“[C]iò a cui stiamo assistendo è la negazione eretica della fede cattolica nel sacramento del matrimonio e la negazione della verità antropologica che la differenza tra uomini e donne esprime la volontà di Dio nella creazione. (…) Oggi ci viene detto che ridurre le emissioni di CO2 è più importante che evitare i peccati capitali che ci separano da Dio per sempre.”

Duro intervento del Card. Gerhard Ludwig Müller, Prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, sulla benedizione tedesche delle unioni omosessuali, pubblicato su First Thing. Lo propongo alla riflessione del lettori di questo blog nella mia traduzione.

 

Card. Gerhard L. Muller
Card. Gerhard L. Muller (CNS photo/Paul Haring)

 

Il 10 maggio, più di cento sacerdoti cattolici in tutta la Germania hanno benedetto le unioni tra persone dello stesso sesso. Questa è stata una risposta a una dichiarazione di febbraio della Congregazione per la Dottrina della Fede che riaffermava che la Chiesa non poteva benedire tali unioni. Questa messa in scena di pseudo benedizioni di coppie omosessuali maschili o femminili è, teologicamente parlando, una blasfemia – una cinica contraddizione della santità di Dio. San Paolo scrisse alla chiesa di Tessalonica che Dio non vuole altro che “la vostra santificazione: che vi asteniate dall’impurità; che ciascuno di voi sappia prendere una moglie per sé in santità e onore, non nella passione della lussuria come i pagani che non conoscono Dio” (1 Tess. 4, 3-5).

Il luogo legittimo e sacro per l’unione corporea dell’uomo e della donna è il matrimonio naturale o sacramentale di marito e moglie. Qualsiasi attività sessuale liberamente scelta al di fuori del matrimonio è una grave violazione della santa volontà di Dio (Eb. 13,4). Il peccato contro la castità è ancora maggiore se il corpo di una persona dello stesso sesso viene strumentalizzato per stimolare il desiderio sessuale. “Ogni altro peccato che l’uomo commette è fuori del corpo; ma l’uomo immorale pecca contro il proprio corpo. Non sapete che il vostro corpo è un tempio dello Spirito Santo?” (1 Cor. 6,18).

I peccati gravi contro i Dieci Comandamenti, che si riassumono nel comandamento di amare Dio e il prossimo, portano alla perdita della grazia santificante e della vita eterna finché non ci pentiamo di quei peccati nel nostro cuore, li confessiamo a un sacerdote e riceviamo l’assoluzione che ci riconcilia con Dio e la Chiesa. “Non lasciatevi ingannare! Né gli immorali, né gli idolatri, né gli adulteri, né i pervertiti sessuali, né gli ubriaconi, né i bestemmiatori, né i ladri erediteranno il Regno di Dio” (1 Cor. 6,9). 

Nella Bibbia, la benedizione di Dio è menzionata per la prima volta quando l’uomo è creato a sua immagine e somiglianza. L’istituzione del matrimonio partecipa alla verità che la nostra creazione come “maschio e femmina” (Gen. 1,27) esprime la bontà essenziale di Dio. Quando un uomo e una donna acconsentono liberamente e nel matrimonio diventano “una sola carne” (Gen. 2,24; Matt. 19,5), la promessa fatta da Dio fin dal principio si applica a loro: “Dio li benedisse e disse loro: ‘Siate fecondi e moltiplicatevi'”. (Gen. 1,28).

Dio ha determinato il numero di persone che, per l’opera generativa dei loro genitori, nasceranno in questa vita e che, come individui unici, sono destinati “nell’amore a essere suoi per mezzo di Gesù Cristo, secondo il proposito della sua benevola volontà” (Ef. 1,5). Ogni individuo generato e curato da un padre e una madre è una rivelazione della gloria di Dio, e questo dimostra che la differenza creata tra uomo e donna e la loro comunione nel matrimonio sono benedizioni per loro, per la Chiesa del Dio Trino e per tutta l’umanità. 

La benedizione nuziale del sacerdote nel rito cattolico del matrimonio fa appello alla bontà rivelata di Dio e chiede il suo aiuto nella preghiera di intercessione della Chiesa (ex opere operantis). Essa comunica anche alla coppia la grazia santificante del matrimonio attraverso i loro voti coniugali (ex opere operato). Ecco perché il potenziale corporeo e spirituale di vita nell’atto coniugale e la sua apertura ai figli, nei quali Dio vuole rivelare la sua gloria e la sua salvezza, non è solo buono in sé e libero dal peccato, ma è anche un atto procreativo meritorio che viene considerato per la vita eterna (vedi Tommaso d’Aquino, Commento a 1 Cor. 7, lectio 1; Summa Contra Gentiles IV, Cap. 78). 

La benedizione nuziale è strettamente connessa al matrimonio come istituzione della creazione e sacramento istituito da Cristo. La benedizione nuziale è la potente preghiera della Chiesa per gli sposi affinché partecipino alla salvezza: che il loro matrimonio costruisca la Chiesa e promuova il bene degli sposi, dei loro figli e della società (Lumen Gentium 11). 

La benedizione nuziale è diversa dalle altre benedizioni e consacrazioni. Non può essere separata dalla sua specifica connessione con il sacramento del matrimonio e applicata a unioni non sposate o, peggio, usata impropriamente per giustificare unioni peccaminose. 

La dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede del 22 febbraio ha semplicemente espresso ciò che ogni cristiano cattolico che è stato istruito nei fondamenti della nostra fede sa: la Chiesa non ha l’autorità di benedire unioni di persone dello stesso sesso. 

È incredibile che vescovi e teologi stiano improvvisamente insistendo sull’urgenza pastorale di benedire coppie omosessuali in aree dove per molti mesi i credenti sono stati privati della consolazione e della grazia dei sacramenti durante il coronavirus. Questo fatto dimostra quanto in basso sia scesa la tavola dogmatica, morale e liturgica. Se i vescovi hanno vietato la partecipazione alla messa, le visite sacerdotali ai malati e i matrimoni in chiesa a causa del rischio di infezione, allora la loro affermazione che c’è un bisogno urgente di benedire le coppie dello stesso sesso non è lontanamente plausibile. 

Lo scandalo in Germania non riguarda quindi gli individui e le loro coscienze. Né segnala la preoccupazione per la loro salvezza temporale ed eterna. Invece ciò a cui stiamo assistendo è la negazione eretica della fede cattolica nel sacramento del matrimonio e la negazione della verità antropologica che la differenza tra uomini e donne esprime la volontà di Dio nella creazione.

L’anticattolicesimo che ha segnato a lungo la cultura tedesca si trova sullo sfondo, così come una sciocca ostilità verso il papa come successore di Pietro. Lo spirito tedesco è incline a voli di idealismo, credendo di essere spiritualmente e moralmente al di sopra dei limiti di ciò che è sacramentale e visibile, e al di sopra delle loro forme fin troppo umane definite da Roma. Alla fine, questa arroganza riconduce alla prigionia del corpo e ai suoi istinti non redenti. Poiché molti credono che essere “contro Roma” sia un segno di verità, gli agitatori lavorano duramente per imporre il loro punto di vista, anche se minaccia l’unità della Chiesa e contraddice il suo insegnamento apostolico. Accostare l'”esperienza vissuta” alla rivelazione ha una triste storia in Germania. Che sia accettata ingenuamente o volontariamente, questa falsa dicotomia spinge lo spirito cristiano verso una nuova paganizzazione che è solo sottilmente mascherata sotto abiti liturgici cristiani. 

Nei primi anni ’30, milioni di persone furono pervertite non solo dall’opposizione alla Chiesa cattolica, ma anche dall’opposizione all'”ortodossia” della Chiesa protestante confessante. Il propagandista nazista Alfred Rosenberg denigrava la Chiesa Confessante come legata al potere romano e come se ritenesse “la legge, la rivelazione, la chiesa e il credo di oggi come dogmaticamente superiori alle necessità vitali del popolo tedesco che lotta per la libertà interna ed esterna”. 

In realtà, la vita e la verità sono una sola cosa in Cristo (Giovanni 14,6). E l’amore non è ciò che rende felici, ciò che soddisfa i miei istinti, intorpidisce il mio nichilismo e allevia temporaneamente il mio mal d’anima. “Se qualcuno ama il mondo, l’amore per il Padre non è in lui. Perché tutto ciò che è nel mondo, l’amore della carne, la concupiscenza degli occhi e l’orgoglio della vita non è del Padre, ma del mondo. Ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno” (1 Giovanni 2, 15-17). 

Questi vescovi e teologi tedeschi trattano il popolo come sciocchi; pretendono di avere conoscenze esegetiche segrete che permettono loro di interpretare i versetti della Sacra Scrittura che condannano qualcosa di contrario alla natura come in qualche modo compatibili con l’affermazione delle unioni omosessuali. (Questo viene fatto scomponendo l’amore coniugale in singoli aspetti, alcuni dei quali sono applicati alle unioni dello stesso sesso). Le leggi pro-gay sostenute da una lobby gay multimiliardaria non possono distruggere la verità sulla natura umana. La benedizione di Dio può essere trasmessa solo dalla sua Chiesa. 

“Benedetto sia il Dio e Padre di Nostro Signore Gesù Cristo, che ci ha benedetti in Cristo con ogni benedizione spirituale nei luoghi celesti”. Questa benedizione è la potenza efficace dell’amore, che ci libera dall’amor proprio per essere gli uni verso gli altri come fratelli e sorelle, e ci unisce come figli di Dio. Questo principio è fondamentale: “Non usate la vostra libertà come occasione per la carne, ma per amore siate servitori gli uni degli altri” (Gal. 5,13). 

Lo spettacolo delle benedizioni dello stesso sesso non solo mette in discussione il primato dell’ufficio di insegnamento petrino, che è basato sulla rivelazione, ma mette anche in discussione l’autorità della stessa rivelazione di Dio. Ciò che è nuovo in questa teologia che ritorna al paganesimo è la sua insistenza impertinente nel definirsi cattolica, come se si potesse liquidare la Parola di Dio nella Sacra Scrittura e la Tradizione Apostolica come una mera pia opinione ed espressione legata al tempo di sentimenti religiosi e ideali che devono evolversi e svilupparsi in accordo con le nuove esperienze, necessità e mentalità. Oggi ci viene detto che ridurre le emissioni di CO2 è più importante che evitare i peccati capitali che ci separano da Dio per sempre.

Il “Cammino Sinodale” non è legittimato dalla costituzione della Chiesa Cattolica. È motivato da stereotipi anticlericali: preti e vescovi ossessionati dal potere che, a causa del voto di celibato, sono presumibilmente inclini a perversioni sessuali e che deliberatamente tengono le donne fuori dal loro club di uomini e negano loro alti onori ecclesiastici. 

Per il bene della verità del Vangelo e dell’unità della Chiesa, Roma non deve guardare in silenzio, sperando che le cose non vadano troppo male, o che i tedeschi possano essere pacificati con finezze tattiche e piccole concessioni. Abbiamo bisogno di una chiara dichiarazione di principio con conseguenze pratiche. Questo è necessario affinché, dopo cinquecento anni di divisione, il resto della Chiesa cattolica in Germania non si disintegri, con conseguenze devastanti per la Chiesa universale. 

Il primato è dato alla Chiesa di Roma non solo per le prerogative della Cattedra di Pietro, il cui occupante potrebbe fare ciò che vuole, ma soprattutto per il grave dovere del papa, assegnatogli da Cristo, di custodire l’unità della Chiesa universale nella fede rivelata. 

Nella solennità di Pietro e Paolo, Papa Leone Magno parlò della prova di fermezza richiesta a tutti gli Apostoli nella Passione: “Eppure il Signore è particolarmente preoccupato per Pietro e prega specialmente per la fede di Pietro (Luca 22,32), come se gli altri fossero più saldi se il coraggio del capo rimanesse imperterrito. Nella forza di Pietro tutti sono rafforzati, perché l’assistenza della grazia divina è così considerata che la forza data a Pietro passa attraverso di lui agli apostoli” (Sermone 83,3).

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1