Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Snider e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Attacco con droni sul Cremlino 02 magio 2023
Attacco con droni sul Cremlino 02 magio 2023

 

La storia potrebbe un giorno dimostrare che due eventi importanti non hanno ricevuto l’attenzione che meritavano. Uno potrebbe aver portato all’orribile modo in cui è iniziata la guerra in Ucraina; l’altro potrebbe portare all’orribile modo in cui si conclude.

La decisione di Putin di invadere illegalmente l’Ucraina sembra essere il risultato della confluenza di due fattori. Il rifiuto ucraino dell’accordo di Minsk ha lasciato il paese impegnato in una soluzione militare nel Donbas. Il decreto di reintegrare la Crimea con la forza militare, se necessario, l’ammassamento di truppe d’élite ucraine e di droni sul confine orientale del Donbas e il drammatico aumento dei bombardamenti ucraini nel Donbas hanno creato un vero e proprio allarme in Russia, che temeva che l’Ucraina stesse per intensificare la guerra civile. Questa minaccia di guerra con l’Ucraina, combinata con il contemporaneo rifiuto da parte degli Stati Uniti della richiesta russa di garantire che l’Ucraina non diventasse membro della NATO, ha lasciato la Russia di fronte alla possibilità di essere trascinata in una guerra con la NATO.

Ciò che è stato poco considerato è che questa preoccupazione non è stata affatto attenuata dal discorso di Zelensky, pronunciato contemporaneamente il 19 febbraio alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, cinque giorni prima dell’invasione, in cui si minacciava la riacquisizione di armi nucleari da parte dell’Ucraina.

Quando l’Unione Sovietica si è dissolta, l’Ucraina si è staccata con il terzo più grande arsenale nucleare del mondo. Nel 1994, con il Memorandum di Budapest, l’Ucraina ha accettato di rinunciare alle armi nucleari e di aderire al Trattato di non proliferazione nucleare come Stato non dotato di armi nucleari. Naturalmente, l’Ucraina mantiene le conoscenze, le attrezzature e la tecnologia.

Nel suo discorso alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, Zelensky ha dichiarato: “Sto avviando consultazioni nel quadro del Memorandum di Budapest. Il Ministro degli Esteri è stato incaricato di convocarle. Se non si ripeteranno o se i loro risultati non garantiranno la sicurezza del nostro Paese, l’Ucraina avrà tutto il diritto di credere che il Memorandum di Budapest non funziona e che tutte le decisioni del pacchetto del 1994 sono in discussione”.

Richard Sakwa, professore di Politica russa ed europea al Kent, mi ha fatto notare che la formulazione è ambigua e aperta all’interpretazione. Ma ha sottolineato che la minaccia di riacquisire armi nucleari è “la naturale conclusione della sua dichiarazione”.

La Russia ora non rischia solo una guerra convenzionale con la NATO, ma anche una guerra nucleare. Geoffrey Roberts, professore di storia all’University College Cork, ha sostenuto nel suo saggio “Ora o mai più”: The Immediate Origins of Putin’s Preventative War on Ukraine” che “L’innesco finale della guerra potrebbe essere stato il discorso di sfida del Presidente Zelensky alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 19 febbraio, in cui ha minacciato l’acquisizione di armi nucleari da parte dell’Ucraina”.

In una recente intervista, Roberts ha dichiarato che la sua “impressione … è che il fattore nucleare sia stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”.

Sakwa mi ha detto di essere d’accordo sul fatto che la minaccia ucraina di riacquisire armi nucleari sia stata una motivazione importante per Putin. Ha aggiunto che “Putin ha certamente detto questo”.

Il giorno dopo il discorso di Zelensky, un giornalista russo ha chiesto a Putin quanto seriamente avesse preso la minaccia. Egli ha risposto: “Riteniamo che queste parole siano state rivolte principalmente a noi. Voglio dire che le abbiamo ascoltate”. Ha poi sottolineato le “competenze nucleari” dell’Ucraina e la rapidità con cui potrebbe riacquistare le armi. Ha concluso dicendo: “Qual è la minaccia per noi? La comparsa di armi tattiche in Ucraina è una minaccia strategica per noi”.

In un’altra occasione, Putin si è preoccupato che “se l’Ucraina acquisisce armi di distruzione di massa, la situazione nel mondo e in Europa cambierà drasticamente, soprattutto per noi in Russia. Non possiamo non reagire a questo pericolo reale. . . .”

Le parole di Zelensky possono essere ambigue e la paura di Putin può essere esagerata, ma la minaccia dell’Ucraina di riacquisire armi nucleari, se combinata con il suo impegno per una soluzione militare alla crisi nel Donbas e con il rifiuto dell’Occidente di chiudere la porta della NATO all’Ucraina, può aver giocato un ruolo motivazionale nell’inizio della guerra che merita più attenzione di quanta ne abbia ricevuta.

Un secondo evento potrebbe avere un ruolo più importante nel porre fine alla guerra di quanto non abbia ottenuto. Il 3 maggio, la Russia ha dichiarato che i due droni che è stata costretta a far esplodere sopra il Cremlino erano un tentativo ucraino di assassinare il Presidente Vladimir Putin. “Ieri sera”, si leggeva nel messaggio del Servizio stampa presidenziale russo, “il regime di Kiev ha tentato di colpire con un drone la residenza del Presidente della Federazione Russa al Cremlino. . . . Consideriamo queste azioni come un attacco terroristico pianificato e un tentativo di assassinio del Presidente”. Ha poi aggiunto che “la Russia si riserva il diritto di prendere contromisure dove e quando lo riterrà opportuno”.

Non è solo l’importanza di un possibile attacco ucraino in profondità nel territorio russo e la sua minaccia di provocare la Russia a un’escalation della guerra a preoccupare. È anche il significato della promessa conclusiva di “contromisure”.

Il video che mostra due droni che si muovono lentamente sopra il Cremlino e che scoppiano a distanza di quindici minuti l’uno dall’altro nelle prime ore del mattino è stato verificato dal New York Times e dalla Reuters. L’evento è realmente accaduto, ma non c’è certezza su cosa sia successo esattamente. La Russia sostiene che l’Ucraina ha attaccato il Cremlino nel tentativo di assassinare Putin. Essi ritengono che la rete vada oltre l’Ucraina. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha dichiarato: “Sappiamo bene che le decisioni di compiere tali azioni, tali attacchi terroristici, non vengono prese a Kiev. Piuttosto, è proprio a Washington [che si prendono le decisioni]. E Kiev è già lasciata a fare ciò che le viene detto di fare”. Kiev e Washington hanno negato il coinvolgimento – anche se Washington non l’ha criticato, affermando che “queste sono decisioni che l’Ucraina deve prendere su come difendersi” – e hanno suggerito che l’attacco con i droni fosse un’operazione russa a bandiera falsa.

È naturale che gli Stati Uniti prendano in considerazione la possibilità di un’operazione false flag in cui la Russia prende di mira i propri beni, perché gli Stati Uniti hanno spesso preso in considerazione operazioni false flag in cui prendono di mira i propri beni. E non è necessario andare indietro nel tempo per ricordare il Maine. Si può risalire all’Operazione Northwoods degli anni ’60, che prevedeva di far esplodere una nave statunitense nella baia di Guantanamo e di incolpare Cuba. L’operazione proponeva anche di sviluppare una campagna di terrore cubano a Miami e Washington, di inscenare un attacco a bandiera falsa alla base militare statunitense di Guantanamo Bay e di abbattere un aereo da ricognizione americano. Mezzo secolo dopo, gli Stati Uniti avrebbero preso in considerazione un’analoga operazione a bandiera falsa in Iran, in cui soldati americani in uniforme iraniana avrebbero attaccato una nave statunitense.

Comunque sia andata, il significato dell’evento risale a una promessa fatta da Putin all’inizio della guerra. L’ex primo ministro israeliano Naftali Bennet racconta che, mentre cercava di mediare tra Russia e Ucraina, ricevette da Putin la promessa che “non ucciderò Zelensky”.

Il tentativo di assassinio di Putin sembra aver cancellato quella promessa. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha dichiarato che la Russia prenderà in considerazione una “vasta gamma” di “passi ben ponderati che soddisfino gli interessi del nostro Paese” quando deciderà come rispondere. Anche l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ha sottolineato che la risposta sarà calma e ponderata: “Risponderemo quando lo riterremo necessario. Risponderemo in base alle valutazioni della minaccia che Kiev rappresenta per la leadership del nostro Paese”. Ma ha anche chiesto: “Come reagirebbero gli americani se un drone colpisse la Casa Bianca, il Campidoglio o il Pentagono? La risposta è ovvia per qualsiasi politico e per il cittadino medio: la punizione sarebbe dura e inevitabile”.

L’ex presidente russo e attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Russia, Dmitry Medvedev, è stato più conciso: “Dopo l’attacco terroristico di oggi, non rimangono altre opzioni se non l’eliminazione fisica di Zelensky e della sua cricca”. L’attacco dei droni sembra aver cancellato la promessa di Putin: La Russia potrebbe tentare di tagliare corto con la guerra e includere l’uccisione di Zelensky tra i suoi obiettivi. Il presidente del parlamento russo, Vyacheslav Volodin, sembra essere d’accordo: “Un attacco al presidente è un attacco alla Russia. Non ci possono essere negoziati. Chiederemo l’uso di armi in grado di fermare e distruggere il regime terroristico di Kiev”.

Questi due eventi meritano forse più attenzione di quanta ne abbiano ricevuta. Il primo, la minaccia dell’Ucraina di riacquistare armi nucleari, è stato ignorato; il secondo, il presunto attentato a Putin, è stato ignorato. Ma uno potrebbe aver contribuito a dare inizio a questa orribile guerra, e l’altro potrebbe orribilmente contribuire a porvi fine.
Ted Snider


Ted Snider scrive regolarmente di politica estera e storia degli Stati Uniti su Antiwar.com e The Libertarian Institute. Collabora spesso anche con Responsible Statecraft e The American Conservative, oltre che con altre testate.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments