“Un legislatore cattolico che sostiene l’aborto procurato, dopo aver compreso l’insegnamento della Chiesa, commette un peccato manifestamente grave che è causa di gravissimo scandalo per gli altri”. Lo ha scritto Salvatore Cordileone, arcivescovo di San Francisco (California, USA) a Nancy Pelocy, speaker della Camera, partito democratico (quello di Biden). 

Vi propongo un articolo di Claire Chretien, pubblicato su Lifesitenews, nella mia traduzione. In fondo all’articolo il testo integrale della Notifica ripreso da National Catholic Register, nella mia traduzione.  

 

Papa-Francesco-e-Nancy-Pelosi
Papa Francesco e Nancy Pelosi

 

L’arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordileone ha ordinato alla Presidente della Camera Nancy Pelosi, una democratica apertamente favorevole all’aborto, di non presentarsi alla Santa Comunione nella sua diocesi.

“Non ti presenterai alla Santa Comunione e, se lo farai, non sarai ammessa alla Santa Comunione, fino a quando non ripudierai [pubblicamente] il tuo sostegno alla legittimità dell’aborto e non ti confesserai e riceverai l’assoluzione di questo grave peccato nel sacramento della Penitenza”, ha scritto Cordileone alla Pelosi in una “notifica” consegnata ieri e pubblicata oggi (vedi PDF QUI). Al momento della stampa, la pagina web su cui l’arcidiocesi di San Francisco ha pubblicato la lettera mostrava un messaggio di errore.

Cordileone Salvatore, arcivescovo di San Francisco (USA)

Cordileone Salvatore, arcivescovo di San Francisco (California, USA)

La Chiesa cattolica insegna che l’Eucaristia è il corpo, il sangue, l’anima e la divinità di Gesù Cristo. La Chiesa insegna che nessun cattolico che abbia commesso un peccato mortale può presentarsi alla Santa Comunione finché non abbia confessato tale peccato nel sacramento della confessione.

Il canone 915 del Codice di diritto canonico della Chiesa stabilisce che “coloro che sono stati scomunicati o interdetti dopo l’imposizione o la dichiarazione della pena e gli altri che perseverano ostinatamente in un peccato grave manifesto non devono essere ammessi alla Santa Comunione”.

“Un legislatore cattolico che sostiene l’aborto procurato, dopo aver compreso l’insegnamento della Chiesa, commette un peccato manifestamente grave che è causa di gravissimo scandalo per gli altri. Pertanto, la legge universale della Chiesa prevede che tali persone “non siano ammesse alla Santa Comunione” (Codice di Diritto Canonico, can. 915)”, ha scritto Cordileone.

Citando una lettera del 2004 dell’allora cardinale Joseph Ratzinger ai vescovi statunitensi, riguardante la comunione ai politici favorevoli all’aborto, Cordileone ha detto al presidente della Camera: “Le sono grato per il tempo che mi ha concesso in passato per parlare di questi argomenti. Sfortunatamente, non ho ricevuto una simile risposta alle mie numerose richieste di parlare di nuovo con lei da quando ha giurato di codificare la decisione della Corte Suprema Roe v. Wade nella legge federale dopo l’approvazione del Texas Senate Bill 8 lo scorso settembre”.

“Per questo motivo le ho comunicato le mie preoccupazioni con una lettera del 7 aprile 2022, informandola che, se non avesse ripudiato [pubblicamente] il suo sostegno ai ‘diritti’ dell’aborto o non si fosse astenuta dal fare riferimento alla sua fede cattolica in pubblico e dal ricevere la Santa Comunione, non avrei avuto altra scelta se non quella di dichiarare, in conformità con il canone 915, che lei non può essere ammessa alla Santa Comunione”, ha continuato l’arcivescovo.

“Poiché lei non ha ripudiato [pubblicamente] la sua posizione sull’aborto e continua a fare riferimento alla sua fede cattolica per giustificare la sua posizione e per ricevere la Santa Comunione, quel momento è arrivato”.

Il disegno di legge 8 del Senato del Texas vieta gli aborti sui bambini con il cuore battente e utilizza un meccanismo di applicazione privato unico nel suo genere, che consente ai privati cittadini di citare in giudizio gli abortisti che violano la legge. Nei prossimi mesi, la Corte Suprema degli Stati Uniti dovrebbe ribaltare la sentenza Roe v. Wade, che nel 1973 ha imposto l’aborto su richiesta a tutti i 50 Stati, e consentire agli Stati di determinare le proprie leggi sull’aborto. POLITICO ha pubblicato una bozza dell’opinione di maggioranza della Corte, una fuga di notizie senza precedenti.

“La prego di sapere che sono pronto a continuare la nostra conversazione in qualsiasi momento, e continuerò a offrire preghiera e digiuno per lei”, ha detto Cordileone a Pelosi. “Chiedo inoltre a tutti i fedeli dell’arcidiocesi di San Francisco di pregare per tutti i nostri legislatori, specialmente per quelli cattolici che promuovono l’aborto procurato, affinché con l’aiuto e sotto la guida dello Spirito Santo, possano subire una conversione del cuore in questa gravissima questione e la vita umana possa essere protetta e promossa in ogni fase e condizione della vita”.

