Judicial Watch, una fondazione che mira a denunciare azioni non eticamente integre da parte della amministrazione pubblica, ha annunciato oggi di aver ricevuto 112 pagine dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti che mostrano come i funzionari di alto livello subiscano pressioni da parte di “aziende e, se vogliamo, dall’amministrazione (Biden, ndr), che cercano di imporre tempi indefiniti [sic] che non hanno senso”.

Di seguito un articolo di Judicial Watch, pubblicato su The Defender, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

vaccinazione vaccini covid

 

Judicial Watch ha annunciato oggi di aver ricevuto 112 pagine dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti che mostrano come gli alti funzionari siano sottoposti a pressioni da parte di “aziende e, se vogliamo, dell’amministrazione (Biden, ndr), che cercano di imporre norme senza tempo [sic] che non hanno senso”.

I documenti sono stati prodotti a Judicial Watch in risposta a una causa di febbraio per il Freedom of Information Act (FOIA) (l’accesso agli atti, ndr) contro il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS), presentata dopo che l’HHS non ha risposto a una richiesta di FOIA del 3 settembre 2021 per i documenti relativi alle comunicazioni dell’ex direttore e del vice direttore dell’Ufficio di Ricerca e Revisione sui Vaccini della FDA, rispettivamente il dottor Marion Gruber e il dottor Philip Krause (Judicial Watch v. U.S. Department of Health and Human Services (No. 1:22-cv-00292)).

Secondo quanto riferito, i dottori Gruber e Krause si sono dimessi dopo le pressioni della Casa Bianca per l’approvazione del vaccino COVID-19.

Il 13 settembre 2021, Gruber e Krause facevano parte di un gruppo di medici dimissionari che concordavano sul fatto che “le prove disponibili non indicano ancora la necessità di vaccini di richiamo per il COVID-19 tra la popolazione generale…”.

I documenti includono un’e-mail del 25 agosto 2021 inviata da Marion Gruber al suo capo, il direttore del Center for Biologics Evaluation and Research (CBER) Peter Marks:

“Negli ultimi giorni, Janssen (casa farmaceutica produttrice del vaccino monodose Johnson & Johnson, ndr)  ci ha bombardato di e-mail riguardanti i suoi studi sulle dosi di richiamo.

“Sono anche molto preoccupato dal fatto che le aziende (come Pfizer e Janssen) stiano cercando di fare pressione sull’OVRR [Office of Vaccines Research and Review] attraverso le PR [public relations]. Dobbiamo avere il tempo di prendere in considerazione i loro dati e non possiamo subire le pressioni di queste aziende e dell’Amministrazione, che cercano di imporre tempistiche [sic] che non hanno senso (ad esempio, 20 settembre) ….. Sembra che almeno i dati di Pfizer non siano in linea con questo approccio e che gli “n” [numeri di test] di cui dispongono siano decisamente insufficienti. Ovviamente, dobbiamo esaminare i dati, ma abbiamo dato un’occhiata e nutriamo serie preoccupazioni.

“Infine, e questa è la mia opinione personale, i dati che abbiamo visto finora da varie aziende (Pfizer, Janssen, Moderna) sembrano suggerire che i booster non siano necessari”.

In uno scambio di e-mail del 27 agosto 2021, Gruber risponde a un’e-mail di Maureen Hess, specialista delle comunicazioni presso il Center for Biologics Evaluation and Research:

“Beh, il messaggio sembra essere ‘totale accettazione della necessità di booster’, non è così che sto scrivendo il BD [probabile decisione del consiglio di amministrazione], sto cercando di avere un approccio più neutrale. Questo pezzo suona come se avessimo già deciso di approvare questo supplemento”.

Hess risponde: “Ok, farò qualche modifica aggiuntiva (ma JW [probabilmente il commissario ad interim della FDA Janet Woodcock] è stata inclusa in questa dichiarazione, quindi le nostre modifiche potrebbero essere respinte sopra di noi”.

Dopo aver inviato altre e-mail sulle modifiche apportate da Hess, Gruber risponde: “Dal mio punto di vista, questo è il massimo che si possa ottenere. Ovviamente, questa dichiarazione [sic] ci mette in difficoltà, ma il danno è già fatto”.

In uno scambio di e-mail del 20 agosto 2021, il dottor Doran Fink, vicedirettore della Divisione vaccini e applicazioni di prodotti correlati dell’FDA, solleva dubbi sui nuovi dati che Moderna stava presentando all’FDA sul suo vaccino COVID. Fink disse ai dottori Gruber, Krause e altri colleghi:

“Ho dovuto mordermi la lingua quando Peter [probabilmente il Dr. Peter Marks, Direttore del Center for Biologics Evaluation and Research] stamattina ha detto che non avremmo più fatto revisioni affrettate per non chiedere delle dosi di richiamo che l’amministrazione ha promesso a tutti entro il 20 settembre!

“E poi c’è la questione dei dati che supporteranno queste dosi di richiamo: forse mi sbaglio, ma mi risulta che Pfizer proponga che il suo sBLA includa i dati di richiamo di Fase 1 di un totale di 23 soggetti. Non sono sicuro quali saranno i dati di Moderna, ma quelli che Fauci ha presentato in conferenza stampa provengono dagli studi del NIAID, che erano di circa 25 soggetti per braccio di trattamento”.

Gruber afferma in un’e-mail del 17 agosto 2021: “Loro [l’équipe del dottor Doran] comprendono perfettamente che il Commissario ad interim vorrebbe approvare questo prodotto [il vaccino di richiamo COVID della Pfizer] molto presto e stanno facendo del loro meglio per completare la revisione e la valutazione, mantenendo allo stesso tempo i nostri elevati standard e l’integrità scientifica e clinica”.

Philip Krause, in un’e-mail del 10 agosto 2021, si lamenta: “Sembra che Peter [probabile direttore del Center for Biologics Evaluation and Research, Peter Marks] pensi di aver preso il controllo di tutte le operazioni sui vaccini, non solo della BLA [Biologics License Application] di Pfizer…”.

Il 23 agosto 2021, il dottor Arnold Monto, professore del Dipartimento di Epidemiologia della Scuola di Sanità Pubblica dell’Università del Michigan, invia un’e-mail ai dottori Gruber e Krause con l’oggetto “VRBPAC e booster”.

L’e-mail diceva:

“Ieri sera il Surgeon General ha dichiarato che i comitati consultivi dell’FDA e del CDC sarebbero stati rivisti Spero che si sia espresso male riguardo al VRBPAC (Vaccines and Related Biological Products Advisory Committee) Non sembra esserci abbastanza tempo per organizzarlo Mi hanno appena chiesto se la vaccinazione antinfluenzale e i richiami COVID vengono somministrati contemporaneamente. Ho dato i miei dati personali, non”.

Gruber risponde quindi a Monto: “Discuteremo la “questione del booster” e le relative proposte, compresa l’opportunità di tenere il VRBPAC. Non lo sappiamo ancora e lei ha ragione nel dire che la tempistica sarà ancora una volta un problema”.

Il 22 settembre 2021, la FDA ha approvato l’uso di una dose di richiamo del farmaco di Pfizer.

Secondo il comunicato stampa dell’organizzazione, la FDA ha “modificato l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per il vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech per consentire l’uso di una singola dose di richiamo, da somministrare almeno sei mesi dopo il completamento della serie primaria” per le persone ad “alto rischio” di “COVID-19 grave”.

“Questi documenti della FDA confermano un processo di approvazione politicizzato per il controverso richiamo del vaccino COVID-19”, afferma il presidente di Judicial Watch Tom Fitton. “È uno scandalo che ci siano voluti mesi e una causa federale per arrivare a questi fatti preoccupanti su questa operazione di vaccino senza precedenti e apparentemente senza fine”.

Attraverso le richieste FOIA e le cause legali, Judicial Watch ha scoperto una notevole quantità di informazioni sui problemi del COVID-19:

  • Recentemente, i registri del National Institutes of Health (NIH) hanno rivelato una “indagine” dell’FBI sulla controversa sovvenzione del coronavirus dei pipistrelli del NIH legata al Wuhan Institute of Virology. I registri mostrano anche che i funzionari del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) erano preoccupati per la ricerca sul “guadagno di funzione” nell’Istituto cinese di virologia di Wuhan nel 2016. L’agenzia di Fauci (NIAID, ndr )era anche preoccupata per il mancato rispetto delle regole di segnalazione da parte di EcoHealth Alliance e l’uso della ricerca sul guadagno di funzione nella ricerca finanziata dai NIH che coinvolge i coronavirus di pipistrello a Wuhan, in Cina.
  • I registri HHS hanno rivelato che dal 2014 al 2019, $ 826.277 sono stati donati dal NIAID al Wuhan Institute of Virology per la ricerca sul coronavirus dei pipistrelli.
  • I registri del NIAID hanno mostrato che ha concesso nove sovvenzioni legate alla Cina a EcoHealth Alliance per la ricerca sull’emergenza del coronavirus nei pipistrelli ed è stato il principale emittente di sovvenzioni del NIH allo stesso laboratorio di Wuhan. I documenti includevano anche un’e-mail del vicedirettore del Wuhan Lab che chiedeva a un funzionario del NIH aiuto per trovare disinfettanti per la decontaminazione di tute ermetiche e superfici interne.
  • I registri HHS includevano una catena di e-mail “urgente per il dottor Fauci“, citando i legami tra il laboratorio di Wuhan e l’EcoHealth Alliance finanziata dai contribuenti. Le e-mail del governo riportavano anche che la fondazione del miliardario statunitense Bill Gates ha lavorato a stretto contatto con il governo cinese per spianare la strada alla vendita al di fuori della Cina di farmaci prodotti in Cina e aiutare a “alzare la voce del governo cinese affidando ai rappresentanti della Cina importanti consigli internazionali come impegno di alto livello dalla Cina”.
  • I registri HHS includevano una domanda di sovvenzione per la ricerca che coinvolge il coronavirus che sembra descrivere la ricerca “guadagno di funzione” che coinvolge estrazioni di RNA da pipistrelli, esperimenti su virus, tentativi di sviluppare un virus chimerico e sforzi per manipolare geneticamente il pipistrello a figura intera SARSr -Clone molecolare del ceppo CoV WIV1.
  • I registri dell’HHS hanno mostrato che il Dipartimento di Stato e il NIAID avevano saputo immediatamente nel gennaio 2020 che la Cina stava trattenendo i dati COVID, il che stava ostacolando la valutazione del rischio e la risposta da parte dei funzionari della sanità pubblica.
  • I registri dell’Università del Texas Medical Branch (UTMB) mostrano che l’ex direttore del Galveston National Laboratory presso l’Università del Texas Medical Branch (UTMB), il dottor James W. Le Duc, ha avvertito i ricercatori cinesi del Wuhan Institute of Virology di potenziali indagini sulla Questione COVID da parte del Congresso.
  • I registri HHS relativi agli studi sulla biodistribuzione e ai dati correlati per i vaccini COVID-19 mostrano che una componente chiave dei vaccini sviluppati da Pfizer/BioNTech, le nanoparticelle lipidiche (LNP), sono state trovate al di fuori del sito di iniezione, principalmente il fegato, le ghiandole surrenali, la milza e le ovaie di animali da esperimento, da 8 a 48 ore dopo l’iniezione.
  • I registri del Federal Select Agent Program (FSAP) rivelano errori di sicurezza e violazioni nei laboratori di biosicurezza degli Stati Uniti che conducono ricerche su agenti pericolosi e tossine.
  • I registri HHS includono e-mail tra l’allora direttore del NIH Francis Collins e Anthony Fauci, il direttore del NIAID, sull’idrossiclorochina e sulla COVID-19.
  • I registri dell’HHS mostrano che i funzionari del NIH hanno adattato i moduli di riservatezza ai termini della Cina e che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha condotto un’analisi epidemiologica COVID-19 non pubblicata e “strettamente riservata” nel gennaio 2020.
  • Le e-mail di Fauci includono la sua approvazione di un comunicato stampa a sostegno della risposta della Cina al nuovo coronavirus del 2019.

 

Judicial Watch, Inc. è una fondazione educativa conservatrice e apartitica che promuove la trasparenza, la responsabilità e l’integrità nel governo, nella politica e nella legge. Attraverso i suoi sforzi educativi, Judicial Watch sostiene elevati standard di etica e moralità nella vita pubblica della nostra nazione e cerca di garantire che i funzionari politici e giudiziari non abusino dei poteri affidati loro dal popolo americano. Judicial Watch adempie alla sua missione educativa attraverso controversie, indagini e sensibilizzazione del pubblico.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email