Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’intervista in esclusiva che il prof. Phillip Buckhaults ha rilasciato a Maryanne Demasi, PhD, giornalista investigativa, e pubblicata sul Substack di quest’ultima. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

Una precisazione a quanto affermato dal prof. Buckhaults quando dice che nel periodo della pandemia si è cercato di fare il meglio possibile e in fretta, e che, quindi, nella preparazione dei vaccini COVID qualcosa potrebbe essere andato storto. Non è proprio così, a mio parere. Dimentica di ricordare che la malattia era curabile e invece si è fatto di tutto per ritardare le cure con il cosiddetto protocollo “tachipirina e vigile attesa”. Sono stati scoraggiati e persino vietati i farmaci, qualsiasi farmaco, già conosciuto e sperimentato a vantaggio di un vaccino non sperimentato che si è dimostrato non sicuro e non efficace. Chissà perché. Quindi, si capisce che la gente, vedendo morire i propri cari (non curati) e sentendo ogni giorno il bollettino funebre, bramasse quel siero che avrebbe portato la salvezza. Forse il prof. Buckhaults, per ovvie ragioni, deve essere prudente nel parlare. Noi, però, non siamo nati ieri!

Ed ora leggete la interessantissima intervista.

 

Professor Dr. Phillip Buckhaults
Professor Dr. Phillip Buckhaults

 

All’inizio di quest’anno, l’esperto di genomica Kevin McKernan (qui articoli in italiano pubblicati su questo blog, ndr) ha scoperto per la prima volta la contaminazione da DNA nelle fiale di vaccini bivalenti di Pfizer e Moderna. Ha pubblicato i suoi risultati in un pre-print, ma la ricerca ha ricevuto poca attenzione da parte dei media tradizionali.

A osservare da lontano c’era Phillip Buckhaults, esperto di genomica del cancro e professore all’Università della Carolina del Sud. Inizialmente ha liquidato le scoperte di McKernan come “complottismo” e ha deciso di sfatare il lavoro eseguendo i propri test sulle fiale di mRNA.

Ma ciò che Buckhaults ha scoperto lo ha sconvolto: McKernan aveva ragione! Buckhaults ha trovato miliardi di minuscoli frammenti di DNA nel vaccino a base di mRNA della Pfizer e ha recentemente testimoniato (qui articolo in italiano di questo blog, ndr) in merito a un’udienza del Senato della Carolina del Sud, di cui ho parlato in un precedente articolo.

Ho presentato le scoperte di Buckhaults e McKernan alla FDA statunitense.

Ho chiesto alla FDA se avesse avviato un’indagine sulla questione della contaminazione da DNA e se avesse intenzione di rivedere le sue linee guida per l’industria sul DNA residuo nei vaccini.

Ho anche chiesto alla FDA se avesse dato istruzioni a Pfizer e Moderna di condurre ulteriori test per dimostrare l’assenza o la presenza di modifiche del genoma e se avrebbe emesso nuovi avvertimenti al pubblico sui rischi potenziali, ora che la contaminazione da DNA nei vaccini è stata accertata e riprodotta.

La FDA ha risposto, ma non ha risposto a domande specifiche, né ha riconosciuto il problema della contaminazione e i potenziali problemi di sicurezza. In una dichiarazione scritta ha affermato che:

I vaccini COVID-19 a base di mRNA autorizzati o approvati per l’uso negli Stati Uniti non sono definiti come terapia genica.

La FDA è fiduciosa nella qualità, sicurezza ed efficacia di questi vaccini. La valutazione dei benefici e dei rischi e la continua sorveglianza della sicurezza dimostrano che i benefici del loro uso sono superiori ai rischi.

Ho parlato con Buckhaults degli eventi in corso. La nostra conversazione è stata modificata per chiarezza e brevità.

 

****

 

BUCKHAULTS: Non avevo alcun preconcetto sul fatto che il vaccino dovesse contenere qualcosa di negativo, non sono anti-vaccino, sono stato vaccinato. L’ho raccomandato a tutti i membri della mia famiglia e a tutti quelli a cui tengo, ma sono consapevole del fatto che sembra che ci siano segnalazioni di danni da vaccino e vorrei sapere qual è la ragione.

DEMASI: Perché ha indagato su questo?

Vedevo le discussioni online ansiose e fuori controllo.

DEMASI: Per esempio?

BUCKHAULTS: Ho visto gente che parlava di sequenze SV40 (virus completo)…

DEMASI: Quindi si tratta di un virus presente nelle scimmie e negli esseri umani che può causare il cancro?

BUCKHAULTS: Sì, e questo avrebbe spaventato le persone a non fare il vaccino. Volevo porre fine a questa situazione. Il mio piano era di esaminare il vaccino per sfatare la paura che l’SV40 fosse presente nel vaccino. Uno dei miei buoni amici e colleghi, di cui mi fido, ha conservato nel suo congelatore tutte le fiale “vuote” di vaccino che gli sono state somministrate. In ogni fiala era rimasto un po’ di vaccino.

DEMASI: Cosa ha fatto con le fiale?

BUCKHAULTS: Le ho controllate prima con un test di PCR che utilizza primer contro il vettore, ed ecco che il segnale è risultato molto alto. Un segnale molto, molto alto. Quindi, si dà il caso che nel mio laboratorio abbia una grande capacità di sequenziamento a nanopori grazie al mio lavoro al COVID. Così, abbiamo chiesto a uno dei miei studenti di prendere tutto quello che c’era in alcune fiale e di precipitare e di metterlo sul sequenziatore a nanopori e, accidenti, Kevin McKernan aveva ragione: questo plasmide è presente nel vaccino. Ho dimostrato che non c’è il virus SV40 completo, ma c’è il DNA plasmidico. E quel plasmide contiene un pezzetto di SV40.

DEMASI: Quando parla di “segnale caldo”, spiega cosa intende?

BUCKHAULTS: Beh, in un test PCR, l’acqua viene fuori a malapena al ciclo 40 o per niente, ma il segnale sul vaccino veniva fuori al ciclo 20. Questo è tipo, un milione di volte. Si tratta di un segnale milioni di volte superiore al background, un segnale enorme. Vedevo circa 2 miliardi di copie per dose. Un lotto era di 1,6 miliardi di copie per 300 microlitri e l’altro di 2,5 miliardi di copie per 300 microlitri. Quindi, il segnale che usciva dalla macchina era un segnale molto caldo – il valore Ct era 20 cicli sopra il fondo. È molto.

DEMASI: Quindi le “cospirazioni” erano vere?

BUCKHAULTS: Beh, c’è del DNA che contamina il vaccino, ma sono stato anche in grado di mettere fine ad alcune delle voci che circolano sui social media sulla presenza del virus SV40 nel vaccino e sul fatto che farà venire il cancro a tutti, perché non è vero. Nel vaccino c’è solo un pezzo di promotore SV40. Ed è su questo che la gente ha fatto leva, dicendo che c’è un virus scimmiesco, che la prossima settimana ci trasformeremo tutti in scimmie o avremo il cancro o qualcosa del genere. E io ho fatto il mio dovere per smorzare questo tipo di paura, che era il mio scopo originario.

DEMASI: Cosa ha fatto una volta scoperto il DNA nelle fiale?

BUCKHAULTS: Dovevo dire: guardate, ho trovato questa quantità di DNA, è vero, e ci sono molte copie. L’abbiamo misurato con precisione molte, molte volte con la PCR e ora ho fatto il sequenziamento circa quattro volte e c’è – molto DNA è sminuzzato in piccoli pezzi, lunghi forse da una a 200 coppie di basi, e l’intero plasmide è rappresentato, si può ricostruire l’intera sequenza. Con la PCR, credo che ci siano probabilmente tra i 5 e i 20 nanogrammi di questo plasmide per dose per 300 microlitri, nei due lotti che ho esaminato – erano gli unici due lotti che avevamo qui in Colombia. Quindi l’osservazione riportata per la prima volta da Kevin McKernan è assolutamente vera.

DEMASI: Ho letto da qualche parte che la FDA consente di lasciare circa 10ng di DNA residuo nel vaccino e che si ritiene che questo sia sicuro…?

BUCKHAULTS: Non sono un esperto di normative, ma sembra che questa sia una linea magica a cui la FDA è arrivata prima che esistessero le nanoparticelle lipidiche. Era quando si iniettavano solo proteine o virus attenuati prodotti in cellule CHO e un po’ di DNA si aggiungeva al processo, ma si trattava di DNA nudo. Giusto? Sono stati condotti studi in cui si iniettavano tonnellate di DNA nudo nei topi senza riscontrare alcun problema. Ma questo non è DNA nudo. Questo è diverso e questo mi fa pensare che forse il limite normativo non è rilevante per i vaccini a base di mRNA che hanno nanoparticelle lipidiche o LNP che trasportano il materiale genetico all’interno delle cellule.

Le LNP facilitano l’ingresso del DNA nella cellula, all’interno della membrana cellulare. Ma una volta nel citoplasma, pezzi di DNA vanno al nucleo per puro caso. E questo accadrebbe indipendentemente dal meccanismo di trasmissione. Una volta che gli LNP si fondono con la membrana delle cellule e scaricano il loro carico nel citoplasma, hanno fatto il loro lavoro.

DEMASI: Nei lotti che avete testato, avete scoperto che la maggior parte delle particelle era inferiore a 200 coppie di basi…. cosa significa?

BUCKHAULTS: È importante la dimensione delle particelle. La FDA dice 10 nanogrammi. Ora, 10 nanogrammi potrebbero provenire da una molecola assurdamente gigantesca. Oppure potrebbero essere un mucchio di molecole piccole piccole. Il rischio di modifica del genoma non dipende dalla massa. È una funzione di quante molecole indipendenti ci sono. Quindi, è molto peggio avere un mucchio di questi piccoli pezzi in termini di rischio di mutagenesi inserzionale. È molto peggio che avere un solo pezzo grande. Giusto? Non credo che ci sia nulla di male in questo. È solo che sembra un po’ accidentalmente stupido dal punto di vista amministrativo. Questa è la mia opinione personale.

DEMASI: Forse avevano fretta di diffondere il vaccino? Operazione Warp Speed…

BUCKHAULTS: Sì, il mondo era in fiamme e noi eravamo spaventati a morte. Quindi, non biasimo nessuno. Affrettarsi? È facile starsene seduti qui ora, nella sicurezza che la paura è passata e che ora siamo tutti seduti nei nostri uffici e nessuno ha paura che il mondo stia per finire, e poi tirare sassi contro ciò che è stato fatto tre anni fa da persone che cercavano di salvarci tutti. Penso che sia davvero ingiusto. Penso davvero che la maggior parte delle persone stesse lavorando in buona fede per cercare di spegnere l’incendio.

DEMASI: Come fa a sapere che, una volta all’interno della cellula, il DNA può raggiungere il nucleo ed entrare nel genoma?

BUCKHAULTS: So che alla fine c’è la possibilità che un pezzo di DNA si inserisca casualmente. Lo facciamo sempre in laboratorio. Prendiamo pezzi di DNA nudo, li mettiamo nella lipofectamina, una soluzione che trasporta materiale genetico nelle cellule, e per magia alcuni pezzi si integrano nel DNA cellulare, modificando in modo permanente le cellule. Lo faccio da quando ero uno studente laureato, quindi so che questo accade. L’unica domanda è: qual è la frequenza con cui questo accade in una popolazione vaccinata? Ed è una frequenza abbastanza alta da doverci preoccupare? Oppure è abbastanza bassa da far sì che i benefici del vaccino superino di gran lunga il rischio? Non sappiamo quale sia la frequenza di modifica del genoma.

