Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog stralci di una intervista del Card. Gerhard Ludwig Müller, Prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, rilasciata a Lothar C. Rillinger di Kath.net e rilanciata da InfoCatólica, sito da cui riprendiamo. Visitate il sito per leggere l’intervista nella sua interezza e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione automatica.

 

Card.Mueller Muller
Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il cardinale Gerhard Mueller, durante la conferenza stampa sulla nuova Istruzione riguardante la sepoltura e la cremazione, Roma, 25 Ottobre 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI

 

Secondo il nostro sistema giuridico (Germania), è legittimo ricorrere all’aiuto di altri quando non si è in grado di fornire da soli il servizio desiderato. Il nostro sistema economico e giuridico si basa su questo principio. Da quando è diventato possibile fecondare artificialmente gli ovuli con gli spermatozoi e poi impiantare l’embrione in una donna, di solito la madre, è nata anche l’idea di impiantare l’embrione in una terza donna affinché porti a termine il processo di gravidanza in cambio di un pagamento, per poi consegnare il bambino a chi se ne occupa. Questa terapia della fertilità solleva preoccupazioni soprattutto per gli interessi della madre surrogata e del bambino. È compatibile con la dignità di questa donna il fatto che offra il suo corpo come schiavo in cambio di un pagamento e che venga quindi considerata semplicemente come un oggetto, cioè come una macchina per partorire, senza poter mai esercitare una vera maternità?

Il nostro sistema giuridico non si basa positivamente sulla volontà mutevole del legislatore in carica, ma sul riconoscimento della dignità inalienabile dell’individuo. Questa conoscenza è accessibile a tutti attraverso la ragione naturale, perché negarla significherebbe una lotta senza quartiere di tutti contro tutti. Il darwinismo sociale, sotto forma di fascismo, comunismo e della potente lobby dell’aborto, è stato ed è l’ideologia più omicida della storia umana. Senza ricorrere alla rivelazione soprannaturale, Immanuel Kant (1724-1804) formulò l’imperativo morale in termini di fondamento morale puramente razionale: “L’essere umano non è una cosa che può essere usata come mezzo, ma deve essere considerato in tutte le sue azioni in ogni momento come un fine in sé” (Immanuel Kant, Fondazione della metafisica della morale B 67). Il diritto fondamentale alla vita, infatti, non può essere concesso o negato ad altri da esseri umani finiti e fallibili. La vita non è un prodotto tecnico, ma un dono immeritato che precede tutti i nostri pensieri e le nostre azioni.

L’ebreo e il cristiano credenti riconoscono anche che la dignità intrinseca della natura umana si basa sulla sua creazione a immagine e somiglianza di Dio (Genesi 1:27; Salmo 8:6; Colossesi 1:15-20).

La riproduzione sessuale e il nutrimento amorevole dei figli sono un mandato del Creatore per un uomo e una donna uniti in un amore totalizzante. Ma anche chi pensa filosoficamente in modo puramente materialista riconoscerà il fatto empiricamente provato che il concepimento di un nuovo essere umano è legato all’evoluzione della dualità genetica del sesso maschile e femminile (cfr. Ulrich Kutschera, Criminal Case of Sexual Biology. Verità darwiniane sul matrimonio e sul benessere dei bambini nei tribunali, Amburgo 2021).

È un ritorno alla barbarie quando nelle moderne ideologie atee del nazismo, del marxismo-leninismo e del capitalismo consumistico, l’essere umano diventa uno strumento politico o una merce. Il desiderio naturale di un figlio, che coesiste con l’identità di genere dell’essere umano, non deve essere confuso con un oggetto di desiderio materiale. Il bambino non è una cosa, ma una persona. Quando un uomo e una donna si uniscono nell’impegno d’amore del matrimonio (cioè nel rispetto reciproco come persone), si aprono alla possibilità di avere un figlio come frutto del loro amore. Si relazionano “speranzosi” con il loro bambino come persona dalla dignità inalienabile. Il concepimento umano si differenzia fondamentalmente dalla riproduzione nel regno animale o dall’allevamento di animali da reddito, nel senso che l’essere umano che viene al mondo è riconosciuto in un atto morale nel suo essere persona, che sfugge a qualsiasi strumentalizzazione. I genitori non possiedono i figli come proprietà, ma li affidano alle loro cure e al loro amore, proprio come un tempo erano affidati ai loro genitori e come gli anziani dipendono dalle cure dei loro figli.

 

Nel contesto della prostituzione, le donne mettono il loro corpo a disposizione degli uomini per soddisfare i loro desideri sessuali. Forniscono servizi che devono essere pagati. Eppure questi servizi sono considerati immorali, nonostante siano soggetti all’imposta sul reddito. Non è strano che la prostituzione sia considerata riprovevole, mentre si cerca di legalizzare la maternità surrogata dal punto di vista giuridico?

La legislazione statale, a differenza della legge naturale, che proviene da Dio come autore, proviene da persone fallibili e con interessi personali. Anche nei casi in cui si può parlare di una vera democrazia costituzionale e di uno Stato di diritto ragionevolmente ben funzionante, c’è il costante pericolo che le istituzioni statali vengano cooptate da ideologi e corrotte da mafiosi. È semplicemente cinico e sprezzante nei confronti dell’umanità considerare la prostituzione commerciale o la pornografia legalizzata o l’industria del sesso come servizi normali, poiché si basano niente meno che su una violazione fondamentale della dignità umana. Anche se una persona si prostituisce volontariamente e vende il proprio corpo per la mera soddisfazione del piacere altrui, commette una grave ingiustizia, poiché ha trasformato la propria persona in una merce, tradendo così la propria dignità.

 

Sebbene la maternità surrogata sia ancora vietata in Germania, è già consentita in altri Paesi. Ci si può aspettare che una persona accetti il fatto di essere stata interamente portata in grembo da un’altra donna come parte di un contratto di servizio durante la gravidanza e che il legame che ne deriva venga interrotto una volta che il servizio è stato fornito?

La maternità surrogata e il modello commerciale capitalista che vi sta dietro non sono altro che un grave crimine contro l’umanità e l’umanità stessa, come l’ideologia razzista biologica dei nazisti è stata condannata moralmente e legalmente al processo di Norimberga (1946). Poiché ogni essere umano deriva da un concepimento sessuale, ha il diritto naturale di sapere chi sono i suoi genitori. Anche se i tribunali laici negano questo diritto a causa di una legislazione disumana, da un punto di vista morale è chiaro che negare il diritto di conoscere la propria origine è un grave crimine contro l’umanità. Infatti, si certifica ufficialmente che una persona è una cosa che può essere comprata e venduta, come in una società di schiavi, o che anche dopo la sua liberazione deve ancora portare il marchio dell’umiliazione precedente.

 

Il modello della maternità surrogata viene presentato come parte della terapia della fertilità, come una svolta nella medicina riproduttiva e allo stesso tempo come un modo per mantenere la forza lavoro delle donne, che potrebbe essere ridotta dalla gravidanza, e per permettere loro di continuare a lavorare, per prendere in prestito una frase di Marx. Tuttavia, portare avanti gravidanze da una donna completamente estranea non è forse un ritorno ai tempi pre-moderni e pre-illuministi, quando la qualificazione di alcune persone come oggetti, cioè come schiavi, era un luogo comune, cosicché il presunto progresso si rivela un palese ritorno al passato e persino la conoscenza dell’Illuminismo ateo viene squalificata?

Immanuel Kant, con la sua famosa domanda “Che cos’è l’Illuminismo?” (1783), si considerava come il consumatore dell'”età della ragione” (Thomas Paine) e avrebbe condannato l’eliminazione di altre persone o del proprio corpo come semplici oggetti materiali come un regresso della civiltà. L’errore di pensiero sta semplicemente nel fatto che le possibilità tecniche possono spostare i confini tra giusto e sbagliato. Quando i desideri personali, gli obiettivi politici o le postulazioni ideologiche diventano il criterio supremo, si arriva inevitabilmente alla produzione di esseri umani come merci acquistabili, che possono essere scartate se non soddisfano le aspettative.

 

Più volte abbiamo visto che i bambini che scoprono di essere stati adottati cercano i loro genitori biologici per scoprire la loro origine, chi è veramente la loro famiglia. Potrebbero i bambini soffrire per la consapevolezza di provenire da una cellula uovo o da uno spermatozoo estraneo o da entrambi, e quindi di avere solo un’origine anonima?

Ci sono abbastanza testimonianze di bambini concepiti in questo modo che, da adulti, soffrono per il fatto di non conoscere i loro genitori. È stata fatta loro una grande ingiustizia, e i politici accecati e gli ideologi corrotti non garantiscono loro giustizia e si rendono colpevoli, anche se basandosi sulle lettere della legge, che contraddice lo spirito della verità e della giustizia.

 

Dal momento che lei si è dichiarato fortemente contrario a qualsiasi forma di aborto, sorge spontanea la domanda su quale possa essere lo scopo della diagnosi preimpianto, utilizzata per individuare disabilità in fase iniziale, che consentirebbe di abortire il feto non ancora nato.

Non è che io sia soggettivamente contrario all’aborto, ma oggettivamente l’aborto è l’uccisione assolutamente ingiustificata di un essere umano indifeso e, teologicamente parlando, un peccato mortale che esclude dal Regno di Dio finché non ci si pente e non si perdona il peccato. La diagnosi preimpianto deve essere valutata secondo principi etici. La medicina esiste per curare le malattie o prevenirle. Ogni essere umano concepito ha diritto alla vita fin dall’inizio, anche se presenta una disabilità. La distinzione tra vita che merita di essere vissuta e vita che non lo merita non è una discussione accademica astratta. I tedeschi dovrebbero essere particolarmente avvertiti dei crimini contro l’umanità che sono stati commessi nel fare questa distinzione con milioni di persone come noi.

 

Nel contesto della fecondazione in vitro, gli embrioni in eccesso vengono talvolta utilizzati come “fratelli di riserva” per un bambino nato malato o disabile. È etico produrre questi “fratelli di riserva”, soprattutto quando si desidera un solo bambino e gli altri embrioni indesiderati devono essere eliminati?

L’espressione massima dell’amore per il prossimo è il sacrificio della propria vita per gli altri, come fece padre Massimiliano Kolbe quando si offrì volontario al posto di un genitore nel campo di concentramento di Auschwitz. L’opposto di questa dedizione per gli altri è sacrificare gli altri per se stessi, come Hitler “bruciò” dei giovani nella battaglia per Berlino, conducendoli cinicamente alla morte per prolungare la propria vita. Un essere umano può essere al servizio degli altri in termini di donazione di organi, ma deve essere volontaria e nei limiti della legge naturale. Questo è completamente diverso dallo strumentalizzare le persone, anche nelle prime fasi del loro sviluppo, come pezzi di ricambio per altri e quindi spersonalizzarle. Naturalmente, dovremmo fare tutto il possibile per aiutare i bambini e gli adulti con disabilità o malattie dal punto di vista medico, psicologico e pastorale. Tuttavia, questo ha i suoi limiti nella dignità della persona, che non deve essere trattata come una merce. La regola fondamentale dell’amore è che si vive per l’altro, ma il suo contrario è l’imposizione incessante dei miei interessi a scapito della vita, del matrimonio e della famiglia, dell’onore e della proprietà del mio prossimo, come ci insegna la seconda tavola dei Dieci Comandamenti.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments