In un contesto di aumento delle segnalazioni di decessi legati ai vaccini nei giovani è stata concessa una autorizzazione in emergenza per un richiamo di vaccino anti COVID ai bambini dai 5 agli 11 anni. A tal proposito vi propongo un articolo di Jennifer Margulis, pubblicato sul suo substack. Eccolo nella mia traduzione. 

 

vaccini bambini

 

Ieri, giovedì 19 maggio, il gruppo di esperti “indipendenti” del CDC ha raccomandato che i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni siano sottoposti a una terza dose del vaccino Pfizer per proteggerli contro il COVID-19.

L’idea è che i bambini ricevano un “richiamo” almeno cinque mesi dopo aver ricevuto le prime due dosi.

La giustificazione di questa raccomandazione è che i casi di COVID-19 sono in aumento in tutto il Paese e l’immunità indotta dal vaccino svanisce dopo cinque mesi.

 

Ha un senso logico per voi?

Almeno 221 milioni di americani, circa il 67% della popolazione, sono stati vaccinati. Eppure i casi di COVID-19 sono in aumento.

E persino gli esperti più mainstream che accettano e ripetono la narrazione affermano che il vaccino COVID-19 fornisce protezione solo per cinque mesi.

Ma invece di riconoscere che questo intervento medico non testato e a scopo di lucro non è riuscito a fermare la diffusione della COVID, i nostri funzionari governativi vogliono che facciamo più vaccini e che diamo più vaccini ai nostri bambini.

 

Non funzionano! Allora fatene di più!

In altre parole, se all’inizio si fallisce, si fallisce e si fallisce ancora!

Ops. Dimenticavo. Dal punto di vista del guadagno economico, i vaccini sono stati un successo straordinario per l’élite.

Secondo Forbes, durante la pandemia il mondo ha guadagnato un nuovo miliardario ogni 17 ore.

La sola Pfizer ha guadagnato quasi 37 miliardi di dollari l’anno scorso e si prevede che nel 2022 guadagnerà circa 102 miliardi di dollari.

Se questi vaccini fossero innocui, non sarebbe poi così grave che i nostri funzionari governativi ci raccomandino di farne di più, di più, di più.

Dopotutto, perché negare a questi miliardari i loro campi da golf, i jet privati, i viaggi nello spazio, le isole remote, i super yacht, i quadri di Monet e le case di 8.000 metri quadrati?

Hanno lavorato sodo! Se li meritano!

Ma mentre la Seedy C sta sollecitando una terza dose del vaccino COVID-19 per i bambini americani, da tutto il mondo arrivano storie di morti indotte dal vaccino.

Ecco solo alcuni esempi.

Morti indotte dai vaccini nei giovani

  • Il 13 maggio, il ministero della salute giapponese ha riferito che una bambina di 11 anni è morta per arresto cardiaco dopo aver ricevuto i vaccini contro il coronavirus il 7 e 28 aprile.

  • Jack Hurn, 26 anni, ha avuto catastrofici coaguli di sangue nel cervello ed è morto due settimane dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca a Redditch, in Inghilterra. Aveva appena portato la sua ragazza a casa per incontrare la famiglia e stava segretamente progettando di chiederle di sposarlo, secondo il giornale locale . Jack aveva tutta la vita davanti a sé. Ora è morto.

  • Dawn Wooldridge, 36 anni, mamma di due figli, è morta 11 giorni dopo aver preso il suo primo vaccino Pfizer, il 15 giugno, sempre in Inghilterra. Ha lasciato un figlio di 5 anni e una figlia di 2 anni. Il patologo che ha esaminato la sua autopsia e altre cartelle cliniche ha recentemente concluso che la causa della morte era il vaccino Pfizer.

  • Jessica Berg Wilson, 37 anni, madre di due figli a Seattle, Washington, è morta per “trombocitopenia trombotica indotta dal vaccino COVID-19”, secondo il suo necrologio .

  • Lauren Morgan Tweedale, 47 anni, di Portland, Oregon, è morta 8 giorni dopo la prima dose del vaccino Pfizer, come ho recentemente riportato per The Epoch Times.

  • Due uomini giapponesi sulla trentina sono morti dopo aver assunto il vaccino Moderna lo scorso agosto. In risposta, il Giappone ha sospeso quei lotti.

  • Poi c’è la storia di Eleanor, 9 mesi, che è annegata in tre pollici di acqua sporca dopo che sua madre è svenuta il giorno dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca. La mamma, l’avvocato Louise Atkinson, stava facendo il bagno a Ellie. Suo marito è tornato a casa e ha trovato il suo bambino morto nella vasca da bagno e sua moglie che non rispondeva.

Quanto è probabile che tu muoia o venga danneggiato da un vaccino contro la COVID? Non lo sappiamo davvero. Ma la maggior parte delle fonti di notizie che riportano queste morti insistono sul fatto che sono “rare”. È quasi come se ai giornalisti venisse richiesto di seguire un copione. Ma al 6 maggio, 27.968 decessi sono stati associati ai vaccini. Quel numero verrà aggiornato più tardi oggi.

Il programma di vaccino contro l’influenza suina è terminato dopo 300 reclami presentati
Nel 1976, 60 Minutes ha riferito dei danni neurologici – Guillain-Barre – causati dal vaccino contro l’influenza suina. Secondo il servizio, 300 americani presentarono richieste di risarcimento contro il governo per conto di persone che erano morte o erano rimaste ferite dopo aver ricevuto il vaccino.

Invece di ignorare questi effetti collaterali catastrofici, il mondo ha prestato attenzione. Le persone, compresi i funzionari governativi, si resero subito conto che le sofferenze causate dal vaccino, per quanto “rare”, erano più pericolose dell’influenza suina stessa.

Così, nel dicembre del 1976, il programma di vaccinazione contro l’influenza suina fu interrotto, dopo che solo il 20% circa degli americani era stato vaccinato contro di essa, secondo la BBC.

Ditemi voi. Quando un vaccino non funziona e provoca gravi effetti collaterali, soprattutto nei giovani, dovremmo..:

A) darne di più
B) Trovare altri modi più sicuri per combattere la malattia

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments