Un editoriale del giornalista scrittore Phil Lawler pubblicato su Catholic Culture. Di esso prendo ampi stralci. Eccoli nella mia traduzione. 

Pastore, pecore, gregge

Il mio amico e collega Jeff Mirus ci avverte che non dobbiamo affrettarci a giudicare i pastori della nostra Chiesa; non dobbiamo giungere alla prematura conclusione che essi si inchinano alle autorità civili limitando il ministero pastorale durante l’attuale epidemia. Ha ragione, naturalmente, e riconosco in me stesso una forte tendenza a un giudizio avventato: una tendenza che devo controllare.

Tuttavia non posso sfuggire alla conclusione che i devoti cattolici hanno buoni motivi per sospettare che in questa crisi i loro pastori si siano preoccupati più delle conseguenze politiche delle loro azioni che delle ricadute pastorali. 

Molto spesso, le restrizioni annunciate dai leader della Chiesa hanno coinciso esattamente, punto per punto, con i regolamenti emanati dalle autorità civili. A Roma, la polizia ha chiuso l’accesso a piazza San Pietro (che è di loro competenza), e poi poche ore dopo il Vaticano ha annunciato la chiusura della basilica di San Pietro (che è sotto il controllo vaticano). È stata una coincidenza? Lo stesso schema è stato evidente in tutto il mondo: I leader della Chiesa hanno chiuso le chiese non appena i funzionari pubblici hanno imposto regole di emergenza.

(…)

Non potevamo tenere aperte le chiese, ci è stato detto, perché la Chiesa cattolica è una chiesa pro-vita, e non dobbiamo mai fare nulla che possa mettere in pericolo la vita di coloro che vengono a pregare con noi. Questa logica è valida, per quanto riguarda il suo funzionamento. Ma non si spinge abbastanza lontano.

La Chiesa cattolica non si occupa di salvare vite umane, ma di salvare anime. Così, durante un’epidemia, mentre i leader civili hanno giustamente in mente la salute fisica della gente, i leader della Chiesa dovrebbero essere più attenti al benessere spirituale della loro gente. Per quanto sia importante preoccuparsi della salute dei parrocchiani, i pastori non dovrebbero mai fare nulla che metta in pericolo le anime di coloro che venerano con noi.

Solo raramente le esigenze della salute fisica entrano in conflitto con quelle del benessere spirituale. Ma un tale conflitto è sorto in queste ultime settimane. Pastori diversi hanno risolto questo conflitto in modi diversi, e non intendo mettere in discussione i loro giudizi. Ma troppi pastori, invece di prendere le loro decisioni, le hanno delegate interamente alle autorità secolari. E questa è una scelta che metto in discussione.

(…)

In un articolo pubblicato da Le Figaro, il cardinale Robert Sarah fa un’osservazione, esprimendo la preoccupazione che i pastori della Chiesa, nel loro desiderio di essere “buoni cittadini”, abbiano troppo spesso perso di vista la loro missione più importante. Sì, la Chiesa lavora per il bene della società in generale, e offre la sua guida sulle questioni temporali, come si addice (secondo le parole di papa Paolo VI) a un “esperto di umanità”. “Ma a poco a poco i cristiani sono arrivati a dimenticare il motivo di questa competenza”, osserva il cardinale.

La Chiesa cattolica può offrire consigli ai responsabili civili, alla ricerca del bene comune, perché la Chiesa sa di cosa ha bisogno l’umanità per trovare la vera e duratura felicità. Ma le guide civiche non possono restituire il favore; non possono offrire lo stesso tipo di guida alla Chiesa, perché il mondo laico non comprende la missione di salvezza della Chiesa. La Chiesa comprende il mondo; il mondo non comprende la Chiesa.

Quindi la Chiesa non può, anzi non deve accettare la presunzione che lo Stato sappia cosa è bene per la Chiesa. Il compito dello Stato è quello di sapere cosa è bene per il benessere temporale dei cittadini in generale. Quando le leggi dello Stato sono concepite per questo scopo ed equamente applicate, la Chiesa fa bene ad obbedirle. Per esempio, le chiese parrocchiali dovrebbero rispettare le norme locali di sicurezza antincendio. Ma quando lo Stato decide arbitrariamente che le funzioni religiose non sono attività essenziali, la Chiesa non può e non deve acconsentire. Il culto è essenziale. La Chiesa lo sa perché è “esperta di umanità” e perché conosce il Primo Comandamento. Accettare la designazione come “non essenziale” significa negare la giusta autorità della Chiesa di Cristo.

Quando i funzionari civili emettono ordini su ciò che è buono per la salute pubblica, i vescovi cattolici dovrebbero ascoltare, perché i funzionari civili hanno la giusta autorità per far rispettare le regole di salute pubblica. Un vescovo prudente, infatti, normalmente presterebbe attenzione a queste regole anche se personalmente le ritiene sbagliate, perché il vescovo non è un esperto nel campo della sanità pubblica. Ma se e quando le regole violano le prerogative della Chiesa – se compromettono la missione evangelica – allora il vescovo deve fare obiezione, e protestare, e se necessario sfidare l’autorità civile. E così dobbiamo fare anche noi.

 

Facebook Comments
image_print
1