DEMASI: Cosa significa per le persone vaccinate che le fiale sono contaminate dal DNA?

BUCKHAULTS: Le persone non sono d’accordo sull’entità del rischio. Non sappiamo ancora se questo significhi qualcosa o meno. C’è la possibilità che questo DNA non faccia nulla, ma poiché ho un background in genetica e biologia del cancro, le mutazioni somatiche sono la mia esperienza. E penso che ci sia una ragionevole possibilità che iniettando pezzi di DNA avvolti in questa particella di trasfezione – le nanoparticelle lipidiche – ci sia una ragionevole possibilità che una parte di questo arrivi nelle cellule e si integri nel genoma delle cellule. Credo che dovremmo verificarlo e scoprirlo.

DEMASI: Se entra nel genoma, cosa significa?

BUCKHAULTS: Se la modifica del genoma è in atto, è solo questione di tempo prima che uno di questi frammenti colpisca un gene soppressore del tumore e dia inizio al cancro in una singola cellula staminale. Inoltre, sono stati segnalati casi di miocardite. Mi chiedo se sia possibile che questi piccoli frammenti di DNA codifichino in realtà pezzi della proteina spike….. In questi frammenti di DNA ci sono molte cornici di lettura aperte che codificano per peptidi che non appartengono all’uomo e sono neo-antigeni. La mia preoccupazione è che alcuni di questi pezzi di DNA possano trasformare cellule staminali a lunga vita, magari nel miocardio, nel pericardio, nel fegato o nei linfonodi… e che ora quel tessuto esprima a lungo un neo-antigene che potrebbe causare una risposta autoimmunitaria a lungo termine come la miocardite. Quindi, queste sono le due cose che mi vengono subito in mente: la piccola possibilità di tumori nelle persone nei prossimi cinque anni o la possibilità di autoimmunità dovuta alla produzione di questi peptidi.

DEMASI: Capito. Per essere chiari, non ci sono stati studi o prove di integrazione nel DNA di una persona? È corretto?

BUCKHAULTS: No, non ci sono prove di modifica del genoma, perché, per quanto ne so, nessuno ha fatto ricerche. Si tratta di una preoccupazione del tutto teorica che, a mio avviso, dovrebbe essere assolutamente esaminata. Come ho già detto, sono stati condotti studi di ogni tipo sul DNA nudo, dimostrando che non è pericoloso. Ma questo perché il DNA nudo viene masticato prima di poter entrare nelle cellule. Ma se gli LNP lo trasportano all’interno delle cellule come nei vaccini a base di mRNA, allora un pezzo casuale di DNA può (teoricamente) integrarsi nel genoma umano a monte di una tirosin-chinasi che promuove il cancro, o di un oncogene, o anche di K-RAS, uno qualsiasi degli oncogeni preferiti in cui la sovraespressione del gene può creare il cancro. Piccoli frammenti di DNA possono agire come un promotore se inseriti dove non dovrebbero, o se interrompono un gene repressore trascrizionale: questo è un altro modo in cui si può accidentalmente alzare la manopola del volume dell’espressione genica a 11. Inoltre, il promotore/esaltatore SV40 è un modo sicuro per aumentare l’espressione genica, per cui il rischio di cancro si presenta se il pezzo SV40 si trova a monte di MYC, o di K-RAS o del recettore EGF o di uno qualsiasi dei famosi geni del cancro. Ma non c’è bisogno di questo perché ci sia questo rischio. Se non ci fosse l’SV40, ci sarebbero comunque modi in cui questo potrebbe accadere.

DEMASI: Circa 18 mesi fa, c’è stato uno studio che suggeriva che l’mRNA del vaccino poteva essere trascritto in senso inverso nel genoma di cellule umane in una piastra di Petri….. non suggerisce che l’integrazione nel genoma possa avvenire? Cosa ne pensa di quello studio?

