Un vescovo vaticano ha difeso l’offerta della Santa Comunione al presidente pro-aborto dell’Argentina e alla sua compagna durante la loro recente visita in Vaticano, dicendo che è solo un “problema” per i cattolici statunitensi e per il cardinale Raymond Burke.

Ecco l’intervista a Sorondo fatta da Diane Montagna, pubblicata su Lifesitenews, e qui presentata nella mia traduzione.

Fernandez Alberto, Papa Francesco eFabiola Yanez 31 gennaio 2020. (foto Remo Casilli/Pool Photo via AP)

Fernandez Alberto, Papa Francesco e Fabiola Yanez il 31 gennaio 2020. (foto Remo Casilli/Pool Photo via AP)

 

Un vescovo vaticano ha difeso l’offerta della Santa Comunione al presidente pro-aborto dell’Argentina e alla sua compagna durante la loro recente visita in Vaticano, dicendo che è solo un “problema” per i cattolici statunitensi e per il cardinale Raymond Burke. 

Il vescovo ha accusato questa giornalista di essere una “fanatica” per averlo sfidato.

Nei commenti a LifeSite del 6 febbraio, il vescovo Marcelo Sánchez Sorondo, cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, ha sostenuto con forza che il diritto canonico “obbliga” un sacerdote a dare l’Eucaristia ai politici apertamente favorevoli all’aborto che si presentano per la Comunione. Il presule argentino ha detto che solo a chi è stato formalmente scomunicato può essere rifiutato il sacramento. 

“Il presidente [argentino] non è scomunicato, quindi posso dargli la Comunione”, ha insistito Mons. Sorondo. Le sue politiche a favore dell’aborto non hanno “nulla a che vedere con questo”, ha detto. 

Altre posizioni sono solo “l’opinione di alcuni vescovi del suo Paese”, ha detto il Vescovo Sorondo a questa corrispondente, puntando l’attenzione sul cardinale americano Raymond Burke.

Il Canone 915 del Codice di Diritto Canonico afferma: “Non siano ammessi alla sacra comunione gli scomunicati e gli interdetti, dopo l’irrogazione o la dichiarazione della pena e gli altri che ostinatamente perseverano in peccato grave manifesto”.

Nel febbraio 2007, il cardinale Burke ha scritto un ampio articolo di 55 pagine per la Periodica De Re Canonica intitolato “Canone 915: la disciplina riguardante la negazione della Santa Comunione a coloro che ostinatamente perseverano nel peccato grave manifesto”. Egli è stato a capo della massima corte vaticana per oltre un decennio (2008-2014).

 

Lo scandalo

 

Il 31 gennaio è stato diffuso sui social media un video del presidente argentino Alberto Fernandez, 61 anni, e della sua compagna, Fabiola Yanez, 38 anni, che hanno ricevuto la Santa Comunione in una Messa celebrata dal vescovo Sorondo nella cripta della Basilica di San Pietro. Dopo la Messa, Fernandez ha avuto un incontro di 45 minuti con Papa Francesco durante il quale, secondo quanto riferito, la questione dell’aborto non è stata sollevata. 

Il nuovo presidente argentino ha fatto della legalizzazione dell’aborto una delle sue priorità politiche. In un incontro con il Papa, Fernandez ha confermato che non si tirerà indietro sulla legalizzazione dell’aborto e ha detto che la proposta di legge sarà inviata al Parlamento il 1° marzo.

Fernandez ha divorziato dalla moglie nel 2005 e dal 2014 vive con l’attrice trentottenne Fabiola Yanez (avendo vissuto con un’altra donna per quasi 10 anni). Dopo la sua elezione nel dicembre 2019, Yañez si è trasferito al Palazzo Presidenziale di Buenos Aires e svolge il ruolo di First Lady, nonostante non siano sposati.

Il video della coppia che riceve la Comunione ha causato uno scandalo internazionale tra i cattolici. Un alto prelato ha detto a LifeSite che diversi argentini hanno espresso il loro shock e sgomento per le azioni dei loro compatrioti.

 

Un franco scambio

 

Sulla scia delle polemiche, LifeSite ha incontrato il vescovo Sorondo presso la sede della Pontificia Accademia delle Scienze (PAS) in Vaticano, nel corso di un workshop di due giorni sul Global Education Compact – l’iniziativa di Papa Francesco del maggio 2020 volta a promuovere un “nuovo umanesimo”.

Durante il batti e ribatti (vedi lo scambio completo qui sotto), il vescovo Sorondo ha detto che rifiutare la Santa Comunione a un politico pro-aborto è contrario non solo alla “interpretazione comune della Chiesa”, ma anche “alle conferenze episcopali di Stati Uniti, Italia e Argentina – e al Papa”.  

Quando è stato fatto notare che le conferenze episcopali hanno poca autorità in materia, il prelato argentino si è impuntato, giustificando la sua posizione sulla base dei predecessori di papa Francesco. 

“Papa Giovanni Paolo II ha dato la Comunione a tutti coloro che sono a favore dell’aborto – tutti i presidenti”, ha detto. 

Il cancelliere della PAS ha anche affermato che il cardinale Joseph Ratzinger (che poi è diventato papa Benedetto XVI), come prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha inviato una “seconda lettera” ai vescovi degli Stati Uniti “concordando con la conclusione” che “possiamo dare la Comunione ai [politici favorevoli all’aborto] perché non sono scomunicati”.

A fronte dei fatti, l’affermazione del vescovo sul cardinale Ratzinger appare piuttosto leggera. E infatti, il testo principale del cardinale sulla questione si opponeva fortemente a dare la Comunione ai politici pro-aborto.

Nel 2004, il cardinale Ratzinger inviò una lettera dal titolo “Degno di ricevere la Santa Comunione: Principi generali” alla Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) mentre [i vescovi] discutevano la questione della Comunione per i politici pro-aborto, vista la candidatura presidenziale di John Kerry, un democratico cattolico pro-aborto.

Egli inviò la lettera all’ex cardinale Theodore McCarrick (ora ridotto allo stato laicale per gli abusi sessuali, anche su bambini, ndr), allora arcivescovo di Washington, D.C. e presidente della Task Force USCCB sui vescovi cattolici e i politici cattolici, e al vescovo Wilton Gregory, allora presidente della USCCB (la Conferenza Episcopale USA, ndr), per chiarire la dottrina della Chiesa e assistere i vescovi nella loro riunione del 14-19 giugno a Denver.

Nella lettera il cardinale Ratzinger affermava, sulla base del canone 915 del Codice di diritto canonico:

“Quando la cooperazione formale di una persona diventa manifesta (intesa, nel caso di un politico cattolico, come la sua costante campagna e il suo voto per le leggi permissive sull’aborto e l’eutanasia), il suo Pastore dovrebbe incontrarlo, istruendolo sull’insegnamento della Chiesa, informandolo che non si presenterà alla Santa Comunione fino a quando non metterà fine alla situazione oggettiva del peccato, e avvertendo che altrimenti gli sarà negata l’Eucaristia”.

Ricevuta la lettera di Ratzinger, McCarrick la trattenne [non consegnandola] ai suoi fratelli vescovi, ne mitigò il tenore e ne distorse il contenuto. 

“Ero alla riunione, non l’abbiamo mai vista”, ha detto il cardinale Burke a LifeSite nei commenti del 7 febbraio.

A conclusione della riunione del giugno 2004, l’USCCB ha rilasciato una dichiarazione dal titolo “I cattolici nella vita politica”. Il passaggio rilevante riguardante i politici pro-aborto afferma che la “decisione prudenziale” per negare loro la Comunione spetta “al singolo vescovo in accordo con i principi canonici e pastorali stabiliti”.

L’affermazione, seppur debole, rileva che la decisione di un vescovo deve essere “in accordo con i principi canonici e pastorali stabiliti”. Il cardinale Ratzinger aveva fornito questi principi nella sua lettera.

Il cardinale Ratzinger a quanto riportato avrebbe inviato una seconda nota alla USCCB affermando che la loro dichiarazione era “in armonia con” la sua lettera iniziale. Tuttavia [Ratzinger] non era d’accordo, come suggerito da Mons. Sorondo, sul fatto che i vescovi e i sacerdoti “possono dare la Santa Comunione ai politici favorevoli all’aborto”.

 

Disputare su San Paolo

 

Il vescovo Sorondo ha ulteriormente sminuito lo scandalo di Fernandez, indicando alla sottoscritta giornalista i politici americani a favore dell’aborto, come l’ex vicepresidente Joe Biden: “è un problema vostro – di nuovo; è un problema dei vostri vescovi, ma non è un problema della Chiesa”.

Pressato dal grave scandalo pubblico causato da un presidente pro-aborto e dalla sua compagna che riceve la Comunione nel cuore della cristianità, il prelato argentino ha detto di aver organizzato la Messa perché Fernandez voleva offrire al suo popolo un “esempio” durante la sua visita a Roma. 

Suggerendo che avrebbe potuto parlare con il presidente Fernandez prima della messa, ha detto: “Non ho la possibilità di parlare”.

“Lei è un prete. Poteva cogliere l’occasione”, ho risposto. “Per il bene della sua anima [di Fernandez] – e per il bene della sua anima [Fabiola Yanez, la compagna di Fernandez]. San Paolo è molto chiaro su come possiamo mangiare la [nostra] condanna”, abbiamo detto.

“Sì”, ha risposto il vescovo Sorondo, “ma anche San Paolo è molto chiaro e ha detto: ‘Il mio unico giudice è la mia coscienza’”.

“No, non l’ha detto. Ha detto che il Signore è il mio giudice (cfr. 1 Cor 4, 4)”, ho risposto. Al che Sorondo ha risposto: “Il Signore è il mio giudice, ma il Signore è nella mia coscienza”.

“Ma se non hai una coscienza ben formata, dove la grazia divina è effettivamente attiva, allora la tua coscienza probabilmente ti sta mentendo”, ho detto. “È l’oscurità dell’intelletto”. 

Il vescovo Sorondo si è alzato in piedi, ha affermato che questa era solo la mia “interpretazione”, e ha detto che non voleva più parlare.

 

Un fanatico?

 

Prima nella nostra intervista, il vescovo Sorondo ed io abbiamo parlato del perché ha permesso al globalista americano e guru del cambiamento climatico, Jeffrey Sachs, di criticare apertamente e ripetutamente il presidente americano Donald Trump negli incontri ospitati dal Vaticano dopo la sua elezione. 

Tornando all’argomento del presidente Trump, a quella che si è rivelata la fine della nostra discussione, il vescovo Sorondo ha suggerito di dire al cardinale Burke che almeno il presidente argentino “va a messa” – a differenza del presidente Trump. 

“Non è cattolico”, ho detto. “Ma è stato il primo presidente in assoluto ad andare alla Marcia per la Vita con migliaia e migliaia di giovani”. 

“Sì, per avere i voti dei cattolici”, ha risposto.

“Sta salvando i bambini”, ho detto. “Sta salvando i bambini”.

Con questo, è stato suggerito che la sottoscritta corrispondente cerca di “capire le idee cattoliche”, non di essere “fanatica” e di “cercare di usare la ragione”. Mons. Sorondo è poi tornato al suo workshop sul Global Pact per l’Educazione.

 

 

 

Diane Montagna (DM): [Arcivescovo Sorondo], perché è stato concesso a Jeffrey Sachs di criticare così tanto – non è la prima volta, l’ho sentito nel 2017 – criticare così tanto il presidente Trump? Dice cose terribili sul presidente Trump in questa aula [dove si tengono le riunioni della Pontificia Accademia delle Scienze], quando il presidente Trump è il presidente più pro-vita che abbiamo avuto. È per la scelta della scuola, per aiutare i bambini neri. 

Il vescovo Sorondo (BS): Non è criticato per questo. È criticato per altre cose. 

DM: Per le sue politiche sul cambiamento climatico? 

BS: Per esempio.

DM: O per cos’altro?

BS: Per il cambiamento climatico e perché non ha alcuna collaborazione nel dialogo con le altre culture. 

DM: Non è vero. 

BS: Beh, non lo so, non è un mio problema.

DM: Beh, dico questo perché appena è stato eletto presidente una delle prime cose che ha fatto, in realtà è stato proprio prima di venire a visitare il Papa, è andato a fare un incontro con i leader del mondo musulmano sul terrorismo, per lavorare con loro per diminuire il terrorismo. Quindi, ci sono un sacco di cose… sarebbe meglio avere un atteggiamento positivo. Qui si sentono solo cose negative sul presidente Trump quando, sotto molti aspetti, è stato un ottimo presidente per tutti, per i poveri – per tutti. Si può essere in disaccordo con lui sul clima …

BS: Non voglio dare un’opinione sulla questione del vostro Paese, perché non so le cose…

DM: Sì.

BS: Ma Jeffrey Sachs è americano, e ieri…

DM: Ho sentito quello che ha detto ieri.

BS: Era sulla stessa linea.

DM: È stato peggio.

BS: Sì, è stato peggio… quindi non è un mio problema. Ma ci sono molti americani che lo criticano.

DM: Questo è vero.

BS: Molti americani intelligenti.

DM: Questo è vero. Voglio chiederle un’altra cosa e cioè la recente visita del presidente argentino al Papa. Ha suscitato scandalo il fatto che lei ha dato a lui e alla sua compagna [la Comunione] – perché è noto che lui è a favore dell’aborto e si sa che non è sposato con quella donna – ma vivono insieme. Hanno fatto la Comunione.

BS: Questa è un’altra discussione del suo Paese. Noi non abbiamo questo problema. 

DM: Come potete dare la Comunione? È Gesù. È Gesù. Vivono apertamente nell’adulterio e lui sostiene l’aborto. 

BS: Scusi, scusi, conosce il diritto canonico? Conosce il diritto canonico? Dobbiamo seguire il diritto canonico, non l’opinione di alcuni vescovi. E la legge canonica dice che non si può non dare – si è obbligati a dare la Comunione se qualcuno ti chiede la Comunione. Solo nel caso che sia scomunicato. Il presidente non è scomunicato, quindi posso dare la Comunione se mi chiede la Comunione. 

DM: Ma se è a favore dell’aborto...

BS: Niente a che fare [con questo]. Non dicono che non dovremmo dare la Comunione a un politico che è a favore dell’aborto. Questa è l’opinione di alcuni vescovi del suo Paese, ma non è l’opinione della Conferenza episcopale. 

DM: Il cardinale Raymond Burke …

BS: Cardinale Burke!

DM: Ma la Conferenza episcopale non ha alcuna autorità. 

BS: Il Papa non dice questo. Papa Giovanni Paolo II ha dato la Comunione a tutti coloro che sono a favore dell’aborto – tutti i presidenti. Quindi… questa è l’opinione solo di Burke. 

DM: No… ce ne sono altri.

BS: Forse due o tre, ma non è l’opinione della Conferenza episcopale argentina. Non è l’opinione della Conferenza episcopale italiana. Non è l’opinione del Papa. 

DM: Così chiunque, anche chi vive in un aperto e grave scandalo pubblico, può andare a fare la Comunione, e lei come sacerdote non può dire “mi dispiace, ma…”.

BS: Solo se è scomunicato!

DM: Ma se si è scomunicato con il suo atto pubblico di scandalo?

BS: Non è scomunicato! La scomunica è una frase molto importante e bisogna comunicare che è scomunicato. Non puoi scomunicare una persona. 

DM: No, questo lo so. 

BS: Solo il vescovo. 

DM: Lo so, ma lui vive con questa donna, vivono in aperto adulterio…

BS: È un problema di coscienza. Non è un mio problema. Non ho la possibilità di dire di no. 

DM: Ma non sarebbe l’occasione per il bene della sua anima…

BS: Avete lo stesso problema nel vostro Paese con il Vicepresidente di Obama, no? 

DM: Biden

BS: Biden

DM: Esatto, e Pelosi. Pelosi promuove apertamente l’aborto e si definisce cattolica. 

BS: Quindi, è un vostro problema – di nuovo. È la vostra pratica. È un problema dei vostri vescovi, ma non è un problema della Chiesa. 

DM: Ma l’Eucaristia è Gesù. Come potete dare Gesù …

BS: Credo nella coscienza delle persone. Se le persone mi chiedono la Comunione, non so se sono veramente nel peccato o no. Non ho la possibilità di dirlo. Forse oggi sono andati a confessarsi, e lui non vuole avere rapporti con la sua signora. Quindi, ci sono molte questioni impossibili da risolvere in questa forma. 

DM: Lo so, è solo che questo è stato un fatto pubblico… è andato su tutti i social media che il presidente argentino, che tutti conoscono, vuole passare [per essere] a favore dell’aborto…

BS: È stato un esempio che la prima cosa che ha detto e fatto mentre era qui a Roma era di parlare con il Papa e la mattina, voleva andare a messa, e io ho organizzato questa messa. 

DM: È meraviglioso che lui vada a messa. 

BS: E non sapevo se volesse andare a fare la Comunione. Mi ha chiesto di fare la Comunione, e non avevo motivo di dire di no

DM: Nemmeno se è a favore dell’aborto e vuole approvare una legislazione a favore dell’aborto.

BS: No, non è un motivo per dire no alla Comunione secondo la legge canonica. 

DM: Sapete di quale canone (articolo del Codice di Diritto Canonico, ndr) si tratta? 

BS: Sì, posso dare i canoni. Ci sono tre canoni. Il primo canone dice che siamo obbligati a dare la Comunione a chi chiede la Comunione. C’è solo un’eccezione e l’eccezione è quando viene scomunicato. Certo, ci sono alcuni cardinali come il cardinale Burke, ma è l’opinione del cardinale. 

DM: Beh, ma lui sa cosa dice la legge canonica. Voglio dire, era il capo della Segnatura apostolica.

BS: Sì, ma è un’interpretazione del canone. Non è l’interpretazione comune della Chiesa. È solo la sua interpretazione ed è anche contro la Conferenza episcopale americana. 

DM: Ma tutti sanno, e Benedetto XVI ha detto, che la Conferenza episcopale non ha davvero alcuna autorità, non in materia. 

BS: Benedetto, quando era cardinale, ha detto: “Sono d’accordo con la conclusione della Conferenza episcopale americana”. Sì! Sì! Questa è la domanda.

DM: Lo cercherò. Lo cercherò. Se lei mi dice questo, lo cercherò. 

BS: Sì, guarda queste cose. 

DM: Lei sta dicendo che Benedetto XVI ha accettato che una persona pro-aborto…

BS: Questa era una domanda che la Conferenza episcopale americana ha posto e dopo la dichiarazione del cardinale Ratzinger, il cardinale Ratzinger ha inviato una seconda dichiarazione per dire: “Sono d’accordo con la conclusione della Conferenza episcopale americana. Possiamo farlo. Possiamo dare la Comunione se chiedono la Comunione perché non sono scomunicati”.

DM: Beh, lo cercherò. 

BS: Sì, quindi solo il cardinale Burke. 

DM: Ce ne sono anche altri.

BS: Sì, forse due o un vescovo. Ma non è un problema. Non è un problema in Italia. Non è un problema con il Papa. San Giovanni Paolo II ha dato la Comunione a [inaudibile], a tutte le persone, che promuovono l’aborto. Questa è la pratica [inaudibile] Forse non sono contento di questo.

DM: Ma sarebbe un’opportunità. È stato uno scandalo pubblico. Il fatto che un presidente favorevole all’aborto che dorme con la sua compagna… 

BS: Così lei dice…

DM: Vive con la sua amante!

BS: Non lo so. Non lo so. 

DM: Lo sanno tutti. Lei vive con lui. Si comporta come la first lady. 

BS: Non lo so.

DM: Come fa a non saperlo? Lei è argentino.

BS: Senta, questo è un suo problema. Non è un mio problema. E non ho nessuna ragione, nessuna ragione canonica, per dire di no. Allora, cosa posso fare?

DM: Coglierebbe mai un’occasione del genere per parlare con lui, prima o dopo la Messa? Prima della Messa, se vuole andare a Messa. Tutto questo è stato organizzato…

BS: No, non ho la possibilità di parlare.

DM: Lei è un prete. Potrebbe creare l’opportunità. Era organizzato…

BS: Non dico altro, non dico altro. Forse in futuro avrò l’opportunità di parlare.

DM: Perché queste cose sono organizzate. Non si è presentato improvvisamente ed ha voluto andare a messa. 

BS: Ok, grazie per questo. 

DM: Penso solo al bene della sua anima – e per il bene della sua anima. San Paolo è molto chiaro su come si può mangiare la condanna (cfr 1 Cor 11, 29)…

BS: Sì, ma San Paolo è molto chiaro anche nel dire: “il mio unico giudice è la mia coscienza”. L’ha detto San Paolo.

DM: No, no, non l’ha detto. Ha detto che il Signore è il suo giudice. Ha detto: “Nemmeno io posso giudicare me stesso. Il Signore è il mio giudice” (cfr. 1 Cor 4, 4).

BS: Il Signore è il mio giudice, ma il Signore è nella mia coscienza.

DM: Il Signore non lo è necessariamente se non abbiamo …

BS: Non è nella coscienza del vescovo o del cardinale…

DM: Ma se non ha una coscienza ben formata dove la grazia divina è effettivamente attiva, allora probabilmente la sua coscienza Le sta mentendo. L’oscurità dell’intelletto…

BS: Questa è la sua interpretazione. Scusi, non voglio continuare a parlare con lei perché lei è completamente… e vuole solo fare polemiche. Lei ha bisogno di essere molto felice e dire al suo cardinale Burke: “Guardi che il presidente [dell’Argentina] va a messa”. Questo è il fatto importante. E il vostro presidente non è andato a messa. 

DM: Cosa intende dire, il mio presidente?

BS: Dica questo.

DM: Il mio presidente in termini di presidente Trump? 

BS: Sì. Lui non va a messa.

DM: Ma non è cattolico. Non è cattolico. 

BS: Esatto! Questa è una grande differenza.

DM: Non è cattolico. Ma il presidente Trump è andato a gennaio… è stato il primo presidente degli Stati Uniti ad andare alla Marcia per la Vita con migliaia e migliaia di giovani. 

BS: Sì, per avere i voti dei cattolici. Avere i voti dei cattolici. Lo dica al cardinale Burke. E infatti ho sentito che il cardinale Burke è contro il presidente Trump. 

DM: È contro?

BS: Sì. Sì.

DM: O è andato a trovarlo?

BS: È contro molte cose che [Trump] dice.

DM: Beh, non devi essere d’accordo con tutto quello che fa il presidente Trump. Ma sta salvando dei bambini. Sta salvando i bambini.

BS: La prego, signora, capisca le idee cattoliche e non sia fanatica, non sia fanatica. 

DM: Okay…

BS: Se continua a parlare con me, non sia fanatica. Cerchi di usare la ragione. 

DM: Lo sto facendo. D’accordo. Grazie mille. 

 

Facebook Comments
image_print
1