo tra Cina e Vaticano sulla nomina dei vescovi, ha scosso non poco le coscienze dei cattolici di tutto il mondo. Si impone dunque una riflessione che prendo dal cardinale Joseph Zen Ze-kiun, vescovo emerito di Hong Kong, pubblicata sul New York Times. Il Card. Zen dice: Fratelli cattolici cinesi, “Per favore, non iniziate una rivoluzione. Vi portano via le vostre chiese? Non potete più officiare? Andate a casa, e pregate con la vostra famiglia. Fino a terra. Aspettate tempi migliori. Tornate alle catacombe. Il comunismo non è eterno”.

Eccola nella mia traduzione.

 

Foto: card. Joseph Zen Ze-Kiun

Foto: card. Joseph Zen Ze-Kiun

 

Il mese scorso il Vaticano ha annunciato di aver raggiunto un accordo provvisorio con il governo cinese sulla nomina dei vescovi cattolici. I sostenitori dell’accordo dicono che finalmente porta unità dopo una divisione di lunga data – tra una Chiesa clandestina fedele al papa e una chiesa ufficiale approvata dalle autorità cinesi – e che con esso il governo cinese ha riconosciuto per la prima volta l’autorità del papa. Infatti, l’accordo è un passo importante verso l’annientamento della Chiesa reale in Cina.

Conosco la Chiesa in Cina, conosco i comunisti e conosco la Santa Sede. Sono un cinese di Shanghai.  Ho vissuto molti anni nella terraferma e molti anni a Hong Kong. Ho insegnato nei seminari di tutta la Cina – a Shanghai, Xian, Pechino, Wuhan, Shenyang – tra il 1989 e il 1996.

Papa Francesco, argentino, sembra non capire i comunisti. (Il suo pontificato ha una impronta) molto pastorale, e viene dal Sud America, dove storicamente i governi militari e i ricchi si sono riuniti per opprimere i poveri. E chi verrebbe allo scoperto per difendere i poveri? I comunisti. Forse anche alcuni gesuiti, e il governo li chiamerebbe comunisti gesuiti.

Francesco può avere naturale simpatia per i comunisti perché per lui, sono i perseguitati. Non li conosce come persecutori una volta che essi siano andati al potere, come i comunisti in Cina.

La Santa Sede e Pechino interruppero i rapporti negli anni Cinquanta. I cattolici e altri credenti furono arrestati e mandati nei campi di lavoro. Sono tornato in Cina nel 1974 durante la Rivoluzione culturale; la situazione era terribile oltre ogni immaginazione. Un’intera nazione sotto la schiavitù. Dimentichiamo queste cose troppo facilmente. Dimentichiamo anche che non si può mai avere un accordo veramente buono con un regime totalitario.

La Cina si è aperta, sì, dagli anni ’80, ma ancora oggi tutto è sotto il controllo del partito comunista cinese. La chiesa ufficiale in Cina è controllata dalla cosiddetta associazione patriottica e dalla conferenza episcopale, entrambe sotto il dominio del partito.

Dal 1985 al 2002, il cardinale Jozef Tomko è stato prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, che sovrintende al lavoro missionario della Chiesa. Era uno slovacco, che comprendeva il comunismo, ed era saggio.

La posizione del cardinale Tomko era che la Chiesa clandestina era l’unica Chiesa legittima in Cina, e che la Chiesa ufficiale (cioè quella controllata dal governo, ndr) era illegale. Ma capì anche che c’erano molte brave persone nella chiesa ufficiale. Come il vescovo di Xian, che per un certo periodo è stato vicepresidente della Conferenza episcopale. O il vescovo di Shanghai, Jin Luxian, gesuita e brillante linguista, internato negli anni Cinquanta.

All’epoca, la Santa Sede aveva una politica prudente che attuava generosamente. Era suscettibile di un compromesso ragionevole, ma aveva un risultato finale.

Le cose sono cambiate nel 2002, quando il cardinale Tomko ha raggiunto l’età della pensione. Un giovane italiano senza esperienza straniera lo sostituì e cominciò a legittimare i vescovi ufficiali cinesi troppo velocemente, troppo facilmente, creando l’impressione che da quel momento il Vaticano avrebbe automaticamente assecondato la selezione (dei vescovi, ndr) di Pechino.

La speranza tornò quando Joseph Ratzinger, un tedesco che aveva vissuto sia il nazismo che il comunismo, divenne papa Benedetto XVI. Portò a capo della congregazione per l’evangelizzazione il cardinale Ivan Dias, un indiano che ha trascorso del tempo in Africa occidentale e Corea del Sud, e che ha internazionalizzato il Vaticano. Fu istituita anche una commissione speciale per la Chiesa in Cina, della quale sono stato nominato membro.

Purtroppo, il cardinale Dias credeva nell’Ostpolitik e negli insegnamenti di un segretario di Stato degli anni Ottanta che era stato un sostenitore della distensione con i governi controllati dall’Unione Sovietica. E applicò la politica alla Cina.

Quando Benedetto ha inviato la sua famosa lettera alla Chiesa cinese nel 2007 (qui) , chiedendo la riconciliazione tra tutti i cattolici, è successo qualcosa di incredibile. La traduzione cinese è stata pubblicata con errori, di cui uno troppo importante per non essere stato deliberato.  In un delicato passaggio su come i sacerdoti della clandestinità potessero accettare il riconoscimento da parte delle autorità cinesi senza necessariamente tradire la fede, è stato lasciato fuori un avvertimento critico su come “quasi sempre”, tuttavia, le autorità cinesi hanno imposto requisiti “contrari ai dettami” della coscienza dei cattolici.

Alcuni di noi hanno sollevato la questione e il testo è stato infine corretto sul sito web del Vaticano. Ma a quel punto, l’originale sbagliato aveva già avuto ampia diffusione in Cina, e alcuni vescovi presenti sul territorio cinese avevano compreso la lettera storica di Benedetto come un incoraggiamento ad unirsi alla chiesa autorizzata dallo Stato.

Oggi abbiamo Papa Francesco. Naturalmente ottimista riguardo al comunismo, viene incoraggiato ad essere ottimista riguardo ai comunisti in Cina dai cinici che lo circondano e che lo conoscono meglio.

La commissione per la Chiesa in Cina non si riunisce più, anche se non è stata sciolta. Quelli di noi che vengono dalla periferia, dalle prime linee, vengono emarginati.

Sono stato tra coloro che hanno applaudito la decisione di Francesco di nominare Pietro Parolin segretario di Stato nel 2013. Ma ora penso che il cardinale Parolin si preoccupa meno della Chiesa che del successo diplomatico. Il suo obiettivo finale è il ripristino delle relazioni formali tra il Vaticano e Pechino.

Francesco vuole andare in Cina – tutti i papi hanno voluto andare in Cina, a cominciare da Giovanni Paolo II. Ma cosa ha portato la visita di Francesco a Cuba nel 2015 alla Chiesa? Al popolo cubano? Quasi niente. E ha convertito i fratelli Castro?

I fedeli in Cina stanno soffrendo e ora sono sempre più sotto pressione. All’inizio di quest’anno, il governo ha inasprito le norme sulla pratica della religione. I sacerdoti della Chiesa sotterranea (cioè quella non autorizzata dal governo cinese ma fedele al Papa, ndr) sulla terraferma mi dicono che scoraggiano i parrocchiani dal venire a messa per evitare l’arresto.

Lo stesso Francesco ha detto che anche se il recente accordo – le cui condizioni non sono state rese note – prevede “un dialogo su eventuali candidati”, è il papa che “nomina” i vescovi. Ma a che cosa serve avere l’ultima parola quando la Cina avrà tutte le parole a sua disposizione? In teoria il papa potrebbe porre il veto alla nomina di qualsiasi vescovo che sembri indegno. Ma quante volte può farlo, davvero?

Poco dopo l’annuncio dell’accordo, due vescovi cinesi della Chiesa ufficiale sono stati inviati nella Città del Vaticano per il Sinodo, una riunione regolare di vescovi di tutto il mondo. Chi li ha selezionati? Entrambi gli uomini sono noti per essere vicini al governo cinese (qui).  Come ho detto, la loro presenza all’incontro è stato un insulto ai buoni vescovi cinesi.

La loro presenza solleva anche la dolorosa questione se il Vaticano ora legittimerà i sette vescovi ufficiali che rimangono illegittimi. Il Papa ha già revocato la scomunica, aprendo la strada alla concessione formale delle diocesi.

La Chiesa ufficiale ha circa 70 vescovi; la Chiesa clandestina ne ha solo 30. Dicono le autorità cinesi: Lei riconosca i nostri sette e noi riconosceremo i suoi 30.  Sembra un buon compromesso. Ma i 30 allora potranno ancora funzionare come vescovi clandestini? Certo che no.

Saranno costretti a unirsi alla cosiddetta Conferenza episcopale (cioè controllata dallo Stato, ndr). Saranno costretti a unirsi agli altri in quella gabbia per uccelli, e diventeranno una minoranza tra loro. L’accordo del Vaticano, siglato in nome dell’unificazione della Chiesa in Cina, significa l’annientamento della Chiesa reale in Cina.

Se fossi un disegnatore disegnerei il Santo Padre in ginocchio mentre offre le chiavi del Regno dei cieli al presidente Xi Jinping, dicendogli: “Riconoscimi come Papa“.

Eppure, ai vescovi e ai sacerdoti clandestini della Cina, posso solo dire questo: Per favore, non iniziate una rivoluzione. Vi portano via le vostre chiese? Non potete più officiare? Andate a casa, e pregate con la vostra famiglia. Fino a terra. Aspettate tempi migliori. Tornate alle catacombe. Il comunismo non è eterno.

 

Fonte: The New York Times

 

Facebook Comments
image_print
1