Descrivere il Canada come uno stato totalitario in progress sembra un’esagerazione. Eppure molti segni sono presenti. Ce ne parla lo scrittore David Solway in questo suo articolo pubblicato su American Thinker.

Eccolo nella mia traduzione.

Elisa Brighenti

 

Justin Trudeau (Photo by EuropaNewswire/Gado/Getty Images)

Justin Trudeau (Photo by EuropaNewswire/Gado/Getty Images)

 

Descrivere il Canada come uno stato totalitario in progress sembra un’esagerazione grossolana e addirittura assurda. Eppure sono presenti molti segni premonitori. Secondo le parole del filosofo politico William Gairdner, autore di The Book of Absolutes, The Great Divide e The Trouble with Canada, il Canada “ha appena superato la linea rossa tra il soft-socialismo e il soft-totalitarismo”.

Gairdner ha raccolto una montagna virtuale di prove a favore della sua dichiarazione: il disegno di legge C-25 che cerca di imporre la “diversità” a tutte le aziende; sanzioni finanziarie contro le organizzazioni che non rispettano i programmi governativi; una allegra brigata di “ispettori” di sorveglianza governativi – per la precisione, spie: spie salariali, spie del linguaggio, spie femministe, spie per la parità di retribuzione, spie per i diritti umani; organismi para legali, noti come Tribunali per i diritti umani, con il potere di imporre sanzioni pecuniarie, indurre famiglie alla bancarotta, e chiudere aziende, imporre il carcere per oltraggio alla corte, e costringere al conformismo attraverso la “rieducazione”.

La lista continua. La legge C-16 proibisce la discriminazione sulla base dell’identità di genere e dell’espressione del genere, che suona ineccepibile se non per il fatto ovvio che la “discriminazione” è agli occhi dell’osservatore offeso e dell’esecutore del governo. La legge impone effettivamente che i cittadini si rivolgano agli altri con i loro pronomi preferiti e con le loro fantasie transgender – o altrimenti! Si dice “zir,” “zer,” “zeem,” “zem,” o “zeir,” o “zeir,” oppure sei spacciato. È Emily, non Brian, o il tuo lavoro è in pericolo. Il Codice dei diritti umani dell’Ontario stabilisce che “rifiutare di riferirsi a una persona trans con il nome scelto e un pronome personale che corrisponda alla sua identità di genere … sarà probabilmente una discriminazione” in settori sociali come l’occupazione, l’alloggio, l’istruzione e così via. Come scrive il professore di diritto della Queen’s University Bruce Pardy, “i diritti umani sono diventati un’arma per normalizzare i valori della giustizia sociale e delegittimare le credenze concorrenti”. Ci sono altre leggi sui libri contabili, leggi come la C-59, la C-75 e la C-76, che riducono e persino criminalizzano la libertà di espressione, violano il diritto alla privacy, compromettono il giusto processo e rendono la trasparenza del governo un ricordo del passato.

L’aggressione contro la normalità, il buon senso, i diritti civili e le libertà della Carta non dà alcuna indicazione di cedimento. La legge S-202, una legge per emendare il codice penale ora all’esame del Parlamento, metterebbe fuori legge ciò che il governo, in modo fuorviante, chiama “Terapia di conversione” – vale a dire, criminalizzando genitori, avvocati, medici e leader della Chiesa che si oppongono alle procedure di droga ormonale e mutilazione genitale imposte dallo Stato, il disegno di legge impedirebbe di fatto ai bambini minori sottoposti a operazioni forzate di transessualità, chirurgiche e ormonali, di ricevere l’aiuto di cui hanno bisogno. “L’intera agenda per sterilizzare e mutilare i bambini”, scrivono i redattori di Action4Canada, “è il male puro ed è in violazione … della Carta dei Diritti e delle Libertà, della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, del Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici, così come l’impegno etico di un medico che promette di ‘Prima di tutto, non fare del male'”.

In un articolo per il National Post, l’editorialista Rex Murphy, uno di quella rara razza di giornalisti canadesi che dicono la verità, scrive: “Questo governo, o le agenzie di questo governo, stanno stabilendo un modello di abuso dell’autorità della legge”. Tra gli altri casi di illeciti ufficiali, Murphy inserisce il caso di frode del governo liberale contro il fondatore di Rebel News, Ezra Levant, per aver pubblicato e promosso un libro critico sul Primo Ministro Justin Trudeau, The Librano$, durante le elezioni dell’ottobre 2019, senza “registrare” il libro presso un’agenzia governativa. “Qualcuno può nominare un altro libro, mai?” chiede Murphy, “che sia stato oggetto di un’indagine da parte del Commissario delle elezioni canadesi … PEN Canada, difensore degli autori e dei giornalisti, sarà a favore  di Mr. Levant?” Domande retoriche, ovviamente.

A partire da questo scritto, sono emersi nuovi sviluppi. Non contenti di fare affidamento su un’errata applicazione della legge elettorale o di condurre attacchi di natura penale contro individui che il partito vuole intimidire, mettere a tacere o arrestare, i liberali di Trudeau stanno valutando una mozione che richiede a tutti i promotori di contenuti informativi di procurarsi una licenza governativa per i contenuti approvati, controllando così l’accesso pubblico all’informazione. “Questi sono autocrati che il Canada ha autorizzato”, scrive il portavoce dei canadesi di Language Fairness Gordon Miller (comunicazione personale). “Ora ne pagheremo il prezzo”.

Non contenta di tali misure dispotiche, la CRTC (Commissione canadese per la radiotelevisione e le telecomunicazioni) propone di identificare siti di notizie che siano “accurati e affidabili”,  con l’intento di migliorare la “diversità delle voci”. A dire il vero, ci sono pochi siti di notizie “accurate, attendibili e affidabili” in Canada. Come negli Stati Uniti, hanno quasi tutti sembianze di parabellum, e puntano a un reportage onesto.

Inoltre, sappiamo che enfatizzare la “diversità delle voci” equivale a imporre alle emittenti pubbliche il modello di giustizia sociale e di identità basata sulla lamentela, limitando al contempo la diffusione di notizie vere e proprie e imbrigliando la diffusione di notizie autentiche. In effetti, equivale a un monopolio governativo dell’informazione che, come giustamente avverte il ministro ombra conservatore per l’industria e lo sviluppo economico Michele Rempel Garner, “ci mette in combutta con i Paesi che controllano i media”.

Che l’avvertimento provenga da un deputato conservatore che, come la maggior parte dei suoi colleghi, ha abbracciato molte delle politiche di risveglio dei liberali e degli atteggiamenti progressisti, dimostra quanto siamo andati lontano. In effetti, il contagio si è diffuso in tutta l’Aula. Tutti i partiti politici canadesi hanno firmato il disegno di legge C-76, che ha ottenuto il consenso del re nel dicembre 2018 e impone ulteriori restrizioni ai discorsi di terzi durante i periodi di elezioni prolungate. C’è da aspettarselo. Ogni partito politico guida a sinistra, compresi, come si è detto, i conservatori, che sono essenzialmente liberali. Trudeau è semplicemente l’incarnazione più visibile ed efficace del virus politico che infetta il Paese.

Il trattamento di Omar Khadr è un altro esempio. Cittadino canadese e figlio minore di una famiglia di terroristi di Al-Qaeda, detenuto a Guantanamo Bay per “violazioni delle leggi di guerra” in Afghanistan, tra cui l’uccisione del medico americano Christopher Speer, Khadr è stato rimpatriato in Canada e ha ricevuto da Trudeau un risarcimento di 10,5 milioni di dollari. Sebbene la questione sia offuscata e le informazioni precise siano difficili da trovare, sembra probabile che egli rimanga in una no-fly list. Non importa: Khadr ha recentemente volato in prima classe per tenere una tavola rotonda alla Dalhousie University in Nuova Scozia.

L’assediato Levant lo ha messo di fronte a una serie di domande: era a conoscenza di una no-fly list? Ha donato una parte del suo guadagno in contanti alla vedova del Dr. Speer? (Levant non ha menzionato che Khadr avesse acquistato un centro commerciale a Edmonton per una parte sostanziale del suo pagamento). Khadr è considerato un eroe canadese che ha sofferto per mano dei vili americani, mentre Levant non è altro che un tafano, quindi non è stata una sorpresa vedere Levant blindato da quattro poliziotti e scortato senza tante cerimonie dall’aeroporto. Hanno preso la persona sbagliata, come dice l’espressione, ma è così che vanno le cose in un nascente stato di polizia.

Il veterano canadese Jeremy MacKenzie, che ha partecipato all’evento – o ha tentato di farlo – era livido di rabbia , ricordando i suoi amici che hanno dato la vita in Afghanistan combattendo i Talebani e la famiglia Khadr. Rispondendo alla scusa di Trudeau che tira in ballo le pensioni dei veterani militari, che  “chiedono più di quanto il governo federale possa permettersi”, MacKenzie ha detto che, nonostante questo, “faremo di Omar Khadr, il terrorista talebano, un multimilionario”. Il Canada, proclama, “non è il Paese per cui ho firmato per combattere e non è certo il Paese per cui quegli uomini e quelle donne sono morti”. Come Levant, è stato scortato fuori dai locali – un’analogia per indicare la diminuzione del numero dei canadesi patriottici che vengono scortati dal loro paese.

Si tratta di sviluppi che non dovrebbero essere liquidati come semplici dettagli desolanti. Si sommano. Come sottolinea Gairdner, il totalitarismo soft è un modo considerevole per evitare il totalitarismo duro. “Ma tutto inizia da qualche parte, e questa settimana la strada si è accorciata”. C’è una sorta di svolta politica alla Martini all’opera, mentre il Canada corre al passo, in conformità alla sinistra dell’élite internazionale moderna. Purtroppo, il Canada non ha Donald Trump o Viktor Orbán o Boris Johnson nell’attuale orizzonte politico. Né c’è un limite di tempo per la carica di primo ministro, il che suggerisce che un troll socialista e un buffone ideologico come Justin Trudeau potrebbe essere al potere per anni a venire. L’unico partito che prometteva un ritorno alla sanità sociale, politica e fiscale, il People’s Party of Canada di Maxime Bernier, è stato profondamente sestuplicato dai media e cancellato dalle urne. Questo ci dice tutto quello che dobbiamo sapere.

Dire che non può succedere qui – il titolo del romanzo di Sinclair Lewis del 1935, sebbene abbia preso di mira la circoscrizione sbagliata – è espressione di una fiducia eccessiva e di una mancanza di consapevolezza storica. Non si deve pensare alla scomparsa della Repubblica di Weimar in Germania. Un semplice sguardo all’autoritarismo burocratico e non eletto dell’Unione Europea, o un riconoscimento di ciò che il Partito Democratico sta palesemente pianificando per gli Stati Uniti, dovrebbe risvegliarci al pericolo. Essere svegliati, potremmo dire, è l’opposto di essere svegliati. Il Canada è un’illustrazione vivida di ciò che sarebbe in serbo per gli Stati Uniti sotto un’amministrazione democratica.

Può accadere qui, e sta accadendo proprio ora, proprio qui, in Canada.

 

L’ultimo libro scritto da David Solway si intitola Note from a derelict culture

 

Facebook Comments
image_print
1