Un canadese affetto da una malattia incurabile sostiene che, nonostante la richiesta di cure domiciliari, l’equipe medica di un ospedale dell’Ontario gli avrebbe offerto solo il suicidio assistito da un medico.

Roger Foley, 42 anni, dell’Ontario, ha l’atassia cerebellare, un disturbo raro che limita le sue capacità neurologiche, limitando la mobilità delle braccia, delle gambe e l’esecuzione di altri compiti quotidiani.

All’inizio di quest’anno, Foley ha intentato una causa contro il London Health Sciences Centre – dove è stato costretto a letto per oltre due anni – così come contro il governo canadese e numerose agenzie sanitarie.

Foley sostiene di aver ripetutamente chiesto assistenza domiciliare in autonomia, ma le sue richieste sono state negate. L’assistenza domestica diretta dal governo lo ha lasciato con lesioni ed intossicazione alimentare, dice.

Recentemente, Foley ha fornito alla CTV News canadese due registrazioni audio separate, in cui il personale medico sembra offrirgli un suicidio assistito.

È la vera verità di ciò che sta accadendo in Canada riguardo a così tante morti assistite senza garanzie adeguate, in combinazione con la mancanza delle cure necessarie che non vengono fornite alle persone che soffrono“, ha detto a CTV News.

Nella prima registrazione di settembre 2017, un operatore medico viene sentito dire a Foley che gli verranno addebitati circa $1.500 al giorno se rimarrà in ospedale.

Foley definisce il tentativo come una coercizione illegale e afferma che le sue preferenze sono già state violate. Si chiede quale sia il piano che lo attende.

Roger, questo non è quello che volevo mostrarti“, risponde l’uomo. “ti ho detto che il mio compito era di parlarti se ti interessasse il suicidio assistito“.

Nell’altra registrazione audio, a quanto pare del gennaio 2018, un operatore medico viene sentito chiedere a Foley se vorrebbe continuare il suicidio assistito e se avesse avuto pensieri di autolesionismo. Foley dice di sentirsi come se volesse terminare la sua vita a causa della sua esperienza in ospedale, ma che se gli fosse concessa l’assistenza domiciliare in autonomia, si “sentirebbe bene“.

Puoi solo chiedere di essere assistito, se tu volessi porre fine alla vita, capisci cosa voglio dire?“, dice l’operatore medico. “Non c’è bisogno di farlo in modo drammatico, puoi semplicemente richiederlo“.

Bene, mi avevano già presentato l’opzione del risultato, ma è come: “Perché costringermi a terminare la mia vita?” dice Foley.

Il lavoratore nega rapidamente questo, affermando che non vuole che Foley sia seduto in ospedale considerando il suicidio, ma cita questi stessi sentimenti di suicidio come motivi per esaminare il suicidio assistito.  

Oh, no, no, no, dico se ti senti così…sai cosa voglio dire” dice l’operatore medico. “Dico che non voglio che tu sia qui dentro e volendo prendere la tua vita“.

Più di 3.700 persone sono morte per suicidio assistito tra il momento in cui la pratica è stata legalizzata nel giugno 2016 e la fine del 2017, secondo i dati del governo.

Foley ha detto alla CTV News che vuole parlare ora in modo che il pubblico possa sapere “la  reale verità prima che sia troppo tardi per far sentire la mia voce”.

Non ho ricevuto le cure di cui ho bisogno per alleviare la mia sofferenza e mi è stata offerta solo la morte assistita. Ho molte gravi disabilità e sono completamente dipendente. Con il tempo che mi rimane, voglio vivere con dignità e nel modo più indipendente possibile“.

 

Fonte: Catholic News Agency (nella mia traduzione)

Facebook Comments