La partecipazione del segretario di Stato Vaticano, card. Pietro Parolin, all’incontro annuale del Bilderberg ha suscitato notevoli reazioni e perplessità. Mi sembra utile riportare questa analisi fatta da Andrea Gagliarducci sul suo blog personale Monday Vatican. Andrea Gagliarducci collabora anche con Catholic News Agency.

Foto: card. Pietro Parolin

Foto: card. Pietro Parolin

Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, ha partecipato la scorsa settimana all’incontro Bilderberg. La sua presenza può essere vista da due diversi punti di vista. In entrambi i casi, è un chiaro indicatore dell’impatto della Chiesa nel mondo.

I “Bilderberg Meetings” si basano sulle regole di Chatham House (il che significa che lo scambio di informazioni può essere utilizzato (all’esterno,ndr) solo se non le si attribuisce a chi li proferite), incontri tra esperti finanziari, imprenditori, membri dei media, economisti e politici. Il primo incontro ebbe luogo nel 1954 all’Hotel Bilderberg, da cui il nome del gruppo. Era l’epoca della guerra fredda, con l’obiettivo di rafforzare le relazioni tra Europa e Stati Uniti. Terminata la Guerra Fredda, è diventato un forum informale, che si svolge alternativamente su ogni lato dell’oceano, e ogni anno discute di argomenti di interesse mondiale.

Il gruppo Bilderberg è stato definito il “governo ombra del Nuovo Ordine Mondiale”. Ogni volta che si svolge una riunione, si svolgono proteste. L'”aura” di potere nascosto del gruppo deriva dal fatto che gli invitati sono sempre persone molto influenti, e le conversazioni sono riservate.

E’ evidente che l’incontro genera reti e relazioni di reciproca fiducia tra un piccolo gruppo di persone con grande potere decisionale. E’ altrettanto ovvio che ciò possa avere conseguenze.

Secondo le liste disponibili online, mai un rappresentante della Santa Sede ha partecipato all’incontro. Anche se vi avessero preso parte funzionari vaticani, nessuno di loro avrebbe avuto il rango di segretario di Stato vaticano.

D’altra parte, la Santa Sede ha sempre evitato di far parte di “club ristretti”. In passato, la Santa Sede ha criticato organizzazioni come il G8 o il G20, pur essendo riunioni di Stati e non di privati, per il carattere elitario di questi gruppi. Secondo la Santa Sede, ogni persona ha il diritto di far sentire la propria voce.

Colpisce la decisione del cardinale Parolin di accettare l’invito. In generale, una volta che si riceve un invito, si dovrebbe avere in mente cosa dire.

Da un lato, l‘invito del Bilderberg al cardinale Parolin è un segno che il mondo laico guarda alla Chiesa cattolica come a un’autorità morale che nessuno, ma in particolare le élite, dovrebbe sottovalutare.

L’enciclica Laudato Sii di papa Francesco, letta per lo più per le sue parti politiche e non per il suo messaggio cattolico, era considerata una sorta di lettura obbligatoria per politici, diplomatici ed economisti, che ne usavano ampiamente estratti nei loro discorsi.

Allo stesso modo, i passaggi più politici di Papa Francesco dei discorsi alle istituzioni europee pronunciati a Strasburgo il 25 novembre 2014 sono stati condivisi tra i membri del Parlamento, che di fatto non hanno centrato il messaggio cristiano, anche se questo era realmente presente negli interventi.

Questa considerazione politica ha portato all’idea di assegnare a papa Francesco il premio Carlo Magno nel 2016, assegnato ogni anno a personalità che hanno contribuito alla costruzione dell’identità europea. Guardando ai discorsi pronunciati al premio Carlo Magno, è stata sottolineata l’opera della Chiesa per quanto riguarda la sua difesa dei poveri e la capacità di costruire l’identità delle nazioni.

Questo è stato, in particolare, l’argomento del discorso dell’allora Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz. E’ stato lo stesso Schulz a presiedere il Parlamento Europeo quando la pubblicazione dopo la visita del Papa del 2014 non enfatizzò i brani sull’aborto e l’eutanasia.

L’interesse del mondo secolare verso le religioni è per lo più politico. La Santa Sede ne è pienamente consapevole. Dopo la Preghiera per la Pace in Medio Oriente del giugno 2014 nei Giardini Vaticani, Shimon Peres è venuto a visitare il Papa e ha proposto l’idea di istituire un’ONU delle Religioni, un super-parlamento i cui membri sarebbero stati rappresentanti e leader religiosi. Papa Francesco temporeggiò (nel dare la risposta a questa proposta).

Dopo gli attentati terroristici di Rouen e l’assassinio di P. Jacques Hamel, l’allora presidente François Hollande chiamò i leader religiosi nella residenza del presidente. Non si trattava di cercare la collaborazione, ma perché aveva individuato nelle religioni possibili agenti di autodifesa all’interno della società.

È evidente che le religioni hanno un ruolo nella società e che il mondo laico non esita a sfruttarlo quando lo ritiene utile per alcuni obiettivi. Ciononostante, il mondo laico non ha alcun problema a trascurare o ignorare il sentimento religioso ogni volta esso va contro i progetti dello Stato o contro le decisioni del pensiero mainstream.

L’influenza attribuita al sentimento religioso ha portato probabilmente all’invito del cardinale Parolin a Bilderberg. E il cardinale Parolin probabilmente ha accettato con la logica di impegnarsi in un dialogo, di essere presente e di far sentire la voce della Chiesa. Questo vale per ogni luogo: per il Forum economico mondiale di Davos, dove il cardinale Parolin ha tenuto un discorso ufficiale, e per Bilderberg, dove la voce del cardinale Parolin sarà messa a tacere da regole di riservatezza.

Si tratta di un punto di vista valido. Ma, d’altra parte, c’è un punto di vista altrettanto valido, e di fatto non esclude l’altro. È che la partecipazione del cardinale Parolin all’incontro di Bilderberg è il segno che la Chiesa è stata sconfitta dal mondo secolare.

Non è una questione di egemonia culturale, come sarebbe facile sostenere. Alla fine, anche Benedetto XVI ha chiesto una Chiesa meno mondana, per non perdere di vista Dio in mezzo alla ricchezza e alle attività.

Tuttavia, sollevare la questione di una Chiesa sconfitta ha la sua ragion d’essere. La Chiesa ha sempre dimostrato di essere straordinariamente profetica. Nel nome di Gesù Cristo, i missionari si sono recati in tutto il mondo. Non solo convertirono. Hanno costruito una civiltà. Dalle reducciones dei gesuiti in America Latina allo straordinario sistema sanitario in Africa, passando per la prima codificazione dei diritti umani da parte dei padri domenicani della Scuola di Salamanca, la Chiesa ha sempre costruito la società, cercando di rendere concreto l’ideale della città di Dio.

Il cristianesimo è stato tanto un costruttore di civiltà che un recente sondaggio del Pew Forum sulla religione in Europa occidentale ha riconosciuto che l’identità cristiana è “un potente marcatore dell’identità europea”, anche se il numero di persone che praticano sta diminuendo.

La Chiesa è sempre stata qualcosa che andava oltre l’organizzazione degli Stati del mondo secolare. Rimase indipendente da qualsiasi potere secolare, perché era sotto una logica più grande. I suoi membri parteciparono alla costruzione del mondo secolare, ma fissando lo sguardo più lontano che sul mero potere.

La libertà della Chiesa cattolica è stata mantenuta a caro prezzo, poiché tutti l’hanno contrastata e combattuta, preferendo forme di cristianesimo più materialiste o secolarizzate come il protestantesimo o l’ortodossia, quest’ultima molto legata al potere dello Stato.

Alla fine, la Chiesa è nel mondo, ma non del mondo. La Chiesa cattolica non può essere considerata uno dei tanti attori sul campo, né può essere percepita come tale. Anche quando la Santa Sede accettò di entrare sulla scena internazionale, per difendere il bene comune, lo fece mantenendo le sue peculiarità e anche esprimendo con forza alcune critiche, ove necessario.

La Chiesa è entrata nelle organizzazioni internazionali con una strategia precisa, per non partecipare a nessun “club d’élite”. Dove è successo, è stato perché i membri della Chiesa hanno agito a livello personale. È diverso, però, per un segretario di Stato vaticano: anche se partecipa a livello personale, porta il peso della sua posizione che, di fatto, rappresenta la Santa Sede.

La presenza del cardinale Parolin, infine, conferma che la Chiesa è diventata solo uno dei tanti attori della commedia. Un attore chiamato a dialogare con tutti, consapevole che gli ideali non si possono realizzare. Inoltre: che l’invito ricevuto da parte di un club d’élite deve essere accettato al fine di per poter parlare a nome dell’essere umano e del bene comune.

In generale, questa logica può essere applicata a qualsiasi altro campo.

Ad esempio, può essere applicato al possibile accordo Cina-Santa Sede sulla nomina dei vescovi. L’accordo è necessario per proteggere i cattolici cinesi, ma allo stesso tempo rischia di essere compromesso troppo grande per (preservare, ndr) la libertà della Chiesa: La Cina tiene il coltello dalla parte del manico, e ogni volta che la Santa Sede allunga la mano, sanguina al contatto con la lama.

La stessa logica si applica quando si dice che la Chiesa deve soddisfare le esigenze della società, e a volte evita anche di esprimere la sua opinione su alcune questioni, come se non ci si potesse aspettare un mondo secondo la logica della Chiesa.

Lo stesso ragionamento vale per la questione della comunione per i coniugi protestanti, ampiamente dibattuta in Germania – la Conferenza episcopale tedesca si è aperta alla possibilità, un gruppo di Vescovi si è appellato a Roma, e c’è stato a Roma un incontro con la Congregazione per la Dottrina della Fede che ha portato a un documento interlocutorio. Alla fine, papa Francesco ha fermato ogni possibilità, e questo ha portato ad una forte reazione da parte della Conferenza episcopale tedesca guidata dal cardinale Reinhard Marx. Allo stesso tempo, la lettera della Congregazione per la Dottrina della Fede che comunicava la decisione di papa Francesco diceva che le condizioni non erano mature.

Il significato nascosto potrebbe quindi essere che le condizioni potrebbero cambiare, lasciando spazio a ulteriori discussioni, che sicuramente avranno luogo. Si tratta di un ricorso retorico necessario per non generare troppo malcontento e allo stesso tempo per riaffermare la verità del Magistero, evitando confusione tra i fedeli – il tema della possibile confusione, si dice, è stato fortemente sostenuto dal cardinale Anders Arborelius, arcivescovo di Stoccolma, in quanto la Svezia è un luogo dove la riforma protestante ha prevalso con la violenza sul cattolicesimo.

Tutti questi aspetti possono sembrare slegati, ma rientrano nella stessa logica.

Papa Francesco predica sempre il dialogo, la cultura dell’incontro e l’evangelizzazione per attrazione. Tutti questi aspetti sono estremamente necessari. Tuttavia, non sostituiscono la spinta missionaria. La presenza nelle periferie e l’aiuto materiale, che la Chiesa ha sempre fornito in nome del bene comune su cui costruire la civiltà, non possono essere le uniche vie di diffusione del Vangelo.

Ad esempio, la Corea è stata evangelizzata da laici, filosofi che cercavano Dio e trovavano nella persona di Gesù Cristo la fede che si addiceva. E l’hanno trovata durante un viaggio in Cina, che ora è una terra del comunismo ateo.

Piero Gheddo, missionario straordinario e di lunga data, ha sollevato la questione. Quando un’importante rivista missionaria italiana chiuse, disse che mancava la spinta missionaria perché l’agenda sociale aveva sostituito l’annuncio del Vangelo.

Alla fine, un Pontificato così concentrato sulla missione, che presenta anche l’esortazione del Papa a lodare la santità quotidiana, è ora apparentemente in dialogo con il mondo da un punto di vista quasi subordinato, rinunciando così al ruolo di ispirare la società a mettere la Chiesa al di sopra di tutto. Nel mondo, ma non del mondo, dice il Vangelo.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
28