BUCKHAULTS: 18 mesi fa ci si chiedeva se l’RNA potesse essere trascritto in senso inverso e io l’ho scartato per motivi teorici. Ma c’erano alcuni articoli che mostravano una colorazione di quella che sembrava l’espressione di un picco in luoghi che non avrebbero dovuto essere negli animali da esperimento e la cosa migliore che potevo pensare era: beh, deve essere una sorta di artefatto perché non c’è modo di passare dall’RNA alla modifica del genoma. All’epoca non sapevamo che nel vaccino c’era qualcosa di più dell’RNA. Non sapevamo che ci fosse una contaminazione da DNA.

DEMASI: Quindi la scoperta del DNA nel vaccino potrebbe spiegare alcuni di questi risultati?

BUCKHAULTS: È proprio così, quando ho visto i risultati del sequenziamento di Kevin ho fatto due più due e ho pensato: “Oh, no, forse questo spiega quei risultati che avevo ingiustamente scartato”. Avevano ragione. Forse non conoscevano il meccanismo.

DEMASI: La FDA ha sempre sostenuto che non c’erano prove che l’RNA potesse modificare il genoma…

Si può capire perché. Pensano che sia un vaccino a RNA, non c’è modo che l’RNA venga trascritto e diventi DNA e si integri nelle cellule. E questa è una risposta ragionevole basata su basi teoriche…. Ma scommetto che la maggior parte delle persone che hanno fornito tali garanzie non si rendevano conto della presenza di DNA nel vaccino. Quando Kevin McKernan ha pubblicato per la prima volta le sue scoperte, ho pensato: “Oh, mio Dio, c’è davvero del DNA nel vaccino e forse questo spiega ciò che quelle persone hanno visto quando hanno pensato che si trattasse in qualche modo di una magica trascrittasi inversa, che trasformava l’RNA in DNA e poi questo veniva integrato nelle cellule”. Non c’è bisogno della trascrittasi inversa. Se ci sono pezzi di DNA nel vaccino, alcuni di essi sono abbastanza lunghi da contenere l’intera struttura di lettura aperta dello spike. Ed ecco che le cellule producono continuamente la proteina spike.

DEMASI: Uno studio autoptico ha rilevato la presenza di proteine spike nel cuore e nel cervello di un paziente morto dopo la vaccinazione. Hanno confermato che il paziente non aveva mai avuto un’infezione da Covid (assenza di proteine nucleocapside). Questo suggerisce un’integrazione del genoma?

BUCKHAULTS: Sì, è un’ipotesi ragionevole. La presenza di proteine spike nel cuore o nel cervello dimostra che il vaccino si è allontanato dal muscolo, ma non significa necessariamente che sia avvenuta l’integrazione del genoma. Potrebbe essere che l’mRNA sia stato espresso per molti giorni prima di scomparire. Ciò supporta sicuramente l’ipotesi che la rara miocardite (e forse l’ictus) sia dovuta all’attacco immunitario all’antigene creato dal vaccino. L’unica differenza sfumata tra questo meccanismo e quello del DNA è la durata della reazione immunitaria. Se è contro una spike generato dall’mRNA, allora svanirà con il tempo, e si spera che svanisca prima che un numero critico di quelle cellule bersaglio venga ucciso dal sistema immunitario. Se è contro un antigene creato dal DNA che si integra nel genoma della cellula trasfettata, durerà per tutta la vita di quella cellula e sarà trasmesso a tutta la sua progenie. Si pensi a un attacco autoimmune cronico contro un tessuto.

DEMASI: È necessaria l’integrazione del genoma per dimostrare un danno? Sappiamo dagli studi di biodistribuzione che gli LNP viaggiano in tutto il corpo e fanno sì che le cellule producano la proteina spike, quindi qualcuno che è stato vaccinato non potrebbe sviluppare una miocardite e morire a causa della proteina spike nei tessuti – o sto facendo un balzo speculativo?

BUCKHAULTS: No, l’integrazione del genoma non è l’unico meccanismo possibile di danno. È solo quello che lascerà un biglietto da visita che può durare anni, e quindi si presta a essere analizzato mesi o anni dopo il vaccino. Il tuo salto speculativo non è folle ed è esattamente ciò che io e alcuni altri “esperti” pensiamo sia una spiegazione ragionevole di ciò che sta accadendo. Il vaccino è stato “venduto” con la premessa che l’espressione fosse sia locale che temporanea. Anche se è temporanea (non è coinvolto il DNA), il fatto che non sia realmente locale mina parte del messaggio di vendita e potrebbe essere una caratteristica fondamentale della piattaforma. L’unica difficoltà di questo meccanismo a base di solo RNA è come spiegare l’ampia variazione degli eventi avversi. La maggior parte delle persone non ha effetti avversi, ma alcune hanno lesioni catastrofiche o morte. Non conosco alcuna variazione da lotto a lotto che possa cambiare la propensione dell’mRNA a finire nel cuore, nel cervello o nelle gonadi rispetto a rimanere nel muscolo deltoide. Potrebbe trattarsi di variazioni da paziente a paziente dovute a qualche fattore sconosciuto. Tuttavia, il meccanismo basato sul DNA potrebbe essere legato a un processo di produzione in cui vi è un’ampia variabilità da lotto a lotto nella quantità di DNA che riesce a passare, spiegando così la variazione da lotto a lotto nella frequenza degli eventi avversi. Sono tutte ipotesi speculative, ma ragionevoli da verificare.

DEMASI: Come avrebbe dovuto affrontare Pfizer il problema della contaminazione del DNA?

BUCKHAULTS: Sembra che forse abbiano sminuzzato il DNA plasmidico con l’enzima DNAasi, ma non abbiano purificato tutti i pezzetti. Quindi, potrebbero aver aumentato il rischio di modifica del genoma (io del Blog di Sabino Paciolla segnalo ai lettori questo articolo scientifico, ndr). Perché invece di avere un unico grande pezzo, hanno ottenuto un miliardo di piccoli pezzi. Sarebbe stato ottimale se l’avessero sminuzzato e poi avessero fatto una colonna cromatografica di esclusione dimensionale per eliminare tutti i pezzetti e lasciare solo l’RNA grande. In questo modo non ci sarebbe stata alcuna possibilità di modifica del genoma. Ma come ho detto prima, è facile essere critici con il senno di poi. Quando il mondo era in fiamme, credo che tutti stessero facendo del loro meglio.

DEMASI: Alcuni studi hanno dimostrato che la proteina spike è stata rilevata nell’organismo per diversi mesi – la sua durata è lunga – e questo è dovuto alla modifica del gene?

BUCKHAULTS: Questo è un aspetto di cui Kevin McKernan si è preoccupato: invece di avere brevi pezzi di DNA che alterano i geni, potrebbero esserci pezzi di DNA abbastanza lunghi da contenere le istruzioni per costruire un’intera proteina.

DEMASI: Come tutte le istruzioni per costruire un’intera proteina spike nel genoma della persona?

BUCKHAULTS: Sì, e se qualcuno fosse stato trasfettato con un lungo pezzo di DNA che conteneva le istruzioni per codificare l’intera proteina Spike? E il lungo pezzo di DNA si fosse integrato nel genoma di un tipo di cellula longeva del miocardio? Ebbene, ora quel tipo di cellula produce continuamente proteine Spike. Questa era una delle preoccupazioni riguardo al meccanismo della miocardite.

DEMASI: Quindi, sta dicendo che le cellule del miocardio potrebbero essere trasformate in modo permanente?

BUCKHAULTS: È possibile che lunghi frammenti di DNA che codificano la Spike stiano modificando il genoma di poche cellule che compongono il miocardio e causino l’espressione a lungo termine della Spike, perché sono trasformate in modo permanente. E poi il sistema immunitario inizia ad attaccare quelle cellule… ed è questo che causa gli attacchi cardiaci. Ora, questa è una preoccupazione del tutto teorica. Ma non è assurdo ed è ragionevole verificarlo. Ora, poiché i due lotti che ho esaminato avevano una percentuale così piccola di letture totali da essere abbastanza lunghe da contenere tutte le spike, non ho pensato che fosse una cosa ragionevole di cui preoccuparsi. A mio parere, il rischio maggiore è rappresentato dai brevi pezzi di DNA che interrompono qualche gene o esprimono una piccola struttura di lettura aperta antigenica. Se ci sono altri lotti di vaccino contaminati da grossi pezzi di DNA plasmidico che codificano per proteine spike, allora anche questo potrebbe essere un problema.

Non voglio spaventare il pubblico in generale, ma credo che sarebbe meglio incoraggiare le autorità di regolamentazione, la Pfizer e la Moderna a verificare la situazione in silenzio e a correggere i futuri lotti di vaccino eliminando ogni traccia di DNA. Il pubblico dovrebbe essere informato quando ci sono risposte chiare, ma non dovrebbe essere ripetutamente disturbato durante il processo per ottenere queste risposte.

DEMASI: È plausibile che queste mutazioni genetiche vengano trasmesse alla generazione successiva?

BUCKHAULTS: Il materiale migra verso le ovaie, quindi sarebbe un buon punto di osservazione.

DEMASI: In Australia, gli avvocati hanno intentato una causa presso la Corte Federale citando Pfizer e Moderna per non aver registrato il prodotto come terapia genica, sostenendo che soddisfa la definizione legale australiana di organismo geneticamente modificato o OGM. Lei direbbe che questo vaccino è una “terapia genica”?

BUCKHAULTS: È tecnicamente vero, perché contiene pezzi di DNA che possono modificare il genoma, ma chiamarla terapia genica è un’iperbole ingiusta. Non è l’intento della terapia. L’intento è quello di fornire l’RNA messaggero per creare spike e poi stimolare l’immunità. Potrebbe essere una terapia genica accidentale, se le mie preoccupazioni sono vere, ma non è una terapia genica intenzionale. Non la chiamerei terapia genica, ma c’è la possibilità di un danno accidentale al genoma.

DEMASI: Cosa vorrebbe che accadesse?

BUCKHAULTS: Vorrei che centinaia di colleghi in tutto il mondo, che hanno i campioni giusti e le competenze nel loro laboratorio, controllassero quello che hanno. Se si scatena l’interesse tra gli ambienti scientifici, forse altri genomisti indagheranno. Per esempio, ci sono studi in corso in questo momento che potrebbero incidentalmente generare le risposte che cerchiamo. Il National Cancer Institute (NCI) ha un programma chiamato SMaHT (Somatic Mosaicism Across Human Tissues) che prevede il prelievo di cellule normali da persone normali e il sequenziamento di singole cellule per verificare il tasso di mutazioni somatiche nelle cellule normali nell’arco della vita. Per caso, ci sarà un gruppo di campioni prelevati da persone vaccinate. Quindi, verificare questa ipotesi di modificazione del genoma potrebbe essere piuttosto semplice, esaminando i campioni esistenti e i dati futuri.

DEMASI: E se pubblicassimo questi risultati su una rivista?

BUCKHAULTS: Lo faremo quando avremo accumulato abbastanza dati.

DEMASI: Avete informato la FDA?

BUCKHAULTS: Sì, in modo informale.

DEMASI: E avete avuto una risposta dalla FDA?

BUCKHAULTS: No, no. E data la natura radioattiva dell’argomento, non mi aspetto che dicano nulla. L’ipotesi migliore è che vadano a controllare in silenzio l’editing del genoma – forse lo stanno già facendo e io non ne sono a conoscenza – e poi, se trovano qualcosa, correggeranno il processo di produzione. Ma nel frattempo, accademici indipendenti con campioni e competenze dovrebbero controllare.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments