foto: bandiera canadese

foto: bandiera canadese

La Corte Suprema del Canada ha stabilito venerdì scorso che le società di diritto del paese potrebbero negare la licenza ai giovani laureati (necessaria per esercitare la professione) provenienti da una istituenda università cristiana di diritto, perché la scuola fa proprio l’insegnamento biblico sulla sessualità. In questo modo l’università non potrà vedere la luce.

E’ quello che apprendiamo da un articolo apparso sul Catholic News Agency. Ciclo nella mia traduzione.

“Siamo profondamente delusi dalla decisione della Corte Suprema”, ha dichiarato Paul Coleman, direttore esecutivo di ADF International.

“La libertà di religione (qui) vita e di associazione è essenziale non solo per le organizzazioni religiose, ma anche per il funzionamento della democrazia stessa. A seguito di questa sentenza, questa vitale libertà è ora in pericolo”, ha continuato Coleman in un comunicato stampa del 15 giugno.

L’ADF International, che nel caso rappresentava più gruppi, ha sottolineato che alle scuole religiose dovrebbe essere concessa la libertà di operare secondo la fede a cui aderiscono.

Il caso, che si è diffuso in varie province ed è stato in corso per anni, ha coinvolto la Trinity Western University – una scuola evangelica di Langley che incoraggia i suoi studenti a sostenere gli insegnamenti morali biblici sulla sessualità, riservando le relazioni sessuali al matrimonio tra un uomo e una donna.

Trinity Western aveva proposto di aprire una scuola di giurisprudenza nel 2012 e stava cercando di garantirsi l’accreditamento, alla fine ricevendo l’approvazione della Federazione delle Law Societies del Canada e del Ministero della provincia di istruzione superiore.

Tuttavia, gli studi legali hanno contestato i meriti della scuola di legge proposta dall’università cristiana e il suo accreditamento, affermando che la sua posizione sulla moralità sessuale era discriminatoria nei confronti della comunità LGBT.

La Corte Suprema ha ascoltato due ricorsi da parte dell’Ontario e della British Columbia, dopo che un’alta corte della British Columbia aveva stabilito in origine che alle scuole cristiane non poteva essere negato l’accreditamento solo sulla base delle loro convinzioni sulla moralità sessuale.

Venerdì, la Corte Suprema ha stabilito con 7 voti a favore e 2 contrari che le società di diritto potrebbero rifiutare di rilasciare licenze ai laureati della Trinity Western University per il fatto che le loro opinioni sulla sessualità sono discriminatorie per la comunità LGBT.

Dei nove giudici, due – Russell Brown e Suzanne Cote – hanno votato a favore del Trinity Western. Le loro decisioni si basano sull’opinione che “L’approvazione della scuola di legge proposta dalla [Trinity Western University] non rappresenterebbe una preferenza dello Stato per il cristianesimo evangelico, ma piuttosto un riconoscimento del dovere dello Stato… di accogliere diverse credenze religiose senza esaminarne il contenuto”.

Trinity Western ha rilasciato una dichiarazione il 15 giugno, dicendo che avrebbe esaminato la sentenza e valutato i successivi passi.

“Riteniamo che questa sia un’opportunità persa per i canadesi, molti dei quali non hanno accesso alla giustizia a prezzi accessibili”, ha detto Earl Philips, direttore esecutivo della  proposta scuola di legge.

“La scuola di diritto della Trinity Western University avrebbe offerto una specializzazione in diritto delle opere di beneficenza. Poiché il Canada è il secondo settore caritatevole e senza scopo di lucro al mondo, questa perdita si ripercuoterà sui canadesi da una costa all’altra”, ha continuato Philips.

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments