L’ufficiale esecutivo della Food and Drug Administration [FDA], Christopher Cole, ha involontariamente rivelato che la sua agenzia alla fine annuncerà che le vaccinazioni annuali COVID-19 diventeranno una norma.

Cole è un funzionario esecutivo a capo della Countermeasures Initiatives dell’agenzia, che svolge un ruolo critico nel garantire che i farmaci, i vaccini e altre misure per contrastare le malattie infettive e i virus siano sicuri. Ha fatto le rivelazioni con una telecamera nascosta a un reporter di Project Veritas sotto copertura.

Cole indica che le iniezioni annuali di COVID-19 non sono probabili, ma certe. Incalzato su come fa a sapere che l’iniezione annuale diventerà una norma, Cole afferma: “Solo da tutto quello che ho sentito, loro [la FDA] non hanno intenzione di non approvarla”.

Il filmato, che è la prima parte di una serie in due parti sulla FDA, contiene anche frasi di Cole sugli incentivi finanziari che le aziende farmaceutiche come la Pfizer hanno per far approvare il vaccino per l’uso annuale.

Forse la parte più esplosiva del filmato è il momento in cui Cole parla sfacciatamente dell’impatto che una Emergency Use Authorization (l’autorizzazione in emergenza, ndr) ha sul superamento delle preoccupazioni normative dell’imposizione di vaccini sui bambini. 

“Sono tutti approvati sotto un’emergenza solo perché non è così impattante come alcune delle altre approvazioni”, ha detto Cole quando gli è stato chiesto se pensava che ci fosse “davvero un’emergenza per i bambini”. 

L’articolo investigativo è stato fatto da Project Veritas.

Di seguito la traduzione a mia cura del colloquio del filmato tra la giornalista sotto copertura e il sig. Christopher Cole. Il segno “(…)” indica che le frasi non sono consecutive ma spezzoni di filmato che potete vedere qui o cliccando sulla foto qui sotto. 

 

 

Cole: “Biden vuole vaccinare quante più persone possibile”.

Cole: Così tu dovrai ricevere una inoculazione [del vaccino covid] ogni anno. Voglio dire, non è stato ancora formalmente annunciato perché non vogliono far agitare nessuno. 

 

Giornalista: Sarà annunciato formalmente?

Cole: Sì, sì, ad un certo punto. 

(…) Sarà (un vaccino) che sarà (annuale) e un po’ di ciò si è parlato pubblicamente. Ma non si è parlato di ciò su mezzi come CNN o FOX o MSNBC o altro. Ma sì, sarà un [vaccino COVID]. Dovrai prenderlo annualmente. 

(…) Io penso che ciò che accadrà è che sarà una cosa graduale. La scuola renderà obbligatorio. 

 

Giornalista: Perché i bambini hanno bisogno della terza dose [del vaccino COVID]?

Cole: Per la stessa ragione per cui io e tu abbiamo bisogno della terza dose, perché…il vaccino….scema (nella sua efficacia, ndr). La tua capacità di difenderti (dal virus, ndr) scema. Così le tre dosi rafforzeranno il tuo sistema. E così ci sarà una dose annuale [del vaccino COVID]….alla fine un vaccino annuale, come quello dell’influenza.

 

Giornalista: E per i bambini?

Cole: Beh, per tutti.

 

Giornalisti: Quindi anche per i bambini, così lo prenderanno annualmente?

Cole: Probabilmente. Voglio dire, questo sarà nel futuro, non siamo sicuri. Questo potrebbe comportare ulteriori studi.

 

Giornalista: voi siete stati nei titoli delle notizie un bel po’ negli ultimi due giorni.

Cole: Sì, stiamo vedendo di… stiamo cercando di approvare – non sono completamente d’accordo con loro [della FDA] – il processo. Loro [alla FDA] stanno cercando di far inoculare i bambini sotto i cinque anni di età. Tra sei mesi e 5 anni di età.

 

Giornalista: Cosa intendi quando dici che non sei d’accordo con il processo?

Cole: Intendo dire che loro non hanno tutti…tutti i test non sono lì. Perciò, sono d’accordo che occorra inocularli [i bambini], ma non puoi dare ai genitori tutta quella sicurezza che tu normalmente vorresti dare. 

(…) Si tratta di una Autorizzazione in Emergenza, per tutti i gruppi di età, per ogni nome di prodotto, e poi devi ottenere l’approvazione per ogni specifico gruppo di età basata sugli studi.

 

Giornalista: E tu credi che sia veramente una emergenza per i bambini?

Cole: Bene, essi sono tutti approvati in emergenza, proprio perché…essa (l’approvazione in emergenza, ndr) non ha un così elevato impatto come avviene per altre autorizzazioni – autorizzazioni in emergenza, ma questi vengono approvati tutti sulla base di questo standard. 

(…) I dati di efficacia non devono essere così alti. Lo standard è che l’autorizzazione all’uso in emergenza è che (il prodotto) abbia più benefici che danni.

 

Giornalista: Come fai a sapere che è già in corso di autorizzazione?

Cole: Beh, loro non stanno ….intendo dire, da tutto quello che ho sentito, loro (della FDA) non intendono non approvarlo (il vaccino per i bambini).

 

Giornalista: Io pensavo che i loro casi (di contagio, ndr) non fossero così alti per i bambini da 6 mesi a 5 anni.

Cole: Non lo sono. Poiché sono legati alla COVID, ricade sotto il processo di autorizzazione [in Emergenza]

 

Giornalista: Quanti bambini devono iniettare per l’esperimento?

 Cole: Non lo so. Non ho guardato all’esperimento, a quanti bambini sono stati (inoculati, ndr) 

(…) Tu mai – c’è sempre una probabilità per l’effetto a lungo, lungo termine, soprattutto per il più giovane.

(…) E’ sempre più difficile trovare donne in gravidanza per questi studi e un numero significativo perché sia statisticamente accurato.

(…) non hanno testato abbastanza sulla gravidanza sui vaccini e ogni cosa e donne e le cause, esse hanno differenti, lo sai, sistemi dagli uomini e – 

 

Giornalista: Non hanno fatto abbastanza esperimenti?

Cole: Bene, essi ne hanno fatti abbastanza, ma non ne hanno fatto abbastanza in precedenza. Ora [non si capisce cosa dica] sono stati molto bravi a promuovere ciò, ma questo è stato un problema per un periodo di tempo. 

 

Giornalista: Sento che è ancora un problema. 

 Cole: E’ ancora un problema. Lo è ancora – non ci siamo ancora arrivati.

 

(…) Giornalista: Ho letto due articoli su questo [il vaccino Pfizer] e ogni cosa che ho visto è che le prime due iniezioni non sono state efficaci.

Cole: Ci, ci sono stati…sì, è così – non sono stati così efficaci come si aspettavano. Sono d’accordo.

(…) C’è quasi un miliardo di dollari all’anno che proviene dagli enti che noi dobbiamo controllare e vanno a finire nel budget della FDA 

(…) se riescono a fare in modo che ad ogni persona sia richiesto un vaccino annuale, significa che c’è un ricorrente ritorno di soldi che entrano nelle loro società (di Big Pharma, ndr)

Prima che l’articolo investigativo di Project Veritas venisse pubblicato, Abigail Capobianco, dell’Ufficio Stampa della FDA, ha fornito il seguente commento: “La persona presumibilmente nel video non lavora su questioni relative ai vaccini e non rappresenta le opinioni della FDA”.

 

*****************

Ora vi riporto un video che commenta questo il contenuto del colloquio ripreso con telecamera nascosta:

 

Facebook Comments