Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Austin Ruse e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

Brendan Kelly
Brendan

 

Ogni anno, nell’anniversario della sua scomparsa, Brendan Kelly fa un piccolo regalo a una donna che gli era molto vicina. Non si è mai trattato di grandi cose, ma sempre di una sorta di ammiccamento che Brendan è lì e che le vuole bene. Lo scorso maggio è stato il 10° anniversario della scomparsa di questo ragazzo di 16 anni, affetto dalla sindrome di Down e che ha lottato per tutta la vita contro la leucemia che alla fine gli ha tolto la vita.

Quest’anno ha aspettato e aspettato il piccolo regalo che si aspettava. All’ultimo minuto, è stata invitata a una cena di raccolta fondi per una scuola locale della Virginia settentrionale e ha pensato che fosse un bel regalo da parte di Brendan. Ma la cosa era più importante. Quella sera si è seduta al tavolo e ha iniziato una conversazione con una coppia seduta vicino a lei, Joe e Roxanne Miller. Nel corso della serata, si sono resi conto che la loro bambina, Megan, anch’essa affetta da sindrome di Down e da leucemia, era stata ricoverata nel reparto oncologico con Brendan quasi 16 anni fa, quando aveva 11 mesi. Megan era una dei “bambini di Brendan”.

La mamma di Megan ricorda vividamente il giorno in cui Brendan e la sua équipe, la famiglia, i medici, il sacerdote, arrivarono con un turbinio di attività al reparto oncologico dell’Inova Hospital, nella contea di Fairfax, in Virginia. Racconta che c’era un enorme viavai di attività e una sorta di urgente tristezza. All’epoca Brendan aveva solo sei anni. La madre di Megan ricorda ancora oggi in modo vivido quando si sono incontrati: Brendan la guardò dritto negli occhi e le disse: “Offrirò tutta la mia sofferenza per la tua bambina Megan”.

All’epoca Megan aveva 11 mesi; oggi ha 16 anni e sta bene, e la famiglia Miller riconosce a Brendan Kelly almeno una parte del merito. Va notato che Megan aveva una forma di leucemia molto più aggressiva e persino fatale di quella che aveva Brendan; tuttavia, lei è sopravvissuta e Brendan è morto.

Il padre di Brendan, Frank, racconta la storia di un altro bambino di Brendan. Brendan si trovava al pronto soccorso dell’ospedale pediatrico di Boston e notò che nella stanza accanto c’era un bambino. Le stanze erano divise da finestre con tende che potevano essere aperte o chiuse. Brendan notò che il bambino non riceveva mai visite. Le infermiere gli dissero che i genitori del bambino vivevano a due ore di distanza, nel New Hampshire, non erano ricchi e quindi potevano fargli visita solo la sera e per un breve periodo di tempo.

Brendan chiese all’infermiera se poteva trasferirsi nella stanza con il bambino. Naturalmente l’infermiera rispose che non era possibile. Brendan chiese allora se le tende che separavano le due stanze potessero essere sempre aperte, in modo da poter fare compagnia al bambino e fargli capire che non era solo. Brendan trascorreva le sue giornate con la mano alzata verso la finestra, tenendo la mano del bambino. Quando i genitori del bambino arrivavano, Brendan riusciva a dormire.

E poi c’è la storia del terzo figlio di Brendan, una bambina di nome Bella, nata con la trisomia 18, una condizione quasi sempre fatale. I medici dissero al senatore Rick Santorum e a sua moglie Karen che la figlia non sarebbe sopravvissuta al parto e consigliarono un aborto. Fedeli cattolici, rifiutarono. Hanno dato alla luce Bella e non sapevano che il loro amico e vicino di casa, Brendan Kelly, stava subendo il trapianto di midollo osseo all’ospedale pediatrico di Boston.

Si tratta di una vicenda brutale: il povero bambino è isolato in una stanza sterile, senza alcun contatto umano se non attraverso una finestra vuota e un interfono graffiante. Eppure, i medici e le infermiere potevano sentire chiaramente Brendan offrire la sua sofferenza per Bella Santorum. “Bella, ti amo”, lo sentivano dire. Ancora oggi, i Santorum attribuiscono a Brendan il merito di aver fatto vivere Bella. Recentemente ha compiuto 14 anni.

Brendan Kelly è morto all’età di 16 anni. Ha sofferto molto, è morto giovane e ha portato molte persone alla fede. Non era un pastorello che viveva in povertà. Era figlio di persone ricche e influenti. Suo padre è stato per molti anni il responsabile delle relazioni governative della Deutsche Bank, ora con clienti privati in tutto il mondo. Prima ancora è stato portavoce del Dipartimento di Giustizia e ha lavorato alla Casa Bianca di Bush.

Dio ha mandato Brendan in una comunità che è quasi un deserto, una comunità di grande potere e favolosa ricchezza. È stato mandato per dimostrare che tutte le vite sono degne di essere vissute. Credo che Brendan sia un santo canonizzabile, che diventerà il patrono delle persone con disabilità intellettiva. Ci sono molte storie da raccontare su Brendan e sulla sua fede quasi mistica.

Ho la sensazione che Brendan in questo momento sia in movimento. Sei settimane fa, il sacerdote che celebrava la Messa in televisione su EWTN, all’improvviso, ha iniziato a raccontare storie sulla vita di Brendan. Solo poche settimane fa, un TikToker in Gran Bretagna, un ragazzo con 20.000 abbonati, ha fatto una serie di tre parti sulla vita di Brendan.

Brendan Kelly ha avuto tre bambini. Non male per un ragazzo di 16 anni con la sindrome di Down e la leucemia.

Fareste bene a offrire la vostra sofferenza per gli altri, come Brendan ci insegna a fare. Fareste bene a chiedere a Brendan le sue preghiere. Tutti i favori che riceverete dovranno essere inviati a me per la sua causa. Brendan Kelly, prega per noi.

Austin Ruse

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments