Continuo a non capire, con le misure prese dal Governo con decorrenza oggi 10 marzo, continueremo a poter fare la spesa nei negozi, nei centri commerciali e negli ipermercati, andare nei bar e nei ristoranti, ad usufruire dei relativi servizi forniti, mantenendo però la distanza di sicurezza, ma continueremo a non poter assistere alla santa messa. Posso andare in chiesa a pregare, ma non posso usufruire del “servizio” che in chiesa posso ricevere e che è costituito dalla santa messa, anche se mantengo la distanza di sicurezza da un altro fedele. Dunque, se ho ben capito, mi è consentito andare a pregare in chiesa, anche se all’ora della messa, nel caso il sacerdote la celebrasse, sarò invitato dallo stesso sacerdote ad uscire dalla chiesa? Come è mai possibile questo? Come è mai possibile che la Chiesa non abbia fatto obiezione? Del resto, proprio oggi Papa Francesco, nella sua omelia mattutina da Casa S. Marta, ha detto: “Preghiamo il Signore anche per i nostri sacerdoti, perché abbiano il coraggio di uscire e andare dagli ammalati, portando la forza della Parola di Dio e l’Eucarestia”. E allora, se sono invitati a portare l’Eucarestia ai malati, perché non la possono fare a colori che possono permettersi di andare in chiesa?

A tal proposito, riprendo un articolo di mons. Charles Pope, pubblicato sul  National Catholic Register, in cui egli mostra la stessa incredulità. E ci spiega anche il perché.

Eccolo nella mia traduzione. 

 

Mons. Charles Pope

Mons. Charles Pope

 

Le Scritture ci mettono in guardia da una minaccia gravissima per il nostro benessere spirituale, che è la paura della morte:

Ora, Poiché dunque i figli hanno in comune il sangue e la carne, anche Cristo allo stesso modo ne è divenuto partecipe, per ridurre all’impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo, e liberare così quelli che, per timore della morte, erano soggetti a schiavitù per tutta la vita. (Ebrei 2, 14-15).

Eppure, ora, stiamo manifestando un attacco di panico quasi mondiale per un virus che, per quanto cattivo possa essere, non ha alcun potere di per sé stesso di “separarci dall’amore di Cristo” (Romani 8:35).

Si possono scusare i non credenti, che San Paolo descrive come “coloro che non hanno speranza” (1 Tessalonicesi 4:13), ma cosa dire dei vescovi e degli altri capi della Chiesa che hanno ceduto alle pressioni per cancellare le messe pubbliche mentre i bar e i ristoranti rimangono aperti (anche se in misura ridotta)? Cibo e bevande sono essenziali per la nostra sopravvivenza fisica, ma la Santa Eucaristia è ancora più essenziale per la nostra sopravvivenza spirituale: Davvero, davvero, vi dico, se non mangiate la carne e non bevete il sangue del Figlio dell’uomo, non avete vita in voi (Giovanni 6:53). E così ci troviamo di fronte a una profonda indignazione per la mancanza di disinfettanti per le mani e di maschere chirurgiche, ma troppo poca indignazione per gli stupefacenti limiti e il rifiuto assoluto di offrire i sacramenti ai fedeli di Dio.

Dove sono le nostre priorità? Siamo ossessionati da un virus, ma prestiamo poca attenzione alle pulsioni peccaminose che possono uccidere le nostre anime in eterno. Troppi pastori che per lungo tempo si sono rifiutati di delineare le esigenze di una degna accoglienza della Santa Comunione hanno improvvisamente scoperto un motivo per limitare l’accesso alla Santa Comunione a persone che, anche in modo molto remoto e solo potenziale, potrebbero incorrere in minacce fisiche alla loro salute.

Vi chiedo semplicemente: Ci stiamo specializzando nelle cose minori? La salute fisica ha il suo posto, ma anche quella spirituale – e il suo posto è molto più importante.

“Siate pronti ad abbandonare questa vita mortale piuttosto che le persone impegnate nelle vostre cure”, diceva San Carlo di Borromeo ai sacerdoti mentre la peste del 1576 travolgeva Milano. “Andate avanti tra gli appestati come per la vita, come per una ricompensa, anche se ci fosse una sola anima da conquistare a Cristo”.

Mi preoccupa il fatto che abbiamo perso il nostro coraggio e la nostra fede e subordinato le cose sante allo Stato in questa vicenda. Cancellare la messa mentre bar e ristoranti rimangono aperti durante il giorno è ottuso e sembra dimostrare una mancanza di determinazione da parte dei nostri leader. San Carlo Borromeo non si è accucciato durante l’epidemia di peste del suo tempo – è andato tra i fedeli e si è preso cura di loro come un sacerdote dovrebbe fare. Ha anche detto ai leader civili non credenti del suo tempo di riconoscere che la fede, il pentimento pubblico e il culto erano parti essenziali di ogni soluzione. Oggi abbiamo molto meno della peste e siamo troppo disposti a lasciare che un governo laico ci dica di annullare le nostre preghiere pubbliche.

Alcuni mi definiranno irresponsabile per aver chiesto la ripresa delle messe pubbliche e comunitarie. “La gente sta morendo”, diranno. Posso rispondere solo dicendo che le anime muoiono per paura e per l’ossessione mondana della morte. La morte arriverà a tutti noi, e probabilmente non per un coronavirus. La domanda più profonda e più importante è questa: Siete pronti a morire e ad affrontare il giudizio [di Dio]?

Prendiamo ragionevoli precauzioni. Lavatevi le mani; evitate di toccarvi il viso; rispettate che alcuni non vogliano stringere la mano proprio ora. Ma soprattutto, non abbiate paura e non pensiate che Dio non abbia più il controllo. Andate a Messa e abbiate fiducia in Dio! Ora è il momento della fede, non di un abbandono insensato della liturgia che rimane il nostro aiuto per la salvezza in un mondo intriso di peccato e di empietà. Corri a Dio! Non scappare da Lui e dai suoi sacramenti.

Signore, salvaci da preoccupazioni sciocche e senza fede! Dacci la salute. Ma, soprattutto, donaci una fede che non teme i semplici attacchi al corpo, ma ricordaci con sobrietà che gli attacchi all’anima sono molto più gravi di quanto il mondo pensi. Aiutaci ad essere più preoccupati per ciò che ti sta a cuore. I nostri corpi moriranno, ma le nostre anime resisteranno. Con la tua grazia possiamo tendere alle nostre anime affinché i nostri corpi possano un giorno risorgere alla gloria.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1