Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo pubblicato su Catholic Herald dal suo staff. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Gerhard-Ludwig-Muller-alla-conferenza-sul-conservatorismo-nazionale
Gerhard Ludwig Muller alla conferenza sul conservatorismo nazionale 16 aprile 2023 – (Foto da National Conservatism su X)

 

Le drammatiche scene che si sono svolte oggi (il 16 aprile, ndr) a Bruxelles in occasione della conferenza sul conservatorismo nazionale hanno offerto uno straziante presagio di come potrebbe apparire uno stato di polizia nel cuore dell’Europa.

Dopo l’inizio della conferenza, la polizia locale di Bruxelles è arrivata all’improvviso all’edificio Claridge che ospitava la conferenza, e ha proceduto a erigere barricate di fronte alla sede dell’evento, impedendo ai partecipanti, ai giornalisti e ai relatori di accedere all’evento, come riporta il media locale Brussels Signal.

Il politico francese Eric Zemmous, che avrebbe dovuto partecipare alla conferenza ma a cui è stato impedito l’ingresso quando si è presentato, ha dichiarato che il sindaco di sinistra della città ha schierato la polizia come una “milizia privata” per impedire lo svolgimento di una conferenza conservatrice a Bruxelles.

Con l’aggravarsi della situazione, il primo ministro belga Alexander De Croo si è sentito in dovere di intervenire:

“Quello che è successo oggi al Claridge è inaccettabile”, ha dichiarato il primo ministro belga su X. “L’autonomia comunale è una pietra miliare della nostra democrazia, ma non può mai annullare la Costituzione belga che garantisce la libertà di parola e di riunione pacifica dal 1830. Vietare le riunioni politiche è anticostituzionale. Punto e basta”.

La prevista partecipazione del cardinale tedesco Gerhard Ludwig Müller alla conferenza è andata avanti, anche se, secondo quanto riferito, è rimasto visibilmente scioccato dalla polizia che si trovava a pochi metri di distanza.

Secondo Rod Dreher, autore di bestseller che ha partecipato alla conferenza, il cardinale ha detto: “È come la Germania nazista”.

“Non avrei mai immaginato di assistere alla messa al bando di un incontro politico pacifico in un Paese presumibilmente libero e democratico”, ha scritto Dreher nella sua rubrica Substack, cercando di dare un senso agli eventi della giornata. “Ma è quello che è quasi successo oggi in Belgio, a Bruxelles, la capitale dell’Unione Europea”.

Dopo che la polizia ha circondato la sede alle 12 del 16 aprile, è stato presentato un ricorso d’urgenza da parte di ADF International, un’organizzazione legale internazionale che difende la libertà religiosa dei cristiani, in merito alla decisione delle autorità locali di vietare la prosecuzione della conferenza.

ADF International aveva preso visione dell’ordinanza della città, emessa da Emir Kir, il sindaco del distretto di Saint-Josse-ten-Noode a Bruxelles, dove si trova la sede della conferenza, che citava tra le ragioni della chiusura della conferenza:

“[La] visione della NatCon non è solo eticamente conservatrice (ad esempio, ostilità alla legalizzazione dell’aborto, alle unioni omosessuali, ecc.), ma anche incentrata sulla difesa della ‘sovranità nazionale’, il che implica, tra l’altro, un atteggiamento ‘euroscettico’…”.

L’ordinanza affermava inoltre – apparentemente come giustificazione per la cancellazione della conferenza – che alcuni dei relatori “hanno fama di essere tradizionalisti” e che la conferenza doveva essere vietata “per evitare prevedibili attacchi all’ordine pubblico e alla pace”.

La conferenza sul conservatorismo nazionale aveva già subito la cancellazione di due sedi prima di assicurarsi una terza sede in un hotel vicino al quartiere europeo, dopo di che sembrava che l’evento potesse svolgersi normalmente e come previsto. Ma quando la conferenza ha preso il via, è apparso subito chiaro che non le sarebbe stato permesso di procedere normalmente e come previsto.

“Il dialogo aperto dovrebbe essere il fulcro della politica europea; eppure qui, nella capitale dell’UE, uno scambio ponderato sulla politica è stato chiuso con un decreto unilaterale”, ha dichiarato Paul Coleman, avvocato britannico e direttore esecutivo di ADF International, che avrebbe dovuto intervenire alla conferenza prima che anche a lui fosse impedito l’ingresso.

“La repressione delle opinioni politiche contrastate da chi è al potere è qualcosa che dovrebbe essere relegato ai capitoli più oscuri della storia europea”.

Coleman ha aggiunto: “ADF International sta sostenendo una sfida legale d’emergenza contro l’ordine del sindaco di chiudere la conferenza, sostenendo che è contrario ai diritti fondamentali della libertà di parola e della libertà di riunione – i pilastri delle società veramente democratiche”.

Il Brussels Signal riferisce che la polizia belga è entrata nella sede della conferenza prima di tornare indietro e andarsene. Aggiunge che, in base alle informazioni ottenute da una fonte, le autorità sono entrate per notificare ufficialmente l’avviso della città, ma non lo stanno ancora facendo rispettare, lasciando che la conferenza continui nel frattempo.

“Quello che è successo oggi è una forma aggiornata di comunismo sovietico”, ha scritto sul Daily Telegraph il politico britannico Nigel Farage, che ha partecipato alla conferenza. “Dice che nessun altro punto di vista è consentito, che chiunque lo sostenga è, per definizione, pazzo, cattivo e pericoloso”.

In un recente articolo di commento del Catholic Herald, Alex Klaushofer sostiene che la nuova legge scozzese sui crimini d’odio e l’ordine pubblico fa parte di una tendenza del mondo occidentale a far sì che lo Stato sorvegli i nostri pensieri e valori.

“In un certo senso, sono grato per quello che è successo, soprattutto perché l’Europa si avvia alle elezioni parlamentari di giugno”, ha detto Dreher. “Gli elettori devono sapere esattamente quale sarà il loro futuro se questi cretini non vengono fermati… Questo è stato un evento scioccante con profonde ripercussioni per la libertà in Europa”.

Staff del Catholic Herald

___________________________

AGGIORNAMENTO

Il tribunale belga ha annullato la decisione di Ki

Fin qui l’articolo del Catholic Herald. Ecco l’aggiornamento, positivo, della vergognosa vicenda che riprendo da un articolo di Edward Pentin. 

Il tribunale belga ha annullato la decisione di Kir dopo che l’ordinanza è stata impugnata dagli organizzatori della conferenza con il sostegno di ADF International, un gruppo legale cristiano che opera per contrastare le minacce alla libertà religiosa. 

Paul Coleman, direttore esecutivo di ADF International, ha affermato che mentre “il buon senso e la giustizia” hanno prevalso, il tentativo di chiudere la conferenza è stato un “segno oscuro per la democrazia europea”. 

 

“Nessun funzionario dovrebbe avere il potere di sopprimere un’assemblea libera e pacifica semplicemente perché non è d’accordo con ciò che viene detto”, ha affermato in una nota . “Il tipo di censura autoritaria a cui abbiamo appena assistito appartiene ai peggiori capitoli della storia europea”. 

L’avvocato belga dell’ADF Wouter Vaassen ha definito “ingiusto” il tentativo di chiudere la conferenza e che “non sarebbe mai dovuto accadere, soprattutto a Bruxelles, il cuore politico dell’Europa”. 

“Dobbiamo proteggere diligentemente le nostre libertà fondamentali affinché la censura non diventi la norma nelle nostre società apparentemente libere”, ha aggiunto.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments