Sua Eminenza Raymond Leo Cardinale Burke, Patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta e Prefetto Emerito della Segnatura Apostolica, ha recentemente visitato il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe a La Crosse, Wisconsin. Il 9 dicembre Sua Eminenza ha gentilmente concesso a Bon Fier, del giornale The Wanderer, un’ampia intervista e ha offerto molti spunti illuminanti su questioni che riguardano la Chiesa nel tempo presente. 

Di seguito la seconda ed ultima parte dell’intervista. La prima parte l’abbiamo pubblicata ieri, ed è possibile leggerla qui.  

Ecco la prima parte nella mia traduzione.

 

Card. Raymond Leo Burke

Card. Raymond Leo Burke

Seconda parte

 

Domanda: L’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, è il curatore di un volume di prossima pubblicazione dal titolo Catechismo della Chiesa Cattolica con commento teologico (la sua pubblicazione è in ritardo di alcuni mesi, ma sembra che sarà disponibile all’inizio del 2020). Può dirci qualcosa su questo nuovo catechismo e quale sarà la sua autorevole portata?

Card. Burke: Questo nuovo numero del Catechismo non avrà l’autorità del testo approvato con la promulgazione nel 1994, che continuerà ad essere il testo autorevole. Qualunque commento l’arcivescovo Fisichella e altri collaboratori offrano nel nuovo volume avrà il valore della loro fedeltà all’immutabile dottrina della Chiesa. Questo non è un nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica e non deve essere considerato come tale. Io, da parte mia, esorto a studiare il Catechismo ufficialmente pubblicato. Ancora una volta, sottolineo che qualsiasi autorità abbia la nuova edizione dipenderà dalla correttezza della sua fedeltà alla dottrina.

 

Domanda: Alla recente Assemblea generale dell’USCCB a Baltimora, l’arcivescovo Christophe Pierre, nunzio pontificio, ha affermato che “la spinta pastorale di questo pontificato deve raggiungere il popolo americano, soprattutto perché le famiglie continuano a chiedere alle diocesi e alle parrocchie l’accompagnamento previsto da Amoris Laetitia”. In altre parole, come dicono molti nuovi rapporti, i vescovi degli Stati Uniti devono “mettersi in linea con il magistero di Papa Francesco”. Il messaggio evangelico non esige piuttosto che l’evangelizzazione e le pratiche pastorali comportino l’annuncio della verità immutabile [cioè: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo a tutta la creazione” (Marco 16, 15)]? Con una tale enfasi su Amoris Laetitia, prevede una qualche possibilità che ai cinque dubia venga finalmente data una risposta? In caso contrario, come si può utilizzare questa esortazione apostolica per “l’accompagnamento pastorale”?

Card. Burke: Non credo che il Santo Padre risponderà mai ai cinque dubia – tanto tempo è passato, e non l’ha ancora fatto. Se egli rispondesse ai cinque dubia in accordo con l’insegnamento perenne della Chiesa, significherebbe che le false interpretazioni pastorali di Amoris Laetitia non potrebbero andare avanti. In altre parole, si dovrebbe insegnare ciò che è sempre stato proibito nella Chiesa, cioè che coloro che vivono in modo coniugale con qualcuno che non è realmente il loro marito o la loro moglie non dovrebbero presentarsi a ricevere i sacramenti. Certamente, tali relazioni non costituiscono un matrimonio valido. Gli insegnamenti di Nostro Signore sono chiari: il matrimonio è indissolubile, fedele, e tra un uomo e una donna.

Per quanto riguarda la nozione di “accompagnamento pastorale”, mentre la Chiesa accompagna sempre tutti i suoi membri e cerca di aiutarli a condurre una vita santa, la questione diventa: “Dove va questo accompagnamento?” Quando si accompagna qualcuno, lo si accompagna a una destinazione. La destinazione che deve essere ricercata è la fedeltà alla parola di Cristo, compreso il suo piano per il matrimonio. Ciò significa che quando si accompagnano persone in unione matrimoniale irregolare, bisogna aiutarle a non ricevere i sacramenti fino a quando non siano in grado di rettificare la loro situazione, il loro status canonico.

 

Domanda: Un’altra questione che è emersa all’Assemblea generale dell’USCCB (la Conferenza Episcopale degli USA, ndr) è stata quella di stabilire se l’aborto continui ad essere o meno la questione sociale preminente. Il vescovo Robert McElroy di San Diego si dice che abbia dichiarato: “Non è insegnamento cattolico che l’aborto sia la questione preminente che affrontiamo nel mondo dell’insegnamento sociale cattolico. Non lo è”. Fortunatamente, con un voto di 143-69, il  linguaggio originale è stato mantenuto. Cosa si può paragonare all’aborto come questione sociale alla luce del fatto che oltre 60 milioni di bambini non nati sono stati abortiti negli Stati Uniti da quando la decisione della Corte Suprema di Roe contro Wade è diventata la “legge del territorio” nel 1973?

Card. Burke: È assolutamente chiaro che l’aborto è la questione sociale preminente. L’aborto, fin dai primi giorni della Chiesa, è sempre stato considerato tra i peccati più gravi. Nella legge morale, la prima e principale legge ha a che fare con il rispetto della vita umana. Attaccare in qualsiasi modo la vita umana innocente e indifesa – tanto meno nella misura in cui sono stati praticati più di 60 milioni di aborti – è assolutamente la questione sociale preminente dell’epoca. Fino a quando non ristabiliremo il rispetto per la vita umana, nessuno degli insegnamenti sulle altre questioni sociali ha una solida base.

Ciò che mi delude di più è che 69 vescovi avrebbero votato a favore della rimozione di quel linguaggio – è un segno nefasto. Anche se non hanno prevalso (grazie a Dio!), qual è la situazione dei 69 vescovi che non considerano l’aborto come la questione sociale preminente? Dobbiamo ringraziare Dio per quei vescovi che hanno parlato – e dobbiamo pregare che sempre più vescovi fedeli facciano sentire la loro voce.

 

Domanda: Sa se all’Assemblea generale dell’USCCB si è discusso in merito a recenti sondaggi che indicano che i “nones” (coloro che non hanno alcuna fede religiosa) sono oggi la religione più diffusa negli Stati Uniti, e che il 69 per cento dei cattolici non crede nella Presenza Reale nella Santa Eucaristia? Cosa possono fare i vescovi statunitensi per invertire queste dolorose tendenze che sembrano peggiorare di anno in anno?

Card. Burke: Non ho informazioni sulle discussioni che hanno avuto luogo all’Assemblea Generale. Tuttavia, sono pienamente d’accordo sul fatto che le due questioni da lei menzionate avrebbero dovuto essere in prima linea nelle preoccupazioni dei Vescovi degli Stati Uniti. La fede nella presenza reale nella Santa Eucaristia è il cuore della nostra fede cattolica. Se il 69 per cento di coloro che si professano cattolici non crede nella presenza reale, le loro credenze non sono in accordo con la fede cattolica. Tutto il possibile deve essere fatto per correggere questa situazione.

La sfortunata deriva di così tante persone che non si identificano con alcuna fede religiosa dovrebbe essere di immensa preoccupazione per i Vescovi degli Stati Uniti. Deve significare che in qualche modo la Chiesa si sta sempre più identificando come una realtà secolare che la gente può scegliere o meno, invece del segno della salvezza e della luce delle nazioni.

È mia convinzione che dobbiamo dedicarci ad insegnare, nelle omelie e in altre forme educative, la Fede cattolica nella sua piena integrità. Soprattutto, dobbiamo istruire il popolo sulle verità fondamentali come la Presenza Reale. Chiaramente, i sacerdoti devono essere incoraggiati a predicare frequentemente su questi argomenti e a dare una forte testimonianza attraverso devozioni eucaristiche come l’Esposizione e la Benedizione del Santissimo Sacramento, le processioni eucaristiche, ecc.

L’arcivescovo Fulton Sheen mi viene in mente mentre parlo di questo argomento. Il suo messaggio è stato trasmesso in TV a tutti gli americani. Certamente, la percentuale di cattolici a quei tempi non era più grande di quella attuale. Eppure, era una delle figure più popolari nell’etere – la gente voleva sentire le verità della nostra fede che lui insegnava.

Ai nostri tempi, siamo diventati troppo politicamente corretti, troppo preoccupati di piacere alle persone. Piuttosto, dobbiamo dire alla gente la verità, certamente nel modo più attraente possibile, ma senza mai compromettere la piena integrità della verità.

 

Domanda: Alla luce della recente notizia che un sacerdote della Carolina del Sud ha negato la Santa Comunione all’ex vicepresidente Joe Biden, la prego di spiegare l’insegnamento della Chiesa sull’azione del sacerdote. Più recentemente, Padre James Martin, SJ, è apparso nella notizia anche per i suoi commenti su una questione simile. Come consiglierebbe ai vescovi e ai sacerdoti che ritengono che la ricezione della Santa Comunione non debba essere “politicizzata”?

Card. Burke: L’incidente riguardante padre James Martin, a cui lei allude, è avvenuto nella diocesi di Grand Rapids, Michigan. Un sacerdote ha giustamente detto a un giudice che viveva in una relazione lesbica aperta che non doveva avvicinarsi all’altare per ricevere la Santa Comunione finché non avesse corretto la sua situazione. Sono lieto di dire che il vescovo John Walkowiak ha fatto un’eccellente dichiarazione a sostegno del sacerdote. Mi è chiaro che P. Martin non insegna la Fede cattolica in queste materie e non ha un’autorità particolare per fare dichiarazioni su questo punto della disciplina della Chiesa.

Quello che il sacerdote ha fatto nella Carolina del Sud è stato corretto e giusto – che altri sacerdoti agissero in modo simile!

Nel 2007 ho scritto un ampio articolo sulla disciplina della Chiesa riguardo alla negazione della Santa Comunione a coloro che perseverano nel peccato grave manifesto che intendo aggiornare e ristampare presto (vedi qui). Dimostro che in tutta la tradizione della Chiesa, la disciplina riguardo al non ammettere persone che sono coinvolte in pubblici peccati gravi, dopo essere state ammonite, è stata costante e che certamente si applica a coloro che sostengono pubblicamente l’aborto e la cosiddetta legislazione sul matrimonio omosessuale.

Tutta questa materia non è una questione di politica, ma di legge morale. La legge morale si applica ai politici come a chiunque altro. Se uno è ignorante della verità e promuove la legislazione sull’aborto, questa è una cosa. Ma se uno è un cattolico romano professo che è stato ammonito sul fatto che non può sostenere una legislazione contro la legge morale naturale, è obbligato ad essere obbediente a quella legge. Come possono i vescovi rimanere fuori dalla questione, quando i politici che si professano cattolici danno scandalo all’intera nazione votando a favore dell’aborto? Come possono rimanere in silenzio?

Ricordo un incidente nel 2004, quando un funzionario governativo non cattolico di alto rango a Washington D.C. mi chiese se pensavo che l’insegnamento della Chiesa sull’aborto potesse cambiare. Ricordo che rimasi scioccato dalla domanda e risposi: “Come puoi fare questa domanda?” Dopo tutto, la questione era una delle leggi morali naturali e non aveva a che fare con nessuna specifica questione confessionale o confessionale. “Beh”, rispose, “potrei darvi i nomi di circa 80-100 legislatori cattolici che votano regolarmente a favore della legislazione sull’aborto. Quindi, immagino che non possa essere un insegnamento molto fermo della vostra Chiesa”. Questo è un grande scandalo!

 

Domanda: Ha qualche informazione o aspettativa riguardo all’appello del Cardinale George Pell fatto alla più alta corte australiana?

Card. Burke: Ho una grande speranza che il Cardinale Pell riceva finalmente un giudizio giusto. Non ho dubbi che l’accusa mossa contro di lui da una sola persona non identificata non possa essere plausibilmente accaduta nel modo in cui il Cardinale è accusato. Personalmente non credo che l’incidente sia realmente accaduto.

Il primo processo si è concluso con una sospensione del giudizio (impasse della giuria, ndr); la giuria del secondo processo lo ha poi condannato. In un appello infruttuoso davanti a tre giudici, il più colto dei giudici [il giudice Mark Weinberg] non era d’accordo con il voto degli altri due ed ha scritto un lungo e dottissimo dissenso.

Spero che a livello di Corte Suprema, si esprimeranno nuovamente a favore dell’opinione del giudice Weinberg. Spero che leggano le sue osservazioni e si rendano conto di quanto sia ingiusta la presente decisione.

 

Domanda: Che cosa motiva l’elemento rivoluzionario nella Chiesa?

Card. Burke: Per me, è ciò che c’è sempre stato dietro questo tipo di rivoluzione. È una questione di orgoglio; è una questione di pensare di conoscere meglio della legge di Dio, dei Dieci Comandamenti, e dell’immutabile insegnamento magisteriale della Chiesa riguardo alla fede e alla morale.

La gente vuole poter definire liberamente il significato della vita umana, definire il matrimonio, definire la natura umana stessa. Questo è l’orgoglio nella sua manifestazione più orribile.

Quindi, penso che la motivazione sia l’orgoglio e l’assenza di obbedienza alla Parola di Dio.

 

Domanda: In un tempo di continua confusione riguardo alla dottrina e alla disciplina nella Chiesa, chi ha la legittima autorità di determinare se i nuovi insegnamenti e le nuove pratiche pastorali rappresentano l’apostasia? A chi dovrebbero rivolgersi i fedeli sacerdoti e i laici per ottenere risposte autorevoli e rimanere così fedeli all’autentico insegnamento della Chiesa?

Card. Burke: L’unica risposta nella situazione in cui ci troviamo attualmente è quella di ripiegare sull’insegnamento costante della Chiesa, contenuto nel Catechismo della Chiesa Cattolica e nell’insegnamento magisteriale ufficiale della Chiesa. Questo deve essere il nostro punto di riferimento. Esso è a disposizione dei buoni sacerdoti e dei fedeli laici – e devono farvi ricorso.

Per esempio, quando l’eresia ariana era dilagante, e l’elemento eretico stava apparentemente per prevalere perché la maggioranza dei cattolici era diventata ariana, è stato per l’eroica insistenza su ciò che la Chiesa aveva sempre insegnato sulle due nature e su una Persona divina di Nostro Signore Gesù Cristo che la verità ha prevalso.

È stato a costo di grandi sofferenze. Sant’Atanasio, per esempio, fu mandato in esilio. A un certo punto, Papa Liberio lo scomunicò per “amore della pace” in una sorta di decisione politica. Sant’Atanasio accettò tutte le sofferenze inflittegli e rimase fermo nella lotta per la verità. Questo è esattamente ciò che deve accadere anche oggi.

I sacerdoti fedeli e i laici devono essere preparati. Abbiamo il Catechismo della Chiesa Cattolica nella sua forma inalterata, che contiene l’insegnamento magisteriale. La gente continua a parlare del “magistero di Papa Francesco”. Recentemente ho parlato con due giovani sacerdoti che mi hanno raccontato di una conversazione con un terzo giovane sacerdote che studiava teologia morale. Ha detto loro: “Abbiamo il magistero di Papa Francesco che è completamente nuovo; ora dobbiamo abbandonare tutte le vecchie categorie e sviluppare una nuova teologia che sia all’altezza di questo magistero”. Questo è semplicemente assurdo – questo non è il magistero! I sacerdoti e i fedeli laici devono capirlo.

 

Il Sacro Cuore

 

Domanda: Quali pratiche e devozioni specifiche consigliate a chi fa fatica a mantenere la propria fede? Ci sono parole di incoraggiamento e di speranza da offrire a coloro che lottano contro lo scoraggiamento?

Card. Burke: Vorrei sollecitare in particolare la devozione al Sacro Cuore di Gesù, che è anche il Cuore di Cristo Re del cielo e della terra. Dobbiamo ricorrere alla pratica di questa devozione per aiutarci a riconoscere la presenza viva di Cristo con noi nella Chiesa in tempi in cui Egli non sembra essere presente a causa di tutta la confusione e persino dell’errore. Allo stesso modo, dobbiamo partecipare all’adorazione eucaristica e fare frequenti visite per adorare il Santissimo Sacramento.

Inoltre, raccomando la devozione alla Madonna, specialmente il Rosario che la Chiesa, in tempi di grande pericolo per la Fede, ha raccomandato ai fedeli. Per esempio, in occasione dell’invasione musulmana dell’Europa nel XVI secolo, Papa San Pio V ha implorato il popolo di recitare il Rosario e la Madonna è intervenuta con forza. Anche altri Papi, in situazioni in cui la Fede è stata seriamente minacciata, hanno incoraggiato la preghiera del Rosario. Allo stesso modo, la Madonna di Fatima ha sollecitato la preghiera del Rosario. Da parte mia, raccomando alla gente di recitare cinque decine del Rosario ogni giorno, se possibile.

Invito anche a partecipare alla campagna “Operation Storm Heaven” (vedi qui). Molte persone in tutte le parti del mondo stanno partecipando – è qualcosa di cui abbiamo disperatamente bisogno.

Semplicemente non possiamo perdere la speranza che Nostro Signore è con noi, anche se è difficile capire perché Egli trattenga la Sua mano in un momento di confusione e di errori. La situazione si sta mettendo così male. Si pensi, ad esempio, alla recente processione dell’idolo pagano (Pachamama, ndr) nella Basilica di San Pietro a Romaanche davanti alla tomba di San Pietro.

In passato, Nostro Signore sarebbe intervenuto in qualche modo per porre fine a tali pratiche. Ma per qualche motivo ora lo permette. Questo è per noi un motivo per purificare la nostra fede cattolica da ogni influenza estranea, soprattutto da influenze idolatriche. Soprattutto, non dobbiamo mai perdere la fiducia che Egli è con noi. Per esprimere questa fiducia, dobbiamo impegnarci a conoscerlo meglio attraverso la Parola di Dio tramandata nella Sacra Scrittura e nella Tradizione, ad adorarlo, a pregare, ad essere forti nelle nostre devozioni e a fare in modo che la nostra vita quotidiana sia coerente con la Fede cattolica che professiamo.

 

Facebook Comments
1