Un articolo dello staff del Catholi News Agency nella mia traduzione. 

 

Bätzing Georg
mons. Georg Bätzing, presidente della Conferenza Episcopale Tedesca

 

Il presidente della conferenza dei vescovi cattolici tedeschi ha detto giovedì che continuerà a dare la Santa Comunione ai protestanti che la chiedono.

Il vescovo Georg Bätzing ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa il 25 febbraio che è necessario rispettare la “decisione personale di coscienza” di coloro che cercano di ricevere la Comunione.

CNA Deutsch, il partner per le notizie in lingua tedesca della CNA, ha riferito che Bätzing stava rispondendo a una domanda su una controversa proposta di una “comunione per la cena eucaristica” tra cattolici e protestanti.

La proposta è stata fatta dal Gruppo di studio ecumenico di teologi protestanti e cattolici (noto con le sue iniziali tedesche, ÖAK) in un documento del 2019 intitolato “Insieme alla tavola del Signore”.

L’ÖAK ha adottato il testo sotto la co-presidenza di Bätzing e del vescovo luterano in pensione Martin Hein. 

Alla domanda su come risponderebbe se un protestante venisse da lui a cercare l’eucaristia, ha detto ai giornalisti: “Non ho problemi e mi vedo in linea con i documenti papali”.

Il vescovo 59enne ha aggiunto che questa è già una “pratica” in Germania “ogni domenica” e che i sacerdoti della sua diocesi di Limburgo non dovrebbero affrontare conseguenze negative se un caso gli venisse segnalato.

Ha sottolineato che non si dovrebbe “semplicemente invitare tutti”. Ma mentre un invito generale a ricevere l’Eucaristia non era permesso, ha detto che era importante mostrare “rispetto per la decisione personale di coscienza dell’individuo” che cerca la Comunione.

“Non nego la Santa Comunione a un protestante se la chiede”, ha detto.

L’ÖAK è stata fondata nel 1946 per rafforzare i legami ecumenici. È indipendente sia dalla conferenza dei vescovi cattolici tedeschi che dalla Chiesa evangelica in Germania (EKD), un’organizzazione che rappresenta 20 gruppi protestanti. Ma la ÖAK informa entrambi gli organismi delle sue deliberazioni.

Il documento della ÖAK ha sollevato preoccupazioni in Vaticano, spingendo un intervento della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) nel settembre 2020.

In una critica di quattro pagine e una lettera a Bätzing, la congregazione dottrinale ha sottolineato che tra protestanti e cattolici rimangono significative differenze nella comprensione dell’Eucaristia e del ministero.

“Le differenze dottrinali sono ancora così importanti che attualmente escludono la partecipazione reciproca alla Cena del Signore e all’Eucaristia”, ha detto.

“Il documento non può quindi servire da guida per una decisione individuale di coscienza sull’accostarsi all’Eucaristia”. 

La CDF ha messo in guardia contro qualsiasi passo verso l’intercomunione tra cattolici e membri dell’EKD.

Dopo l’intervento del Vaticano, Bätzing ha riaffermato la sua opinione che l’intercomunione con i protestanti dovrebbe essere possibile.

Anche il cardinale Kurt Koch, prefetto del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, ha espresso serie perplessità sulla proposta della “comunione della cena eucaristica”.

Alla conferenza stampa di giovedì, tenuta virtualmente a causa della pandemia di coronavirus, Bätzing ha sottolineato le sue grandi speranze per ilCammino sinodale, un processo che riunisce laici e vescovi tedeschi per discutere quattro grandi temi: il modo in cui il potere viene esercitato nella Chiesa; la moralità sessuale; il sacerdozio e il ruolo delle donne.

Parlava alla fine della riunione plenaria di primavera dei vescovi, che ha visto l’elezione della teologa Beate Gilles come primo segretario generale donna della conferenza episcopale tedesca.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1