“Più la guerra va avanti, maggiore è la probabilità che Putin ricorra a bombardamenti e cannoneggiamenti indiscriminati per uccidere la resistenza, e maggiore è la possibilità che la guerra si espanda nell’Europa della NATO.”

Vi propongo nella mia traduzione l’opinione di Patrick Buchanan, un politico statunitense. Egli è stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan. L’articolo è ripreso dal suo blog

 

Guerra-Russia-Ucraina

 

Durante i 70 anni di esistenza dell’Unione Sovietica, l’Ucraina era parte integrante della nazione.

Eppure questa realtà geografica e politica non rappresentava una minaccia per gli Stati Uniti. Una Russia e un’Ucraina, entrambe all’interno dell’URSS, erano una realtà accettata che non era vista come una minaccia per i sette decenni in cui erano unite.

Tuttavia, oggi, a causa di una guerra di un mese tra la Russia e l’Ucraina, su chi dovrà controllare la Crimea, il Donbas e le coste ucraine del Mar Nero e del Mar d’Azov, l’America sembra più vicina a una guerra nucleare che in qualsiasi momento dalla crisi dei missili di Cuba del 1962.

Perché? È tempo di fare un passo indietro e riflettere su ciò che è in gioco.

Esattamente quale minaccia ci presenta l’invasione russa dell’Ucraina che è così grave da farci considerare un’azione militare che potrebbe portare alla terza guerra mondiale e all’uso da parte della Russia di armi nucleari da battaglia contro di noi?

Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente accennato all’uso di tali armi, se la NATO dovesse intervenire nella guerra in Ucraina e la Russia affrontare la sconfitta, o in caso di una minaccia “esistenziale” alla nazione russa.

Sentiamo dalle nostre élite morali che la moralità ci comanda di intervenire per salvare il popolo ucraino dalle devastazioni di una guerra che ha già portato via migliaia di vite ucraine.

Ma quale sarebbe la giustificazione per l’intervento militare degli Stati Uniti in Ucraina, senza un’autorizzazione del Congresso o una dichiarazione di guerra?

Considerate. L’anno in cui l’Ora Liberale arrivò in America con il New Deal, 1933, un Franklin D. Roosevelt appena insediato riconobbe formalmente il regime assassino di Joseph Stalin come il legittimo governo di un’URSS guidata dalla Russia.

FDR si incontrò personalmente con il ministro degli esteri sovietico Maxim Litvinov anche quando l’Holodomor, la carestia forzata dei contadini e dei piccoli agricoltori ucraini, i kulaki e le loro famiglie, era molto avanzata.

Walter Duranty, il reporter del New York Times a Mosca, vinse un Pulitzer per aver insabbiato quel crimine del secolo con i suoi 4 milioni di morti stimati.

La domanda rimane: Quando la relazione tra la Russia e l’Ucraina è diventata una questione di interesse così vitale per gli Stati Uniti da farci rischiare una guerra, una possibile guerra nucleare, con la Russia?

Come siamo arrivati a questo punto?

Siamo arrivati qui sfruttando la nostra vittoria della Guerra Fredda come opportunità per spostare la NATO, la nostra alleanza della Guerra Fredda, in una dozzina di paesi dell’Europa centrale e orientale, fino ai confini della Russia. Poi, abbiamo iniziato a portare l’Ucraina nella NATO, la repubblica costituente della vecchia Unione Sovietica con la storia più lunga e profonda con la Madre Russia.

Così, mentre Putin ha iniziato questa guerra, gli Stati Uniti hanno preparato il tavolo per essa.

Abbiamo spinto la nostra alleanza militare, la NATO, istituita nel 1949 per contenere e, se necessario, combattere la Russia, 1.000 miglia a est, proprio in faccia alla Russia.

Negli anni ’30, quando alla britannica Lady Astor fu chiesto se sapesse dove fosse nato Hitler, lei rispose: “Versailles”.

Alla Conferenza di Pace di Parigi del 1919, che produsse il Trattato di Versailles, milioni di popoli germanici e le terre che avevano abitato furono strappati al dominio tedesco e distribuiti a una mezza dozzina di nazioni in tutta Europa.

Quando ci rimetteremo in piedi, ci riprenderemo tutto quello che abbiamo perso, disse il gen. Hans von Seeckt dello Stato Maggiore tedesco.

Sentiamo avvertire che se la Russia usa armi chimiche in Ucraina, la NATO reagirà militarmente. Ma se nessun alleato della NATO viene attaccato, perché la NATO dovrebbe rispondere a un attacco russo in Ucraina?

Anche se oggi sono fuori legge, le armi chimiche sono state usate da tutti i principali partecipanti alla prima guerra mondiale, compresi gli americani.

Per quanto riguarda le armi atomiche, solo gli americani le hanno usate.

E mentre non abbiamo introdotto il bombardamento delle città – lo hanno fatto gli inglesi e i tedeschi – abbiamo perfezionato il bombardamento a tappeto di città come Colonia, Amburgo, Berlino, Dresda e Tokyo.

La guerra ucraina, ormai vecchia di un mese, ha dimostrato l’utilità delle armi nucleari. La credibile minaccia di Putin di usarle ha portato gli Stati Uniti e la NATO a rifiutare categoricamente la richiesta di Kiev di mettere una no-fly zone sull’Ucraina.

E come la minaccia della Russia di usare le armi nucleari ha dissuaso la NATO dall’intervenire dalla parte dell’Ucraina in questa guerra, altre nazioni non mancheranno il messaggio: Il possesso di armi nucleari può dissuadere anche le più grandi potenze nucleari.

Più a lungo va avanti questa guerra, maggiori saranno le sofferenze e le perdite da tutte le parti. Migliaia di soldati e civili ucraini sono già morti, con 10 milioni di persone sradicate dalle loro case, un terzo delle quali è fuggito negli stati vicini dell’Europa orientale.

Più la guerra va avanti, maggiore è la probabilità che Putin ricorra a bombardamenti e cannoneggiamenti indiscriminati per uccidere la resistenza, e maggiore è la possibilità che la guerra si espanda nell’Europa della NATO.

Nel frattempo, nella sicura patria americana, a 5.000 miglia da Kiev, non c’è carenza di studiosi di politica estera che battono i tamburi per una “vittoria” sulla Russia di Putin e disposti a combattere per raggiungere quella vittoria – fino all’ultimo ucraino.

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email