“Recentemente, il Comitato per gli affari canonici e il governo della Chiesa è stato messo al corrente di casi in cui è stato scoperto che una donna che viveva con un’identità transgender è stata inconsapevolmente ammessa al seminario o a una casa di formazione di un istituto di vita consacrata”, ha detto la nota. Listecki è il presidente della commissione affari canonici dell’USCCB (Conferenza Episcopale USA, ndr).

Ne parlano Christine Rousselle, Joe Bukuras nel loro articolo pubblicato su Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione.  

 

Jerome-Listecki-arcivescovo
Jerome Listecki, arcivescovo

 

I vescovi dovrebbero considerare di richiedere test del DNA o esami fisici per garantire che tutti i seminaristi siano uomini biologici, ha detto l’arcivescovo Jerome Listecki in una recente nota inviata ai membri della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti.

“Recentemente, il Comitato per gli affari canonici e il governo della Chiesa è stato messo al corrente di casi in cui è stato scoperto che una donna che viveva con un’identità transgender è stata inconsapevolmente ammessa al seminario o a una casa di formazione di un istituto di vita consacrata”, ha detto la nota. Listecki è il presidente della commissione affari canonici dell’USCCB (Conferenza Episcopale USA, ndr).

In un caso, ha detto Listecki, “i registri sacramentali della persona erano stati ottenuti in modo fraudolento per riflettere la sua nuova identità”.

“In tutti i casi, nulla nei rapporti medici o psicologici di questi individui aveva segnalato trattamenti passati o interventi chirurgici pertinenti”, ha aggiunto. Nessuno dei seminaristi biologicamente donna ha ricevuto gli ordini sacri, ha detto Listecki.

La nota dell’arcivescovo non identifica quali seminari o case di formazione hanno iscritto una donna biologica che si è presentata come maschio, né è stato chiarito se questi “casi” si sono verificati negli Stati Uniti o altrove.

Mentre un certificato di battesimo cattolico in genere non indica il sesso della persona che viene battezzata, altre denominazioni cristiane (chiese protestanti, ndr) hanno invitato le persone che si identificano come transgender a riaffermare le loro promesse battesimali con il loro nuovo nome scelto.

L’arcivescovo ha detto che è stato “incoraggiato dal Comitato” a inviare la nota ai suoi fratelli vescovi, in modo che possano “esercitare una speciale vigilanza all’inizio di un nuovo anno di formazione in seminario”.

Listecki, dottore in diritto canonico, ha fatto notare che “il diritto canonico richiede che il vescovo diocesano ammetta al seminario maggiore e promuova agli ordini sacri solo uomini che possiedono le qualità fisiche e psicologiche richieste”, e che il vescovo “può richiedere vari mezzi per stabilire la certezza morale a questo proposito”.

Il memorandum prosegue: “Alcuni membri della commissione per gli affari canonici e il governo della Chiesa hanno osservato che un vescovo potrebbe considerare di richiedere un test del D.N.A. o, come minimo, una certificazione da parte di un esperto medico scelto dal vescovo stesso, per assicurare che un richiedente sia maschio”.

L’USCCB ha rifiutato di commentare il contenuto del memo.

Questa è una storia in via di sviluppo.

 

 

Facebook Comments