Claire Chretien

 

************

 

NOTIFICA

Al Presidente della Camera dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti Nancy Pelosi

Il Concilio Vaticano II, nel suo Decreto sulla Chiesa nel mondo contemporaneo, Gaudium et spes, ha ribadito l’antico e coerente insegnamento della Chiesa secondo cui “fin dal primo momento del concepimento la vita deve essere custodita con la massima cura, mentre l’aborto e l’infanticidio sono crimini indicibili” (n. 51). I cristiani, infatti, hanno sempre sostenuto la dignità della vita umana in ogni sua fase, soprattutto quella più vulnerabile, a partire dalla vita nel grembo materno. Sua Santità, Papa Francesco, in linea con i suoi predecessori, è stato altrettanto chiaro ed enfatico nell’insegnare la dignità della vita umana nel grembo materno.

Questa verità morale fondamentale ha conseguenze per i cattolici nel modo in cui vivono la loro vita, specialmente per coloro che sono incaricati di promuovere e proteggere il bene pubblico della società. Anche Papa Giovanni Paolo II è stato molto coerente nel sostenere questo costante insegnamento della Chiesa, e ci ha spesso ricordato che “coloro che sono direttamente coinvolti negli organi legislativi hanno un “grave e chiaro obbligo di opporsi” a qualsiasi legge che attacchi la vita umana. Per loro, come per ogni cattolico, è impossibile promuovere tali leggi o votarle” (cfr. Nota dottrinale su alcune questioni riguardanti la partecipazione dei cattolici alla vita politica [24 novembre 2002], n. 4, §1). Un legislatore cattolico che sostiene l’aborto procurato, dopo essere a conoscenza dell’insegnamento della Chiesa, commette un peccato manifestamente grave che è causa di gravissimo scandalo per gli altri. Pertanto, la legge universale della Chiesa prevede che tali persone “non siano ammesse alla Santa Comunione” (Codice di Diritto Canonico, can. 915).

Per quanto riguarda l’applicazione di questi principi ai cattolici nella vita politica, l’allora cardinale Joseph Ratzinger, in qualità di Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, nel 2004 scrisse ai vescovi statunitensi spiegando l’approccio da adottare:

“… quando la cooperazione formale di una persona diventa manifesta (intesa, nel caso di un politico cattolico, come la sua costante campagna e il suo voto a favore di leggi permissive sull’aborto e sull’eutanasia), il suo Pastore dovrebbe incontrarlo, istruendolo sull’insegnamento della Chiesa, informandolo che non deve presentarsi alla Santa Comunione fino a quando non pone fine alla situazione oggettiva di peccato, e avvertendolo che altrimenti gli sarà negata l’Eucaristia. Quando “queste misure precauzionali non hanno avuto effetto … e la persona in questione, con ostinata persistenza, si presenta ancora a ricevere la Santa Eucaristia, “il ministro della Santa Comunione deve rifiutarsi di distribuirla””.

Nel tentativo di seguire questa direzione, Le sono grato per il tempo che mi ha concesso in passato per parlare di questi argomenti. Sfortunatamente, non ho ricevuto una simile risposta alle mie numerose richieste di parlare di nuovo con Lei da quando ha giurato di codificare la decisione della Corte Suprema Roe contro Wade nella legge federale, dopo l’approvazione del Texas Senate Bill 8 lo scorso settembre. Per questo motivo le ho comunicato le mie preoccupazioni con una lettera del 7 aprile 2022, informandola che, se non avesse ripudiato pubblicamente il suo sostegno ai “diritti” dell’aborto o non si fosse astenuto dal fare riferimento alla sua fede cattolica in pubblico e dal ricevere la Santa Comunione, non avrei avuto altra scelta se non quella di dichiarare, in conformità con il canone 915, che lei non può essere ammesso alla Santa Comunione.

Poiché lei non ha ripudiato pubblicamente la sua posizione sull’aborto e continua a fare riferimento alla sua fede cattolica per giustificare la sua posizione e per ricevere la Santa Comunione, quel momento è arrivato. Pertanto, alla luce della mia responsabilità come Arcivescovo di San Francisco di essere “preoccupato per tutti i fedeli cristiani affidati alle [mie] cure” (Codice di Diritto Canonico, can. 383, §1), con la presente comunicazione Le comunico che non potrà presentarsi alla Santa Comunione e, qualora lo facesse, non sarà ammessa alla Santa Comunione, fino a quando non ripudierà pubblicamente la sua posizione a favore della legittimità dell’aborto e non si confesserà e non riceverà l’assoluzione di questo grave peccato nel sacramento della Penitenza.

La prego di sapere che sono pronto a continuare la nostra conversazione in qualsiasi momento e continuerò a offrire preghiera e digiuno per lei.

Chiedo inoltre a tutti i fedeli dell’arcidiocesi di San Francisco di pregare per tutti i nostri legislatori, specialmente per quelli cattolici che promuovono l’aborto procurato, affinché, con l’aiuto e sotto la guida dello Spirito Santo, possano subire una conversione del cuore in questa gravissima questione e la vita umana possa essere protetta e promossa in ogni fase e condizione della vita.

Dato a San Francisco, il diciannovesimo giorno di maggio, nell’anno del Signore 2022.

[Firmato]

Salvatore J. Cordileone

Arcivescovo di San Francisco

 

Firma la petizione lanciata da Lifesitenews per stare al fianco dell’arciv. Cordileone

 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments