Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Randall Smith, pubblicato su The Catholic Thing. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Chiesa di San Giacomo a Foligno dell'archietto Massimiliano
Chiesa di San Giacomo a Foligno dell’archietto Massimiliano

 

Ho letto che il Papa è stato intervistato da 60 Minutes. Ho avuto la reazione che probabilmente ha avuto la maggior parte delle persone: “Wow, ma quel programma va ancora in onda?”. Voglio dire, non vedo 60 Minutes da anni. Non guardo più la televisione di rete – chi la guarda? – ma è bello sapere che qualcuno cerca ancora di mantenere in vita queste vecchie tradizioni televisive. Temo però che sia una battaglia persa. È probabile che 60 Minutes diventi presto come Sexagesima Sunday. Le persone chiederanno: “Che cos’è?” e poi un programma di intelligenza artificiale racconterà loro una storia parzialmente vera.

Come la maggior parte delle persone, ho letto solo i titoli dell’intervista papale, non l’intervista stessa. (Quindi, deduco che il Papa abbia detto qualcosa sul fatto che le persone sono “bloccate in una scatola” nel passato, che non sono in grado di andare avanti e che questo è un suicidio. E ha parlato anche di “follia”. Tutto questo sembra essere stato controverso. Non sono sicuro del perché. Voglio dire, sono abbastanza sicuro di capire di cosa stia parlando.

Non siamo stati tutti colpiti da quelle persone che sono “bloccate nel passato” come se fosse ancora il 1965 o il 1972? Alcuni cattolici suonano ancora la stessa melodia sullo “spirito del Concilio”, invece di prestare attenzione a ciò che i documenti del Concilio Vaticano II effettivamente dicono. Ci sono ancora anziani boomers che strimpellano sulle loro chitarre i vecchi inni dei gesuiti di St. Louis degli anni ’70, pensando che sia “per i giovani”, quando “i giovani” non sono più interessati a questo tipo di musica da decenni – se mai lo sono stati. I giovani si inginocchiano sempre più spesso per ricevere la Comunione, imparando i canti gregoriani standard e gli inni di Thomas Tallis, Josquin des Pres e John Taverner.

Ci sono ancora leader ecclesiastici invecchiati che pensano che i progetti di chiese moderniste con pareti imbiancate e “chiese in tondo” siano “all’avanguardia”, anche se quello stile è passato di moda decenni fa, e le congregazioni optano sempre più spesso per chiese contemporanee che si rifanno allo stile classico, romanico o gotico. Verrebbe da dire: “Corbusier, Walter Gropius, Mies van der Rohe e Philip Johnson sono morti. Andate avanti. Non rimanete bloccati in quella scatola modernista – letteralmente.

E abbiamo ancora leader ecclesiastici che sembrano pensare che il modo per richiamare la gente alla Messa sia quello di renderla più “alla moda”, anche se “alla moda” non è un termine che nessuno usa più. Lo uso con i miei studenti solo quando voglio sembrare particolarmente nerd. Dico qualcosa come “Ehi, sono davvero alla moda”, che dimostra quanto io sia totalmente fuori dal mondo, e tutti ridono.

Per qualche motivo, questi reduci degli anni Sessanta sembrano pensare che togliere tutta la bellezza della Chiesa, della liturgia e dei paramenti renderà la Messa più “accessibile”. Tutto ciò che so è che sempre più congregazioni, specialmente quelle con giovani e famiglie, stanno optando per chiese più belle, liturgie più solenni e musica più tradizionale. Anche gli ordini religiosi che si sono ridedicati alle loro radici tradizionali stanno prosperando; quelli che le hanno abbandonate dopo il Concilio stanno morendo o sono morti.

Come si dice spesso, la definizione di follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi. È quindi una follia pensare di poter continuare a fare ciò che non ha funzionato negli ultimi cinquant’anni e ottenere risultati migliori. Voglio dire, chi concluderebbe dal precipitoso calo della fede e della pratica cattolica a partire dagli anni ’70 che dovremmo permetterci di rimanere bloccati in quella scatola del passato per sempre? Chi concluderebbe dalla quasi estinzione della Chiesa in Europa occidentale, soprattutto in Germania, che dovremmo continuare su questa strada? Sarebbe una follia. È “suicida”.

Se un’azienda prova una strategia di marketing e la gente diminuisce, sarebbe una follia continuare. Se la gente trova i vecchi edifici di MacDonald’s brutti e poco invitanti, ne progetta di nuovi. Non si dice: “Questi sono gli edifici che abbiamo costruito negli anni ’70, quindi è quello che avrete!”. Se Bud Light fa uno spot che allontana i clienti, lo ritira. Non la riproducono in continuazione finché tutti non si stufano e smettono di odiarla, dopodiché alcuni bevono la birra nonostante la stupida pubblicità, dicendo “Sì, è terribile, ma ho smesso di preoccuparmene”, mentre altri decidono di non toccarla mai più.

No, le aziende si ricollegano ai principi fondamentali che ne hanno decretato il successo – principi che potrebbero aver perso di vista nella fretta di presentarsi sul mercato come “nuovi” e “rilevanti” e “all’avanguardia” (Ehi, questo transgender ci aiuterà a vendere la Bud Light!) – e poi capiscono come incarnare quei principi in un nuovo contesto, oppure muoiono.

In questo senso, potremmo prendere esempio da Charles Péguy che scrisse (parafrasando): “Non c’è niente di più interessante, più rilevante e più vivo di Omero, Platone, Dante e Milton. E non c’è niente di più morto, secco e spento del giornale di ieri”.

Così come non c’è nulla di più bello e vivo di un edificio tradizionale come la Cattedrale di Notre-Dame a Parigi. E non c’è niente di più noioso e datato di una chiesa modernista degli anni Settanta. Nessuno sborserà milioni di dollari per riparare le chiese moderniste se vengono danneggiate da un incendio, come è successo per Notre-Dame. Si rallegreranno dell’opportunità di liberarsi della bruttezza, di sgomberare il terreno e di costruire una chiesa in stile classico con una bellezza che durerà per generazioni.

Quindi, forse il Papa ha ragione. Non dovremmo rimanere bloccati in una scatola suicida di un passato superato, insistendo ostinatamente nel continuare a fare cose che per decenni hanno dimostrato di non funzionare e di allontanare le persone. Sarebbe una follia. Sarebbe un suicidio. Voglio dire, non ho letto l’intervista, ma è di questo che il Papa stava parlando, non è vero?

Randall Smith

 

Randall B. Smith is a Professor of Theology at the University of St. Thomas in Houston, Texas. His latest book is From Here to Eternity: Reflections on Death, Immortality, and the Resurrection of the Body.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments