Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Michael Haynes e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Arciv J. Strickland e Card. Muller
Arciv J. Strickland e Card. Muller

 

L’ex prefetto del Dicastero (ex Congregazione) per la Dottrina della Fede, il cardinale Gerhard Müller, ha rilasciato una forte dichiarazione di sostegno al vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, consigliandogli di “non dimettersi”.

In una dichiarazione pubblicata su kath.net il 21 settembre, Müller ha offerto il suo sostegno a Strickland. “È terribile ciò che viene fatto al vescovo Strickland, un abuso di ufficio contro il diritto divino dell’episcopato”, ha dichiarato Müller.

“Se potessi consigliare il vescovo Strickland, non dovrebbe assolutamente dimettersi, perché così loro [le autorità vaticane] possono lavarsene le mani”, ha aggiunto il cardinale tedesco.

Strickland è emerso come uno dei difensori più diretti e espliciti dell’insegnamento cattolico negli Stati Uniti, un aspetto che ha spesso messo il suo insegnamento in apparente contrapposizione con le dichiarazioni di Papa Francesco.

Il vescovo è stato oggetto di grande attenzione da parte dei media cattolici da quando è stato rivelato che è stato sottoposto a una visita apostolica nel giugno 2023. La visita è stata condotta da due vescovi a riposo: Il vescovo Dennis Sullivan di Camden, New Jersey, e l’ex vescovo Gerald Kicanas di Tucson, Arizona.

Nelle scorse settimane, The Pillar ha pubblicato un rapporto in cui si affermava che il Vaticano era pronto a chiedere le dimissioni di Strickland. Tuttavia, Strickland ha risposto il 20 settembre dicendo che non gli era stato dato alcuna ragione per la visita, né aveva sentito alcun risultato dalla visita.

 

 

Strickland ha aggiunto che non ha intenzione di dimettersi:

Ho detto pubblicamente che non posso dimettermi da vescovo di Tyler perché sarebbe come abbandonare il gregge di cui sono stato incaricato da Papa Benedetto XVI. Ho anche detto che rispetterò l’autorità di Papa Francesco se mi rimuoverà dall’incarico di Vescovo di Tyler. Amo Gesù Cristo e la Chiesa cattolica da Lui istituita. Il mio unico desiderio è dire la Sua verità e vivere la Volontà di Dio al meglio delle mie possibilità”.

Parlando a kath.net, Müller ha difeso il vescovo americano, sottolineando che il Papa potrebbe giustamente rimuovere un vescovo dalla sua sede “solo se si è reso colpevole di qualcosa di negativo (eresia, scisma, apostasia, un crimine o un comportamento totalmente non sacerdotale), ad esempio la pseudo-benedizione di persone di entrambi i sessi o di un sesso in relazioni extraconiugali che offende Dio e defrauda le persone della loro salvezza”.

Al contrario, se un papa effettua una “rimozione arbitraria” di un vescovo, tale azione “mina l’autorità del papa”, ha detto Müller.

La rimozione arbitraria di un vescovo di una diocesi in cui un vescovo è nominato da Cristo stesso come proprio pastore mina l’autorità del papa, come è accaduto storicamente con l’indegno abuso di ufficio sotto il papato avignonese. (Questa perdita di fiducia è stata una delle ragioni principali della secessione del cristianesimo della Riforma dalla Chiesa cattolica e del suo odio verso il papa, che con le sue azioni arbitrarie si è messo al posto di Dio).

Parlando a LifeSiteNews nel mese di luglio, Müller ha ribadito il dovere del Papa e dei funzionari della Chiesa di essere fedeli alla Tradizione della Chiesa, e di non “pretendere obbedienza per le loro opinioni private, e certamente non per insegnamenti e azioni che contraddirebbero la rivelazione e la legge morale naturale”.

Un insegnamento che ha ribadito a kath.net, rilevando come “il Papa non è affatto il Signore della Chiesa, ma solo il Vicario di Cristo per la Chiesa universale, il primo servitore del suo Signore, che dovette dire a Simon Pietro, appena destinato a essere la Roccia della Chiesa, ‘Vattene dietro di me (ital. Indietro, il vero Indietrismo), perché non hai in mente ciò che vuole Dio, ma ciò che vogliono gli uomini'”. (Mt 16,23)”.

Müller, che è emerso come un forte critico del Sinodo sulla sinodalità del Papa, definendolo una “presa di potere ostile” della Chiesa che minaccia di “porre fine” al cattolicesimo – ha inoltre affermato che Papa Francesco non ha “l’autorità di Cristo per molestare e intimidire i buoni vescovi”.

Ha accusato i detrattori dei vescovi fedeli di essere “falsi amici” che “denunciano” tali prelati al Papa, mentre i “vescovi eretici e immorali possono fare ciò che vogliono”:

Il Papa non ha l’autorità di Cristo per molestare e intimidire i buoni vescovi sull’esempio di Cristo, il Buon Pastore, che, secondo l’ideale episcopale del Vaticano II, santificano, insegnano e guidano il gregge di Dio nel nome di Cristo, solo perché i falsi amici denunciano questi buoni vescovi a Francesco come nemici del Papa, mentre i vescovi eretici e immorali possono fare ciò che vogliono, o che ogni giorno molestano la Chiesa di Cristo con un’altra follia.

Müller non è il solo a offrire il suo sostegno a Strickland. Il vescovo del Kazakistan Athanasius Schneider ha scritto privatamente al vescovo texano ringraziando Strickland per la sua “intrepida dedizione a mantenere, trasmettere e difendere senza compromessi la fede cattolica”.

Ha accusato il Vaticano di aver messo Strickland sotto “controllo” e di aver usato “intimidazioni e privazioni della cura episcopale del suo gregge a Tyler, fondamentalmente solo per l’unica ragione che lei, come San Basilio, Sant’Atanasio e molti altri vescovi confessori nella storia, sta mantenendo le tradizioni dei Padri”.

Schneider ha incoraggiato Strickland, osservando che sarà ringraziato dai futuri papi per la sua “intrepida fedeltà alla fede cattolica e alle sue sante tradizioni, con la quale ha contribuito all’onore della Sede Apostolica, che è stata in parte oscurata e macchiata dal nostro tempo sfavorevole”.

Mentre si rincorrono le voci di una possibile richiesta di dimissioni o addirittura di un allontanamento forzato, Strickland ha pubblicato una serie di lettere pastorali, in cui espone le verità della fede cattolica sui sacramenti, la natura della Chiesa e le questioni fondamentali riguardanti la fede. Le sue lettere si sono concentrate in particolare sulle questioni che emergeranno al Sinodo sulla sinodalità.

Michael Haynes

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments