Un articolo di Edward Pentin su uno “spettacolo” fatto di proiezioni di luci sulle facciate delle chiese di Roma. Ancora una volta. Qualcuno ha detto che lo spettacolo è blasfemo. Blasfemo o no, certamente è estraneo, forse decadente.

Eccolo nella mia traduzione.

 

Foto: screenshot del video dello spettacolo

Foto: screenshot del video dello spettacolo

 

Uno spettacolo di luci proiettato su alcune facciate di chiese di Roma alla fine di ottobre è stato (considerato) “estremamente inquietante” e addirittura “sacrilego” da alcuni osservatori, mentre i suoi creatori lo hanno difeso come una “trasformazione” del centro storico di Roma (vedi clip sotto).

Il “Solid Light Festival” ha utilizzato le facciate del Pantheon, la basilica di Santa Maria Sopra Minerva (luogo di riposo dei resti corporei di Santa Caterina da Siena), e la basilica di Sant’Agostino per “esplorare le nuove frontiere” delle “arti digitali” e della tecnologia di “mapping”, secondo i suoi creatori, una società spagnola chiamata ‘Onionlab’. Tra gli altri siti, il Tempio di Adriano e il moderno Palazzo della Civiltà Italiana.

L’azienda dice che l’obiettivo è “andare oltre il visibile nel presente” e costruire su una “visione del futuro che può confondere e sconcertare, ma è certamente affascinante”. Il risultato, hanno aggiunto, è una “trasformazione” del centro storico di Roma in un “museo d’arte digitale” utilizzando “72 proiezioni di videomapping”.

Ma mentre le immagini proiettate dimostravano progressi nell’arte digitale, non contenevano immagini religiose o sacre – che ricordano il controverso spettacolo di luci ambientali “Fiat Lux” proiettato sulla Basilica di San Pietro nella solennità dell’Immacolata Concezione nel 2016. Le scene proiettate sulla facciata appena restaurata di Santa Maria Sopra Minerva erano invece di chiese che crollano o esplodono, sfere pulsanti e tunnel psichedelici che conducono in un abisso.

“Passo molto tempo in questa chiesa con Santa Caterina. Questo ‘non va bene’. È malato! Non è arte. È invece una forma orribile di scherno”, ha detto un osservatore su Twitter. Un altro ha scritto: “Questo è estremamente inquietante. Il mio stomaco mi fa male”.

Altri hanno definito le immagini proiettate sulla basilica “decisamente demoniache”. La basilica è la chiesa titolare del cardinale Antonio dos Santos Marto di Fatima, ed era la chiesa titolare del defunto cardinale Cormac Murphy O’Connor di Westminster, Inghilterra.

Non tutti erano contrari, tuttavia. L’Arcivescovo Mark Coleridge, presidente della Conferenza episcopale australiana, ha twittato: “Roma è la cornice perfetta per questo genere di cose” e ha ricordato un “Sound&Light” in Piazza Navona “con un’orchestra che suona i Riti di primavera di Stravinskij davanti a una folla enorme non molto tempo dopo il mio arrivo come studente ingenuo nel 1980”.

Altri hanno twittato: “Non so se demoniaco. È certamente brutto”, mentre un altro l’ha trovato:  “Incredibile” e ha chiesto: “È tutta la notte o solo una tantum?”

Come è potuto avvenire? Secondo un protocollo stabilito, i creatori saranno passati attraverso il Vicariato di Roma per il permesso. Saranno stati consultati anche i responsabili della gestione dei vari edifici, che comprendevano anche alcuni siti storici.

I domenicani sono i responsabili della basilica di Santa Maria Sopra Minerva. Il rettore, il domenicano padre Gian Matteo Serra, ha detto al Register il 27 ottobre che lo spettacolo ha soddisfatto tre livelli di autorizzazione. Il primo, il motivo principale per la messa in scena, lo riguardava.

“La domanda è: il rettore è d’accordo sul fatto che le immagini architettoniche debbano essere proiettate sulla basilica? La mia risposta è stata sì, purché le immagini siano approvate dal Vicariato”, ha detto, aggiungendo che lo stesso principio vale per i concerti in basilica.

Per quanto riguarda il contenuto, padre Serra ha detto che è il “Vicariato che dà l’autorizzazione su quanto proiettato”. Infine, ha detto che il proprietario della struttura valuterà gli eventuali danni che potrebbe causare all’edificio stesso.

Padre Serra ha detto di aver visto la proiezione “più volte”, ma solo dopo che era stata mostrata al pubblico.  Tuttavia, ha detto che la sua “sincera, opinione personale” era che “si sarebbe dovuto sforzare per considerarla demoniaca o sacrilega”.

Il Register ha contattato il Vicariato per un commento, ma finora non ha risposto.


Alcuni dei giochi di luce mappati sulla facciata di Santa Maria Sopra Minerva il 26 ottobre:

 

Fonte: National Catholic Register

Facebook Comments