Il cardinale Raymond Burke ha ribadito la settimana scorsa su Fox News che ai cosiddetti politici “cattolici”, incluso il candidato presidenziale democratico Joe Biden, deve essere negata la Comunione per il sostegno dato a politiche contrarie alla legge naturale e all’insegnamento fondamentale della Chiesa, compresi temi come l’aborto e l’omosessualità.

L’articolo è di Martin Bürger, pubblicato su LifeSiteNews, e noi ve lo proponiamo nella nostra traduzione. 

 

Card. Raymond Leo Burke

Card. Raymond Leo Burke

 

Il cardinale Raymond Burke ha ribadito la settimana scorsa su Fox News che ai cosiddetti politici “cattolici”, incluso il candidato presidenziale democratico Joe Biden, deve essere negata la Comunione per il sostegno dato a politiche contrarie alla legge naturale e all’insegnamento fondamentale della Chiesa, compresi temi come l’aborto e l’omosessualità.

“Non possono presentarsi per ricevere la Santa Comunione, perché non sono in comunione con Cristo”, ha detto Burke durante un’intervista di Fox News dell’8 agosto con Martha MacCallum. “Non è una punizione. In realtà, è un favore a queste persone dire loro di non avvicinarsi, perché se si avvicinano, commettono un sacrilegio”.

Il cardinale Burke è l’ex prefetto del Tribunale supremo della Segnatura apostolica, il più alto tribunale vaticano. Prima di allora era arcivescovo di St. Louis, Missouri, e vescovo di La Crosse, Wisconsin.

Il cardinale ha detto che i politici “cattolici” sostengono così spesso l’aborto e la legislazione pro-LGBT che molti leader di governo non cattolici credono che la Chiesa abbia cambiato il suo insegnamento su questi temi.

“Ho avuto capi di governo non cattolici in questa nazione che mi hanno detto che erano certi che l’insegnamento della Chiesa cattolica sull’aborto e il cosiddetto “matrimonio omosessuale”, e così via, fosse cambiato, perché molti cattolici in Campidoglio sostengono regolarmente questo tipo di legislazione … e questo è uno scandalo”.

Già nel 2004, l’allora arcivescovo Burke aveva avvertito il candidato democratico alla presidenza John Kerry di non presentarsi alla Comunione.

Secondo il diritto canonico (can. 915), “Non siano ammessi alla sacra comunione gli scomunicati e gli interdetti, dopo l’irrogazione o la dichiarazione della pena e gli altri che ostinatamente perseverano in peccato grave manifesto”.

Un politico che sostiene l’aborto o l’omosessualità è generalmente visto dai fedeli cattolici come “ostinatamente perseverante nel peccato grave manifesto”.

L’attuale candidato democratico alla presidenza Joe Biden ha ripetutamente propagandato la sua fede cattolica, anche se il suo programma è radicalmente a favore dell’aborto.

In un video della campagna elettorale pubblicato all’inizio di quest’anno, ha detto: “Vado a messa e recito il rosario. Lo trovo incredibilmente di conforto”.

L’anno scorso, Biden, dopo che un sacerdote cattolico gli aveva negato l’Eucarestia, aveva detto a un intervistatore della PBS che Papa Francesco gli aveva dato la Comunione.

A luglio, Biden ha pubblicato la sua Agenda per le donne, promettendo di ripristinare i finanziamenti nazionali e internazionali per l’industria dell’aborto (che Trump ha tagliato, ndr).

 

Joe Biden e Papa Francesco (foto credit Lifesitenews)

Joe Biden e Papa Francesco (foto credit Lifesitenews)

 

Ha dedicato una sezione alla “Salute riproduttiva”, che è generalmente un riferimento all’aborto. L’ex vicepresidente sotto il presidente Barack Obama ha detto, tra le altre cose, che “lavorerà per codificare Roe vs Wade (la sentenza che legalizzò l’aborto negli USA, ndr), e il suo Dipartimento di Giustizia farà tutto ciò che è in suo potere per fermare l’ondata di leggi statali che violano così palesemente Roe vs Wade”.

Roe vs Wade è la sentenza della Corte Suprema del 1973 che essenzialmente impone l’aborto in tutto il paese sotto il pretesto del diritto alla privacy di una donna. Molti stati hanno approvato una legislazione che cerca di limitare l’uccisione diffusa di bambini non ancora nati. Una forma di legislazione è la cosiddetta “legge sul battito cardiaco”, che vieta l’aborto non appena il battito cardiaco del nascituro può essere rilevato dopo circa sei settimane di gravidanza.

Uno dei principali contendenti di Biden a diventare vice presidente, il senatore della California democratica Kamala Harris, è stato anche criticato da Burke per il suo pregiudizio anticattolico che ha mostrato durante il processo di conferma del giudice distrettuale degli Stati Uniti Brian Buescher, membro dell’organizzazione cattolica fraterna dei Cavalieri di Colombo.

Una delle lunghe domande di Harris a Buescher è stata: “Dal 1993, lei è membro dei Knights of Columbus (Cavalieri di Colombo,ndr), una società tutta maschile composta [sic] principalmente da uomini cattolici. Nel 2016, Carl Anderson, leader dei Cavalieri di Colombo, ha descritto l’aborto come ‘un regime legale che ha causato più di 40 milioni di morti’. Anderson ha continuato dicendo che ‘l’aborto è l’uccisione di innocenti su vasta scala’. Era a conoscenza del fatto che i Cavalieri di Colombo si sono opposti al diritto di scelta di una donna quando lei si è unito all’organizzazione?”.

Riferendosi al “matrimonio” omosessuale, Harris ha anche chiesto: “Era a conoscenza del fatto che i Cavalieri di Colombo si sono opposti all’uguaglianza matrimoniale quando si è unito all’organizzazione?”.

“Ha mai, in qualche modo, assistito o contribuito alla difesa dei diritti riproduttivi delle donne?” È stata un’altra delle domande poste.

Il cardinale Burke, nell’intervista di Fox News, è rimasto costernato da queste domande. “Questo è del tutto inaccettabile”, ha detto.

“Voglio dire, penso che tu sia un cittadino comune – che tu sia cattolico o meno, devi guardare a questo tipo di affermazione per quello che è e dire: ‘Questa non è una persona che voglio che sia il leader della mia nazione’,” ha aggiunto Burke.

Burke ha parlato brevemente di abusi sessuali tra il clero, sottolineando che la maggior parte dei casi erano di natura omosessuale.

“Dobbiamo essere chiari su chi è responsabile di queste situazioni”, ha detto. “La maggior parte di esse sono state atti omosessuali con adolescenti o giovani uomini. E non sono omofobico, ma non possiamo avere questa attività omosessuale attiva nel sacerdozio”.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1