La giudice nominata alla Corte Suprema Amy Coney Barrett è stata attaccata per aver usato il termine “preferenza sessuale” invece di “orientamento sessuale” nel contesto del “matrimonio” omosessuale. Nel frattempo, alcuni leader democratici, incluso il candidato alla presidenza Joe Biden, hanno usato la stessa terminologia senza alcuna critica.

Ce ne parla Martin Bürger nel suo articolo pubblicato su Lifesitenews, nella traduzione di Riccardo Zenobi.

 

Amy Coney Barrett, giudice
Amy Coney Barrett, giudice

 

La giudice nominata alla Corte Suprema Amy Coney Barrett è stata attaccata per aver usato il termine “preferenza sessuale” invece di “orientamento sessuale” nel contesto del “matrimonio” omosessuale. Nel frattempo, alcuni leader democratici, incluso il candidato alla presidenza Joe Biden, hanno usato la stessa terminologia senza alcuna critica.

In risposta alla senatrice Dianne Feinstein (D-CA), Barrett aveva detto durante le udienze di conferma di questa settimana davanti alla commissione giudiziaria del Senato: “Non ho mai discriminato sulla base della preferenza sessuale e non avrei mai discriminato sulla base della preferenza sessuale. Come il razzismo, penso che la discriminazione sia abominevole “.

Poco dopo, durante la stessa udienza, la senatrice Mazie Hirono (D-HI) ha attaccato Barrett per i suoi commenti.

“Non una ma due volte hai usato il termine ‘preferenza sessuale’ per descrivere coloro che fanno parte della comunità LGBTQ”, ha detto. “E lasciatemi chiarire:” preferenza sessuale “è un termine offensivo e obsoleto. È usato dagli attivisti anti-LGBTQ per suggerire che l’orientamento sessuale è una scelta. Non lo è. L’orientamento sessuale è una parte fondamentale dell’identità di una persona. Che l’orientamento sessuale è sia un’espressione normale della sessualità umana che immutabile era una parte fondamentale dell’opinione della maggioranza in Obergefell, con cui, tra l’altro, Scalia non era d’accordo. “

“Quindi, se è tua opinione che l’orientamento sessuale sia solo una preferenza, come hai notato, la comunità LGBTQ dovrebbe giustamente preoccuparsi della tua volontà di difendere il loro diritto costituzionale di sposarsi”, ha aggiunto Hirono.

Gli osservatori conservatori si sono affrettati a sottolineare che lo stesso Joe Biden ha usato il termine “preferenza sessuale” in passato, anche solo pochi mesi fa.

Come riportato da The Daily Wire, Biden ha detto durante una tavola rotonda virtuale a maggio: “Questa volta avrò bisogno di voi per aiutare a ricostruire la spina dorsale di questo paese, la classe media, ma questa volta porta tutti con te indipendentemente da colore, preferenze sessuali, il loro background, se ne hanno … Solo portate tutti con voi”.

Il Washington Free Beacon ha pubblicato una raccolta video di eminenti democratici che usano il termine.

Due dei Democratici citati nel video sono membri della Commissione Giudiziaria del Senato, vale a dire il Sens. Richard Blumenthal (D-CT) e Dick Durbin (D-IL).

Il video presenta anche diversi membri democratici della Camera dei rappresentanti, così come l’ex sindaco di Philadelphia, Michael Nutter.

Anche la giudice pro-aborto e pro-omosessualità Ruth Bader Ginsburg, l’icona progressista morta a settembre, aveva parlato di “preferenza sessuale”.

Anche il Washington Post – certamente non un giornale conservatore – ha ammesso, “un sacco di figure a sinistra – tra cui il candidato alla presidenza democratica Joe Biden e il defunto giudice Ruth Bader Ginsburg, che Barrett spera di sostituire all’alta corte – hanno usato il termine, che è stato considerato accettabile fino a dieci o due anni fa”.

E durante un evento in municipio proprio questa settimana, Biden ha commentato: “L’idea che un bambino di 8 anni o di 10 anni decida, ‘sai, ho deciso di voler essere transgender, questo è quello che penso io, mi piacerebbe esserlo, mi renderebbe la vita molto più facile’ – Non dovrebbe esserci discriminazione”.

Non è del tutto chiaro dalla formulazione se l’ex vicepresidente stesse dicendo che un bambino prende la decisione di dichiarare di essere un membro del sesso opposto, il che indicherebbe che è una preferenza.

I suoi commenti potrebbero anche essere interpretati nel senso che non si tratta di una decisione, poiché il bambino non deciderebbe di rendere la sua vita più difficile affermando di essere un membro del sesso opposto.

In ogni caso, Biden “ha approvato esplicitamente i cambiamenti di sesso per i bambini di appena otto anni”, come sottolineato da Frank Cannon, presidente dell’American Principles Project.

“Secondo Joe Biden, un bambino troppo piccolo per andare a vedere un film di Avengers può decidere di avere il proprio corpo alterato in modo permanente attraverso un intervento chirurgico e iniezioni chimiche”, ha continuato. “Gli alunni di seconda o terza elementare sono troppo giovani per comprendere le basi della sessualità umana, figuriamoci per prendere decisioni così irreversibili. Mutilare i bambini in questo modo è una forma di abuso sui minori e gli americani, con un enorme margine, non credono che i bambini così giovani dovrebbero sottoporsi a tali procedure”.

In un tweet, l’American Principles Project ha notato che la maggior parte dei bambini all’età di otto anni ha raggiunto le pietre miliari dello sviluppo di essere in grado di allacciarsi i lacci delle scarpe e disegnare una forma di diamante.

Barrett, nel frattempo, ha semplicemente detto che “certamente non intendevo usare un termine che avrebbe causato alcuna offesa alla comunità LGBT”.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1